fbpx
Home Macity Voci dalla Rete Pentium da 3 GHz, attenti alla delusione

Pentium da 3 GHz, attenti alla delusione

Arriva oggi sul mercato il primo Pentium 4 da 3 GHz ma chi pensa che ad un processore con velocità  in MHz da record facciano da riscontro velocità  da record potrebbe vedere deluse le sue attese.

Almeno questo pare di poter dedurre leggendo i primi test svolti su alcune macchine dotate del nuovo chip dalla rivista specializzata americana PCworld.

Secondo l’edizione on line del giornale, infatti, non solo i nuovi Pentium non sarebbero di molto più veloci dei precedenti modelli già  disponibili sul mercato ma addirittura pagherebbero dazio nei confronti della concorrenza, gli Athlon XP 2800+ che hanno una velocità  in clock di 800 MHz inferiore.

PCWorld ha eseguito dei test comparativi usando tre differenti macchine (tra parentesi il loro costo in dollari) un Mach V Falcon $3288), un 700XL di Gateway’s ($4158) e un 8250 di Dell’s 8250 ($3419), tutti con 1GB di RDRAM PC1066 mettendoli a confronto con un Falcon Mac V Athlon XP 2800+ Mach V con 1GB di SDRAM DDR333 ($2786) e un MTower Xicon due processori Xeon e 512MB di RDRAM PC800 ($3924).

L’Athlon ha battuto tutte le macchine Intel, compreso il multiprocessore Xeon e quel che c’è di peggio è che due delle macchine hanno fatto segnare prestazioni al di sotto di quelle medie di 11 sistemi più vecchi. Altri dieci sistemi con processori da 2.53 GHz e da 2.8 GHz non sono andati molto distanti dalle macchine da 3 GHz.

Interessanti anche i test eseguiti mettendo al centro dell’attenzione la tecnologia Hyperthreading, un sistema che ricrea un multiprocessore virtuale, facendo eseguire al chip più compiti in contemporanea.

Con l’Hyperthreading attivato l’Athlon ha battuto ancora nella gran parte dei bench i Pentium, anche in applicazioni nativamente multiprocessore come Photoshop. L’incremento di prestazioni medio sarebbe stato di appena il 2%, davvero troppo poco per consentire apprezzabili miglioramenti. E neppure un particolare set di filtri, esplicitamente indicato da Intel come particolarmente adatto a mostrare i vantaggi dell’Hyperthreading avrebbe dato risultati significativi visto che l’Athlon, pur avvicinato dal Pentium, sarebbe comunque stato davanti.

Risultati differenti, ma non costanti, sono, giunti dall’uso di altre applicazioni che effettivamente hanno dimostrato qualche vantaggio dall’Hypertreading consentendo ai Pentium di battere, ma non sempre, gli Athlon.

Il consiglio finale di PCworld appare davvero impietoso nei confronti di Intel che sfoggia proprio oggi i nuovi gioielli di famiglia. Se siete davvero interessati ad applicazioni multithread, utilizzate applicazioni di video editing o di fotoritocco, i nuovi Pentium 4 potrebbero fare al caso vostro, anche se dovete scegliere accuratamente i programmi. Se siete invece più direttamente interessati alle prestazioni pure e al prezzo allora scegliete un vecchio Pentium o un Athlon di fascia alta.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,968FansMi piace
93,793FollowerSegui