Stat [email protected] pristina nomine?

Ne succedono tante. Se ne vedono tante. In Cina, ad esempio, le autorità  locali hanno impedito a un uomo di chiamare suo figlio “@” (senza le virgolette, ovviamente) perché il nome non è traducibile in cinese mandarino.

Peccato, viene da pensare, perché il ragionamento dell’abitante della provincia di Zhengzhou, secondo quanto riporta il Beijin Morning Post, ha una sua logica. L’uomo infatti riteneva che il nome sarebbe stato particolarmente felice dal momento che compare su tutte le tastiere, è facile da ricordare ed è anche particolarmente adatto allo spirito dei tempi moderni.

Un peccato, insomma. Ma non è l’unico caso di ricerca di nomi adeguati allo spirito dell’età  digitale. Un esempio è quello di un padre che ha esercitato la sua patria potestà  chiamando il figlio, anziché “junior”, in modo più sofisticato: Jon Blake Cusack Version 2.0.

Il piccolo 2.0 non è stato altrettanto fortunato quanto il mancato @, e non c’è da rallegrarsene. Cambiano i tempi e le mode, cambiano molti degli aspetti che fanno di una civiltà  qualcosa di unico nel tempo, ma non cambia quello spirito tragico (come dicevano i greci) che vuole che le colpe dei padri ricadano sui figli. Letteralmente.

Offerte Speciali

iPhone 11 e Pro resistono all’acqua molto più di quanto dichiara Apple

Amazon stronca il prezzo di iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max: prezzi da 869 euro

Offerta su iPhone 11 Pro su Amazon. Modello da 256 Gb a solo 1169,99 euro invece che 1359 euro
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,828FollowerSegui