fbpx
Home Macity AggiornaMac Adobe SVG Viewer 2.0b2

Adobe SVG Viewer 2.0b2

Adobe ha rilasciato la versione 2.0b2 dell’SVG Viewver. Questa nuova beta, a detta di Adobe, “supporta la maggiorparte delle raccomandazioni in base al draft delle specifiche SVG dello scorso febbraio”.

Ricordiamo che l'”SVG Viewer” è un estensione per i browser che consente il rendering del formato “Scalable Vector Graphics” all’interno delle attuali versioni dei più diffusi browser, come ad esempio Microsoft Internet Explorer e Netscape Navigator.

Il viewer, scaricabile dal sito Adobe, è già  incluso di serie con Illustrator 9.0 (Illustrator è la prima grossa applicazione che supporta l’SVG ma Adobe ha dichiato di essere intenzionata a supportare questo formato in tutte le future release dei prodotti che verranno realizzati).

Lo Scalable Vector Graphics è il linguaggio “aperto” del World Wide Web Consortium (WC3) per la visualizzazione della grafica bidimensionale in Extensible Markup Language (XLM). Poiché permette la gestione della grafica vettoriale in XLM ed è compatibile con altri standard del WC3, è probabile che l’SVG avrà  un impatto significativo sulla grafica web. Con questo formato è possibile risolvere vari problemi di personalizzazione, globalizzazione, accessibilità  e integrazione dati.

La tecnologia è stata, infatti, concepita e realizzata da sviluppatori che hanno sin dall’inizio pensato ad unn formato di grafica vettoriale ricco di caratteristiche, veloce e aperto e che, essendo basato su XLM, potesse fornire flessibilità  ed interoperabilità  con i vari strumenti, agevolando il tipico flusso di lavoro degli sviluppatori.

Con SVG si opera in un vero e proprio ambiente di authoring; si possono creare contenuti ricchi, multi-canale e generati in modo dinamico. La grafica può essere personalizzata, modificata, riscritta e adattata durante la stessa fase di progettazione o in fase di run-time da un server, e poi distribuita in formato ottimizzato su piattaforme multiple.

A supportare l’SVG vi sono il WC3 e tutti i suoi membri ta i quali ricordiamo la stessa Adobe, Apple, Corel Corporation, Hewlett-Packard Company, IBM, Kodak, Macromedia Inc., Microsoft Corp., Netscape Communications, Quark Inc. Sun Microsystems Inc. e Xerox Corporation.

[A cura di Newton ]

Offerte Speciali

Articolo precedenteMacOs X a passo di carica
Articolo successivoIl ritorno di MacOs X Server?
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,984FansMi piace
93,611FollowerSegui