AirPort a 128-bit.

AirPort non c’e’ ancora, ufficialmente, in Italia (ultimo paese ad attendere ancora l’omologazione richiesta a gran voce da un sempre crescente numero di utenti Apple e non) ma, all’estero, gia’ si studiano potenziamenti del sistema di sicurezza.

Non possiamo essere certi sulla data di omologazione di Airport anche in Italia (anche se alcune voci sostengono che sia ormai molto prossima), ma si sappia che la criptazione dei dati che viaggiano via etere attualmente a 56-bit, e’ possibile con la semplice sostituzione di un componente interno, trasformarla in una piu’ sicura a chiave 128-bit.

Il processo e’ illustrato al sito di Michael Shields, si apre la Base AirPort, si estrae la scheda Lucent “Silver” (cuore del sistema IEEE 802.11) e si infila la Lucent “Gold”, ecco fatto.

Sicurezza ad alto livello anche per le trasmissioni via radio di questo standard, inizialmente proposto da Apple (che da sempre innova nel mondo IT) e che sta per sbarcare in forze, su PC Wintel, con marchi piu’ potenti (commercialmente parlando) e che certamente troveranno la strada spianata da Apple che si e’ fatta in quattro, suo malgrado, anche per loro.