fbpx
Home iPhonia iPhone Accessori Tutto su AirTags: ecco come funzionerà il "trova tutto" di Apple

Tutto su AirTags: ecco come funzionerà il “trova tutto” di Apple

E’ da diverso tempo che si parla di AirTags, l’accessorio per… ritrovare accessori che Apple si appresta a lanciare. In effetti la società non ha mai parlato ufficialmente di questo accessorio, e, tantomeno, fornito dettagli ufficiali su prezzo e data di rilascio. Ciò nonostante, sono molti i rumor e anche alcuni indizi diretti, di fonte Apple, tra cui un video, che hanno contributo a disegnare il profilo di questo dispositivo che dovrebbe essere utile a dare ulteriore spessore all’ecosistema che ruota intorno ad iPhone.

A cosa servono e come funzionano gli Airtags?

Dire a che servono in generale gli Airtags è piuttosto semplice. Come abbiamo accennato poco sopra, si tratta di un piccolo dispositivo Bluetooth che ha come scopo quello di affiancare un oggetto e aiutarci a trovarlo usando un iPad o un iPhone. Sulla carta non si tratta di nulla di nuovo. Sul mercato ci sono molti prodotti simili (ad esempio quello di Tile diffuso anche in Italia e venduto su Amazon o quello di Filo, sempre venduti su Amazon). La differenza rispetto alla concorrenza è che AirTags saranno strettamente legati al sistema operativo iOS e ai dispositivi Apple.

Tutto su AirTags: caratteristiche, funzionamento, prezzo e data di uscita sul “trova tutto” di Apple

Come saranno fatti gli AirTags

Gli Airtags dovrebbero essere modellati stilisticamente e dal punto di vista dei materiali sugli Airpods. La plastica sarà bianca e il design arrotondato. Sul fronte non ci sarà nessun logo mentre sul dorso, che dovrebbe essere in metallo, ci sarà il logo Apple. Secondo le informazioni diffuse da alcuni Leakers le dimensioni saranno poco più grandi di quelle di un tappo di bottiglia. Altre informazioni dicono che è possibile che appaino due versioni in due differenti dimensioni.

Su questo articolo, grazie anche agli indizi apparsi nelle precedenti versioni beta di iOS 13, abbiamo realizzato un focus approfondito sul funzionamento di AirTags.  Si tratterà di “gettoni” che dovranno essere fisicamente (forse con un adesivo o più probabilmente con un anello) attaccati agli oggetti che è più facile dimenticare. A questo punto sarà sufficiente configurare questi accessori all’interno di “Dov’è”, l’app iOS che già permette di tracciare la posizione di iPhone, iPad, Apple Watch e AirPods, e anche dei Mac. AirTags sfrutterà la stessa app e la stessa tecnologia che permette di trovare gli altri prodotti che appaiono in Dov’è.

Un altro elemento fondamentale per il funzionamento degli Airtags sono i chip U1, Ultra Wideband presente sui dispositivi Apple. Oggi questo chip offre funzioni di localizzazione molto più avanzate e precise di quando non fosse possibile fare in precedenza; sopratutto serve a far capire all’iPhone se sta guardando in una precisa direzione. Attualmente si vede il chip U1 in funzione quando si usa Airdrop; puntando il telefono in una certa direzione si vedono per primi i dispositivi che sono in quella direzione. Lo stesso accadrà con Airtags.

Come sarà possibile trovare un oggetto con gli AirTags?

Indizi sul funzionamento degli Airtags sono forniti da immagini, schermate, pezzi di codice. In linea generale, come detto, ogni oggetto contrassegnato con un Airtag sarà dentro a Dov’è, collocato su una mappa assieme a tutto quello che è possibile già oggi trovare con questa applicazione. Quando un oggetto affiancato ad un Airtag sarà perduto o ci saremo dimenticati dove è stato collocato sarà possibile vedere il suo indirizzo sulla mappa e poi farlo suonare.

Tutto su AirTags: caratteristiche, funzionamento, prezzo e data di uscita sul “trova tutto” di Apple
Come potrebbe apparire l’individuazione degli Airtags in iOS 14

Realtà Aumentata

Inoltre, considerando che Apple ha investito particolarmente sulla Realtà Aumentata negli ultimi mesi, si sta affermando l’ipotesi che si potranno ritrovare gli oggetti agganciati agli AirTags tramite realtà aumentata.  In pratica inquadrando una stanza con la fotocamera dell’iPhone saremo in grado di vedere dove si trova quel che stiamo cercando; ad esempio se è dietro ad un divano o dentro ad un cassetto. In questa ottica un indicatore visivo potrebbe essere un palloncino. Di questo segnale visivo sono state trovate tracce nel codice di iOS 3, una stringa di caratteri che dice “cammina per qualche metro e muovi in alto in basso  il tuo iPhone fino a quando non scorci un palloncino”

Tutto su AirTags: caratteristiche, funzionamento, prezzo e data di uscita sul “trova tutto” di Apple
Un palloncino dovrebbe aiutarci a trovare le cose che abbiamo smarrito e che sono state registrate con Airtags

Modalità smarrito “di comunità”

Quando un dispositivo è fuori dal raggio di portata degli Airtags e dell’iPhone potrebbe scattare quella che possiamo definire come una modalità smarrito di comunità. Quando un utente che ha un iPhone si imbatterà in un oggetto segnato da un Airtags potrà vedere le informazioni di contatto e mandare un messaggio mentre l’utente riceverà un messaggio.  Il funzionamento sarà vincolato ad alcune delle tecnologie di bandiera di Apple: iCloud ed Apple ID. È molto simile alla funzione di localizzazione esistente in Tile che sfrutta la comunità, ma poiché il numero di persone che hanno  iPhone è enorme, ci sono maggiori probabilità che qualcuna di esse incontri un dispositivo perduto con Airtags rispetto a quanto accade se si usa un Tile.

Confini degli Airtags

Una funzionalità extra consentirà alle piastrelle di emettere un allarme sonoro quando ci si allontanerà troppo dagli oggetti agganciati, a meno che non si trovino in un luogo contrassegnato come sicuro, quale ad esempio casa o ufficio. Questa funzione di geofencing potrebbe essere utile a non lasciare a casa qualche cosa quando si esce di casa oppure a far scattare un allarme quando qualche cosa viene rimosso dal posto dove deve stare.

Suoni, direzione e precisione

Quando si perdono, sarà possibile individuare la posizione degli Airtags seguendo una traccia sonora. Avvicinandosi ad essi o puntando nella direzione corretta, il suono aumenterà di volume, girando le spalle o allontanandosi da essi diminuisce. La funzione è una di quelle rese possibili dal chip U1. Lo stesso chip sarà in grado di fornire una elevata precisione nel rintracciamento degli Airtags.

Tutto su AirTags: caratteristiche, funzionamento, prezzo e data di uscita sul “trova tutto” di Apple
Il logo di Airtags

La batteria di Airtags

Intorno alla batteria degli Airtags si è sviluppato un piccolo dibattito. La maggior parte delle indiscrezioni punta alla presenza di una batteria CR2032. A questo sembra faccia riferimento una parte del codice di iOS 14 che spiega come sostituirla. Ma in qualche altro rumor si parla di una batteria ricaricabile che potrebbe essere collocata su un caricabatterie simile a quello di Apple Watch, o magari con i nuovi Magsafe e Magsafe Duo, oppure mediante un fantomatico (per ora) dorso caricabatterie di un futuro modello di iPhone.

Più di un modello di AirTags?

Fino ad oggi si è sempre parlato di AirTags come di una unica periferica. Apple però potrebbe decidere di partire con un modello, per poi espandere la gamma di dispositivi, diversificandoli a seconda delle caratteristiche tecniche, un po’ come fa con i modelli di iPhone, iPad e Mac.

In effetti, se si guarda al concorrente Tile, di gettoni ne esistono diverse tipologie. Il modello standard con portata di circa 46 metri, mentre modello Pro ha una portata raddoppiata. Ancora, c’è Tile Slim, appena più spesso di una carta di credito.

Gli accessori per gli Airtags

Apple avrebbe previsto, come è ovvio, degli accessori a suo marchio per gli Airtags. Si tratta di una sorta di portachiavi che servirà a tenere fisicamente uniti i “gettoni” con l’oggetto che vogliamo trovare. Non è chiaro che questo accessorio sarà incluso nel prezzo o sarà venduto a parte; probabile che una versione basica di questo anello sarà offerta assieme agli Airtags e che una versione più “lussuosa” sarà a pagamento.

Come sempre accade nel momento in cui Apple si appresta a lanciare un prodotto, ci sono terze parti che hanno già cominciato a scommettere su forma (e successo) del dispositivo e a proporre accessori. Succede per gli iPhone e succede anche per gli AirTags. Abbiamo visto apparire laccetti per gli occhiali con una tasca per Airtags e una anello da cintura.

Tutto su AirTags: caratteristiche, funzionamento, prezzo e data di uscita sul “trova tutto” di Apple

Prezzo AirTags

Il prezzo è attualmente sconosciuto. Al momento, se dovessimo azzardare una ipotesi sul prezzo di listino di questa periferica, non potremmo far altro che volgere ancora l’attenzione a Tile: un pack da 2 costa circa 60 euro. Anche Apple potrebbe decidere di fornire AirTags in confezioni da 2 o più pezzi ed è altrettanto immaginabile che i suoi prodotti costino di più di quelli dell’azienda concorrente (diciamo: 100 euro).

L’ipotesi abbonamento

Inoltre, è possibile che Apple lanci anche un abbonamento premium stile Tile, con maggiori opzioni di tracciabilità e sostituzione annuale della batteria. La prospettiva di una sorta di abbonamento per gli Airtags, magari abbinato ad una riduzione del prezzo del dispositivo, sarebbe una forte opportunità di profitto: basti pensare all’incentivo a confermare un abbonamento quando in dotazione ci sono cinque o sei Airtags attaccati a qualche cosa ci interessa non perdere o magari ritrovare

Tutto su AirTags
Una rappresentazione di un Airtag

Compatibilità AirTags

Gli AirTags dovrebbero essere compatibili con tutti gli iPhone in grado di eseguire iOS 13, o versioni successive, dunque con iPhone 6S e dispositivi più recenti. Molto probabilmente però alcune funzioni avanzate (come la direzione da seguire per rintracciarli) funzioneranno solo su dispositivi con versioni più recenti di Bluetooth e sopratutto con il chip U1, quindi solo iPhone 11 o superiori. Apple ha introdotto diversi elementi nelle beta di iOS 14.5 che fanno ritenere che per far funzionare in tags sia necessario questo sistema operativo.

Quando arrivano gli AirTags?

Si pensava che la periferica avrebbe fatto ufficialmente capolino sulla scena durante lo scorso WWDC 2020, che si è tenuto come evento online a causa dell’epidemia di Covid-19, ma così non è stato.  Poi il sito giapponese Macotakara – citando informazioni di un fornitore cinese – aveva affermato che sarebbero arrivati con iPhone 12 e Apple Watch 6 e quindi arriveranno nella seconda metà di ottobre, ma la previsione si è rivelata sbagliata. Ming Chi Kuo ha recentemente e più genericamente affermato che dovrebbero essere lanciati “nel 2021”

Ora la più recente indiscrezione parla di un lancio per la primavera.  Questo evento di cui si parla da alcune settimane, doveva tenersi il 23 marzo, ma a questo punto si pensa ad un evento nella settimana successiva a quella di Pasqua, forse il 13 aprile. Ma la data è solo ipotetica.

Tutto su AirTags
Airtags immaginati in un rendering

 

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 con SSD 256 GB al minimo storico: solo 765,99 € su Amazon

In offerta con sconto di più di 50 € su Amazon il recentissimo Mac mini con processore M1: 8 core grafici e 8 core di calcolo con SSD da 256 GB per sfruttare al massimo anche macOS Big Sur.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,834FansMi piace
93,209FollowerSegui