Home Hi-Tech Android World ApowerMirror, l'app Mac per duplicare Android e iOS con cavo o wireless

ApowerMirror, l’app Mac per duplicare Android e iOS con cavo o wireless

ApowerMirror è l’applicativo Mac che duplica lo schermo di un qualsiasi dispositivo iOS o Android su Mac. A seconda del sistema utilizzato le funzionalità sono leggermente diverse, ma in ogni caso sarà possibile apprezzare sul grande schermo le schermate del proprio smartphone o tablet. Ecco come funzione.

Anzitutto, è bene sapere cosa può, e non può, fare ApowerMirror, a seconda che si decida di duplicare un dispositivo Android o iOS. Nel primo caso le possibilità sono maggiori; nel secondo sono minori, ma il sistema ci è parso funzionare decisamente meglio.

Il funzionamento con Android mette a disposizione dell’utente un doppio binario: wired o wireless. Questo vuol dire che sarà possibile ducplicare lo schermo di smartphone e tablet Android su Mac attraverso il cavo, o wireless via Cast dello schermo.

La differenza è considerevole. Nel primo caso, infatti, sarà possibile controllare integralmente Android con mouse e tastiera. Questo vuol dire che si potrà navigare nella UI Android, utilizzare tutte le app, direttamente con mouse e tastiera. Sarà così possibile navigare in rete, messaggiare, e perfino giocare, senza dover toccare il terminale.

Nel secondo caso, invece, durante il primo accoppiamento, sarà possibile vedere lo schermo del dispositivo mobile su Mac, continuando a manovrare l’intera interfaccia da smartphone. Dopo il primo collegamento wired, comunque, si potrà sempre controllare il proprio smartphone o tablet Android con mouse e tastiera del Mac.

E’ la funzionalità sopra descritta e diversificare questo ApowerMirror da molti altri applicativi dello stesso genere, che consentono di inviare la UI a schermo del Mac, senza però permettere all’utente di gestirla tramite mouse.

apowermirror

Su Android, la qualità dello stream allo schermo del Mac è sufficiente. Non mancano certmamente i lag, e pensare di poter giocare guardando esclusivamente lo schermo del Mac è impresa assai ardua.

Abbiamo testato Clash Royale, gioco peraltro mostrato sulle pagine ufficiali del software. Il ritardo tra quanto avviene su smartphone, e quanto mostrato su Mac, per quanto piccolo, rende l’esperienza di gioco non ottimale. Insomma, l’utilizzo principale di ApowerMirror non deve essere quello videoludico, altrimenti il rischio è di rimanere delusi.

Su iOS

Come già anticipato, su iPhone e iPad le possibilità sono più limitate, potendo il collegamento avvenire solo in modalità wireless, attraverso AirPlay. Ciò nonostante, l’intero sistema sembra funzionare decisamente meglio. Anzitutto il collegamento è sempre puntuale, e il software riconosce sempre e comunque il segnale inviato dal dispositivo di Apple.

Anche la qualità dello stream appare superiore, con un lag davvero ridotto e una fluidità generale superiore alla controparte Android. Anche in questo caso abbiamo provato ad avviare Clash Royale, che è stato riprodotto sullo schermo del Mac in modo più fedele rispetto alla prova effettuata con Android.

Il limite di questo sistema, però, è dato dalla impossibilità di controllare l’interfaccia iOS utilizzando mouse e tastiera; l’utente, dunque, dovrà continuare ad eseguire tap a schermo sullo smartphone, o sul tablet, per poter gestire la UI. Questo vuol dire, nell’esempio di Clash Royale, dover continuare a giocare su iPhone, mentre lo schermo del Mac servirà solo per eventuali spettatori.

Ed allora, è proprio quest’ultimo il vero scopo dell’applicativo: permettere di duplicare le schermate iOS e Android sullo schermo del Mac, ipotizzando un proficuo utilizzo in ambito lavorativo, potendo condividere ciò che accade a schermo con una platea più ampia.

Non solo, ma altra utilità dell’app è certamente la possibilità di poter catturare, in presa diretta, immagini, audio e video di ciò che accade a schermo. Bastano pochi click per decidere cartella di registrazione o acquisizione, mentre con un semplice tocco sulle icone di scatto e registrazione presenti a schermo su Mac, si riesce ad immortalare ciò che avviene a schermo.

In questo modo, è facile pensare agli utilizzi dell’app: registrare trailer di applicativi, o video gameplay, per poterli poi caricare sul tubo o condividerli con gli amici.

Molto curata l’interfaccia virtuale che simula dispositivi Android e iOS, che varia a seconda del dispositivo che viene collegato, con menù per gestire l’applicativo particolarmente semplici e minimali.

Sul sito ufficiale è disponibile l’app in versione dimostrativa gratuita, che permette di testare il software e capire se, effettivamente, risponde alle proprie esigenze, a seconda degli usi che si intende fare. Per questo, il consiglio è quello di iniziare a scaricare l’app da questo indirizzo; successivamente, è possibile scegliere se acquistare il prodotto con licenza a vita per 69,95 dollari, o annuale per 29,95 dollari.

PRO

  • Su iOS stream particolarmente fluido
  • Possibilità di controllare Android con mouse e tastiera
  • Possibilità di acquisire immagini e registrare video in presa diretta

CONTRO

  • Su Android meno fluido
  • Impossibile gestire iOS con mouse e tastiera

Offerte Speciali

Super sconto su MacBook Pro 13″ 16/512 GB: risparmio da oltre 400 euro

Su Amazon è in forte sconto il nuovo MacBook Pro 13" in versione 16 GB RAM / 512 GG HD SSD. Lo pagate oltre 400 euro meno del prezzo Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,818FollowerSegui