fbpx
HomeMacityFuturoscopioApple acquista i processori 750 CX

Apple acquista i processori 750 CX

Il rilascio di macchine con i nuovi processori 750CX di IBM potrebbe essere più vicina del previsto. La deduzione è conseguente alla notizia diffusa dall’EE Times, un sito specializzato in IT, che fin dall’inizio dello scorso mese sosteneva che Apple aveva iniziato ad acquistare i chip da Big Blue. Se così fosse anche il rilascio di nuove macchine, presumibilmente di fascia consumer, con i nuovi processori potrebbe non essere distante e se le caratteristiche enunciate dall’EE Times della processore corrispondessero a realtà  potrebbero esserci sorprese anche all’Expo di New York.Secondo la pagina web, infatti, i primi processori spediti ad Apple arriverebbero fino a 550 MHz. Questo significherebbe che, nonostante le prestazioni inferiori (a parità  di velocità  di clock) rispetto agli attuali un iMac con velocità  da 500 e 550 MHz consentirebbe di avere a disposizione una macchina migliore rispetto alle attuali e ad Apple di risparmiare in costi vivi.Così, nonostante secondo i benchmarks presentati da IBM, infatti, un 750 CX a 550 MHz sia più lento di un 500 G3, configurare gli iMac in una gamma che va da 450 a 550 MHz potrebbe essere comunque conveniente rispetto ad un upgrading a 450 e 500 MHz per tre motivi: gli iMac costerebbero meno rispetto all’utilizzo di una versione aggiornata degli attuali G3, avrebbero una migliore immagine sul mercato per effetto della velocità  superiore e sarebbero comunque più veloci degli attuali con processori 350 e 400 Mhz.Ora resta da vedere se Apple ha realmente la possibilità  di utilizzare già  da oggi i processori in quantità  sufficiente per fornire una macchina di grande diffusione sul mercato. L’impressione è che al momento, in ogni caso, l’ipotesi più probabile è che i primi Mac ad usare i nuovi processori potrebbero essere gli iBook nuova serie che si può pensare che vengano rilasciati prima dell’autunno inoltrato, forse all’Apple Expo di Parigi.I chip, nome in codice SideWinder, sembrano essere perfetti per una macchina che come iBook non punta sull’esasperazione delle prestazioni, non ha concorrenti diretti e ha bisogno di basso consumo e componenti a buon mercato. iMac, a sua volta, se venisse ritoccato significativamente sotto il profilo hardware, avrebbe ancora spazio nelle preferenze dei consumatori anche con un upgrading a 450 e 400 MHz con i vecchi G3.A quel punto per vedere i PPC 750 sugli iMac molto probabilmente bisognerebbe attendere una nuova generazione, sia delle macchine che dei processori. La versione CXe, che dovrebbe comparire da gennaio in avanti, ha tutti i numeri (potenza nominale compresa, visto che arriverà  fino a 750 MHz) per poter fare da motore ad un iMac dell’anno 2001. Ma anche in questo caso potrebbe non essere iMac il primo computer Apple ad avere il processore. Molto più probabile che a montare il 75O CXe possa essere il PB del prossimo anno.

Offerte Speciali

MacBook Pro M1 pronta spedizione su Amazon

Risparmiate 410 € su MacBook Pro M1 da 512 GB: 1299 euro

Su Amazon va ancora in sconto il MacBook Pro M1. Risparmiate 410 euro per arrivare al prezzo minimo.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

iGuida

FAQ e Tutorial