HomeHi-TechHardware e PerifericheApple e Nvidia, più vicine del previsto?

Apple e Nvidia, più vicine del previsto?

A distanza di ormai oltre 24 ore dalla prima conferma, la notizia del giorno è ancora la notizia che Nvidia sta lavorando su un chip che sia compatibile a livello nativo con l’hardware Mac. Nella giornata di ieri molti siti hanno approfondito l’argomento aggiungendo interessanti dettagli e speculazioni sul livello dei rapporto tra Nvidia stessa e Apple.I più interessanti in proposito e tali da confermare alcune delle supposizioni di ieri di Macity, arrivano da Xlr8YourMac un cui lettore si è preso la briga di verificare la presenza di un’area Apple sul sito di Nvidia. La risposta del server è stata una finestra di log che chiedendo una password indicava che un’area Apple esiste veramente ed è collocata accanto a quella di altri OEM come Gateway, Dell, HP e IBM. Questo, per chi non fosse addentro all’argomento, potrebbe significare non solo che Nvidia sta preparando un chip per Mac da lasciare in patrimonio a qualche società  che si prendesse la briga di costruire una scheda, ma che il livello di coinvolgimento di Apple sarebbe molto al di là  del previsto. Se Apple avesse realmente un contratto OEM con Nvidia potrebbe infatti voler dire molte cose (da un patto per lo sviluppo di drivers già  in corso all’acquisto diretto di chip per l’utilizzo su schede madri proprietarie), ma certo non si potrebbe dubitare che il rapporto tra Nvidia e la casa di Cupertino non sia destinato a diventare molto stretto. Chi scrive queste righe, ad esempio, continua a credere che un chip di fascia media e a basso consumo come il GeForce 2 MX ha chiaramente le caratteristiche per essere utilizzato come chip “on board” per desktop di fascia home (come gli iMac) e che Apple potrebbe avere raggiunto un accordo OEM, appunto, per questo tipo di fornitura.Accanto a questa indicazione di certo molto interessante anche se ancora tutta da sviluppare nei sui risvolti pratici, Maccentral pubblica un’intervista dalla quale arriva un altro indizio utile a comprendere la determinazione con cui Nvidia sta cercando di entrare nel mercato Mac. Secondo la portavoce Dana Vanesse, infatti, GeForce MX non sarà  l’unico e neppure il primo dei prodotti per Mac ad essere rilasciato sul mercato. Anche qui si possono elaborare pagine di speculazioni ma crediamo che il quadro complessivo della promessa può essere completato utilizzando altre indicazioni che emergono da TechWeb.Secondo il sito specializzato in argomenti tecnologici Nvidia rilascerà  più avanti nel corso dell’anno una versione da 2 soli WATT di consumo di GeForce 2 MX, un vero sogno per chi produce portatili. Il chip sarebbe infatti in grado di avere prestazioni del 30/40% superiori a quelle della Ati Rage 128 Mobility con un consumo di circa il 25% inferiore.Alla luce di tutto ciò ci pare quindi di poter supporre che la complessa (e anche costosa) strategia di Nvidia non possa essere stata elaborata che alla luce di ben precisi accordi con Apple. In particolare la prima tappa potrebbe essere l’annuncio di una nuova versione di iMac con GeForce 2 MX (tra quattro o cinque mesi) seguita a gennaio o febbraio dal rilascio di un PowerBook con la versione di MX a consumo ridotto. La migrazione di Apple verso Nvidia sarebbe a quel punto completata perchè, sempre a nostro giudizio, i desktop di fascia alta, gli attuali G4, continueranno ad avere in dotazione le schede di ATI (le Radeon al posto delle attuali ATI RAGE 128). Per quel mercato le Nvidia potrebbero essere rese disponibili solo come schede aggiunte, magari vendute all’Apple Store in build to order. Potrebbe proprio essere una scheda (magari di Creative) con chip Nvidia (forse il potentissimo GeForce2 GTS) uno di quei prodotti che arriveranno prima di MX cui faceva cenno poco più sopra Diana Vanesse, potrebbe essere questo uno degli annunci del keynote del 19 luglio? Vedremo…

Offerte Speciali

MacBook Pro M1 pronta spedizione su Amazon

Risparmiate 410 € su MacBook Pro M1 da 512 GB: 1299 euro

Su Amazon va ancora in sconto il MacBook Pro M1. Risparmiate 410 euro per arrivare al prezzo minimo.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

iGuida

FAQ e Tutorial