fbpx
Home Macity Voci dalla Rete Apple registra il marchio Rosetta

Apple registra il marchio Rosetta

Apple ha registrato il marchio ‘€œRosetta’€. L’€™atto formale, che impedisce ad altri di usare il nome per prodotti connessi al mondo dei computer, è avvenuto qualche giorno fa e segna un nuovo passo di Cupertino verso la sua nuova identità , quella che assumerà  nel momento in cui lancerà  macchine con processore Intel.

Rosetta è, infatti, il sistema usato da Mac OS X per tradurre le istruzioni native per PPC in codice comprensibile dai chip Intel, un elemento fondamentale della transizione verso la nuova piattaforma. La registrazione suscita qualche punto di domanda anche sulle vicende che stanno dietro a questa tecnologia, fino ad oggi illustrata solo parcamente da Apple. In particolare spinge a farsi qualche domanda su quale sia stato il contributo degli ingegneri di Cupertino alla sua compilazione.

Fino ad qualche giorno fa era convinzione comune che Rosetta altro non fosse che il nome usato da Apple per un software di Transitive, una società  specializzata in questo tipo di ‘€œemulatori’€ (virgolette d’€™obbligo, in quanto non si tratta precisamente di questo, quanto più che altro di un software che traduce istruzioni). Lo stesso Jobs aveva detto che Trransitive avrebbe avuto una parte in Rosetta, ma senza essere mai stato chiaro sulla portata del suo ruolo. Transitive, da parte sua, elenca Apple tra i suoi clienti, pur evitando di fornire dettagli in merito citando non meglio precisate, ma di certa matrice cupertiniana, ‘€œrestrizioni’€

La registrazione del nome (un nome più che simbolico che fa riferimento, lo ricordiamo, alla stele di Rosetta che consentì di decodificare il geroglifico egiziano e comprendere così la lingua dei faraoni), sembra lasciar intendere che Cupertino ci abbia messo parecchio del suo nella tecnologia come, per altro verso, aveva fatto capire Phil Schiller. Il capo del marketing mondiale di Cupertino, pur declinando di specificare come Rosetta funzionasse nel dettaglio e chi ne fosse il reale autore, aveva detto che si poteva parlare di ‘€œtecnologia Apple’€.

Offerte Speciali

Su Amazon tornano gli Airpods e sono ancora apprezzo minimo: 138,99€

Airpods 2 ad un prezzo “cinese”: 110,69 euro. È il più basso di sempre!

Su Amazon gli AirPods 2 scendono al minimo storico: solo 110,69 euro, il prezzo di discrete cuffiette cinesi
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,706FansMi piace
93,892FollowerSegui