HomeMacityApple History & LifestyleApple vince e perde nel 2005

Apple vince e perde nel 2005

Apple è tra i vincitori del 2005 ma anche tra i perdenti dell’€™anno che si sta chiudendo. A pensarla in questo modo è PC World USA che pubblica, come sua tradizione, un articolo sulle realtà  del mondo informatico e di Iternet che hanno avuto motivi per conquistarsi, in bene o in male, gli onori della cronaca.

Apple figura tra i vincenti per le mosse compiute con il lancio di Mac mini e il video iPod, ma soprattutto per l’€™annuncio del passaggio da PPC ad Intel, un evento che secondo Pc World ‘€œcondurrà  al primo vero confronto tra sistemi operativi concorrenti dal 1989’€.

Apple figura tra i vincitori anche con iTunes, sia per i fatto che è riuscita a resistere alla pressione delle case discografiche e ad imporre il concetto del ‘€œun dollaro, una canzone’€, sia per il lancio dei contenuti video, vendendone 3 milioni.

Apple però deve rammaricarsi anche per essere stata protagonista anche di un episodio che la colloca tra i perdenti: la battaglia contro i siti Internet dediti alle indiscrezioni ai quali ha chiesto in tribunale di rivelare le fonti delle loro notizie. ‘€œQuelle pagine Internet hanno violato il 10 comandamento di Jobs, non rivelerai informazioni prima che ti sia concesso. Il risultato? – dice PC World – Apple non ha ancora avuto le informazioni che desidera ma in compenso si è messa in cattivissima luce sulla stampa’€.

Tra i perdenti c’€™è da segnalare anche il ROKR di Motorola, ‘€œl’€™unione di Motorola e iPod – dice PC World – è stata funestata dal limite delle 100 canzoni, dal trasferimento delle canzoni assurdamente lento e da un’€™interfaccia non responsiva. Il risultato è che il matrimonio durerà  meno di quello di Jennifer Lopez’€

Il ‘€œperdente dei perdenti’€ è, infine Sony BMG, che si è coperta di critiche per il lancio di un sistema di protezione dei diritti digitali che è stato classificato, per le modalità  con cui opera, come un virus e che dopo poche settimane si è trovata di fronte ad un altro problema di sicurezza con il DRM MediaMax. Colmo dei colmi, il patch che doveva riparare il buco era afflitto anch’€™esso da un altro bug di sicurezza.

Offerte Speciali

macbook pro 16 in sconto su amazon

MacBook Pro M1 16 da 512 GB torna al minimo a 2399 € ed è spedito subito

Su Amazon comprate in sconto di 450 euro il MacBook Pro 16" con processore M1 da 52 GB. Ribasso del 16% e pagamento a rate senza interessi né garanzie e spedizione immediata.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial