fbpx
Home Macity Pagina 2795

Macity

Le notizie sul Mondo Apple dal 1996: Reportage da fiere ed eventi, recensioni, news con particolare riguardo al mondo Mac e Hi-Tech.

logomacitynet1200wide 1

Nuove schede ATI a fine mese

Le nuove schede ATI basate sul chip Rage 6 verranno presentate ufficialmente il prossimo 24 aprile. Lo ha annunciato il responsabile delle operazioni finanziarie di ATI, Jim Chwartacky, a reurters illustrando la relazione al bilancio fiscale del primo quadrimestre della società  canadese. Chwartacky non ha esplicitamente fatto riferimento a nuove schede o a Rage 6, ma il fatto che per quella data, secondo il CFO ATI "illustrerà  un prodotto di fascia alta che rafforzerà  e estenderà  il nostro campo d'azione nel settore professionale del mercato dei PC", lascia pochi dubbi.
logomacitynet1200wide 1

Macromedia nuovi tools per il Web

Macromedia continua a rafforzare la sua presenza nel settore di mercato per la creazione di contenuti Web aggiungendo alla sua linea di tool un nuovo prodotto denominato UltraDev destinato agli sviluppatori che creano pagine dinamiche. UltraDev, dnque, è finalizzato a supportare i siti di e-commerce e quelli di notizie che (come Macity) le cui pagine non esistono "fisicamente" da qualche parte sui server ma vengono costruite a seconda delle richieste degli utenti. Grazie ad UltraDev, in commercio dalla fine della primavera, che si affianca ma non sosituisce Dreamweaver che si rivolge a chi crea pagine Web statiche, dovrebbe diventare più facile creare contenuti dinamici e agganciati a database. Sempre nel contesto di Internet World, dove UltraDev ha fatto la sua prima apparizione, Macromedia ha anche annunciato Dreamweaver Objects for ARIA in grado di aggiungere alle pagine create din Dreamweaver speciali tags in grado di rilevare tutta una serie di dati statistici utili per raccogliere informazioni sul gradimento di particolari sezioni del sito o individuare i percorsi e le scelte dei clienti all'interno dei siti di e-commerce.
logomacitynet1200wide 1

AOL, IE e Netscape, vendette trasversali

Che cosa farà  America On Line quando a dicembre scadrà  il suo contratto per l'uso di Internet Explorer nei suoi servizi on line? Continuerà  ad utilizzare il browser di Microsoft o passerà  a Netscape? Alla domanda non è facile rispondere, nonostante il fatto che Netscape sia ora di proprietà  di AOL non dovrebbe lasciare molti dubbi. Il maggior provider Internet al mondo, infatti, potrebbe essere indotto a fare una scelta diversa e continuare ad usare IE. Dietro ci sarebbero ragioni di opportunità  ma anche ragioni di carattere strategico nella partita che oppone Microsoft contro il resto del mondo, arbitro unico Thomas Penfield Jackson.
logomacitynet1200wide 1

Biagini: “Apple Italia cresce a due cifre”

Crescita a due cifre per Apple Italia dallo scorso mese di novembre. Non fornisce cifre precise Enzo Biagini, il presidente della filiale della mela del nostro paese ma qualunque sia la percentuale, dal 10 al 99%, si tratta in ogni caso di un dato significativo che dimostra come i successi a livello mondiale abbiano un riscontro anche nello Stivale. A pubblicare l'intervista a Biagini è per la la sezione 'internet e tecnologia' di www.quotidiano.net (sito-madre de Il resto del carlino, La Nazione.it, Il giorno.) che periodicamente si occupa di Apple e dintorni.
logomacitynet1200wide 1

AppleWorks 6 in Italiano in consegna

Apple ha cominciato le consegne della versione in Italiano di AppleWorks 6.0. I primi a ricevere le copie del pacchetto integrato sono stati coloro che l'hanno ordinato presso l'Apple Store. Ricordiamo che Apple Works presenta numerose novità , in particolare nell'interfaccia e che alcune funzionalità  sono state completamente ridisegnate. Come ci fa sapere il nostro amico Stefano Bianchi
logomacitynet1200wide 1

Corel compra Painter, KPT e Bryce 3D

Corel ha annunciato di aver acquisito numerosi prodotti e tecnologie della MetaCreations. La societa' canadese ha acquistato i diritti di tre importanti pacchetti: Painter (popolare pacchetto di grafica), Kai's PowerTools (KPT) e KPT Vector Effects (due tra i piu' diffusi plug-in per Photoshop e Illustrator) e Bryce 3D, il potente e popolare programma per la creazione di paesaggi 3D.
logomacitynet1200wide 1

MacProf: “Novità  in arrivo nel video digitale Apple”

Importantissimi annunci in vista da parte Apple, Matrox e Pinnacle Systems nella giornata di apertura del NAB 2000 ancora una volta dedicata al tema della convergenza. Cosa ci possiamo attendere? In una apposita pagina MacProf fa una analisi delle aspettative degli utenti Mac nel campo dell'editing video digitale.
logomacitynet1200wide 1

Se 50 metri vi sembran pochi

Avete sempre pensato che 50 metri di distanza dalla base sono troppo pochi per rendere il collegamento wireless con Airport veramente utile? Che ne dite, allora, di connettervi da 14 chilometri di distanza? Basta, si fa per dire, avere voglia di investire qualche centinaia di migliaia di lire, avere un minimo di competenza in fatto di antenne e abbastanza coraggio per modificare il proprio iBook.
logomacitynet1200wide 1

QT: più utenti, più bugs

Tra le novità  di QT 4.1.1 ci sono alcuni big fix, un miglior supporto alle decodifica DVD e la compatibilità  cross-platform con windows 2000. Le modifiche allo strumento per la riproduzione di multimedia e in streaming su Internet è stato reso noto da Apple stessa che parla di "qualità  incrementata ma progressi nel supporto anche di velocità  di trasmissione basse". "In futuro - ha detto la portavoce di Apple Rhona Stratton - sempre più siti useranno QuickTime per le loro trasmissioni in diretta su Internet. In molti apprezzano QT per la sua qualità  e la scalabilità  su differenti tipi di macchine".
logomacitynet1200wide 1

Itools: novità  in arrivo. E la versione Italiana?

Gli "aficionados" dei servizi Internet di Apple si aspettino qualche cosa di nuovo. Nelle prossime settimane, infatti, Apple ha intenzione di integrare l'offerta e ampliarla aggiungendo alle iCards, agli iTools, ad iReview e Kidsafe non meglio precisate novità . Lo ha dichiarato Peter Lowe, uno dei managers di Apple. "Aggiungeremo qualche cosa tra breve", ha dichiarato Lowe nel contesto di una revisione dei servizi, andati in linea alla fine della scorsa settimana.
logomacitynet1200wide 1

Internet e l’Italia: a quando la rivoluzione culturale?

Il nostro paese che si appresta, ormai, ad entrare nell'era di Internet, coprendo il ritardo che lo distacca da altre realtà , è afflitto da vecchi e nuovi problemi, o meglio di vecchi problemi travestiti da nuovi. Ne parla un articolo di Wired in un servizio da Toronto dove, nel corso di una sessione della Computers, Freedom e Privacy Conference , si è discusso proprio dell'Italia e della difficoltà  del suo sistema, in particolare quello legislativo e della tutela della legalità , a prendere confidenza con il mondo di Internet. Forze dell'ordine che "arrestano" tappetini per il mouse, computer sigillati nelle stanze dove essi si trovano perchè nessuno sa come usarli. Sono questi solo alcuni degli esempi di cui si è sentito parlare nel corso della conferenza che ha evidenziato come il nostro paese deve ancora compiere la rivoluzione culturale necessaria a comprendere come un nuovo universo, che richiede nuove regole e un nuovo modo di affrontarle è alle porte.
logomacitynet1200wide 1

FireWire: è il momento di Dell

Anche Dell Computer abbraccia lo standard FireWire/1394 proponendo un nuovo sistema appositamente pensato per il mondo dell'elaborazione video.
logomacitynet1200wide 1

Bugs non fix di MacOs 9.04

Tra i bug che non sarebbero stati ancora riparati in MacOs 9.04 (oltre a quello che danneggia il disco fisso sugli iBook, che è però stato aggirato), MacFix-It ricorda la difficoltà  ad usare HotSync con i Palm e la non cancellazione dei files nella cartella invisibile "Temporary Items". In aggiunta a ciò sembrano manifestarsi nuovi e differenti problemi nell'uso di periferiche e schede SCSI.
logomacitynet1200wide 1

Creative sul Mac prima dell’estate

Arriveranno prima dell'estate, con esibizione in forze al MacWorld, i nuovi prodotti di Creative per Mac. Lo annuncia la stessa società  che fissa in maggio, giugno e luglio il momento del debutto nell'arena del mondo della Mela. Ricordiamo che Creative introdurrà  Nomad II, una sorta di Walkman per MP3 con supporto USB, WebCam GO, una telecamera capace di memorizzare anche immagini in formato JPG, e SoundBlaster LIVE!, una scheda che fornisce supporto ad audio ad alta qualità  con suono spaziale ed effetti tridimensionali. Da quanto appreso nel contesto dell'Expo da Macity direttamente da Creative, i prodotti saranno utilizzabili direttamente sul Mac anche se acquistati in negozi PC. Basterà  scaricare i giusti drivers dal sito di Creative. Questo è molto importante per un mercato come quello italiano dove i prodotti di Creative sono molto diffusi, ma è difficile trovare negozi specializzati che vendono prodotti per Mac.
logomacitynet1200wide 1

Lo shopping di Al Waleed

400 milioni di azioni di AOL (come dire 2000 miliardi di lire) e Compaq, 100 milioni di dollari in Kodak e Xerox. Questo è rimasto nel cestello del supermercato di Al Waleed Bin Talal dopo il suo ultimo shopping tra gli scaffali dei titoli tecnologici. Il principe saudita, uno degli uomini più ricchi al mondo, è noto per avere un grande fiuto negli affari di borsa e sopratutto per acquistare società  che vengono duramente colpite in borsa ma che mostrano grandi potenziali di crescita. La sua fama si è rafforzata anche grazie alla oculata scelta che fece ormai qualche anno fa quando con Apple in cattive acque acquistò milioni di azioni a 18$ "E ora sono a 140$", dice con giustificata soddisfazione il principe. "Quello che conta è la tempistica giusta - continua il principe - nei giorni scorsi ho comprato azioni con buone prospettive e il cui prezzo aveva raggiunto livelli ragionevoli. Non altrettanto si può dire di altri titoli che hanno ancora prezzi folli. La selezione sul mercato non è ancora finita". Il totale di azioni in titoli tecnologici di Al Waleed (che controlla anche azioni di Mediaset) ammonta a 7,3 miliardi di dollari: circa 15.000 miliardi di lire. (Grazie a Fabio Zambelli)
logomacitynet1200wide 1

L’era dei senza fili

Sarà  l'anno di Internet senza fili. Chi usa computer Apple lo aveva già  capito dalla scorsa estate, quando venne lanciato iMac con Airport. Allora, con la libertà  di girare per la casa senza avere una presa del telefono accanto, la libertà  di realizzare reti senza preoccuparsi di muri e distanza, si comprese che la schiavitù dal cavo ormai vacillava. Ora ad Internet World se ne accorge anche tutto il resto del mondo. Oltre a Intel che lancia il suo clone di Airport (Macity ne ha parlato ieri), sono infatti decine le società  che propongono prodotti che hanno a che fare con una Internet finalmente svincolata dalla presa del telefono.
logomacitynet1200wide 1

Darwin 1.0: la sfida

Darwin è stato rilasciato. Finalmente. E ora il suo destino potrebbe essere lo stesso che ha avuto MKLinux. Tenuto all'interno di Apple per mesi prima di essere reso pubblico, una volta presentato alla comunità  Open Source ha ricevuto in pochi mesi numerose modifiche che lo hanno reso solido, più veloce e più affidabile.
logomacitynet1200wide 1

Intel senza fili sfida Airport con la voce

Dovrebbe essere la capacità  di fornire anche servizi in voce l'arma segreta di HomeRF, lo standard di Intel per l'home networking senza fili, contro IEEE 802.11b, lo standard usato da Apple e da molti altri produttori come Lucent. HomeRF, che ha una velocità  di molto inferiore a quella di Airport e compatibili, non è in grado di supportare anche le trasmissioni di suono in stream, come invece è in grado di fare HomeRF "e la possibilità  di trasmettere in voce - dicono alla Intel - è una delle caratteristiche che più interessano ai service provider e in particolare a quelli che forniscono servizi in ADSL". L'obbiettivo, insomma, è quello di consentire in un futuro non lontano di telefonare usando le linee ADSL senza pagare le chiamate alle compagnie telefoniche, usando tecnologie differenti dal "Voice Over IP".
logomacitynet1200wide 1

Da Garibaldi a Topo Gigio

La nuova scheda madre di Intel avrà  il nome in codice "Garibaldi". Strano omaggio del maggiore produttore di chip mondiale all'eroe dei due mondi evocato come "padrino" della prima motherboard a supportare "nativamente" le memorie Rambus. Anche Apple in passato aveva usato nomi italiani per designare prodotti i fase di sviluppo. Buona parte della gamma Newton aveva nomi italiani come Gelato e Dante. Pochi sanno però che il nome italiano più curioso fu quello assegnato al Desktop Bus Mouse II; il predecessore degli attuali Mouse USB era denominato molto esplicitamente (ma solo per noi italiani, evidentemente) Topo Gigio.
logomacitynet1200wide 1

Chip Alpha a 1.6 GHz

C'è un altro brutto cliente in città . Dopo Intel e AMD che hanno annunciato ormai qualche settimana fa versione da 1 GHz dei loro Pentium e Athlon, anche Alpha potrebbe presto fare una comparsa sul mercato con processori con velocità  da clock da "urlo": 1.4 o addirittursa 1.6 GHz. "I nostri processori con tecnologia da 0,13 micron - ha detto Changkyu Hwang, vice presidente di Samsung che controlla Alpha - saranno in commercio la prossima estate, contestualmente a quelli della concorrenza". L'annuncio mette fine alle voci secondo le quali Samsung aveva deciso di ritirare i propositi di sviluppo di processori a 64 bit perchè i suoi tentativi non avrebbero consentito di superare Intel. I processori Alpha sono basati su tecnologia differente da quella usata da Intel e da AMD e sono destinati al mondo dei server.
logomacitynet1200wide 1

Internet World: QT Streaming anche su NT

Non c'è stato il preannunciato lancio di iMovie 2.0, ma non per questo non sono mancate interessanti novità  da parte di Apple all'apertura di Internet World di Los Angeles. Tra queste l'annuncio della disponibilità  della versione 1.0 di Darwin, una nuova partenership con Kanisa, una società  che si occupa di assistenza clienti, ma soprattutto la versione di Darwin Streaming Server per Windows NT.
logomacitynet1200wide 1

Microsoft: sentenza finale a fine maggio

"Non voglio perdere più del mio e del vostro tempo e non voglio che l'economia sia sconvolta. I rimedi al caso Microsoft devono arrivare entro due mesi". Chiaramente e in maniera diretta, come sempre, il giudice Jackson ha fatto intendere che i tempi per l'atto conclusivo del processo che segna una pietra miliare nella storia dell'economina informatica (e non solo di quella) saranno brevi, molto brevi: non più di una sessantina di giorni in tutto. Cancellata, quindi, la ipotetica data che fissava ad inizio estate il pronunciamento finale di Jackson, anticipato, a questo punto al prossimo 24 maggio. Nel corso di un'udienza che si terrà  alla corte federale di Washington sapremo quali saranno i provvedimenti che il giudice ritiene più adeguati per impedire a Microsoft di continuare ad abusare del suo potere monopolistico.
logomacitynet1200wide 1

FreeBe: mezzo milione di download

Sono state oltre mezzo milione, 550.000 per la precisione, le copie di FreeBe Os scaricate dalla scorsa settimana ad oggi. Lo annuncia un comunicato della stessa Be che sottolinea che la stima è stata fatta per difetto visto che include il sito principale di Be e quello dei partner ufficiali ma non quello di altri siti che offrivano la possibilità  di scaricare la versione gratuita del sistema operativo di Gassée. Ricordiamo che la FreeBe Os funziona solo con macchine Intel e gira "sopra" a Windows come libreria aggiuntiva. La versione Pro, che invece viene regolarmente venduta, è disponibile, oltre che in versione Intel anche in versione per PPC pre-G3.
logomacitynet1200wide 1

Netscape 6, il parere dei lettori

E' davvero terminata la Guerra dei browser? Secondo qualcuno ormaiper Netscape non c'è più nulla da fare visto che IE ha conquistato il 65% del mercato e si appresta a ad agganciare anche il restante 35% che faticosamente Netscape tiene ancora in mano. Secondo altri, invece, non è così e grazie alla versione 6.0 del suo navigatore la società  ora controllata da America On Line potrebbe recuperare terreno. Al proposito, dopo il rilascio della PR 1 del successore Communicator sono sempre di più coloro che possono esprimere un giudizio ponderato. Nella giornata di oggi Macity ha ricevuto riscontri al proposito, la gran parte dei quali non totalmente positivi. Alcuni li pubblichiamo qui di seguito.
logomacitynet1200wide 1

Scaricare Netscape 6

Netscape, come accennato, ha rilasciato a versione Preview 6.0 del suo navigatore. Dopo le difficoltà  a scaricare il software segnalate nell'edizione della serata alcuni amic ci hanno segnalato che ora l'installer è presente anche nella directory FTP dei siti di Netscape. Ricordiamo che la procedura funziona, più o meno, come quella di QuickTime. Una volta scaricato un piccolo programma di poco più di 200 kb è possibile scegliere i componenti che più interessano. In ogni caso l'intero pacchetto non supera i 6 MB di dimensione massima.
logomacitynet1200wide 1

Scaricarer

Netscape, come accennato, ha rilasciato a versione Preview 6.0 del suo navigatore. Dopo le difficoltà  a scaricare il software segnalate nell'edizione della serata alcuni amic ci hanno segnalato che ora l'installer è presente anche nella directory FTP dei siti di Netscape. Ricordiamo che la procedura funziona, più o meno, come quella di QuickTime. Una volta scaricato un piccolo programma di poco più di 200 kb è possibile scegliere i componenti che più interessano. In ogni caso l'intero pacchetto essenziale non supera i 6 MB di dimensione massima. Qui di seguito un riscontro al proposito del nostro amico Fabio Zambelli
logomacitynet1200wide 1

Nasdaq: Apple risale la china, Microsoft no

Apple recupera, Microsoft no. Questo il responso della giornata di ieri al Nasdaq che ha visto ancora una volta una seduta piuttosto nervosa chiusasi con un risultato positivo ma solo di poche frazioni di punto. Nel corso degl scambi, ancora una volta, i produttori di Windows sono usciti puniti dagli operatori finanziari che hanno venduto più che comprato le azioni MSFT. Alla chiusura degli scambi il valore era calato di circa 2,5 punti percentuali; AAPL, invece, è risultato in positivo del 2,4%.
logomacitynet1200wide 1

Il Wireless Intel non parla con Apple

C'è anche Intel nella sempre più affollata arena dei produttori di dispositivi di comunicazione senza fili. Sarebbeuna buona notizia per chi ha sempre creduto che le reti wireless sono il vero futuro, ma c'è un ma: lo standard di Intel non è compatibile con quello ormai molto diffuso denominato 802.11B e utilizzato, tra gli altri, da Apple con il suo Airport. Intel infatti aderisce ad una altro gruppo di produttori, che include Motorola e Proxim Tehcnologies, che supporta uno standard denominato HomeRF. Ad aggiungere confusione a confusione Intel supporta, anche se solo parzialmente, 802.11B nelle reti aziendali. Insomma, davvero un bel problema per gli utenti che invece di semplificarsi la vita se la vedono sempre più complicare.
logomacitynet1200wide 1

Yo-Yo al Nasdaq

"Record Yo-Yo al Nasdaq". Spiega benissimo il titolo di Wired la giornata di ieri sul listino dei titoli tecnologici della Borsa di New York: prima in positivo di due punti, poi in negativo di 14, alla fine chiusura con un tuttosommato accettabile -2%. Una situazione di estrema volatilità  che non ha riscontri nel passato recente e che ha le sue radici, più che nella sentenza contro Microsoft, nella crescita esplosiva dei titoli della Net Economy che hanno raggiunto valori davvero troppo elevati e in qualche caso addirittura sicuramente sproporzionati rispetto alle loro reali potenzialità  anche in un futuro lontanissimo. Sul Nasdaq sono infatti presenti titoli di piccole e medie aziende con bilanci in rosso o con guadagni scarsi da diversi trimestri che anche dopo lo storno del listino (sceso da quota 5000 a poco più di quota 4000, perdendo qualche cosa come più del 20% in una decina di giorni) valgono più di quanto non siano quotati colossi colossi consolidati da decenni di vita sul mercato, come ad esempio la stessa Apple. E a proposito della società  di Cupertino la giornata di ieri non è stata positiva visto che si è chiusa con un -4,50, ma certo è andata meglio di quanto non ci attendesse dopo l'inizio a -10%. Ha perso ancora anche Microsoft, la cui condanna ha fatto intendere qualcuno forse non molto ingenuamente, sarebbe stata alla base del crollo di ieri. I titoli della società  di Redmond sono stati quotati del 2,54% in meno dopo che lunedì erano già  scesi del 13% bruciando un centinaio di migliaia di miliardi in poche ore.
logomacitynet1200wide 1

Il computer di domani era già  pronto ieri

Un lettore di MacProf ha scovato un computer che ha sistema operativo multitasking preempitivo, memoria protetta, allocazione dinamica della memoria ai singoli programmi, controllo via software di tutte le impostazioni hardware della macchina, tre slot di espansione, disco rigido, drive per floppy, mouse a singolo tasto, uscite seriali, parallele, uscita video per monitor esterno. Non è un computer di oggi ma un computer di ieri (anzi, l'altro ieri). Per scoprire di che cosa si tratta basta fare click qui
logomacitynet1200wide 1

La stampa italiana su Microsoft canta con il coro

Nella giornata di ieri molti giornali italiani si sono occupati del caso Microsoft. In molti casi non è stato possibile non notare l'utilizzo di stereotipi, forse fondati su una consolidata scarsa conoscenza del mondo dell'IT e nell'inveterata abitudine a confondere Microsoft con il mondo dei computer in genere, ampiamente consolidati nei media della nostra nazionale. In altri casi sono stati pubblicati, non è possibile sapere quanto per ignoranza quanto per il tentativo di fare apparire la condanna del tribunale di Washington la messa al rodo gi un innovatore, veri e proprio falsi storici. E' il caso del "La Stampa" di Torino che in una pagina da cui emergeva un ritratto piuttosto parziale di Bill Gates (esemplare questo articolo di Zatterin) , ieri illustrava tra le geniali invenzioni di Microsoft il mouse. La Repubblica, che in passato si è sempre distinta per una certa continguità  con Microsoft, dava grande evidenza in prima pagina sulla sua edizione on line ai propositi di "vendetta" di Microsoft lasciando in secondo piano, almeno nel titolo, la notizia: Microsoft condannata. Proprio su Repubblica abbiamo però trovato un interessante e ben scritto articolo di Zucconi (che ricordiamo come utente Mac convertito, anche se a malavoglia, al PC) dal quale emergeno competenza sull'argomento e qualche spunto di riflessione. Per chi volesse, infine, sbizzarrirsi nel postare le sue considerazioni (e leggere qualche perla di saggezza di utenti PC, ma anche qualche intervento di utenti più consapevoli) consigliamo Forum de La Stampa . Inutile dire che il nostro invito è di far sentire la voce di chi "pensa differente".
logomacitynet1200wide 1

QT 4.1.1 in Italiano (o forse no?)

Sempre nella giornata di oggi, che evidentemente deve essere una specie di "Natale" dell'utente Mac, dovrebbe essere stato rilasciato anche QT 4.1.1 e l'aggiornamento dovrebbe essere anche disponibile per la versione Italiana del System. Il condizionale è d'obbligo perché i report che Macity ha ricevuto fino ad oggi sono contradditori e non consentono di fornire informazioni precise. In linea generale parrebbe che l'update sia ottenibile solo attraverso il pannello di controllo "aggiornamento software" una volta installato MacOs 9.04.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,344FansMi piace
94,924FollowerSegui