Il cognitive computing nel mondo dell’imaging medico

L’imaging cognitivo nella pratica medica quotidiana potrebbe aiutare gli operatori ad affrontare tematiche quali cancro al seno, al polmone e altri tipi di tumore, diabete, salute dell’occhio, patologie cerebrali e cardiache ed

[banner]…[/banner]

IBM ha annunciato la creazione di Watson Health Medical Imaging Collaborative, un’iniziativa che vede coinvolti 15 sistemi sanitari, centri medici universitari, strutture di servizi radiologici ambulatoriali e società di tecnologia di imaging di primo piano. Il progetto collaborativo mira a portare l’imaging cognitivo nella pratica medica quotidiana, per aiutare gli operatori ad affrontare tematiche quali cancro al seno, al polmone e altri tipi di tumore, diabete, salute dell’occhio, patologie cerebrali e cardiache ed eventi correlati, come l’ictus.

L’idea alla base è usare Watson (un sistema di congitive computing sul cloud in grado di analizzare grandi volumi di dati, comprendere domande complesse poste in linguaggio naturale e propore risposte basate sulle evidenze) per estrarre informazioni da dati di imaging non strutturati precedentemente “invisibili” e di poterli combinare con un’ampia varietà di dati provenienti da altre fonti. Così facendo, i medici possono prendere decisioni per cure personalizzate, mirate a uno specifico soggetto, costruendo al contempo un corpus di conoscenze a beneficio di più vaste popolazioni di pazienti. Queste informazioni possono comprendere dati provenienti da cartelle cliniche elettroniche, referti radiologici e patologici, risultati di laboratorio, annotazioni dei medici sui progressi osservati, riviste di settore, linee guida sulle cure cliniche e studi sugli esiti pubblicati.

L’obiettivo è raccogliere dati basati su esperienze eterogenee tratte dal mondo reale e condividere i risultati per suggerire alla comunità medica come ridurre le inefficienze operative ed economiche, ottimizzare il flusso di lavoro dei medici e adottare un approccio incentrato sul paziente per migliorare l’assistenza e gli esiti. Inoltre, gli esperti medici potrebbero stabilire come integrare la tecnologia nei sistemi IT sanitari esistenti delle società di tecnologia di imaging del progetto collaborativo. Ad esempio, l’integrazione con le cartelle cliniche elettroniche e i sistemi di archiviazione e trasmissione delle immagini (PACS), per fornire agli operatori insight cognitivi all’interno dei flussi di lavoro clinici esistenti.

I membri del progetto lavoreranno in team con gli esperti di cognitive computing di Watson Health per addestrare il sistema in merito a patologie cardiovascolari, salute dell’occhio e altre condizioni cliniche, utilizzando i dati forniti dai membri stessi o da registri delle malattie basati sulla popolazione, che contengono milioni di casi anonimizzati provenienti da tutto il mondo.

medi2