Dieci anni di iPhone, la rivoluzione è partita anche dalle App

Dieci anni di iPhone significa anche dieci anni di App e App Store: come è cambiata la nostra vita, che cosa è adesso il mercato delle App visto dai numeri e dalle impressioni.

App Store, casi e curiosità

Ma la storia di App Store non è fatta solo di numeri, il più importante negozio mobile del mondo è anche il fulcro di molte storie curisoe e interessanti da raccontare.

Come il caso dell’App “I’m Rich”, una App proposta al costo di 999,99 dollari (avete letto bene, un migliaio di Dollari per una sola App) per una App che sostanzialmente non faceva altro che mostrare un mantra per restare “ricchi, in salute e avere successo”. L’App, rimasta sullo store per alcune ore, è stata acquistata da ben otto persone prima di essere ritirata dallo store: probabile che l’autore, Armin Heinrick, abbia voluto creare una icona, un gioiello (al pari di un paio di orecchini, o una collana) nel mondo delle App, che solo una persona veramente ricca (da qui il nome dell’App) avrebbe potuto acquistare.

L’operazione ha comunque fruttato 8000 Dollari, per un ricavo di 5600 Dollari allo sviluppatore, in un pomeriggio!

App
L’App I’m Rich, di Armin Heinrick

Altri giochi sono stati più visibili ma non meno intricati: nel 2012, ad esempio, Facebook ha acquistato l’App Instagram per 1 miliardo di dollari, una operazione che ha dato la svolta nel settore delle acquisizioni digitali. Si pensi che nello stesso anno la tedesca Audi ha acquistato il marchio DUCATI per 1,12 miliardi di dollari, una cifra non molto distante da quella di Instagram, seppure molto diversa dal punto di vista dei contenuti.

La storia, tuttavia, ha dato ragione all’azienda di Zuckerberg, perché solo due anni dopo Instagram valeva ben 35 volte tanto.

Casi eclatanti ci sono stati anche recentemente: Supercell, la casa che produce alcuni titoli che oramai stanziano stabilmente nei primi posti della classifica di App Store come Clash of ClansBoom Beach (che noi di Macitynet abbiamo recensito qualche tempo fa) e Clash Royale, è stata acquisita all’84,3% dalla cinese Tencent per 8,6 miliardi di dollari.

Giusto per fare un confronto, il gruppo cinese Suning Holdings Group ha acquistato l’Inter più o meno nello stesso periodo per un valore stimato tra i 600 e i 700 milioni di euro).

Non è una cosa che agli economisti piace fare, perché si tratta di cose molto diverse, però è inevitabile pensare che Supercell, una azienda di 20 persone che produce 5 App con sede in Finlandia, sia stata valutata più di una società di calcio con più di cento anni di storia.

Senza contare quanto si è speso in chiacchere su alcune App come Pokemon Go, da un lato capace di ricavi mastodontici e dall’altro capace di generare avvisi da parte delle autorità.

clash royale
Clash Royale, uno dei titoli più famosi di App Store

App Store e futuro

Inevitabile pensare che App Store, e con esso tutto l’ecosistema iPhone (più iPad, e in piccola parte anche Apple TV e Mac) abbia ad oggi un futuro più che roseo, con prospettive di crescita e raffozamento ben maggiori di dieci anni fa.

Una posizione e un futuro da cui tra l’altro dipendono moltissime realtà: da Facebook a Nintendo, da Supercell a Yahoo, da Apple stessa sino anche a Google, il settore del mobile è intrecciato oramai a quello delle App a doppio filo e con esso l’economicità di moltissime realtà.

I dieci anni di iPhone vedranno sicuramente delle novità, perché da tempo si vocifera di una nuova versione di iTunes, di un iPhone più nuovo del solito che festeggi i dieci anni, di un App Store più elastico per gli sviluppatori (magari con maggior chiarezza) e di nuove direzioni e prospettive, che ad oggi come dieci anni fa, possono arrivare soprattutto da Apple.

Noi di Macitynet ci auguriamo questo e anche di più, dato che anche noi viviamo sulla scia di App Store, di iPhone e di tutto quanto fa mobile e web (oltre che da browser, il nostro sito può essere letto anche dall’App per iOS): così vi suggeriamo di seguirci non solo per le news, ma anche per tutte le offerte di App che di tanto in tanto pubblichiamo e, se vi va, lasciateci la vostra impressione, nei commenti, su quella che è stata la vostra App preferita in questi dieci anni.

schermata-2017-01-08-alle-15-51-31-png_1500
L’App di Macitynet