HomeMacityEducationDigital Universe 2.40

Digital Universe 2.40

“The Digital Universe” è uno dei pacchetti più completi per studenti e osservatori professionisti. Oltre alla “tradizionale” e completa visualizzazione planetaria, infatti, questo applicativo mette a disposizione un’esaustiva enciclopedia ipertestuale che può essere richiamata in qualsiasi momento e che è in grado di assistere l’utente illustrando le caratteristiche dei vari corpi celesti. La parte enciclopedica è forse un po’ povera dal punto di vista “mediatico” (non ci sono animazioni, filmati o voci narranti) ma è completissima dal punto di vista teorico e tecnico: è in grado di consigliare particolari tecniche d’osservazione e spiega dettagliatamente moltissimi concetti base e avanzati del campo astronomico. Per chi è alle prime armi, molto utile sarà  la parte introduttiva, corredata da un completo dizionario dei termini usati, dalla biografia di molti personaggi famosi e con la descrizione dettagliatissima di oltre 5000 satelliti e corpi celesti di vario tipo. Tra le caratteristiche più interessanti, da rimarcare senz’altro è la presenza di un database enorme contenente circa 20 milioni di oggetti: stelle, galassie, nebulose, pianeti Vari e importanti database astronomici sono stati integrati direttamente nel software: Hubble (un ricchissimo archivio astrometrico e fotometrico creato in tre anni da un’associazione di ricercatori astronomici americani a supporto del telescopio “Hubble”) ma anche “Hipparcos” e “Tycho”. Ogni archivio può essere aggiornato via Internet man mano che nuovi oggetti sono scoperti e classificati.
Il punto di vista dell’osservatore può essere selezionato da un elenco di oltre 1000 città  predefinite; volendo è ad ogni modo possibile specificare esattamente il proprio punto di vista indicando latitudine, longitudine e altitudine.Il rendering degli oggetti può essere effettuato direttamente sullo schermo con la dimensione e l’orientamento appropriato, specificando quali e quanti oggetti eventualmente visualizzare e consentendo così di avere viste molto realistiche di qualsiasi regione celeste.
Molto utile risulterà , infine, la possibilità  di generare animazioni QuickTime di qualsiasi evento. Questa opzione sarà  utile per chi debba effettuare presentazioni, dimostrazioni e anche – perché no – siti web e prodotti multimediali nei quali sia necessario inserire dei filmati che illustrino le peculiarità  di particolari eventi astronomici.
Questa nuova versione introduce decine di funzionalità  aggiuntive e supporta i controlli LX200 deii telescopi meccanizzati “Autostar”.
[A cura di Newton ]

Offerte Speciali

Come acquistare MacBook Air M1 a rate su Amazon con carte ricaricabili

Mac Book Air M1 torna a 999 €, 230 € di risparmio su Amazon

Il modello di MacBook Air M1 nella versione da 256 GB torna sotto i mille euro su Amazon ed arriva entro la settimana.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial