Home Macity iTunes, Music & Video Dvd Jon, ora viene il tempo del profitto

Dvd Jon, ora viene il tempo del profitto

Commercializzare il suo lavoro di reverse engineering grazie al quale tutti i negozi musicali potranno vendere canzoni comptibili con iPod. Questa l’€™ultima idea di Jon Lech Johansen, hacker norvegese divenuto noto in tutto il mondo per avere scardinato quando era ancora adolescente e per puro divertimento il CSS (Content Scramble System), il sistema di protezione dei Dvd.

John Johansen (noto anche come DVD Jon), divenuto adulto, ha cominciato ad interessarsi ad altri sistemi di protezione dei diritti digitali tra cui anche Fairplay, il Drm di iTunes. Si deve alle sue ricerche se sul mercato (grigio, trasversale e non del tutto legale) esiste del software in grado di sproteggere le canzoni vendute da iTunes. Più recentemente Johansen aveva provato a trasformare in un business la sua attività , puntando sul reverse engineering di Fair Play, ovvero sulla ricostruzione del sistema con cui di Fair Play protegge le canzoni e conseguentemente, in base alla legge americana, dare la possibilità  ad altre aziende di creare musica per iPod.

Un primo tentativo, costruito intorno ad un progetto del controverso Michael Robertson denominata Oboe che aveva quale obbiettivo proprio quello di creare un sistema di condivisione della musica (compresa quella acquistata da iTunes) su Internet. Il lavoro fianco a fianco con l’€™uomo delle sfide impossibili (tra cui la creazione di un sistema operativo basato su Linux denominato Lindows in grado, grazie a Wine, di far girare applicazioni per Windows) però non lo avrebbe soddisfatto portandolo da San Diego a San Francisco per lavorare con una startup denominata DoubleTwist.

Secondo GigaOM, che riferisce la vicenda, l’€™obbiettivo primario della nuova società  (fondata da Monique Farantzos) sarebbe quello di commercializzare il frutto delle ricerche di Dvd Jon per permettere a chiunque, legalmente, di vendere musica compatibile con iPod. Tra i progetti della società  ci sarebbe anche quello di creare un software di reverse engineering anche per i filmati da mandare su iTv. La Frantzos e Johansen scommetterebbero che ci sono vari produttori di show disposti a pagare per avere l’€™hack studiato da DVD Jon

Il progetto sarebbe stato presentato, sempre secondo GigaOM allo stesso Steve Jobs che non sarebbe stato così risoluto nel fronteggiare le intenzioni di DoubleTwist, forse perché, ipotizza la rivista on line, Apple sa che più negozi che vendono canzoni compatibili con iTunes significano più iPod venduti.

La tesi, francamente, non sembra molto credibile se si considera che se è vero che Apple potrebbe vendere più hardware se ci fossero più negozi che vendono musica (o video) compatibili con i suoi player, è altrettanto vero che la stessa cosa accadrebbe se il software fosse concesso in licenza da Apple che, nel qual caso, guadagnerebbe anche dalla vendita dei diritti ad usare FairPlay. Per quale ragione Cupertino dovrebbe essere felice di vedere che qualcun altro realizza fatturato sottraendolo alle sue casse, non è del tutto chiaro. Per questo sembra difficile che, anche ammesso che davvero Johanson abbia visto Jobs presentandogli il suo progetto, il Ceo di Cupertino possa avere accolto con l’€™annuncio con qualcosa di meno che una minaccia di querela.

Offerte Speciali

Super sconto su MacBook Pro 13″ 16/512 GB: risparmio da oltre 400 euro

Su Amazon è in forte sconto il nuovo MacBook Pro 13" in versione 16 GB RAM / 512 GG HD SSD. Lo pagate oltre 400 euro meno del prezzo Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,822FollowerSegui