fbpx
Home Macity Top News Apple Entro il 2001 applicazioni per OS X al 55%

Entro il 2001 applicazioni per OS X al 55%

La transizione dall’ambiente Classic a MacOs X pare essere avviata al successo. Almeno questo si deve dedurre scorrendo i dati di un sondaggio svolto da Apple nel contesto della WWDC, la conferenza mondiale degli sviluppatori, e resi noti recentemente.Dall’indagine emerge infatti che ben il 75% degli sviluppatori presenti a San Josè, tra questi praticamente tutti i principali partner di Apple, ha dichiarato di essere intenzionato a rilasciare versioni per il nuovo sistema operativo entro il 2002. Il 55%, però, dato ancora più confortante, ritiene di essere in grado di annunciare versioni native per OS X entro la fine dell’anno in corso. Di questi il 29% pensa di annunciare prodotti aggiornati entro tre mesi, quindi prima del mese di settembre, il 26% entro quattro o sei mesi.Il sondaggio ha assodato che la grande maggioranza degli sviluppatori usa Java e Objective C. Cocoa, il tool prediletto da Apple per la creazione di applicazioni, supporta sia un linguaggio che l’altro. Un terzo degli sviluppatori, poi, usa Project Builder IDE, che viene distribuito con i CD di MacOs X.Infine dal sondaggio emerge che tre su quattro sviluppatori per MacOs stanno scrivendo applicazioni che sono capaci di trarre vantaggio delle caratteristiche di MacOs X; il 35% di coloro che intendono lavorare su applicazioni per OS X stanno pianificando di utilizzare Cocoa

Offerte Speciali

Airpods Pro al minimo prezzo storico: sconto da 45 euro

Ultime ore Black Friday: tornano gli Airpods Pro a 199,99 €, AirPods 2 a 119 euro

Su Amazon gli Airpods Pro scendono di prezzo. Le comprate a prezzo scontato e spedizione immediata a 199,99 euro invece che 279 euro anche grazie ad uno sconto nel carrello.
Articolo precedenteUpdate per il sistema Italiano
Articolo successivoClient Oracle per Os X