Firma Digitale: se ne occupa l’AntiTrust

Il 13 febbraio 2002 l'Autorità  Garante del Mercato e della libera Concorrenza di Roma ha ufficialmente comunicato allo Studio Polli che è stata aperta la pratica nei confronti della società  delle Camere di Commercio - INFOCAMERE - sulla base di una denuncia per comportamento pro MS da parte del Dott. Giuseppe Polli.

La segnalazione notificata in data 5 novembre 2001 all’Autorità  Garante nasce dal fatto che la Legge impone il deposito di tutti gli atti relativi alle società  – bilanci, variazioni ecc. ‘€“ presso la Camere di Commercio per via telematica. I documenti dovranno essere prima “firmati” elettronicamente con l’utilizzo delle smart card in distribuzione presso tutte le Camere di Commercio e poi trasmessi con appositi software. Questo avrebbe dovuto iniziare il 9 dicembre 2001, poi la Legge Finanziaria ha rinviato di un anno questo obbligo. Il problema nasce dal fatto che INFOCAMERE – società  informatica delle Camere di Commercio, quindi Ente pubblico – ha messo a disposizione gratuitamente sul proprio sito gli appositi software:

1. per la firma elettronica – che prende il nome di DIKE –
2. per la preparazione delle variazioni ecc. – che prende il nome di FEDRA –

Per poter utilizzare la smart card è necessario acquistare un lettore di smart card, che necessita di una porta seriale per essere collegato al computer. Oggi la porta seriale può essere utilizzata con PC non con MAC; Inoltre le versioni DIKE e FEDRA sono per ambiente Microsoft Windows. Le promesse di INFOCAMERE di realizzare anche software per l’ambiente della Firma digitale in ambiente MAC mi sembrano vaghe e circostanziali – pare che stiano testando le soluzioni – nel frattempo pubblicizzano la distribuzione delle smart card (135000 unità  già  consegnate) ma senza fare accenno allo sviluppo in altri ambienti operativi. Lo Studio Polli e tutta la Redazione di Macitynet rimarrano in attesa dei risvolti della questione tenendovi informati sull’€™evoluzione giuridica e tecnica della questione.
Sappiamo comunque che Infocamere si sta attivando e gia’ prima di questo nuovo sviluppo era alla ricerca di una soluzione in grado di facilitare il porting della firma digitale sulla nostra piattaforma grazie anche alla disponibilita’ piu’ o meno recente di lettori Smart Card con interfaccia USB.

Per maggiori informazioni sull’iniziativa di Studio Polli
(cliccare sul logo “FUNERALE per la libera concorrenza – 9 dicembre 2001 -“)

Altro link – sulla Firma digitale – a titolo di opposizione a tale procedura
obbligatoria dal prossimo dicembre e’ possibile trovarla come Lettera aperta di
Cesare De Carolis
– Avvocato e Giampiero Guarnerio – Dottore commercialista

Di firma digitale e questioni annesse si sta occupando da tempo il Forum di MacityNet in questa sezione.