andre00

Members
  • Content Count

    546
  • Joined

  • Last visited

About andre00

  • Rank
    Nothingman

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Andrea
  • Città
    Milano
  • Lavoro
    Studio Architettura
  • Mac che possiedo
    MBP 17"

Contact Methods

  1. boh francamente credo che la grecia sia tranquilla, e poi stai solo due settimane, per cui secondo non dovresti farti troppi problemi... se stessi partendo, chessò, per la bolivia sarebbe un altro discorso! giusto per curiosità : i fotografi della national geographic che si girano i posti più sperduti del mondo si muovono sempre con qualche assistente, e a volte con una scorta armata!
  2. quoto alla grande. che poi magari gli zoom di ottima qualità esistono (tipo il 70-200 2.8) però costano migliaia di euro e sono incredibilmente ingombranti. ergo, vanno bene per i fotografi di matrimoni... il 12-24 ce l'ho anch'io ed è buono, però non mi sembra sia adatto a fotografare dei concerti in quanto l'angolo di campo è davvero grande. i grandangoli sono molto più difficili da usare (bene) di quanto sembri. forse è meglio qualcosa di intermedio, tipo 24-85 o simili. io comunque andrei su nikon evitando altre marche, ricordati che gli obiettivi durano per sempre mentre i corpi (digitali) diventano subito obsoleti!! se non lo conosci già dai un occhio su www.kenrockwell.com, è una miniera di informazioni sugli obiettivi.
  3. non parliamone, io ero a buenos aires e mi è stata rubata (direttamente, coltello alla gola) una mitica nikon FE + 50mm 1.4 + 20mm 2.8 + 105mm 2.5... il meglio del mio corredo fotografico, e ben più di 600 €!! anch'io mi voglio informare sulla possibilità di assicurare la mia attrezzatura, ma forse è difficile se non sei un fotografo professionista. inoltre temo che ne valga la pena solo quando il valore inizia a essere consistente, diciamo oltre i 1000 euro. bisogna poi vedere quali casi vengono coperti e quali no... gli unici consigli che posso darti sono abbastanza banali: _non usare la classica borsona fotografica, ma una borsa qualsiasi (io ho una vecchia tracolla militare sdrucita) _non esibire inutilmente la macchina fotografica _in città evitare luoghi poco frequentati/malfamati, o perlomeno essere in due in molti casi funzionano, ma ovviamente se ti capita (come a me) di essere fermato e minacciato c'è ben poco da fare!! ad ogni modo se ottieni qualche informazione postala, che mi interessa!
  4. qualsiasi obiettivo a focale fissa ha una qualità ottica enormemente superiore degli zoom plasticoni che hai scritto (perche' mortificare così una d300?). costa molto meno, ed è sicuramente più leggero e compatto. inoltre con un obiettivo fisso impari davvero a fotografare, perchè sei costretto a spostarti invece che zoomare, e di conseguenza a ragionare sulla composizione dell'immagine. soprattutto se sei all'inizio, consiglio un 35mm, che sul formato DX equivale circa al 50mm, cioè l'obiettivo normale. va bene per qualunque cosa. piuttosto che il 35 f/1.8 DX, consiglierei il 35 f/2 perchè è più compatibile e puoi trovarlo anche usato ad ottimi prezzi (ebay). in alternativa, se ti interessano i grandangoli, puoi considerare un 20 o un 24 (meglio), mentre il 28mm su dx diventa troppo lungo. il 50mm invece mi sembra meno utile, visto che diventa equivalente ad un 75mm: un po' corto per i ritratti, e troppo lungo per essere versatile... in conclusione un consiglio: quando compri un obiettivo tieni sempre a mente che molto probabilmente tra qualche anno tutte le nikon saranno in formato FX. per cui comprare obiettivi esclusivi per DX secondo me è rischioso.
  5. strumento taglia con le falde
  6. beh non è il mio caso... a meno che io non sia diventato "daltonico" contemporaneamente all'acquisto del nuovo mac!
  7. se tu vuoi semplicemente ruotare un muro in modo da renderlo parallelo al piano orizzontale, non si può. in archicad funziona così: _superfici verticali=muri _superfici orizzontali=solai come nella realtà del resto...
  8. sono ovviamente d'accordo con voi. non ci si può aspettare molto dai monitor di un portatile, e in generale la gestione del colore è uno degli aspetti più complessi e meno prevedibili della grafica digitale. però qua si apre un OT potenzialmente infinito... come ho già detto, almeno il mio vecchio mbp i grigi me li mostrava grigi... visto che ora non è più così, deduco che i nuovi display sono di qualità inferiore. aggiungo che, a mio parere, la apple ha usato la menata del glossy (colori più vivi ecc) anche per mascherare l'utilizzo di schermi più scarsi. si tratta sicuramente di una pratica (troppo) diffusa tra i produttori di pc, ma questo non giustifica la apple, che tra l'altro, sostiene di rivolgersi ai professionisti.
  9. comunque, visto che sembra così difficile da capire, e visto che ho entrambi i mbp, proverò a fare delle foto al monitor. se i risultati sono decenti li posto qua.
  10. Oh ragazzi proprio non capisco tutte queste polemiche. Anche perchè mi sembra che la maggior parte di voi non possieda un mbp unibody e quindi stia parlando in astratto. Io ho scritto la mia esperienza, e la ripeto: _mbp 17 primissima serie: le piante (architettoniche) che disegnavo in grigio si vedevano GRIGIE _mbp 15 unibody: ora le stesse piante si vedono ROSA entrambi i monitor sono CALIBRATI allo stesso modo, con una sonda hardware. quindi per me questo è un difetto del nuovo monitor, punto e basta. macteo: non c'entra nulla il discorso del web. queste cose le noto quotidianamente lavorando con illustrator. e non c'entra nulla neanche il problema del gamut CMYK, visto che il problema si presenta anche con documenti RGB. anzi, si presenta per qualsiasi grigio chiaro, compreso quello delle pagine web. ormai ci sto facendo l'abitudine, e alcuni rosa li "vedo" già grigi. però così non dovrebbe essere. o sbaglio?
  11. @ sem: le indicazioni di tigerman non sono vaghe per nulla, anzi molto precise. lui dice che una campitura uniforme in grigio molto chiaro, creata per esempio con illustrator o photoshop, con valori del tipo CMYK 0 0 0 5 RGB 252 252 252 si vede rosa! e credimi, non è una leggera tendenza, ma è proprio nettamente rosa, e non grigio, come teoricamente dovrebbe essere. come ho scritto nel messaggio sopra, la calibrazione con la sonda non risolve il problema (né tanto meno quella di osx). sono proprio i monitor ad essere scarsi.
  12. confermo, ho lo stesso problema sul mio mbp 15 unibody. a scanso di equivoci, sottolineo che il mio monitor è calibrato regolarmente con una sonda xrite eye-one 2 me ne sono accorto praticamente subito, visto che studiando architettura lavoro molto con disegni spesso tendenti al grigio chiaro. ovviamente con il mio precedente mbp 17 questo non succedeva, segno che lo schermo del nuovo mac è sicuramente di qualità inferiore (e infatti è glossy). mi girano molto le *****, proverò anch'io a contattare l'assistenza.
  13. andre00

    iPhoto09

    @superpendolare: ho notato anch'io questa cosa e mi sembra davvero assurdo, tanto più che non si può neanche scegliere la dimensione in pixel delle foto da uppare ma si è costretti a due inutili preset! probabilmente alla apple ci pigliano tutti per idioti... è per questo che dico che iphoto 09 è una ciofeca: un paio di funzioni (inutili) che fanno figo sul palco del keynote, ma su tutto il resto non è migliorato di una virgola. a proposito: visto che, come già detto, non me ne può sbattere di meno della funzione "volti", qualcuno sa come disabilitarla?
  14. invece un po' il mio mestiere lo è, mi sto laureando in architettura per cui vedo un sacco di render ultimamente con brutte intendo innaturali, non so tu ma se dovessi sedermi su un divano con quel tessuto là (per non parlare delle nappe!) mi verrebbero i brividi! come anche la buccia d'arancia sul soffitto è davvero esagerata comunque non voglio entrare nel merito architettonico dell'ambiente, i miei sono suggerimenti più che altro tecnici
  15. Infatti, a meno di non essere dei professionisti della fotografia in studio (ma allora non si usa certo una d40) forse l'unica cosa davvero utile di un flash esterno è la possibilità di orientare il lampo con angoli diversi, per esempio sul soffitto in modo da ottenere una luce più morbida.