denello

Members
  • Content Count

    7
  • Joined

  • Last visited

About denello

  • Rank
    Novizio

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    DenellO
  • Interessi
    Boards
  • Lavoro
    Programmatore
  • Mac che possiedo
    MacBook Pro
    17-inch
    2.33GHz
  1. In effetti come qualcuno ha già fatto notare sto sondaggio è un po sballato ...i programmi in questione fanno cose diverse In ogni caso l'uso combinato di boot camp con un virtulizer apre davvero nuovi orizzonti. Uso Boot Camp e WMvare Chi per esempio ha l'esigenza di testare siti/applicazioni web che "in produzione" gireranno su Winzoz 2003. Cosi è possibile sviluppare con software Adobe su OSX e fare deploy per test consistenti su Winzoz 2003. Ora ho raggiunto la mia config ideale (ovvero che soddisfa tutte le mie esigenze utilizzando esclusivamente il mio MBP): -Installo OSX -Installo Boot Camp (e relativo CD drivers) -Installo Win2003 (tramite Boot Camp quindi con un istallazione stadard e non una virtualizzazione) -Faccio partire Win2003 e ci installo il software necessario (IIS6, ColdFusion 7, Microsoft SQL Express Edition 2005, Red5) -Reboot al boot passo a OSX -Installo VMware che senza alcun problema al primo utilizzo mi becca la partizione Win2003 e me la usa come se fosse una normale virtualizzata. Con le ultime versioni di VMWare i tools beccano tutto e riesco a raggiungere via http il mio serverino win2003. Per adesso, quando lavoro su OSX, la condivisione dei file tra ambiente di sviluppo client (OSX) e ambiente di sviluppo server (win2003) è una directory su un HD esterno che pero' è mappata in IIS6 come virtual dir quindi non devo spostare i files una volta modificati. Il prossimo passo sarebbe quello di riuscire a fare una terza partizione alla quale possa avere accesso sia da OSX che da Win2003 quando Win2003 è lanciato tramite VMware da OSX (cercasi consigli...dispe) In questo modo se voglio usare Win2003 al 100% lo posso fare bootandolo se invece mi server come virtuale non mi resta che lanciarlo da OSX con VMWare.
  2. Non so se puo essere un consiglio generale ma, dopo aver premuto il tasto alt ed essere davanti alla schermata in cui si deve scegliere con che OS partire io attacco uso e poi stacco il mio mouse usb. In questo modo al momento di arrivare alla schermata dos dove scegliere quale tipo di installazione XP usare la tastiera mi funziona sempre.
  3. "Unable to open disk image Boot Camp" Ricevo questo messaggio tentando di montare in Parallel la parttizione XP funzionante con Boot Camp. La partizione XP è NTFS ed ho istallato "Parallels tools for boot camp" (che pero' ho dovuto scaricare da Emule perchè sul sito della Parallels non ho trovato il file "Parallels-Tools-Bcp-1.0.3-Win.exe"). Cosa mi manca? Perchè non funge? Spero non dipenda dalla partizione NTFS. Qualcuno è riuscito a lanciare XP (BootCamp - NTFS) da parallels? L'argomento mi interessa per un semplice motivo. Vorrei poter tenere il mio ambiente di sviluppo su MAC OS e poter deploiare codice su XP (con installato IIS5) in modo da simulare l'architettura produttiva. Secondo voi è raggiungibile da OSX via HTTP la macchina virtualizzata da Parallels(utilizzando comunque un istallazione Boot Camp)? Ovvero l'ip di XP virtualizzato sarebbe secondo voi raggiungibile da OSX? Spero di non essere stato troppo contorto tnks
  4. E' proprio cosi', scollegando il muose USB e riavviando l'istallazione parte correttamente. Grazie 1000 Proposta della nota ottima idea, probabilmente altri utenti dalle "mani sudate" incapperanno nello stesso problema.
  5. Ciao a tutti, ho un problema sul mio MacBook Pro (dual 2.33 Ghz 17'). Sto cercando di installare XP seguendo la procedura guidata di Boot Camp. Il Mac fa reboot e riparte leggendo il CD di XP. Parte in automatico la schermata blu di istallazione di XP. Dopo il primo disclaimer al momento di scegliere come procedere (Enter - installa ora XP / ... /F3 esci) mi blocco, il tasto Enter pare non funzionare, neanche tenendo premuto il tasto Fn. Ho sbagliato qualcosa nella procedura che inizializza la partizione o c'è un ulteriore combinazione di tasti per emulare il tasto Enter? Spero mi possiate aiutare tnks
  6. Premetto subito che penso proprio di aver fatto un bel casino. Ho riesumato dai magazzini un vecchio Power Mac (266Mhz, 512MB, 4GB, lettore CD e floppy) per poter testare alcuni siti con Safari. Il Mac in questione aveva installato OS 9. Ho cercato un po' di documentazione su internet per come procedere con un upgrade a OS X 10. Trovata la soluzione XPostFacto procedo e tutto sembra andar bene. Piccolo particolare, lo stordito (ovvero il sottoscritto), al momento di scegliere la partizione su cui installare il nuovo SO, decide di spianare la partizione corrente e di utilizzarla per l'installazione di OS X 10..... (fenomenale vero....) Risultato l'installazione OS X 10 termina correttamente ma al reboot del MAC mi viene mostrata l' icona di un floppy in mezzo allo schermo... il che non puo' che farmi concludere che ho spianato anche il boot sector del disco o che comunque il MAC cerca di bootare con le info applicate da XPostFacto che ho spianato insieme a OS 9. Ora la mia domanda è molto semplice... C'è una via d'uscita "veloce" o devo per forza reinstallare OS 9 e rifare tutta l'installazione di OS X 10 su una partizione differente? Ho fatto alcuni tentativi tipo masterizzare da un PC XP (MAC non ne abbiamo altri..) l'immagine XPostFacto4.dmg su un CD ed utilizzarlo per fare il BOOT del MAC ma il CD (fatto con l'opzione CD-Bootable di Nero) non sembra risultare bootable per il MAC. Come posso realizzare un CD bootable con anche l'immagine XPostFacto4.dmg da XP? E' una strada che secondo voi e percorribile e porta al risultato atteso o non è neanche il caso di provare? Spero mi possiate aiutare visto che so' proprio pippa Salutao
  7. Ciao, sono nuovo di questo forum quindi prima di tutto faccio i miei saluti a tutti. Il Denello è un ex utente Mac che per necessità professionali è dovuto migrare a PC (é dal 94 che praticamente non tocco un Mac....), ma l' astinenza da Mac è durata sin troppo. Adesso il Denello ha una casettina tutta sua provvista di TV LCD (DVI), amplificatore e casse (5+1). Non sono un "estremista" dell'alta fedelta (ne video ne audio), quindi non ho particolari esigenze; obiettivo mini mac !! Ho pensato ai nuovi mini mac Intel e sono abbastanza lanciato (e trepidante per il ritorno di un Mac in casa mia); vorrei solo capire quale possa essere il miglior prodotto USB2/wirefire da abbinargli che possa ricevere almeno il segnale TV (cavo antenna) e quello satellitare. (1) In particolare vorrei essere sicuro di prendere un prodotto che anche a livello software sia compatibile con MAC (e sino ad ora ho trovato solo prodotti corredati da software solo per PC). Se poi esiste uno "scatolotto unico" USB2/wirefire che in piu' mi consenta di collegare anche TV via cavo e TV digitale terrestre allora sarei davvero a posto, ma mi accontenterei dell'opzione (1).