lucio

Members
  • Posts

    42
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by lucio

  1. Mi siete stati davvero utili, grazie. Il Mac G5 2 giga è senza iSight, vuole la ram DDR semplice. Crucial lo conoscevo, purtroppo ho problemi con l'inglese, è in inglese anche quello europeo. ciao
  2. Ciao ragazzi, domando scusa, ma non sono riuscito ad aprire una nuova discussione. ho inviato a un venditore le specifiche per comprare 2 giga di memoria Kingston per l’iMac G5 – 20 che sono: DDR PC3200 CL=3 UNBUFFERED NON-ECC DDR400 2.6V 128Meg x 64 mi hanno risposto indicandomi questa ram al prezzo di 167 €. - 2 x 1Gb, DDR2 RAM 533 Mhz; Sapete per piacere se è la stessa cosa? E il prezzo può andare bene?
  3. probabilmente al CD erano poco informati. però sul sito Apple 1GB DDR400 SDRAM (PC3200) costa 220 eu. Cioè continua a valere la regola di non comprare memoria Apple. Al proposito c'era un tempo proprio in questo sito una discussione, che non si trova più.
  4. Sì, al Computer Discount (a Cagliari, almeno) 135 le DDR-400, e circa 325 (!) le SDRAM. La ragione mi ha detto il tipo, è che le SDRAM sono il vecchio tipo di memorie, quindi non le fanno più, ma vengono sempre richieste. Comunque, se costano 110 tanto vale andare a un Punto Apple. Io però continuo a non capire. Nell’imballaggio, nella scatola dell’Imac G5 c’è scritto letteralmente « 512MB di SDRAM DDR; supporta fino a 2GB». Al Comp. Discount mi hanno detto che la SDRAM DDR non esiste; e che sarebbe come andare a rifornire la macchina chiedendo «il pieno di benzina-gasolio». O è l’uno, o è l’altro. Cioè la la ram può essere di tipo SDRAM o DDR. Perdonate l’ingenuità della domanda, ma ciò che c’è scritto nella scatola vuol dire che si può usare sia l’uno che l’altro tipo di memoria?
  5. Per favore, nel manuale dell'Imac G5, dice di usare memorie ram -compatibile con pc-3200 (DDR-400) -SDRAM DDR - senza memoria tampone e non registrato sono andato al Computer Discount e mi hanno preso per matto. Ma quali memorie posso montare e quanto costano? Le DDR-400 costano lì 135 eur. al banco di 1 giga. é accettabile? Grazie
  6. grazie fraub. Andare da apple center... sì questo lo posso fare.
  7. Per me è difficilissimo perché nella mia zona c’è solo la connessione tradizionale col modem. Ma ho visto che a corredo col Mac c’è un cartoncino con quattro ‘Coupon Software’ per ottenere gli aggiornamenti del software, immagino con la possibilità di farsi spedire a casa un disco di aggiornamento o direttamente la versione 10.4.4. È così? e come devo fare?
  8. Conoscendo il futuro, avrei cambiato non solo quella decisione, ma anche buona parte della mia vita, ma è ovvio e vale per tutti. Il computer nuovo l’ho comprato in cinque giorni (tra andare a Cagliari (70 km.), ordinarlo, tornare a casa, riandare a Cagliari a ritirarlo e pagare), appena disdetto quello con Apple Store, e uguale a quello. Per quanto riguarda i guasti, ho letto altri casi nel forum simili al mio e so che possono succedere. Ho messo qui la storia, poi, non certo per farmi commiserare per la presente sfiga, anzi ero in dubbio se raccontarla proprio perché le storie alla Fantozzi danno molto fastidio anche a me; ma perché era giusto denunciare ancora una volta la famigerata farraginosità di Apple Store, e anche per aiutarmi, nel caos, a tenere ordinate le idee.
  9. Bella, ma in questo campo non mi meraviglia e spaventa più nulla… Ormai il settore incubi è trasferito ai guasti del G20: Ventola; superdrive (è in arrivo il pezzo con nuova meccanica, ha detto il tecnico); monitor (non ancora, ma ho letto che va in tilt dopo 7 mesi, quindi a febbraio); hard disk (e perché non dovrebbe guastarsi? ho preso un iMac G5, mica un PC; è l’ordine di pensieri in cui sto cominciando a entrare…).
  10. Rimborsati i soldi dieci giorni fa (lo scrivo ora perché avevo il computer in riparazione).
  11. Il 10 agosto ho inviato la raccomandata e il 12 l’hanno ricevuta. Il 23 mi chiama la signora Emilia, e mi dice in tono molto strano e vago che hanno provato a mandarmi i soldi, ma non ci sono riusciti perché la mia banca li ha rispediti indietro per dati non corretti. Il 25 agosto tutta un’altra serie di telefonate, e nell’ultima alle 4 del pomeriggio, mi dicono che un ulteriore tentativo di bonifico è stato respinto dalla mia banca a causa del mio nome che non è stato riconosciuto. Bè, ho chiamato la mia banca e si sono messi a ridere, magari pensando che mi stiano prendendo in giro, cosa che a questo punto comincio a pensare anch'io. Alla mia banca dicono anche che devono essere in grado, attraverso il n° di CRO, le date delle operazioni e i dati bancari che hanno digitato nel bonifico, di dimostrare che i tentativi di bonifico ci siano stati veramente; cosa che non hanno fatto. Ormai siamo al punto che i danni che mi stanno causando, riducendomi da mesi a svegliarmi la mattina con la frustrazione di non venire a capo di una cosa che è la più semplice del mondo; insieme al tempo perso, se quantificati, supererebbero abbondantemente l'importo dei soldi che mi devono. Altra piccola cosa: una ditta seria a una raccomandata risponde con un'altra raccomandata, e non con telefonate e per giunta molto vaghe o che hanno tutta l'aria di voler perdere altro tempo. Purtroppo la raccomandata del 10 agosto poteva dar luogo a interpretazioni differenti circa i casi in cui mi sarei rivolto al giudice di pace. Ma quella che probabilmente manderò questi giorni non conterrà nessun equivoco. Al termine dei 15 giorni dal ricevimento se non vedo nulla sul mio conto vado senz’altro dal giudice senza dar retta a nessuna telefonata, perché buono o cattivo, voglio vedere il termine di questa cosa. Ecco i dati (che hanno in mano dal 13 maggio scorso – accredito del primo bonifico): Luciano Marci ABI 03015 CAB 03200 – N° conto 000000023206 Sfido ciascuno di voi e ogni cittadino italiano a non riuscire a farmi un bonifico da una banca italiana in due o tre giorni (hanno naturalmente anche i dati per spedire da ogni parte del mondo).
  12. allora è quello che c'è di default nella 'Rubrica'. Grazie
  13. A questo punto, però poiché la pazienza se ne sta andando, vi torno a chiedere ciò che vi ho chiesto nel primo intervento, cioè di dirmi per cortesia, se qualcuno lo sa, la sede legale della Apple, per la ragione che a chiacchiere (e telefonate ed email non sono che chiacchiere) non si fa nulla.
  14. ho parlato troppo presto... non è necessario fare command+0 tutte le volte che ci si collega: basta una volta. Domando scusa
  15. Bé, a mio avviso chi ha la fortuna di poter pagare 179 euri per Office sta pagando semplicemente il giusto; chi ne paga 500 sta pagando più del doppio.
  16. L’ho già detto, ma ribadisco che l’unica cosa che mi tranquillizza in questa storia, è l’intuizione della assoluta buona fede di Apple Store.
  17. Il 19 luglio ho chiamato per sentire che intenzioni avevano, e l’operatore ha inoltrato il sollecito al ‘settore finanziario’. Il 22 luglio mi chiamano loro per controllare carattere per carattere i dati della banca (IBAN, swift ecc.), che gli avevo spedito già altre 3 volte. Stavolta l’operatore era la colombiana Maria, e pure con qualche difficoltà di comunicazione sono riuscito a farmi confermare che l’importo del primo bonifico che ho fatto è di 1575,01. Il secondo bonifico, quello di 253 non sapeva neppure che esistesse. Intanto lo stesso giorno 22 ricevo una lettera postale dove mi informano che 1546,01 euri mi sono stati rimborsati tramite Cheque Refunds (e che roba è?). 1546,01?!... Ma il primo bonifico non era 1575,01? Ecco dunque la logica (dimenticando il secondo bonifico): «Vorrei comprare un computer»; «Costa 1575,01: mandaci un bonifico»; Entro 2 giorni hanno in mano il bonifico di 1575,01; Mi confermano dopo una settimana di aver ricevuto i 1575,01 euri; Mi dicono a un certo punto (e non sono in nessuna maniera riuscito a farmi spiegare il perché) che mancano 29 euri; Cambio idea e gli dico di restituirmi i soldi; Mi dicono che non c’è nessun problema; Mi informano che mi sono stati rimborsati i soldi del bonifico, meno naturalmente i 29 che mancavano, cioè 1546,01. Chiaro?
  18. Anche a me, con Tiger e Mail 2,0,1 dà fastidio questa cosa. Cioè non c’è la rotellina che gira o altro segno di attività né quando si riceve né quando si invia. Domando se bisogna per forza fare command+0 tutte le volte che si apre Mail (e non c’è modo di metterlo come impostazione), perché se è così lo butto senz’altro nel cestino come ho già fatto con Safari che non ha l’opzione di navigazione non-in-linea. Vorrà dire che accando al Firefox metterò Thunderbird.
  19. Da Tiger 10.4 si può passare direttamente all’aggiornamento 10.4.2 o bisogna prima installare il 10.4.1? Grazie
  20. A me sembra un controsenso: da una parte c’è un navigatore come Safari senza opzione per la navigazione fuori linea, dall’altra i computer Apple continuano ad essere dotati di modem tradizionali nati per la navigazione non in linea o scollegati che dir si voglia. Forse lavorare non in linea è possible anche con Safari ma è un mistero che ha bisogno di troppo tempo per essere scoperto. Non è per nulla un mistero Firefox, di cui ho conosciuto l’esistenza proprio in questo forum, e quasi in contemporanea nelle newlettere di Punto informatico. Sono andato al sito, ho scaricato nottetempo gli 8,9 MB di Firefox in 46 minuti, e dopo poco, seguendo alcune chiare istruzioni avevo già capito ciò che mi serviva sulla navigazione scollegati; e sto usando quello.
  21. Secondo il tecnico del Punto Apple il ronzio era originato dalla ventola della scheda. In pratica il tragitto che percorre l’aria convogliata fuori non è aerodinamico e crea delle specie di vortici. Ha chiamato un ingegnere Apple ma gli ha detto che probabilmente anche una ventola nuova farebbe lo stesso. Doveva richiamarmi per dirmi se avevano intenzione di mandare una ventola nuova, ma non lo ha fatto; e neppure io ho richiamato, stanco di sentirmi promettere da ogni parte chiamate telefoniche che alla fine non seguono e devo sempre fare io. Tanto più che il rumore ora sembra diminuito e meno fastidioso.
  22. Grande delusione. Secondo me, iNic se ti ritieni veramente danneggiato, dovresti aver diritto alla sostituzione completa del prodotto o all'annullamento del contratto di vendita, cioè a farti ridare i soldi. Bisogna chiedere a qualche associazione dei consumatori (meglio quelle che operano gratuitamente come l'A.D.U.C.). Io intanto l'ho portato a un centro Apple.
  23. Scusate ragazzi un'altra cosa, se decido di rimandarglielo (o se mi permettono di rimandarglielo), a carico di chi sono le spese di spedizione? E avendolo preso alla Essedi, è lì che lo devo riportare vero?
  24. iNic il mio ha la Radeon 9600. Aggiungo che le caratteristiche del ronzio sono come quelle dei suoni acuti, che scompaiono variando la distanza o l’inclinazione dell’orecchio (per esempio, con la faccia a 73 cm. si sente; avvicinandola di 13 cm. No).
  25. Io sono andato ieri a ritirare l’iMac da un Essedì shop. Nelle prime ore, entusiasmato dalla macchina non ci ho fatto molto caso; ma dopo sì, anche perché ho avuto modo ci confrontarlo con la precedente versione dell’iMac, il G4 a 700 mhz, che tenevo sempre acceso e al confronto sembrava spento. Il ronzio del G5 è piccolo, ma ad alta frequenza, come quello dei jet, quasi un fischio; ed è nella parte destra più in alto che in basso. Un vecchio ventilatore che è in cucina e che fa molto rumore mi dà meno fastidio. Questo del computer sembra che entri nel cervello attraverso le orecchie, e si sente anche guardando un film. Che è molto fastidioso ci se ne accorge soprattutto quando si mette in pausa o si spegne la macchina, tanto che sembra di aver tirato fuori la testa da un alveare. Il ronzio non varia mai da quando si accende ed è indipendente dalla luminosità o apertura di programmi, e ciò che ha detto iNic non mi sembra strano, perché sembra essere proprio quello del disco fisso.