LucianoDG

Members
  • Posts

    350
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by LucianoDG

  1. 1 - Durante la cattura dei filmati è normale che non si senta l'audio, che comunque viene regolarmente acquisito. Per ascoltare l'audio in fase di acquisizione, io lascio aperto il display della videocamera, e lo ascolto attraverso l'altoparlantino incorporato. Però non lo faccio quasi mai. 2- Una volta acquisito il filmato, l'audio deve essere udibile sia nella finestra Viewer (doppio clic sulla clip, e questa verrà visualizzata nel Viewer, dove si potrà vedere sia il video che la forma d'onda dell'audio negli appositi tab) sia nella finestra Canvas una volta trascinata la clip sulla timeline. Se l'audio non si sente, controlla i settaggi generali e quelli per la sequenza. Controlla in Audio/Video preset che l'uscita non sia settata su un dispositivo esterno, oppure, se lo è, che essa sia in mirror anche sugli output audio/video incorporati. Comunque tenere aperta la finestra di acquisizione è del tutto inutile, salvo che durante l'acquisizione ovviamente.. 3 - Il discorso vale anche per i file audio importati. Devono essere udibili sia nel Viewer che nel Canvas se FCE è correttamente settato. 4 - Se il filmato originale è stato ripreso con una normale telecamera PAL ma in formato 16:9, devi settare l'acquisizione su DV PAL e spuntare la casella Anamorphic. Acquisirai e vedrai il tutto correttamente in 16:9
  2. Va beh, a parte le problematiche letterarie... Dando per scontato che tu abbia una connessione ethernet fra i due computer, o almeno wireless, se hai XP Pro devi abilitare il PC alla connessione remota. L'utente a cui accedi DEVE avere una password. Click con il destro su Risorse del Computer, scegli Proprietà , poi evidenzia il tab Connessione Remota. Nella parte bassa di questa finestra spunta la casella "Consenti agli utenti di connettersi in remoto al computer". Prendi nota dell'indirizzo IP del PC (dalle proprietà della Connessione di rete attiva), oltre che del nome utente e della password. Dal mac lanci RDC, inserisci il nome del PC a cui vuoi connetterti o il suo indirizzo IP, poi, quando ti verrà chiesto, il nome utente e la password. Se tutto è corretto avrai il controllo completo del PC dal tuo Mac. Ci saranno delle regolazioni da fare e delle preferenze da settare per rendere il collegamento più comodo. Io uso questa procedura per controllare dal mio Mac il server Win 2003 dell'azienda, che è abbastanza lontano dal mio tavolo. Praticamente non lavoro mai direttamente sulla tastiera del server, ma sempre dal Mac.
  3. Se in Final Cut fai solo operazioni di taglio (dunque niente che richieda un rendering) e poi esporti come filmato Quick Time non self contained, il file che ottieni non contiene alcuna immagine nè suono, ma solo dei puntatori al filmato originale. La qualità che vedi lanciando il file esportato non può essere diversa dal filmato originale, perchè quello che vedi è per l'appunto il filmato originale o parte di esso.
  4. Con che programma hai realizzato il filmato? Con iMovie o con Final Cut? Se si tratta di Final Cut, per mia esperienza è meglio non inserire audio codificato in mp3. Lo deve renderizzare, e non sempre ci riesce nel modo giusto, creando potenziali difficoltà anche a iDVD. Molto meglio inserire audio codificato AIFF, 48 Khz, 16 bit stereo. La trasformazione da mp3 ad Aiff puoi farla con iTunes, e poi importare il brano Aiff in Final Cut. iMovie invece sembra non avere problemi con gli mp3, almeno fino alla versione 3 che è l'ultima che ho usato. Non so con le versioni più recenti. Comunque, io un tentativo di utilizzare i brani già codificati in Aiff prima di inserirli nel filmato lo farei. Visto che questa conversione (da mp3 ad Aiff, anzi a PCM che è un formato non compresso più o meno equivalente) iDVD la deve comunque fare, se gli dai in pasto dei brani non compressi gli risparmi praticamente tutto il lavoro di codifica audio.
  5. Dal menù Edit puoi scegliere Easy Setup, per un rapido settaggio del formato video, che poi rimarrà memorizzato per i progetti successivi. Per un più dettagliato controllo dei settaggi puoi scegliere, sempre dal menù Edit, il comando Audio/Video Settings, con il quale puoi scegliere ed eventualmente cambiare i settaggi secondo le tue esigenze. Di norma si usa il formato DV PAL, che è quello standard delle videocamere amatoriali e prosumer, con acquisizione tramite dispositivo Firewire. Con Final Cut Pro 3 il problema non si pone. Il formato HD è supportato solo dalla versione 4.5 in poi.
  6. Menù File > Export > Final Cut Pro Movie Però non ti conviene esportare con l'opzione "self contained" attivata. Perderai tempo e occuperai spazio sul disco inutilmente. Disattiva l'opzione e ti troverai con un file .mov molto leggero, che contiene solo i riferimenti ai filmati, ai file audio e agli altri contributi che formano il film finito. Potrai leggerlo con QuickTime player, tanto per controllare che l'esportazione sia andata a buon fine. Per iDVD, DVD Studio Pro, Compressor o qualunque altra applicazione Apple va benissimo questo tipo di file.
  7. Con il modem-router wireless il modem a noleggio non serve. Basta che sia modem-router e non solo router. Io per esempio ho il modem a noleggio di Alice (3 euro al mese...) perchè come router ho una base Airport Express che appunto è solo router e non anche modem. Ormai ho questa configurazione e me la tengo, ma se tornassi indietro sceglierei una soluzione modem-router wireless mio, senza noleggiare alcunchè.
  8. Il "cosino airport da attaccare alla corrente" è la base wireless che, se segui il consiglio di theskyscared che condivido, non ti serve perchè sarebbe un doppione. Quello che ti occorre, se già non presente nelle tue macchine, è la scheda Airport per i Mac, e una qualunque scheda wireless PCI o USB per i PC.
  9. Non so che modello di videocamera hai. Normalmente le Sony hanno una porta USB per il trasferimento delle foto (penso che la tua videocamera possa farle) e una porta IEEE 1394, che Apple chiama "Firewire" e Sony "i.Link", ma che è sempre la stessa, attraverso la quale vengono trasferiti i filmati. Questa almeno è la configurazione della mia vecchia Sony PC9E, nella cui confezione peraltro c'erano sia il cavo USB che quello FW.
  10. Dipende tutto da quanto si comprime il filmato durante la codifica da DV a Mpeg2 + audio. Utilizzando iDVD mi pare si abbiano solo due opzioni, con le quali si può far entrare un'ora di video alla massima qualità o 1 ora e mezzo a qualità minore, ma ancora buona. L'audio viene sempre registrato in formato PCM, cioè non compresso. Utilizzando applicazioni più evolute come DVD Studio Pro si può agire su diversi parametri per cercare di far stare 2 ore di video o anche di più in un DVD-R. In particolare si può scegliere una compressione Mpeg2 a bitrate variabile, e con valore medio più o meno elevato secondo le esigenze di spazio, ricordando che bitrate più bassi corrispondono a qualità più bassa ma anche minor spazio occupato. Si può inoltre codificare l'audio del filmato in AC3 o in Mp2, anche qui con bitrate diversi secondo la necessità , risparmiando anche in queso caso spazio sul disco. In ogni caso, non supererei mai le due ore complessive per ogni DVD-R per non compromettere troppo la qualità audio-video del filmato finito.
  11. Io faccio generare il certificato (anche in fase di rinnovo) entrando con Firefox. Il certificato viene generato automaticamente dal sistema Paschi Home e posto fra i certificati personali di Firefox. Fatto questo naturalmente posso entrare solo con Firefox. Da qui però posso esportare il certificato e poi importarlo nel portachiavi. A questo punto posso entrare anche con Safari. Non sono sicuro (e in banca ne sanno ancor meno di me) se la procedura di generazione del certificato funziona in OSX tramite Safari e il Portachiavi, per cui io, a scanso di equivoci, lo faccio generare dopo essere entrato con Firefox. Funzionano bene anche Mozilla, Netscape, Explorer per Windows e tutti i browser che gestiscono i certificati direttamente e non tramite applicazioni esterne come fa Safari+Portachiavi.
  12. Nel pannello Internet dell'Utility Amministrazione Airport, dal menù a discesa Connessione via: devi impostare "PPP via Ethernet (PPPoE)" e non "Ethernet". Poi inserisci il tuo Username e la password negli appositi campi che compariranno. Potrai anche scegliere se rimanere sempre connesso oppure connetterti a richiesta e disconnetterti dopo un determinato periodo di inattività .
  13. E' vero, bisogna aspettare qualche attimo, anche sul mio iMac G4 800. Probabilmente questo non succede su macchine più potenti, ma anch'io confesso di rimpiangere a volte il vecchio sistema, con il quale la ricerca iniziava solo su richiesta, dopo aver immesso tutti i parametri.
  14. Final Cut ha diligentemente eseguito il tuo ordine di chiusura delle due finestre, dato probabilmene con un click sul pulsante di chiusura della finestra Canvas. E' evidente che hai chiuso le due finestre inconsapevolmente, ma la colpa non è comunque di FCP.
  15. Hai provato con un doppio click sull'icona o sul nome di una sequenza nella finestra Browser?
  16. Con Toast, opzione Copia Disco. Ti verrà chiesto di inserire l'originale(quello già copiato, non l'originale vero...!) nel lettore/masterizzatore DVD. Quando il contenuto del disco sarà stato letto, il DVD verrà espulso e ti verrà richiesto di inserire un DVD vergine, poi partirà la masterizzazione della copia. In alternativa, inserisci il DVD che vuoi duplicare, trascini sulla scrivania le cartelle VIDEO_TS e AUDIO_TS, attendi che siano state completamente trasferite, poi lanci Toast e masterizzi queste due cartelle in un nuovo DVD. Tutto questo purchè il disco che hai masterizzato sia buono e non presenti settori difettosi. In questo caso puoi buttarlo e farne un'altra copia dall'originale, utilizzando MacTheRipper, DVD2One e toast come hai fatto la prima volta. Il punto è che il DVD originale è protetto contro la copia, e dunque serve MacTheRipper per aggirare la protezione ed estrarre i file, poi DVD2One per ricomprimerli fino a farli entrare in un DVD-R da 4,3 Gb. Il disco copia così ottenuto non ha più alcuna protezione e non necessita di ricompressione, per cui può essere duplicato nella maniera semplicissima che ho indicato all'inizio.
  17. Il tuo DVD masterizzato ora è privo di qualunque protezione anticopia. Dunque puoi semplicemente duplicarlo con la funzione Copia Disco di Toast. Sempre che non ci siano errori di masterizzazione, naturalmente. Se Toast rileva errori in fase di copiatura, ti conviene ricominciare tutto da capo con il DVD originale e poi, quando hai la cartella VIDEO_TS sul tuo Hard Disk, masterizzare questa su quanti DVD-R vuoi.
  18. Calma, calma. Non c'è alcun bisogno di aprire 3 nuovi thread per lo stesso problema. Dunque, vediamo: quando colleghi il mac al router, su quest'ultimo si accende la spia che indica la LAN connessa? Se non si accende, hai controllato il cavo ethernet? E' diritto o incrociato? E' lo stesso che usi sul PC e che con questo funziona? Che numero IP e che maschera di sottorete sono assegnati al router? E' abilitata la funzione di server DHCP? E il mac è configurato per ricevere il numero IP dal router via DHCP, e con il gateway configurato con il numero IP del router? Controlla queste cose e poi facci sapere.
  19. Beh, senza voler ergersi a giudice, mi pare che fra "birre ghiacciate", "bagno delle signore" e "l'adozione nelle coppie omosessuali" è un po come fra bufalo e locomotiva: la differenza salta agli occhi.
  20. Veramente l'admin parlava addirittura di 10... Dico chi bandirei io: Ottimio & Pessimio Squarza Gennaro Matteo Vitali (Novimio?) Chest An Angel Archetti Olaf Ziodiavle Ne ho scritti solo 9, ma prima o poi mi verrà in mente anche il decimo
  21. Mah, non so che dire. Io farei controllare il bus USB, e magari anche quello firewire, perchè entrambe le velocità che riscontri sono bassissime. Ripeto che la velocità di trasferimento dati è di 480 e 400 Mbs rispettivamente per USB2 e per FW.
  22. Allora il tuo iMac non è un G4 800. E comunque le porte USB 2.0 sono addirittura più veloci delle FW, almeno come velocità teorica (480 contro 400 Mbs). In pratica poi sono forse un po' più lente e soprattutto meno costanti nella trasmissione del flusso dati, ma di sicuro non 10 volte più lente.
  23. Detto che mi trovo d'accordo su quasi tutto ciò che hai scritto in questo post, solo qualche appunto sulla frase citata: Non aprire thread è un demerito? Pensa che io credevo il contrario, visto la valanga di thread che vengono aperti ogni giorno, la maggior parte dei quali doppioni di altri e quindi inutili e generatori di confusione. Che io intervenga solo se intravvedo il "gruppo di appartenenza" mi appare più che logico. E' evidente come uno intervenga solo in discussioni che suscitano o promettono di suscitare la propria attenzione, IT o OT che siano. Personalmente non trovo affatto necessario discettare di birre ghiacciate o di barbecue e querelle con vicini più o meno bà stardi. Forse guadagnerei rispetto e considerazione aprendo un thread sull'assemblea condominiale cui ho dovuto partecipare sabato scorso? Circa "Descolarizzare la società ", ho seguito tutto il thread fin dal primo post (mi pare dell'Archetti), ma non sono intervenuto semplicemente perchè non è pane per i miei denti, non avrei saputo cosa dire e come dirlo. E quando non si ha niente da dire, o non si sa come dirlo, molto meglio tacere. Regola aurea ultimamente troppo poco seguita in questo forum.
  24. Anch'io ho un imac LCD G4 800. Le porte USB sono 1.1, posso garantire. Niente 2.0 su questo modello. Comunque sia, anche disponendo di porte USB 2.0, consiglierei sempre e comunque l'interfaccia Firewire, con la quale il transfertrate di 400 Mbs è reale e costante, a differenza del 480 Mbs della USB che è solo un valore teorico raramente riscontrabile in pratica.
  25. A volte li salva nella libreria utente, a volte nella libreria generale posta al primo livello del disco. Altre volte li salva dentro file appositi in Supporto Applicazioni, o magari dentro il pacchetto dell'applicazione stessa. Se si vuole fare una reinstallazione da zero, occorre cercare sul disco tutti i file contenenti il nome dell'applicazione ed eliminarli. Meglio ancora, prima di eliminarli definitivamente spostarli in una cartella temporanea da qualche parte nel disco (prendendo nota di dove erano prima dello spostamento) e cancellarli in seguito, quando si è certi che tutto funziona bene.