Michele Gazzaruso

Moderatori
  • Posts

    5,842
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Michele Gazzaruso

  1. Auguri e aspettiamo con ansia il resoconto :-)
  2. Beh, ci sono tante outboard virtuali e fisiche da poter utilizzare. In linea di massima (questa è una cosa molto *generica*, che però di solito si applica sempre ad un progetto di pre-mastering e mastering) dovrai usare l'equalizzazione per *diminuire* le frequenze in eccesso (in linea generale l'equalizzatore non si utilizza mai per enfatizzare delle frequenze, al contrario si dovrebbe usare per attenuarle) e la compressione per regolare (uniformare) la dinamica di un brano. Il compressore e l'equalizzatore sono un po' per il fonico come la chiave inglese per l'idraulico e la cazzuola per il muratore: dei veri e propri strumenti del mestiere, a mio avviso sempre necessarii per ottenere uno standard qualitativo soddisfacente. Trova su Google link a siti che spieghino quantomeno i rudimenti di questi due strumenti. Non voglio essere pedante, ma ricorda che niente paga come l'esperienza che tu stesso puoi maturare nel corso del tempo, l'allenamento che farai fare al tuo orecchio (è come un muscolo da allenare) e ultimo ma non per ultimo il *gusto* nell'eseguire il tuo operato.. gusto che poi la gente potrà o meno apprezzare! (Il mestiere del fonico non è tra i più semplici, te l'assicuro!). Buon studio.
  3. outl4w: esistono migliaia di siti a riguardo, ma la cosa da fare è crearti esperienza ed affinare l'orecchio.... esso è lo strumento del fonico, l'indispensabile discriminante tra te e il resto delle persone che si occupano di fonia. Personalmente ti consiglio di seguire un buon corso di specializzazione nelle tue zone o fuori Italia (meglio) se hai intenzione di imparare davvero qualcosa, e come ho detto prima.. ascolta tanto, affina l'orecchio, impara a "vedere" i suoni.
  4. Sarebbero "sprecate" (da un lato, dall'altro sono comunque BUONE, quindi non è che è un difetto ma pur sempre un pregio) ma ti rimarrebbero nel momento in cui tu decidessi di ampliare la situazione. Valuta un po' tu.
  5. Di queste non so dirti molto, mi spiace....
  6. Io ho provato le ESI e pur essendo soddisfacenti hanno queste (per me) gravi pecche: 1) Poca definizione sulle alte frequenze 2) Accentuazione di frequenze low-mid 3) Stereofonia (almeno per me) non eccessivamente soddisfacente. Alesis.. non ci siamo.. suono troppo falsato.. troppa enfasi sui medio-bassi. Ripeto, questa è solo la mia opinione.
  7. Infatti come ho sempre detto dipende dal contesto in cui lavori.. Le marche che hai citato sono comunque onestamente buone.. Le M-Audio non saprei.
  8. Guarda, se non sei in uno studio di registrazione ma devi agire a casa tua, allora vanno bene anche marchi "low-cost", vedi M-Audio. Sull'usato non saprei, come sai queste apparecchiature sono molto fragili (soprattutto i monitor) e il minimo scossone potrebbe danneggiare i coni o la strumentazione interna. Se magari c'è il ritiro in zona facci un pensierino. Non ho provato le EX-66 ma puoi fidarti di matbard. P.S.: Ripeto, la il marchio da scegliere è strettamente e direttamente proporzionale all'ambiente di lavoro.
  9. Come sempre dipende da cosa devi ottenere: se applichi il tutto ad un contesto meramente *casalingo*, allora vanno bene sia M-Audio et similia. Altrimenti devi orientarti verso marchi più performanti. Io ti ho consigliato ADAM perchè tra i monitor che ho potuto testare (ti assicuro, non pochi) essi sono sicuramente quelli che mi hanno colpito maggiormente. In linea di massima però ti ripeto: risparmiare sui monitor o comunque sui dispositivi di ascolto in generale poi si traduce in situazioni poco amene dove potresti verificare situazioni di discordanza auditiva non indifferenti (a casa tua con quei monitor potresti dire "Ok, si sente bene così", nello stereo della macchina invece potrebbe andare in distorsione il tutto o alcune frequenze potrebbero essere attenuate/enfatizzate. E' ovvio che ogni diffusore audio è diverso dagli altri, ma un ascolto falsato, per contro, si sente male *ovunque* quando riprodotto su altri diffusori).
  10. Belle :-) Hai usato Photoshop per il compositing stile Panorama ?
  11. No, scusate, il fatto è che avevo letto solo parzialmente il post dell'amico e ho visto solo il costrutto if/then/else, credevo dovesse solamente assegnare ad ogni casistica un evento determinato (quindi in questo caso sarebbe meglio usare switch/case). Per ordinare un vettore, come giustamente suggerisce DarwinNE, esistono svariati algoritmi iterativi, più o meno efficaci a seconda del caso di utilizzo (Quick Sort, Bubble Sort, Merge Sort e via discorrendo....) Anche io credo che nel caso dell'amico Bubble Sort sia l'algoritmo migliore, essendo comunque un array esiguo e partendo dall'assioma che avendo un array di n elementi alla n-1esima iterazione usando questo algoritmo ottieni un array ordinato. Esempio: Hai un vettore composto dai seguenti numeri: v = 6, 8, 2, 10 Prima iterazione: 1) 6 viene confrontato con 8. Siccome 6 è minore di 8 esso resta nella sua prima posizione. 2) 6 viene confrontato con 2. Siccome 6 è maggiore di 2 i due numeri vengono scambiati, quindi il vettore diventa v = 2, 8, 6, 10 3) 6 viene confrontato con 10. Siccome 6 è minore di 10 esso resta nella sua terza posizione. Seconda iterazione: 1) 8 viene confrontato con 6. Siccome 8 è maggiore di 6 i due numeri vengono scambiati, quindi il vettore diventa v = 2, 6, 8, 10 2) 8 viene confrontato con 10. Siccome 8 è minore di 10 esso resta nella sua posizione. Terza iterazione: 1) 10 viene confrontato con 10. Siccome sono uguali non succede nulla (non si entra nell'if). Il vettore ordinato risulta quindi così v = 2, 6, 8, 10. Abbiamo fatto 3 iterazioni, quindi n-1 iterazioni. Questo algoritmo non brilla per efficacia, perchè comunque in termini funzionali esso richiede troppi passaggi (calcola di fare n-1 iterazioni su di un vettore contenente 5000 elementi). Però è molto semplice da realizzare, risolvi con 2 cicli for innestati ed un semplice if. Buon studio.
  12. Ma 250 a *coppia* o a *singolo monitor* ? A singolo monitor qualcosa di sufficiente puoi prenderla.. A coppia.. non credo proprio. A meno che tu non voglia acquistare giocattolini (M-Audio, EdiRol et similia, che con la qualità d'ascolto hanno ben poco a che fare a mio avviso). Conviene lesinare più su altre cose ma non sui monitor.
  13. Sicuramente un approccio più adeguato in termini procedurali sarebbe quello di utilizzare un costrutto case/switch al posto dell'if, nel caso si trattasse di valori interi.
  14. Eheh, non ci siamo capiti.. io intendevo dire che "la bibbia del C" è appunto il K&R :-) Tu stai leggendo un altro titolo, evidentemente, che riporta quel nome.
  15. Un buon punto di partenza è la "bibbia" del programmatore C: Il K&R (seconda edizione, che copre lo standard ANSI C) Spolpatelo per bene.. :-)
  16. Sì, Pro Tool 8 è stato migliorato sotto molti aspetti. Per il Sontronics, hai visto che bel microfono? E' veramente superbo per prestazioni qualità /prezzo. Buone registrazioni.
  17. Buono a sapersi.. io all'epoca provai anche ma non fu possibile.. almeno con il mio router.. quindi mi sa che al contrario di quanto si legge in giro hanno i due dispositivi sono compatibili .. Meglio così allora :-)
  18. Che vuol dire "ha deciso di smettere di vivere" ? E' un po' generica come descrizione di malfunzionamento, anche totale. Sii un po' più preciso, per favore. Comunque no, Mac OS X non risiede in nessuna partizione "nascosta". E comunque se non si avvia vuol dire che qualcosa è seriamente compromesso a livello software. Se invece non si accende proprio, la compromissione è a livello hardware (peggio).
  19. Ciao, da premettere che sono estremamente costernato per la situazione in cui ti trovi.. non ho però capito una cosa: se non hai la macchina sottomano come puoi recuperare i dati ? Se non avevi fatto un backup su qualche supporto in precedenza non è che la vedo difficile: la vedo purtroppo materialmente e teoricamente impossibile.. è come se volessi assaporare un gelato che sta a 400 Km di distanza.... Scusami se forse non ho capito.
  20. Ciao e benvenuta nel forum. Come già ti è stato consigliato, qui non ci sono limiti di caratteri come sui cellulari.. quindi sarebbe bene scrivere per esteso, così anche da facilitare la lettura a chi vuole dare una mano. Inoltre i titoli, anche per tuo personale interesse (se avessi messo "Problemi con MySpace probabilmente gente esperta in questo campo ti avrebbe potuta aiutare più facilmente) dovrebbero essere il più esplicativi possibile ed esenti da offese dirette o indirette (sicuramente non era tua intenzione offendere i portatori di questo handicap motorio, è tuttavia concepibile il disappunto del nostro amico di cui sopra). P.S.: Preferisco modificare il titolo del thread per i motivi sopra citati.
  21. Buttata li' senza pensaci tanto, potresti provare a incorporare un frame (e ogni volta carichi al suo interno la pagina desiderata) in una pagina html, alla quale applichi lo script. P.S.: Sono approcci obsoleti, lo so.. ma non sono webdesigner. Ad oggi per i contenuti web-based si preferisce utilizzare Ajax e più in generale soluzioni "2.0". Edit: ho visto solamente ora la data del post.. chiedo scusa (chissà che non possa servire a qualcun altro).
  22. No, almeno non che io sappia, ma puoi creare immagini disco con accessi di lettura/scrittura in tempo reale protette da password, e dentro ci metti quello che vuoi. Ma per eseguire programmi non credo sia la soluzione migliore.
  23. Ciao, non uso molto MSN in questo periodo, se vuoi sono su skype (mikegazza) e su Facebook. Il tuo microfono è buono, ti ho consigliato il Sontronics perchè l'abbiamo in studio (abbiamo anche un Neumann che a volte ci viene richiesto da qualcuno più esigente) ma ti posso assicurare che affiancando un buon pre al Sontronics (noi abbiamo Neve e Audient, oltre agli 8 della Digidesign C|24, ma anche un Presonus va benissimo per un uso casalingo) otterrai risultati davvero ottimi. *Soprattutto* per la voce. Per gli strumenti a fiato di solito però è meglio registrare con 2 o più matched a "matita" (2 microfoni avente uguale schema di diaframma, simmetricamente disposti lungo un asse, solitamente quello orizzontale), al fine di catturare anche l'ambiente.