blackmuzzles

Members
  • Content Count

    182
  • Joined

  • Last visited

About blackmuzzles

  • Rank
    Assiduo

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    blackmuzzles
  • Città
    Serravalle Scrivia
  • Interessi
    Allevamento di Terranova
  • Lavoro
    Tecnico Dipartimentale Universita'
  • Mac che possiedo
    MacPro - MacBookPro
  1. L'Europa e in particolar modo l'Italia sono storicamente terra di conquista e di razzia economica per il mondo informatico. Fino a pochissimi anni fa, la RAM (tanto per fare un esempio) costava il doppio se non il triplo rispetto a Stati Uniti o a Taiwan. Ancora oggi questa differenza di prezzo e' del tutto apprezzabile tanto e' vero che persino su questo forum si consiglia apertamente di comprarla all'estero nonostante le spese di spedizione ed eventualmente gli oneri doganali. E hai voglia a parlare di maggiori spese di gestione e altre castronerie del genere. Resta comunque il fatto che tali maggiori costi per l'utente finale non sono solo da imputare ad Apple ma a tutto il settore tecnologico. Prova a farti un'idea su cosa avviene in campo fotografico........ Questa teoria si commenta da se....arrivando alla conclusione che la sola localizzazione del sistema operativo ci viene a costare un vero patrimonio. Comunque e' falso cio' che tu sostieni per la semplice ragione che non c'e' nessuna differenza di prezzo tra la scelta di un OSX in italiano o in inglese, scelta che puoi liberamente fare in fase di acquisto.
  2. Per entrambi i mercati i prodotti Apple arrivano dalla Cina. Quali manuali ? 30 pagine di libretto istruzioni....Che fa scappare dal ridere per contenuti e per traduzione.
  3. E' incredibile come non ci si voglia fare una ragione della differenza di prezzo tra Italia e USA e che per giustificare tale differenza (che esiste eccome) si trovino le spiegazioni piu' creative (come la finanza creativa dell'ex noto ministro dell'economia). 1 - Non c'e' nessuna differenza nella gestione logistica di Apple in Europa e negli USA. 2 - Localizzazione....per carita' cosa c'entra la localizzazione. 3 - La variazione sul valore delle valute nei paesi industrializzati e' nulla nel breve termine. Stiamo parlando di prodotti che mediamente una o due volte all'anno vengono riaggiornati. Pensa un po' se in un tale periodo il valore del dollaro o dell'euro puo' subire una variazione apprezzabile. Negli USA tutti i prodotti tecnologici costano meno, alle volte molto meno che in Europa, Apple compreso.
  4. Pero'.......tutta d'un fiato ! Alla prossima
  5. Messa cosi'....sono d'accordo su tutto.
  6. Assolutamente non un genio. Su questo forum moltissimi sono prevenuti e non cercano di far funzionare la loro materia grigia al meglio della loro potenzialita'. Alcuni in modo particolare sono sgarbati e maleducati convinti della loro superiorita' informatica. Se poi vieni dal mondo Windows o fai a Windows qualche riferimento ti trattano come se fossi appestato. Lasciali perdere e tira dritto per la tua strada. Tornando a noi : se l'utilizzo che ne farai e' quello da te espresso vai tranquillo con l'iMac. L'unico consiglio che mi sento di darti e di imparare l'OSX e poi magari in un secondo tempo provare ad installare sul tuo futuro Mac anche Windows (conoscere Windows comunque non fa male, non porta nessuna malattia). Attento ovviamente a come ti esprimi su questo forum : molti sono membri onorari dell'Accademia Della Crusca e quando non sanno cosa risponderti ti dicono che la domanda era mal posta ed in un italiano scorretto. Tutti noi abbiamo le nostre frustrazioni. Alcuni piu' di altri. Ciao e buon iMac.
  7. Se non sbaglio ha parlato di utilizzo di applicazioni CAD, Photoshop, per guardare la televisione ed ascoltare musica. Certo e' "scivolato " su Windows come unico sistema operativo installato. Ma per l'uso che ne deve fare potrebbe essere un buon candidato all'utilizzo di un Mac e chiedeva delle conferme. N.B.: non ha parlato di giochi ! Poi, come d'abitudine, e' arrivato il comico di turno che ci ha fatto un po di ironia. Ecco la spiegazione alla mia risposta precedente.
  8. Secondo me sarebbe saggio non dire nulla quando non si ha nulla da dire. Queste risposte mi mandano in bestia per maleducazione e ignoranza. Poi quando si sostiene da piu' parti che chi usa un Mac ha il nasino all'insu'.......non lamentiamoci.
  9. Lascia perdere il parere di quei pochi che ti hanno risposto per "SLOGAN", sono sempre i soliti, dicono sempre le solite cose trite e ritrite. iTunes e' soltanto un programma per la gestione dei files musicali con una logica diversa rispetto al modo con cui Windows tratta i files. Tutto qui. Solo una questione di adattamento ad una diversa logica che ha pregi e difetti (molti piu' pregi). Altra cosa e' il sistema operativo anch'esso profondamente diverso da Windows, piu' rigido se vuoi, ma molto efficace. Se lavori nel campo informatico, lasciati trasportare dalla curiosita' e provalo (cerca pero' di non rifiutare a priori la logica che ci sta dietro e fai uno sforzo per comprenderla). Vedrai che non te ne pentirai. Io uso PC con Windows tutti i giorni per lavoro, ma tornato a casa, non potrei rinunciare all'utilizzo di un Mac in tutta rilassatezza.
  10. L'iMac e' sorpassato : come processore(lo stesso dei portatili), come scheda grafica, espandibilita' nulla, solo 3GB di RAM (la stessa dei portatili). Resta l'aspetto estetico : bellissimo. Non per nulla si parla gia' da un po di un nuovo iMac. Un parere personale : il monitor oltre a non essere eccezionale ti vincola molto nelle scelte future. Trovo estremamente piu' flessibile (in qualunque utilizzo) un desktop indipendente dal monitor.
  11. http://www.freedownloadscenter.com/Best/ape-to-wav-free.html Buona conversione.
  12. Mandare promoter e macchine in demo nelle scuole di ogni ordine e grado. Lo fanno in molti (Dell, HP, Acer). Magari non di ultimissima generazione e non gli ultimissimi modelli insieme ad un cospicuo materiale pubblicitario. I punti vendita non servono a questo scopo e neppure i promoter nei centri commerciali.
  13. @gennaro_mac Proviamo a fare un riepilogo : la mia esperienza personale nell'ambito del lavoro da me svolto mi porta a queste considerazioni - tecnicamente dal punto di vista hardware ad Apple manca tutta la compatibilita' con tutto cio' che non sia prodotto da Apple stessa. E questo nel mio settore e' un problema oggettivo (es: se voglio cambiare scheda video scoppia la tragedia : o non posso perche non esiste o non si puo' sostituire o scelgo quel poco che Apple mi passa). - tecnicamente dal punto di vista software ad Apple manca complessivamente tutto e cioe' software specifici, ambienti di sviluppo (ovvio che non dipenda solo da Apple ma la situazione che noi viviamo in facolta' e' questa). - dal punto di vista commerciale manca tutto (verso l'ente universitario inteso come struttura universitaria, Apple non ha nessuna politica e piu' in generale verso la scuola) e a poco servono gli sconti educational. - non avendo politiche commerciali aggressive verso grosse strutture non possiede ovviamente neppure adeguate politiche di assistenza verso le stesse. Poi e' evidente che cio' che vale per me, nel mio ambito lavorativo non vale per tutti ma il comparto nel quale lavoro e' enorme, potenzialmente in continua espansione ed in continuo affinamento tecnologico, ma da Apple veniamo ignorati. Aggiungo che veniamo costantemente visitati da informatori di varie note aziende del settore che ci propongono novita', agevolazioni commerciali, materiale in demo per settimane intere. Non ti sto a dire che la casa della mela talvolta ci abbia fatto qualche telefonata.
  14. Non puoi negare che ci siano oggettive difficolta' nel gestire l'assistenza di una macchina Apple. Non esiste personale specializzato per farlo, non esiste una rete capillare di assistenza, non esistono ditte che si occupano di assistenza su macchine Apple, non esistono parti di ricambio facilmente accessibili.
  15. E' il gatto che si morde la coda. Se Autodesk avesse la percezione di poter estendere in modo consistente il suo mercato farebbe sicuramente una versione UB di Autodesk. Ma secondo me non e' cosi' e comunque si sta parlando di numeri molto piccoli dilatati in un tempo molto lungo. Anche se Maya potrebbe aver aperto una porta in questa direzione.