maurizioberia

Members
  • Content Count

    39
  • Joined

  • Last visited

About maurizioberia

  • Rank
    Novizio

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Maurizio Beria
  • Città
    Milano

Contact Methods

  • Website URL
    http://www.maurizioberia.net
  • Yahoo
    beria.geo
  • Skype
    infoberia
  1. @guass :-) Ohibò, pensavo di essermi dilungato io, e invece vedo che in giro c'e' chi mi supera, e alla grande ;-) In realtà nel "curriculum" volevo partire dal Texas Instrument 99/a, una roba che all'epoca poteva spaccare il mondo, con processore a 16 bit quando il PC IBM viaggiava a 8 bit, ma il TI andava lentissimo, anche se era molto bello. Comunque hai ragione, siamo ultra off-topic, almeno in questa sede possiamo concludere questo scambio di opinioni, ci saranno altre occasioni eventualmente per riparlarne. Un saluto. Maurizio
  2. :-) E' vero, sono anche un utente Windows, anzi prima ancora DOS dal 1983, e grosso modo nello stesso periodo ho preso un Apple II, prima che arrivasse il primo Mac. Ho provato anche un poco di Linux. E anche, per lavoro, terminali 3270 su mainframe IBM. Il mio primo collegamento telematico da casa l'ho fatto verso una BBS (Mclink), il modem era un accoppiatore acustico Epson. Tutta roba da preistoria, molti ai giorni nostri non ne conoscono nemmeno l'esistenza :-) iStat Menus e MenuMeters li ho usati da quando esistono, problemi zero, almeno sino all'altro giorno. Adesso ho disinstallato iStat Menus dal MBP che dava problemi e ho installato MenuMeters. Mi serve principalemte per due cose: vedere il traffico di rete in entrata / uscita (leggi: l'ADSL sta funzionando bene, senza bisogno di interrogare il router)) e vedere se il disco sta leggendo / scrivendo. Anche per la memoria non e' male: ho ancora un vecchio PowerPC con solo 1 GB di RAM ed e' utile sapere, ad esempio, che su quella macchina Safari mangia molta più memoria rispetto a Firefox. Pertanto non definirei quei due software delle inutilities, sono come gli elementi di un cruscotto di un'automobile. Che poi incidentalmente il cruscotto si può guastare, questo e' un altro discorso.
  3. Oooppss, la differenza tra i due MBP è che in uno è installato iStat Menus (dove c'è l'errore del kernel) nell'altro c'è Menu Meters (dove l'errore non c'è). Il problema deve essere iStat Menus. Vedrò se esiste un aggiornamento di iStat Menus.
  4. Ho esaminato quelle indicazioni ma ho deciso di seguire un'altra strada. Ho riscaricato Lion da AppStore in versione completa 10.7.4, sono circa 4 GB e ho fatto l'installazione sull'altro MacBook Pro: l'errore kernel non c'e'. Penso di rifare la stessa cosa sul MBP, dovrei così riuscire ad eliminare l'errore del kernel.
  5. Dopo l’aggiornamento (combo) alla 10.7.4 il log di console segnala numerose volte questo errore: kernel: SMC::smcReadKeyAction ERROR PH1Z kSMCBadArgumentError(0×89) fKeyHashTable=0x0xffffff800c67d000 dove PH1Z cambia ad ogni riga. Nel forum di Apple vi sono numerose segnalazioni in proposito, c’è anche una parvenza di soluzione ma non è alla portata di tutti e alcuni la sconsigliano. Date un’occhiata anche voi al log di console ?
  6. Sono andato nel mio pannello di controllo e ho provato a cambiare la password di accesso al forum di Macity. Il medesimo pannello consente di cambiare anche l'indirizzo email (al momento non mi interessa). Dopo aver compilato i campi necessari alla modifica della password, lasciando inalterati quelli dell'indirizzo email, ottengo in risposta l'amministratore ha escluso il tuo indirizzo email e la password non viene cambiata. C'è un link per contattare l'amministratore ma non porta ad un indirizzo email valido. Che cosa ho fatto di male ? Ciao. Maurizio
  7. Grazie del suggerimento, questa sera provo. Il controllo che ho fatto io è differente. Innanzitutto ho spento il Mac, ho staccato la corrente, mi sono portato ad una decina di metri dalla base Extreme (in un'altra stanza), ho riacceso il Mac a batteria e ho hatto una navigata via browser di una mezz'ora. Non ho percepito problemi. Poi ho utilizzato un link messo a disposizione dal mio provider (ma è utilizzabile da tutti): mirror.mclink.it/test.zip Simula lo scarico di un file di 650MB. Ho scaricato solo qualche decina di mega e la velocità era la massima consentita dalla mia adsl. Comunque hai ragione, bisogna provare anche il ping. Ciao. Maurizio
  8. Aggiornato MacBookPro Unibody modello MacBookPro5,1 - Intel Core 2 Duo - 2.53 GHz. Su base Airport Extreme al momento non riscontro problemi sul Wifi usando il Mac con batteria.
  9. Anziché upgradare Ubuntu dalla 8.10 alla 9.04, ho scaricato l'immagine CD della versione 9.04, ho creato una nuova VM in Paralleles e ho installato direttamente la 9.04. In questo caso, il problema che ho segnalato prima non si verifica, l'installazione va a buon fine. Non riesco però a installare le Parallels Tools, che sono utilities necessarie al funzionamento completo di una VM Parallels (sono necessarie anche quando la VM è Windows). Quando vado ad installare le Parallels Tools, ricevo questa segnalazione: "Error: An error occurred when installing Parallels Tools. Please go to /var/log/parallels-tools-install.log for more information." Il suddetto log segnala: "Start installation of user space modules X server: xorg, v1.6.0 Install X modules from directory: .1.6 System X modules are placed in /usr/lib/xorg/modules Error: there is no X modules for this version of X server Error: failed to install user space applications and drivers" Confronterò il contenuto di /usr/lib/xorg/modules tra la vecchia VM e la nuova per vedere che cosa c'è di diverso. Devo dire che utilizzo Parallels sin dalla versione 2 (adesso ho la 4), prevalentemente con Windows e ha sempre funzionato ottimamente. Linux lo utilizzo poco, solo per vedere "com'è fatto", non vorrei installare un altro emulatore solo per Linux. Ciao. Maurizio (cyberia)
  10. Attenzione. Ho riscontrato problemi passando dalla versione 8.10 di Ubuntu alla 9.0.4. Lo scaricamento della versione è andato bene (1.115 files, circa un'ora e mezza più un'altra buona mezz'ora per l'installazione). Al riavvio necessario dopo l'upgrade compare un avviso che si sta lavorando in low graphic mode. A differenza dei precedenti upgrade (questo avviso compariva sempre dopo un major upgrade di versione di Ubuntu, era necessario ripassare i Parallels Tools) a questo punto la tastiera e il mouse non rispondono più, e risulta impossibile proseguire.
  11. Utilizzando Parallels (versione 4.0), quando la Virtual Machine è Windows al termine dell'installazione di Windows vengono aggiunte automaticamente le Parallels Tools (se l'aggiunta non avviene automaticamente, è comunque agevole effettuarla manualmente). Si tratta di utilities a mio avviso necessarie per avere un ambiente di lavoro adeguato (regolazione della risoluzione del video, navigazione tra l'ambiente Mac e quello della VM, ecc.) Sono poco pratico di Linux e non so se avrò tempo da dedicare all'apprendimento, comunque ho installato anche una VM con Linux Ubuntu 8 e ho riscontrato che per Linux le Parallels Tools non vengono aggiunte automaticamente. Questa breve nota descrive i passi necessari per installare i Paralles Tools di Parallels 4.0 per una Virtual Machine sulla quale è stato installato Linux Ubuntu 8. Probabilmente ci sarà qualche metodo più sbrigativo ed elegante per effettuare l'installazione, queste sono le indicazioni di un neofita di Linux. 1) In Parallels, aprire la Virtual Machine di Linux, ed effettuare la login (con utenza amministrativa) per entrare in Linux. 2) Dal menù di Parallels selezionare Virtual Machine Install Parallels Tools 3) Selezionare CONTINUE al box informativo che compare a video. 4) Sul desktop di Linux è comparsa l'immagine di un CD Parallels Tools (e potrebbe essersi aperta autmaticamente la relativa cartella denominata cdrom). 5) Dal menù di Linux selezionare Applicazioni Accessori Terminale 6) All'interno della finestra del terminale digitare cd .. e premere INVIO. La digitazione di cd .. e INVIO va effettuata tante volte quanto serve per arrivare alla directory principale di Linux (identificata dopo il nome [email protected]: da una /$ e niente altro dopo). Nel caso della mia installazione di Linux è stato necessario effettuare la sequenza solo due volte, la prima volta sono atterrato nella directory /home$, la seconda volta nella principale /$ così identificata [email protected]:/$ 7) Siamo sempre nella finetra del terminale. Dalla directory principale di Linux digitare ls e premere INVIO per accertarsi che nell'elenco delle cartelle che compare a video ci sia anche la cartella cdrom (significa che siamo nella directory principale di Linux) 8 ) Digitare cd cdrom e premere INVIO per entrare nella directory della cartella cdrom$ 9) Digitare ls e premere INVIO Comparirà a video un breve elenco di files e cartelle, tra i files ci deve essere install 10) Digitare sudo sh install e premere INVIO 11) Viene richiesta la password dell'utenza Linux, digitarla e premere INVIO 12) Ci siamo: comparirà a video un box Parallels Tools Installer contenente la procedura di installazione dei Parallels Tools, pochi semplici passi da effettuare seguendo le istruzioni a video (in pratica premere NEXT alla prima richiesta e NEXT alla successiva). ------ Maurizio (cyberia)
  12. Dalla versione 2.0.1 alla 2.0.2. Non riscontrati problemi in fase di aggiornamento. Per il momento non noto differenze significative rispetto alla versione precedente. Ciao. Maurizio
  13. Stessa situazione nel mio caso su un MacBook Pro, anzi la reinstallazione sembra che abbia peggiorato la situazione. Ciao. Maurizio
  14. E' in iMac, quindi non c'e' possibilita' di togliere manualmente il DVD e purtroppo in questo caso l'installer di WIN pare non essere troppo furbo. Grazie ad un'altra segnalazione ho trovato http://num19.blogspot.com/2007/03/boot-camp-multi-cd-vista-install.html un tizio che ha risolto un problema analogo (lui doveva installare Vista sotto Bootcamp, e si trattava di installare partendo da piu' DVD, quini aveva il problema di togliere il primo e mettere il secondo). Questa sera provo a seguire quelle indicazioni. Grazie
  15. Ho un DVD di Windows XP acquistato al prezzo di "aggiornamento". Il DVD e' del tutto uguale a quello a prezzo pieno, l'unico particolare e' che in fase di installazione vuole vedere se sulla macchina e' installata una precedente versione di Win. Se Win non e' installato sull'hard disk (caso frequente se si vuole partire con una installazione pulita) non c'e' problema: si toglie il DVD di XP, si mette il CD/DVD di una precedente versione di WIN, la procedura lo legge e gli va bene, ti segnala di togliere questo CD/DVD e di rimettere quello di XP, e l'installazione prosegue. Cio' premesso, se questa installazione di XP la sto facendo su un iMac tramite Bootcamp, quando mi chiede di togliere il DVD di XP, come faccio ? Da tastiera, il tasto di esplusione del DVD in quella fase del processo sembra non funzionare. C'e' qualche altro modo ? (P.S. installando Win da Parallels questo problema non l'ho avuto, perche' in quel momento posso richiamare l'ambiente MAC e da li' espellere il DVD di XP). Grazie. Maurizio