mondriann

Members
  • Posts

    545
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by mondriann

  1. Certo che gli operatori alla macchina da presa potrebbero essere un po più pro. A volte pochi accorgimenti in ripresa possono agevolare il flusso di lavoro in montaggio. Sono davvero pochi i cameraman preparati. Dovrebbero conoscere le telecamere con cui lavorano a mena dito e avere il buon senso di chiedersi dove andrà a finire quello che stanno girando, come sarà utilizzato dal montatore ecc. magari fare un breefing prima di schiacciare il tasto rec...è questione di metodo di lavoro...e qui potremmo aprire un nuovo argomento di discussione..
  2. "Ho ripreso i contatti con trainer FCP certificati Apple che mi dicono che l'unico modo per avere dei titoli mobili decenti è quella di usare una titolatrice analogica!" Guarda non sempre traine certificato Apple vuol dire abbia esperienza di lavoro vero e proprio. Magari conoscono molto bene il software e tutte le scorciatoie da tastiera ma non hanno mai editato in sala di montaggio con problematiche quotidiane. Mi fa sorridere quello che hanno detto a proposito della titoli.
  3. ud, i titoli li vedi a scatti sul monitor del mac o su monitor/tv attraverso scheda video? E' un progetto HD o SD ? Ti chiedo queste cose perché nel mio caso FCPX lavorando in HD crea un ottimo scrolling anche con font piccole di corpo.
  4. Comunque sia, è buona regola preparare il workflow in modo adeguato, come suggerisce Antar. La semplice rinomina delle clip e l'assegnazione numerica nel take può aiutare FCPX nel Multicam. Un'altra cosa che subito mi viene in mente di uso comune in tutti i set del mondo: battere il ciak all'inizio della sessione di ripresa in modo che tutte le camere abbiano un riferimento video/audio. E' una questione di mestiere, di metodo che nel mondo professionale lo si dà per scontato. Non possiamo pretendere che schiacciando un tasto il software di montaggio faccia tutto da solo. Come abbiamo detto più volte FCP7 per quanto pluripremiato è diventato obsoleto come filosofia rispetto a FCPX. Se continuiamo a fare confronti col vecchio FCP non potremo apprezzare le qualità di FCPX.
  5. mondriann

    Nuovi MacPro?

    Ah Ah... comunque di solito se vogliamo dirla tutta nel banco delle edit suite trovo solamente doppio monitor, tastiera, audio monitor. L'hardware solitamente è in una stanza inserito in rack assieme a torrette RAID e altre apparecchiature in ambiente climatizzato. D'altronde lavorando gli occhi sono sui monitor, cosa mi frega di vedere i bussolotti che accendo il lunedì e spengo venerdi sera? Come al solito Apple stupisce; scomettiamo che tra qualche mese anche i PC inizieranno ad avere forme cilindriche?
  6. Penso tu stia lavorando in FCP7, magari la prossima volta ricordati di scrivere tutto il possibile per farci capire meglio il problema. Quindi se ho capito bene tu hai una lunga clip nel tuo HD. Ti arriva un Project di FCP7 dove ci sono degli IN e OUT. Apri questo Project, riconnetti la clip e tutto si sballa.E' un'operazione abbastanza frequente in post-produzione. Figurati che una interessante funzione di FCP è proprio quella di interpretare una edit list addirittura creata su excel o text edit con la campitura per IN-OUT-DURATION-RELL. Questo metodo lo adoperavo per far fare una preselezione del girato su excel alla curatrice del programma in altra sede. Inviava il file via mail e iniziavo il log-in da nastro nella stazione di montaggio. Questo per dirti che si possono fare cose ben più "complicate". Ti devi assicurare che la tua clip sia identica all'altra, anzi dovrebbe essere una copia esatta. Se relincando FCP7 sballa ingressi ed uscite vuol dire che c'è un problema di interpretazione del time code. Probabilmente avete qualche discordanza tra le due clip. Facci sapere.Ciao
  7. RISOLTO: Dopo qualche tentativo seguendo diverse procedure per ripristinare FCPX, come sospettato il problema non era proprio di FCPX ma sicuramente si erano corrotti uno o più file nella libreria del system che andavano in conflitto con qualche plug-in o addirittura con l'applicazione stessa. Non chiedetemi come possa essere successo. A quel punto visto che da circa tre anni non formattavo il disco di system, ho fato un bel backup ho inizializzato e reinstallato Mountain Lion e applicazioni varie. E' anche un'occasione per fare un pò di pulizie primaverili. In un paio di giorni ho rimesso in moto il tutto e ora FCPX funziona perfettamente. Mi rimane solo il punto interrogativo sulla causa di tutto ciò, sarebbe meglio sapere il perchè di certe cose... Vla, su iMac, FCPX e file mp3 non mi danno problemi. Probabilmente il rallentamento c'è quando FCPX converte in bkg gli mp3 per creare dei wave . ciao.
  8. Larry Jordan & Associates Inc. Final Cut Pro X Tutorials | Essential Training Apple Pro Video Series Final Cut Pro X
  9. E' sempre una buona cosa leggere le esperienze di professionisti coinvolti in produzioni di un certo livello. Seguite per bene i workflow, ciao. How Emmy winning George to the Rescue gets cut on Final Cut Pro X for NBC - fcp.co Moving from Final Cut Pro 7 to FCPX on French TV series Lazy Company - fcp.co
  10. Si posso tornare indietro. Non è quello il problema. Anche se il software si scarica solo da App Store si può ricavare un dmg di backup delle vecchie versioni senza problemi. Senza entrare in polemica, utente Apple per lavoro praticamente da sempre e non cambierei comunque piattaforma. Da alcuni anni sono montatore free-lance e adopero FCPLegacy dalla versione 1.0.2, Avid MC più saltuariamente (RAI) e se posso lo evito. Premiere dalle ultime versioni ha fatto un bel cambiamento ma ancora lo vedo poco in giro. Altri sistemi di montaggio dedicato o meno non ne vedo, tranne in qualche tv privata. Penso che FCPX sia il software più innovativo al momento....anche se ancora non affidabile per certi versi. Ho iniziato a studiarlo appena uscito e ora operativamente non riuscirei a fare ameno delle sue caratteristiche. Fra l'altro una casa di post produzione dove collaboro sta seriamente pensando di aggiornare le 6 stazioni di montaggio con FCPX per dismettere FCP7. Sostituire alcuni MacPro con iMac. Il problema che ho segnalato è abbastanza anomalo e va cercato e risolto. Può essere che abbia qualche pasticcio nel Mac. Sarò pronto ad aggiornare il post appena risolvo la cosa. Ciao.
  11. Ciao, come si può capire dal titolo, voglio segnalare un grosso problema riscontrato dopo l'aggiornamento a 10.0.8. Come consigliato non ho aggiornato a metà progetto in corso d'opera. Il problema è sorto dovendo rieditare un progetto del mese scorso tagliato con la versione 10.0.7. Una volta aperto il vecchio progetto tutta la color correction è saltata.Aprendo il controllo della color i valori di saturazione, luminosità e tinta sono andati a fondo scala. In alcune clip audio, sia musica che audio camera, i livelli audio si sono azzerati. Un template di titolazione creato con Motion è completamente cambiato nei parametri, i titoli da bianchi sono diventati verdi, un solido animato è sparito. Ho riaperto il project da back-up ma dopo aver riavviato l'applicazione, anche la copia del project è andata fuori parametri. Questo non dovrebbe accadere! Sono un sostenitore di FCPX per la sua filosofia di lavoro innovativo, ma un software di montaggio pro deve essere affidabile. Tra alcuni giorni devo iniziare una nuova produzione e sinceramente non mi sento per niente tranquillo. Se qualcuno avesse problemi di sorta vi pregherei di segnalarlo. Ogni considerazione è ben accetta. Buon lavoro.
  12. Per giubio e quant'altri : non è scritto da nessuna parte che il lavoro del montatore e del tecnico di post-produzione sia facile. Per poter sfruttare e conoscere al meglio qualsiasi software ci vogliono parecchi mesi, senza parlare del metodo di lavoro più appropriato che solo l'esperienza di anni di lavoro può dare. FCPX è un software professionale e anche nella sua semplicità rispetto ad altri va studiato e imparato. Prendila con calma e non mollare. ciao
  13. UD, esporta la clip da Motion con codec Prores 4444 abilitando nelle opzioni "millions of color +" per gestire l'alpha channel. Ogni giorno mi arrivano decine di file esportati così da Motion e After Effect da editare in FCPX. Tutto funziona! E' un'operazione standard nella post-produzione... non capisco il tuo nervosismo... vedrai che andrà meglio, ciao.
  14. Ho letto in fretta queste tre pagine potrebbe essere che ripeto qualche post, comunque .... da parecchi anni cioè da quando non archivio più il montato finale su nastro digibeta o dvcam esporto sempre nel formato nativo adoperato per tutta la lavorazione. Questo file master alla massima qualità lo conservo per ricavare i file minori e lo archivio per il cliente. Questo metodo viene adoperato da decine di editor e direi in tutte le post-produzioni che frequento. Da quando edito con FCPX esporto in Prores. Se posso darti un consiglio UD, esporta e archivia sempre un file in Prores o Codec nativo. Il tempo "perso" in esportazione (ricorda che editando in prores FCPX esporta senza prima effettuare rendering) lo recuperi quando ti accorgerai che le cose funzionano senza intoppi. Il file master ottenuto lo comprimi nel formato minore richiesto tramite Compressor fatto apposta per questo. In questo modo mentre Compressor si occupa delle esportazioni in batch, FCPX non viene occupato ed è pronto per nuove lavorazioni. Trovare il giusto workflow è indispensabile, a volte le cose più semplici sono quelle che funzionano meglio. Buon lavoro.
  15. Quoto Marksei, una volta entrati nella filosofia di FCPX non si torna indietro. Dopo gli ultimi aggiornamenti nessun rallentamento o chiusure inaspettate su iMac i7 16gb . Consiglio vivamente di aggiornare all'ultima versione e seguire qualche tutorial, sono fatti apposta per spiegare il metodo migliore per un buon approccio col software. Ciao.
  16. Devi impostare il progetto nella Project Library in stereo e non in surround 5+1.
  17. FCPX è un ottimo software di editing confermato da più montatori. Come è stato scritto sopra bisogna imparare la filosofia del programma ma dopo un primo smarrimento si capisce da subito che è avanti più di altri. Del resto Apple ci ha abituati a questo. In genere FCPX digerisce la maggior parte di formati video in formato nativo, compreso AVCHD.Ad ogni modo FCPX offre la possibilità di convertire le clip in background nel formato Prores o Prores Proxy. Vedi il sito di Aja e Blackmagic ci sono diverse schede di acquisizione, anche se mi sembra stiano spingendo giustamente soprattutto su schede thunderbolt, interfaccia che i MP non hanno, ma si trovano su iMAc e MB. In realtà vedo sempre più iMac come stazioni di montaggio e sono molto performanti. Ciao.
  18. Prova a vedere qui An intro to Motion5 for FCPX users from Mark Spencer and Steve Martin - fcp.co ciao
  19. Puoi personalizzare la tastiera di FCPX e agganciare la funzione ad un determinato tasto. Il problema è che la tastiera Italiana estesa ha alcuni tasti posizionati in modo diverso da quella Americana.Sul MacBook non ricordo.. Io ho puntato questa funzione sul primo tasto a sx sotto l'esc. Quel tasto corrisponde all'accento grave della tastiera USA, tanto per uniformare la posizione di default di quella funzione.ciao.
  20. Ricordano proprio i disturbi tipici di videocassetta fuori traking in acquisizione. Non ho mai visto nulla di simile partendo da clip Canon 5D. Dovresti spiegare il tuo workflow di lavorazione come suggerito da MVA. Di sicuro c'è qualche cosa che non quadra. Il fatto che non dai importanza al frame rate (24 o 25 ?) non va bene...devi essere preciso nelle indicazioni, ciao.
  21. Si puo ovviare a questa cosa non molta simpatica; alludo al fatto di mostrare ai clienti lavori eseguiti per altri.E' semplice, bisogna creare due nuove cartelle nominate ad esempio una : "Final Cut Events Not In Use" dove mettere la cartella Events del cliente che non vogliamo fare apparire nella lista Events, l'altra "Final Cut Project Not In Use" dove mettere la cartella Projects del cliente che non vogliamo fare coinvolgere a FCPX. Il concetto è semplice, spostare fuori dalle cartelle di FCPX progetti ed eventi. Dovesse servire riaprire il progetto con i relativi media basta spostare di nuovo le cartelle nella directroy/folder principali di FCPX per permetterci di editare. Ciao.
  22. Io copia le cartelle "Final Cut Projects" e "Final Cut Events" nel disco di backup. FCPX le riconosce e apre il progetto senza problemi anche da questo disco. vedi anche qui : Larry Jordan - FCP X: Manage Events and Projects | Final Cut Pro Training | The Best Training in Final Cut Pro ciao
  23. E' ricorrente questa domanda; come velocizzare il rendering di FCP7? In anni di lavoro con FCP e occasionalmente Avid, il tempo per il render è sempre stato l'ultimo dei problemi. E' chiaro che la stazione di lavoro più è performante meglio è. Non solo per il calcolo ma per tutto il flusso di lavoro. Non so come tu sia abituato e a che tipo di produzioni sei coinvolto. Forse è una questioni di tempi. Voglio dire ogni produzione ha dei tempi "standard" in base alla tipologia del montaggio. Ad esempio, un documentario di circa 40' in genere si edita, finito, mixato e colorato pronto per la consegna al cliente in 7/8 gg di lavoro. Se nell'arco di quelle giornate diluisco un paio d'ore di render penso sia un ottimo compromesso. Anzi se ogni volta che FCP richiede render lo accontento, alla fine del montaggio ho la timeline completamente renderizzata. Per uno spot di 30" parlo di editing non di effettistica, motion graphic ecc. (che sono delegate ad altre persone) il tempo medio di montaggio può andare da 1 a 2 gg di turno di lavoro. Su 30" di montato il rendering si riduce. E' fondamentale dare a FCP7 come a tutti i software di editing, la possibilità di lavorare al meglio nei formati video nativi. Giustamente come abbiamo detto più volte se il formato video si discosta da quello accettato da FCP viene richiesto render anche per andare in play. Apple consiglia di convertire ill metraggio in Prores, codec che funzione a meravigli con FCP7. Con FCPX le cose vanno meglio perché è stato riscritto proprio per dialogare al meglio con tutti i nuovi mediafile che possiamo trovare oggi nel campo pro. Vedi clip generate da Canon 5D, Red Camera RAW, MXF ecc. Se il progetto dovesse avere dimensioni importanti con molte ore di girato FCPX offre comunque la possibilità di convertire o importare il girato in Proxy, file adatti per il lavoro principale di editing.Una volta completato i tagli possiamo ritornare ai file nativi ad alta qualità per il conform finale.
  24. Finalmente un corposo aggiornamento per FCPX. Finalmente si inizia a ragionare. E' quasi un anno che edito alternando FCP7 a FCPX e ho fatto bene a crederci. Dopo un inizio insidioso complice il ridisegno dell'interfaccia e alla riscrittura del software che mi ha obbligato a reimparare un software che adopero da anni, ora dopo alcuni importanti aggiornamenti si vede da subito che FCPX finalmente è pronto per il mondo pro. Di fatto l'aggiornamento porta solo delle funzioni che veramente mancavano durante il flusso di lavoro. Non farò un elenco delle novità perchè facilmente consultabili in rete. Final Cut Pro X - 10.0.6 - A first Look ProVideo Coalition.com: the EDITBLOG on PVC by Scott Simmons FCP.co The number one FCPX and Final Cut Pro resource on the net In generale si nota da subito una maggior velocità di risposta ai comandi, maggior stabilità , velocità in esportazione e render. Odiose girandoline colorate non ne vedo più anche con progetti complessi. In particolare ho aperto un progetto montato all'inizio dell'anno che mi aveva dato da subito problemi di gestione. Fastidiosi impallamenti, render lentissimi, problemi con layer di titolazione. Ebbene col nuovo aggiornamento tutte le complicazioni sono svanite. La macchina è la stessa, a parte l'aggiornamento di Mountain Lion che sicuramente crea una felice accoppiata con FCPX. Tra le novità di 10.0.6 che forse sentivo mancare di più è finalmente il riconoscimento dei file nativi R3D di RED Camera. Una gestione semplice e funzionale. Posso dire in generale un aggiornamento soddisfacente. Una riflessione : il mese scorso ho lavorato ad una produzione dove ero coinvolto assieme ad altri due colleghi montatori. Si trattava di editare cinque film con durate dai 4 agli 8 minuti ciascuno. Il girato realizzato da due troupe distinte proveniva da Canon 5D e Nikon D7000. Molte ore di metraggio con interviste bicamera e audio separato registrato con mi pare Tascam. La scelta delle suite di montaggio è andata su FCP7: vuoi perchè i colleghi non davano fiducia a FCPX (in quanto non avevano approfondito il nuovo programma) vuoi perchè in una produzione così complessa la scelta più ovvia fosse la vecchia suite testata in anni di lavoro. Con noi c'erano a tempo pieno gli autori che conoscevano buona parte del metraggio e sono stati di aiuto fondamentale. Il lavoro è andato a buon fine e consegnato la notte prima della scadenza. L'editing in FCP7 distribuito su tre Mac è stato diviso così: 01- scrematura del girato nativo (scelta obbligata dovuta alle molte ore di girato tenendo d'occhio lo spazio sei dischi). 02- sincronizzazione delle due camere più audio con Pluraleyes (di notte un MacPro elaborava) 03- conversione in Prores del girato nativo H264 delle fotocamere (di notte i Mac processavano non sempre al mattino la conversione era ultimata) 04- si inizia a tagliare 05- verifiche giornaliere con il committente 06- ricerca di materiale d'archivio da convertire in Prores perchè di svariato formato video 07- inserimento dei sottopancia preparati in Motion creando un template personalizzato (dopo approvazione dell'agenzia) 08- nel frattempo arrivavano le ultime riprese fatte (quindi Pluraleyes, Prores ecc.) 09- il girato nativo era a 23,98 fps, mentre l'archivio a 25 fps veniva conformato con Cinematools 10- ad approvazione del montato iniziava il mix audio delle colonne parlato, rumori ambiente, musiche 11- color correction primaria con filtro threeway di FCP7 (doverosa per equiparare le camere e per dare un certo look al prodotto finale) 12- esportazione finale innestando la timeline del montato in una sequence di 3840x1080 il formato di proiezione scelto. la parte sx dello schermo mostrava il film montato - la parte dx dello schermo conteneva infografiche in sincrono col parlato degli "intervistati". Sorvolo sulle indecisioni del committente che a volte ci portava a dover ri-editare alcune sequenze, questo fa parte del lavoro in sala di montaggio- oppure sulla mancanza di un Xserve per gestire al meglio una tale quantità di dati. Analizzando a posteriori il workflow di lavoro ora tutto andrebbe nella direzione di FCPX. 01- non avremmo dovuto convertire per diverse notti il girato nativo in Prores (FCPX lavora ottimamente anche con file H264 nativi) e quindi anche la scrematura poteva essere evitata 02- il sync audio con il video è una funzione semplice e veloce, quindi nessun calcolo notturno di Pluraleyes 03- niente Cinematools per conformare i diversi frame rate. FCPX può editare diversi frame rate e formati video nella stessa timeline 04- multicam veloce ed efficiente per le due camere solo questi quattro punti permettono di lavorare con meno stress e minor dispendio di ore/lavoro In conclusione; probabilmente anche con FCPX avremo impiegato le stesse giornate lavorative ( 17 gg in due/tre montatori) e sicuramente le cose vanno testate davvero durante il workflow, ma qualche giornata risparmiata poteva essere dedicata ad una rifinitura più accurata guadagnando qualche notte di sonno. FCPX, Premiere CS6, Avid MC6 sono nuove applicazioni pronte per tutti i nuovi media generati dalle nuove fotocamere e camera digitalcinema.. Un pò alla volta, piano piano, in sordina, la gloriosa suite FCP7 dovrà cedere il passo al nuovo arrivato. Ciao.
  25. Ciao, mescolare diversi formati richiede dover fare una scelta prima di iniziare la lavorazione. - in quale formato voglio ottenere il montato finale? - la maggior parte delle clip importate in quale formato sono? - comunque sia devo partire da un formato video, sia HD o SD. Quindi non si tratta di croppare ma di adattare le clip al formato scelto per l'edizione finale. Bisogna decidere subito il formato finale perchè determinante su come adattare il resto delle clip fuori formato. Ad esempio decidessimo, o ci venisse richiesto dal cliente di editare in HD 1080, è chiaro che tutte le clip non HD 1080 verranno adattate al 1080. Naturalmente le clip in formato SD 4:3 720x576 o 16:9 anamorphico si mostrano come un quadratino molto più piccolo rispetto al 1080. Quindi l'unica cosa da fare è ingrandire le clip SD. FCPX può adattare le clip al formato scelto per editare. Il risultato ovviamente non è eccelso; ingrandendo le clip SD le immagini risultano sgranate e di pessima qualità . Una soluzione può essere di lasciare le clip SD nel formato originale e creare una composizione con più clip in split screen o creando una sorta di impaginazione grafica dove le clip SD vengono incorniciate. Se invece siamo liberi nella scelta del formato finale diventa più facile; conviene dunque lavorare al contrario: editare su timeline SD e adattare rimpicciolendo le clip HD. Questo dipende appunto da come dobbiamo fornire il montato finale. Ciao.