pikkulino

Members
  • Content Count

    99
  • Joined

  • Last visited

About pikkulino

  • Rank
    !> SinTaX ErRoR #*@

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Nick
  • Interessi
    Cinema, moto, musica, viaggi...
  • Lavoro
    "Faccio cose... vedo gente..." ;-)
  • Mac che possiedo
    PowerBook, iMac, PowerMac, Cube
  1. Non ci sto capendo più nulla. Ho creato un filmato di circa 2h in iMovie '11 e sto cercando di salvarlo su un HD esterno formattato Mac OS esteso. Per i parametri di esportazione, utilizzo direttamente il formato "grande" da Condividi > Esporta filmato (quindi viene preparato un Mpeg4) e scelgo, appunto, l'HD quale destinazione. Dopo 6 lunghissime ore di elaborazione, la macchina regolarmente mi segnala "Impossibile preparare il progetto per la pubblicazione. Il progetto non è pronto per la pubblicazione perché si è verificato un errore. (-31)." Qualcuno ha incontrato lo stesso problema? Non ho idea di quale sia la causa: online non si trova assolutamente alcuna indicazione...
  2. pikkulino

    iPhoto09

    Ciao Kalimer. Allora, i formati sono: - Standard - Biglietto da visita - Cornice semplice - Filetto semplice - Filetto doppio Queste macro-opzioni sono ulteriormente personalizzabili in: - temi - sfondi - margini - formati - fonts Non mi ricordo se e quanto differissero le precedenti edizioni rispetto all'attuale..... Mah... io con 4 GB lo utilizzo tranquillamente. Diciamo che l'avvio e il comportamento generale è certamente più lento (del resto sono aumentate le informazioni sulle singole immagini), ma una volta operativo il programma è comunque piacevolmente fluido.
  3. pikkulino

    iPhoto09

    Personalmente ho atteso quasi 500 minuti....! Scansione di 15.000 foto...
  4. pikkulino

    iPhoto09

    Parli di "opzioni di stampa" locale oppure online (a pagamento)? Scusa la domanda banale, ma... (Non credo, comunque, che il punto di forza di questa versione siano i formati)
  5. pikkulino

    iPhoto09

    Arrivato iLife 09 stamattina e subito installato. Per diversi motivi attendevo (soprattutto) il nuovo iPhoto. In una parola: SPETTACOLARE. - spettacolari le nuove animazioni per le presentazioni - spettacolare la possibilità di esportare gli slideshow anche in filmati ad alta definizione - spettacolare l'integrazione totale con Facebook e Flickr - spettacolare (e molto "cool") il riconoscimento automatizzato dei volti... anche se - ovviamente - approssimativo ... in più altre cose "carine"... come - la possibilità di impostare on-the-fly lo sfondo scrivania con le proprie immagini - migliorata l'interfaccia con iWeb - l'opzione "luoghi" per associare una posizione GPS agli scatti (anche se un pò macchinosa) Grande Apple!
  6. Ciao a tutti. Volendo utilizzare la PS3 come visualizzatore multimediale, ho cercato di backuppare l'intera libreria del mio iPhoto (circa 40 GB / 16.000 immagini...) su un HD USB 2.0 Lacie esterno, formattato FAT32 (ovviamente per essere letto dalla console). Il problema è che non riesco proprio ad effettuare l'operazione: la procedura si avvia, vengono duplicate e nominate le directory (i diversi folder) ma il trasferimento si blocca a circa 10 MB. La finestra rimane bloccata e dopo alcuni minuti l'HD viene disconnesso. Qualcuno ha suggerimenti? Grazie!
  7. Problema annoso. Ho attivato il servizio FTP su Leopard, al quale accedono dall'esterno sia utenti Mac che Win. Nessun problema a collegarsi alle directory personalizzate (singolo account/home directory con password) da Mac con Fetch; da Win, l'accesso attraverso "aggiungi risorsa di rete" e l'inserimento dei medesimi privilegi (username+password) mi dà l'errore: "Impossibile accedere alla cartella. Verificare che il nome file sia valido e accertarsi di disporre delle autorizzazioni necessarie per accedere alla cartella. Dettagli: The operation timed out." Cosa vuol dire? Devo modificare qualcosa nelle impostazioni FTP di Server Admin o semplicemente qualche protocollo di condivisione file in File Sharing? Grazie in anticipo.
  8. Non ho mai usato la funzione iCal su Leopard server. Questa mattina un collega ha chiesto la mia disponibilità a fornire il servizio iCal incluso su Leopard Server della nostra macchina, in modo da condividere tra diversi utenti esterni le medesime scadenze. Come posso fare per attivare e gestire la cosa? La macchina interna ha un indirizzo pubblico con un proprio URL, che ovviamente andrebbe a sostituire il servizio di condivisione .Mac fornito di serie da iCal client. Qualcuno ne sa di più? Grazie!
  9. Ciao Federico, per modificare la password "root" in modo sicuro e radicale, puoi avviare il sistema da DVD (tenendo premuto, come saprai, il tasto "C"); alla schermata di installazione, seleziona dalla barra del menu "utilities" la funzione "reset password". A quel punto selezioni l'utente "root" e digiti la nuova password.... Semplice!
  10. Devi attivare SMB (protocollo win) per la condivisione file; inoltre assegna il DNS WINS in configurazione DHCP: è probabile che la macchina Apple non assegni l'IP ai PC Win.... Fammi sapere!
  11. In studio abbiamo diverse macchine dotate di Parallels. Sulla mia, ad esempio, ho montato Win XP Home senza problemi, su quella di una collega XP Professional. Entrambi girano perfettamente. Spesso si traggono conclusioni affrettate, magari dettate da piccolissimi inconvenienti apparentemente insormontabili. Non credo che acquistare Parallels corrisponda a "buttare i soldi": basta guardare sia la soddisfazione diffusa degli utenti che i premi vinti dalla software house che lo ha sviluppato... P.S.: Netiquette insegna che nei forum è vietato parlare di software duplicati illegalmente...
  12. "Fatece largo, ché passà mo noi"!!! @Andycott, attualmente i protocolli più veloci sono "N" (300 Mbps, teorici), "Extreme-G" di D-Link (2x54=108 Mbps, sempre "sulla carta") e pochi altri. Le velocità di trasmissione sono però, appunto, solo teoriche: molti fattori influenzano la qualità e la quantità dei dati passanti, fra i quali numero e spessore delle pareti divisorie e materiali costruttivi impiegati, distanza delle macchine dall'AP, interferenze radio, posizionamento in altezza, etc. Diciamo, comunque, che per garantire almeno una buon livello base forse converrebbe valutare un upgrade.
  13. Ciao Andycott. Se ho capito bene, la soluzione è molto più semplice di quanto tu creda. Gli "apparecchi" - ovvero Access Points / Router / Modem wireless - supportano sì 4 connessioni, ma ethernet. Virtualmente se utilizzi l'AP come router DHCP hai 254 indirizzi a disposizione senza fili: quindi il problema del "limite" non si pone. Se hai - come dici - due stampanti di rete su ethernet, la cosa assolutamente più semplice che tu possa fare è acquistare un Access Point di qualsiasi marca (noi utilizziamo DLink compatibile protocollo N), collegargli il modem via ethernet (o acquistare direttamente un AP/modem), configurare l'assegnazione degli IP sulla medesima sottorete delle stampanti e distribuire il segnale di rete a tutte le apparecchiature attraverso l'etere. Le stampanti, unico hardware collegato "fisicamente", entreranno direttamente via cavo sul retro dell'AP. In questo modo puoi aggiungere altri... 240 computer circa! Se i computer facenti parte della tua rete hanno tutti la funzionalità wireless, non ti servono più hub o switch: verifica solamente la velocità del protocollo ("N" arriva a 300 Mbps, superando ethernet 100) in modo che il passaggio da wired a wireless non sia gravoso dal punto di vista della rapidità di scambio dei files. Le uniche configurazioni saranno relative alla gestione specifica dell'access point (indirizzi IP, sicurezza, canale, protocollo, etc.), oggi più che mai estremamente semplici e legate generalmente a dei "wizards" elementari e comprensibili. E con 150 Euro circa (al max) te la cavi. Ciao!
  14. Impressioni d'uso dopo l'avvio completo dei servizi su OSX 10.5 Server da parte di un utente entusiasta 10.4: HW e SW: - sistema attualmente installato su MacMini Intel Core 2 Duo 1,8 Ghz, 2 GB Ram (acquistato contestualmente al Sistema - vers. 10 clients) - OSX gira perfettamente sulla macchina, che è collegata ad un HD esterno con funzione di backup via Time Machine - aggiornamento immediato a 10.5.1 (110 MB) - la macchina fa da router/fw, interfaccia NAT e condivisione web attraverso Ethernet (Fastweb > WAN) e Airport (access point D-Link wireless "N" > LAN) IMPRESSIONI: - all'avvio non si presenta più la finestra terminale, ma viene avviato direttamente il sistema - interfaccia, profilazione iniziale ed eventuale customizzazione "a prova d'idiota" - tre livelli di personalizzazione (Standard, Workgroup e Advanced), corredati da icone e spiegazione - semplicità esemplare dei diversi servizi, attraverso campi di inserimento precompilati e/o suggerimenti elementari e puntuali - guida in linea completa ed esauriente - gestione ulteriormente migliorata rispetto a Tiger della gestione degli accounts e del file sharing - possibilità di gestire gli accessi, i servizi base del server (web, FTP, iCal, iChat, Mail e VPN) e il sistema (FIrewall, back-up del server/dei clients e i grafici di attività ) attraverso il pannello Server Preferences - possibilità di attivare il pannello Server Admin per avviare/gestire servizi avanzati (DHCP, NAT, SMB, etc.); in Tiger non esisteva un duplice livello di complessità di gestione della macchina - in generale le funzioni e i pannelli di controllo sono più gradevoli, intuitivi e gestibili - nella confezione è compreso un DVD destinato ai clients della rete per poter gestire completamente il server da un altro terminale attraverso un'apposita interfaccia (sotto Leopard) Parere personale: Apple ha svolto (e sta svolgendo) un grande lavoro "culturale" sul proprio OS X destinato ai Server e sulla comprensibilità diffusa dei sistemi-server in generale, auspicando forse (a ragione) che tale software si diffonda agli utenti sino ad oggi tenuti lontani dai timori di complessità . Leopard in versione Server è forse maggiormente "rivoluzionario" di quello Client, da un certo punto di vista. IMHO. ATTENZIONE: gravissimo "bug" di Leopard Server legato al login automatico come Amministratore. Inspiegabilmente la macchina si blocca sulla finestra di login con i campi vuoti, non accettando nessun tipo di combinazione user/psswrd. Ho dovuto REINSTALLARE completamente il Sistema e riconfigurarlo (perdendo due giorni di lavoro) prima di individuare il difetto...
  15. Che tipo di errore ti appare? Probabilmente è errato il DNS abbinato alla macchina. In realtà la configurazione è molto più semplice di quanto possa sembrare (io me ne sono accorto alla seconda installazione del Sistema): basta inserire il nome (o l'indirizzo IP pubblico) della macchina nella schermata di 'benvenuto' e 'configurazione standard' di Mac OSX iniziale.... tutto il resto è consequenziale e - soprattutto - automatico! Fammi sapere!