Piero1958

Members
  • Posts

    7
  • Joined

  • Last visited

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Piero Pieri
  • Città
    Yaounde (Cameroun)
  • Interessi
    Informatica
  • Lavoro
    Vendite prodotti largo consumo
  • Mac che possiedo
    Macbook Pro CD1 2.0 GHZ

Piero1958's Achievements

Newbie

Newbie (1/3)

10

Reputation

  1. Ringrazio tutti per i contributi, specialmente quelli di voi che hanno delle conoscenze informatiche ben superiori alla mia. Mi avete convinto del fatto che Parallels, avendo soddisfatto le aspettative di molti di voi, merita quantomeno una riesamina da parte mia. Mettero' un'espansione di memoria sul MBP ed installero' Win 2000 e vi faro' sapere. Resto convinto che del secondo core me lo potevano almeno dire, prima di vendermi il prodotto. Bah, in un mondo perfetto... Buona giornata a tutti, dal piovoso Cameroun Piero
  2. In fatti non me la prendo con parallels perchè windows è lento, me la prendo con parallels perchè ha bisogno di usare windows. Per quello che ne so il processore Core Duo permette di utlizzare una applicazione Win senza Win! Mi sembra che si chiami paravirtualizzazione (o qualcosa del genere). So che esiste per Linux e che si chiama wine. A mio modesto modo di vedere (non sono un tecnico nè tantomeno un programmatore), questa è una vera novità , questo è un reale passo avanti, una nuova tecologia software. Non quella specie di VPC vestito a festa di cui stiamo parlando. Piero
  3. Precisazione: Quando dico che Excel su Win va più veloce mi riferisco a questo: - Sulla stessa macchina (MBP Core Duo 2 GHZ 1 GB RAM comprata in Maggio 2006) ho sia Mac OSX 10.4.9 con Microsoft Office 2004 ultimo aggiornamento che Win XP SP2 con Office 2003 SP2. - Lo stesso file (una tabella di 1.3 MB) apre da Win (voglio dire avviando da Win con boot camp) in circa un quarto del tempo che impiega su Mac. - Un banalissimo comando sort su un database di 500 records viene eseguito istantaneamente da Win, mentre impiega buoni 10 secondi su Mac. Provare per credere. Chiaramente non sono diventato un fan di Windows, piuttosto penso che la suite Office 2004 su rosetta giri piuttosto male e che la nuova versione nativa (2008) sarà certamente superiore all'attuale versione Win. Però oggi è così, chiunque abbia un Mac Intel può fare le stesse prove che ho fatto io. Piero
  4. Se aveste una Ferrari ci andreste piano, per caso? Io no. Il mio MBP resta acceso per settimane, viene sistematicamente sfruttato al limite delle sue possibilità , la ventola è praticamente sempre in funzione. Lo uso a casa, in viaggio, al lavoro, ci scarico le foto, guardo i DVD, lo uso come videoregistratore con Eye TV. Non ho mai fatto nessun tipo di manutenzione, mai ottimizzato il sistema, mai deframmentato il disco, mai controllato i privilegi. Non ho mai avuto il minimo problema, da oltre un anno che ce l'ho. E' un Mac, per forza :-) Piero
  5. Come molti di voi (immagino) ho necessità di utilizzare Windows a volte per fare cose che con il Mac non posso (come usare la cam con Msn Messenger, ad esempio). Sono sopravvissuto a tutte le versioni di VPC (dalla 1 alla 7) e speravo, con l’avvento dei processori Intel, di essermene liberato per sempre… Invece, dando stupidamente retta agli articoli dei mensili specializzati che ne parlavano benissimo, ci sono ricascato e ho comprato una copia di Parallels Desktop (79 euro, mi pare). I software di emulazione/virtualizzazione sono fonte di eterna frustrazione per chi li installa su qualcosa che non sia un mainframe con 32 processori e un TB di RAM, ed io lo so questo, ma essendo naive (me lo dico da solo) ho installato Parallels con Win XP Pro SP2 su un MBP CD1 a 2.0 GHZ con un misero GB di RAM. Avendo già una partizione Boot Camp ho utilizzato quella. Risultato: XP parte abbastanza velocemente, riconosce la maggior parte delle periferiche (compresi mouse e tastiera wireless) ma: 1) Non vede la scheda grafica 2) Non utilizza che uno dei due core del processore Per cui, lanciando Parallels io mi ritrovo ad emulare un PC core solo senza scheda grafica con 512 MB di RAM. Un’esperienza emozionante. Ma vediamo un po’ cosa ci fa uno con questo programma: Certi vogliono Windows per i giochi che non ci sono in ambiente Mac, ma senza scheda grafica non ha senso. Altri potrebbero voler utilizzare delle applicazioni che sotto Windows girano meglio o più velocemente (come Excel), ma un solo core e metà della RAM annullano qualsiasi vantaggio. Qualcuno ancora più naive di me potrebbe pensare di tenere sempre Parallels in background (come si faceva con Classic nel 2001) per usarlo quando ce ne sia bisogno. Sconsiglio vivamente, a meno che non abbiate il mainframe di cui sopra… Alla fine, l’unica cosa che sono riuscito a fare con Parallels in un modo decente è utlizzare MSN Messenger. Funziona bene, indubbiamente. Peccato che per far partire Windows ed in seguito Messenger, Parallels ci metta esattamente lo stesso tempo che impiegherei a fare un reboot. Conclusione: Parallels non serve a niente, se non a farvi spendere 79 euro per avere qualcosa che Apple vi da gratis (e che funziona molto meglio). Questa è la mia esperienza. Mi dispiace che sia negativa e non ho niente contro la software house che fa Parallels, ma i fatti sono fatti. Spero che qualcuno sia in grado di smentirmi e di dimostrarmi che ho speso bene i miei soldi. Piero
  6. Grazie a tutti per i messaggi di benvenuto Siete molto gentili. Per Kiko2 un brevissimo flash dal Cameroon: Siamo nel pieno della 'piccola stagione delle piogge', la temperatura e' sui 30. Ci sono tempeste frequenti ed i servizi di base (acqua, elettricita', telefono, per non parlare di internet) vengono interrotti continuamente. Io vivo a Yaounde, la capitale del Paese. Capisco il fascino che questo Paese puo' esercitare per le sue bellezze naturali, ma viverci, credimi, e' un'altra cosa, almeno per un europeo. A presto Piero
  7. Mi chiamo Piero ho 49 anni, sposato con due figli, e per vivere lavoro in una multinazionale alimentare. Mi occupo di vendite e mi sposto ogni 3 o 4 anni da un posto ad un altro. Sono stato in Romania, in Sudafrica, in Lussemburgo, a Dubai e adesso sono a Yaounde', in Cameroun. Ho avuto il mio primo Mac da mio padre nel 1989, era un Plus con il System 6 e da quel momento non ho smesso piu' di amare e di usare i Macintosh. Sono passato attraverso tutte le evoluzioni della Apple di questi ultimi (quasi) 20 anni. Ho avuto diversi modelli di Mac, sia portatili che desktop ed ora da quasi un anno uso un MBP di cui sono molto contento. Uso Mac OS X dai tempi della beta pubblica e sono affascinato dal mix di Unix con l'interfaccia Mac. Ho tante cose di cui mi piacerebbe parlare, idee, dubbi che vorrei confrontare con qualcuno con delle esperienze informatiche simili alle mie. Ho poco tempo libero per via del mio lavoro, ma cerchero' di seguire il forum con regolarita'. A presto Piero