thom

Members
  • Content Count

    73
  • Joined

  • Last visited

About thom

  • Rank
    Assiduo

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Tom
  • Città
    Bologna
  • Interessi
    Mac
  • Lavoro
    Teenager
  1. C'è tutta una guida per fare i dizionari sul sito di Apple
  2. L'eseguibile è, se usi XCode, nella cartella del tuo progetto, nella cartella build/Release. È questo l'eseguibile. Tuttavia, prima di pescare l'eseguibile devi fare Project>Set Active Build Configuration>Release e compilare di nuovo. Purtroppo per Windows non ti posso aiutare (ho poca esperienza col nemico ), ma anche lì devi usare un compilatore e compilare il tuo codice C, da qualche parte troverai l'eseguibile per Win... Se usi DevC++ ti posso aiutare, altrimenti no, perché sono ignorante in materia, ad esempio, di Visual Studio Inoltre non è possibile fare con facilità un doppio eseguibile, che giri sia su Win che su Mac, perlomeno se usi il C, ma penso che questo già lo sapessi
  3. uuuu... 2,66 x 4 è un bel mostro... se li avessi i soldi... ma perché lo dai via? Non credo che fosse troppo lento
  4. C'erano tanti errori... il programma è fondamentalmente semplice, ma presenta un numero enorme di approcci possibili. Mi sono sforzato di mantenere l'impostazione iniziale. Ecco: #include <stdio.h>#include <math.h>#include <string.h>void nomefunz (int num, char *str);main (){int num;char prova[6];printf("numero: ");scanf("%d",&num);nomefunz(num, prova);printf(prova);}void nomefunz(int num2, char *str){if (num2>5){strcpy(str,"ciao");}else{strcpy(str,"");}}L'errore principale è che non puoi restituire una stringa con tanta facilità da una funzione. Una stringa altro non è che un vettore, che il più delle volte non è che un puntatore... insomma la faccenda è un po' complessa.... in pratica per farlo ti devi creare un'area di memoria che contenga la stringa (in questo caso il vettore prova, composto al massimo da 6 caratteri, per "c", "i", "a", "o", e il terminatore "\0") e chiami una funzione che la manipola, dandogli un riferimento (puntatore). È stato necessario aggiungere else perché se no con un numero minore di 5 ti avrebbe stampato una stringa a caso non terminata oppurtunamente, creando enormi casini Ci sono comunque altri metodi, oltre a strcpy Ti ricordo che nella chiamata "nomefunz(num, prova)" prova non è altro che l'indirizzo (puntatore) del primo elemento del vettore prova, di 6 caratteri.. -- EDIT: Ah e se vuoi puoi fare piazza pulita delle graffe dopo l'if e l'else, che contengono ognuna una sola istruzione. E poi ho cambiato char nomefunz (num2)int num2;perché la sintassi è obsoleta da circa un ventennio ... ora si farebbe char nomefunz(int num2) E... perché dici che il C non lo usa più nessuno? Mi sento vecchio.... e ho solo 17 anni... sob
  5. Beh, come ha detto kiko comando-opzione-I è molto utile.... C'è anche la possibilità di mostrare alcuni parametri (elementi in una cartella, dimensione delle immagini...) direttamente sotto il nome (Opzioni vista>Mostra informazioni) Altrimenti aspetta Leopard, sono sicuro che Quicklook ti piacerÃ
  6. Io lo odio, la clitopalla mi si è bloccata da mesi Ma continuo a usarlo, perché non c'è un alternativa così Mac-like
  7. Io lo odio, la clitopalla mi si è bloccata da mesi Ma continuo a usarlo, perché non c'è un alternativa così Mac-like
  8. Sono contento che abbiate risolto Allora, la causa di preciso non la so, ma il sistema di localizzazione delle cartelle di OS X è un po' strano: - Nei forzieri della cartella Sistema per l'appunto in /System/Library/CoreServices/SystemFolderLocalizations/ c'è un elenco delle traduzioni dei termini "Library", "Desktop", ecc.. per tutte le lingue supportate - Le cartelle di norma mantengono il loro nome, per cui se crei da qualche parte una cartella col nome "Applications" non viene magicamente tradotta in "Applicazioni" - Ma se una cartella contiene un file vuoto chiamato ".localized" il sistema apre il suo forziere, trova la lista corrispondenze alla lingua in uso e traduce il nome della cartella Nello specifico da voi il file .localized della cartella Desktop era scomparso, è possibile che sia stato un programma d'installazione, un programma di pulizia disco o di manutenzione del sistema, non so... Il comando "touch ~/Desktop/.localized" non fa altro che creare un file vuoto chiamato ".localized" nella cartella Desktop nella tua cartella inizio ("~"). Questa discussione, però, mi ha fatto venire un'idea: se si mettesse una cartella chiamata Deskop da qualche parte e dentro un file .localized il sistema dovrebbe tradurne il nome, vero? Adesso provo, poi vi faccio sapere AGGIORNAMENTO: funziona! Provate anche voi! Non serve il Terminale: basta: 1 Creare una cartella con un nome traducibile (es. "Pictures" o appunto "Desktop") 2 Aprire TextEdit, non scrivere niente, fare Formato>Solo testo e poi Archivio>Salva con nome 3 Deselezionare "Se non è indicata..." e "Nascondi estensione" 4 Mettere come nome ".localized" 5 Mettere come cartella quella di cui si vuole tradurre il nome 6 Fare clic su Registra e alla finestra che chiede conferma fare "Usa ." 7 Fare Alt-clic sull'icona del Finder nel Dock e scegliere "Riapri" 8 Vualà , da me Pictures è diventato Immagini
  9. Vai sul Terminale, scrivi "touch ~/Desktop/.localized" e vai a capo. Sappimi dire se dopo un login e un logout la situazione è sempre quella
  10. La cosa migliore da fare in informatica è, quando ti serve qualcosa, comprarla... ...però non bisogna essere polli... compralo appena esce Leopard e vedi l'annuncio sul sito Apple. Il mio consiglio è di fare un'ordinazione via AppleStore, se non altro perché il rivenditore a cui ti rivolgeresti potrebbe stufarsi di te che lo telefoni ogni 2 secondi per sapere dove è il pacco (cosa che succede spesso, si chiama "patologia ansiosa da nuova mela"). Se compri il Mac dopo l'annuncio Apple ti fa il rimborso di Leopard se non ce l'hai. Aspetta trepidante la consegna trackando il pacco in continuazione... Il giorno che senti un campanello che bussa alla tua porta e senti una sensazione di imminenza: è lui! è arrivato! corri fuori abbraccia il commesso, chiedi in preda al delirio di poter toccare la scatola marrone, ti incuriosisci dalle scritte che ci sono sopra e poi, rendendoti conto che vuoi stare da solo con "Lui" sbattigli la porta in faccia. A questo punto io prenderei un cutter, aprirei la scatola, ammirerei estasiato la confezione, la aprirei con violenza, metterei il computer sul tavolo e l'accenderei all'istante, magari munito di cavo Firewire per trasferire i dati dal mio vecchio Mac in automatico e prenderei a cliccare e qui e lì e là e a giocare con PhotoBooth... Ma a te è concesso di uscire dall'inferno e i demoni ti daranno l'ultimo, terrificante colpo di coda: acceso il Mac ti accorgerai di dover prendere i tuoi dati e metterli lì, questo significa scendere in basso, verso l'Averno ancora una volta, e allora anticipali! bruciali! Prepara TUTTI i dati che ti servono, TUTTI, documenti, foto, filmati, contatti della rubrica e mettili su un CD o su un servizio web, in modo da essere pronto a mettere il tuo PC nelle segrete della cantina fino alla fine dei tempi, catorcio inservibile. Se ti serve aiuto nel sapere come trasportare da PC a Mac che so, preferiti, messaggi e-mail, la rubrica.. NON ESITARE A CHIEDERE QUA!
  11. Apple fornisce l'Hardware test, che di sicuro è più affidabile, nel DVD di installazione originale. Inserisci il DVD 1 e premi "D" durante l'avvio. EFI è un firmware più avanzato del BIOS, tra poco sarà adottato anche sui PC
  12. Gli utenti Apple si lamentano sempre, è vero che la qualità è diminuita ma nel senso che dal rapporto Mac 10 - PC 1 si è passati a Mac 9,5 - PC 1,5 Quali? Oggi i Mac c'hanno Intel eci sono miriadi di emulatori di Windows, gratuiti e non, c'è BootCamp, c'è modo di usare programmi Windows senza acquistarlo (librerie Wine, non mi ricordo però il programma che le implementa ad oggi, ma lo trovi, oppure ReactOS, oppure Linux colle librerie Wine).Ma in genere non serve, i casi sono molto particolari, ti assicuro Eeeh?? Per Mac ci sono tonnellate di software free! Ma non è finita qui, puoi usare un'enome miriade di programmi gratuiti per il mondo Unix e altro. Ed è facile svilupparsi i propri software. Dimmi qualcosa che ti serve free e lo troverò, è una promessa. Purtroppo in parte è vero. Anche se passi al sistema migliore del mondo è difficile abituarsi specialmente se si viene da un mondo che sta peggio, ma ti assicuro che il salto è quasi indolore iMovie è lo stato dell'arte dell'editing video semplice, anzi mi sa che è stato tra i primi programmi in assoluto in questo senso. È stato fatto qualche pasticcetto con iMovie 8, che è utile per far filmati di qualità in 2 minuti ma non ha le opzioni della versione 6, comunque disponibile free (se compri un nuovo Mac) sul sito Apple. Non solo, ma Apple ha fatto le librerie QuickTime e le rende disponibili agli sviluppatori così ci sono molti programmi di qualità free o quasi che trattano il video su Mac.Per i siti web iWeb è il DIo dei siti di buona qualità senza sapere un tag di HTML... iMovie e iWeb fanno parte della suite iLife e sono integrati in tutti i Mac che compri. Sul sito Apple trovi spiegazioni e filmati su questi programmi.
  13. Ma chi se ne importa di tutti i difetti software?? Apple può aggiornare il sistema quando vuole e mettere gli MMS, il copia/incolla e tutto quello che volete!
  14. Metti più RAM che puoi. Qualsiasi sistema moderno è un mostruoso mangiaram. Quindi il mio consiglio è di metterne 4, se puoi. Ma se si tratta di risparmiare i soldi di 2 GB di RAM per poi comprarsi un Mac è un'altra storia...
  15. Mac OS Y, preparati a una sfida Io vorrei: _ System 2,3,4,6,7, - Mac OS (8),(9) - Mac OS X 10.3, 10.4 - Windows XP, (Vista) - MS-DOS - Linux Fedora, Ubuntu (x86), Ubuntu (PPC), Debian, Mandriva - FreeBSD, OpenPSD, PC-BSD, NetBSD (x86), NetBSD (PPC), NetBSD (SPARC) - Sun Solaris (x86), Sun Solaris (SPARC) - (BeOS), ZetaOS - FreeDOS, ReactOS, MenuetOS - (AmigaOS), AROS Quelli tra parentesi non so come procurarmeli, Vista non so se comprarlo o no.... ma a suo tempo avevo scaricato la beta e spero funzioni ancora Non consideratemi pazzo, per favore.... PS Ah e vorrei anche sistemi vintage, tipo l'Apple II, ma questi non li ho inclusi perché sarebbero troppi e di troppo poco conto