turing

Members
  • Posts

    160
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by turing

  1. Non devi installare niente, lo trovi gia' installato dentro mactex. Beamer e' un package del Latex; per come usarlo trovi un po' di informazioni qui: http://latex-beamer.sourceforge.net/
  2. Avrei potuto anche fare informatica ... Sono d'accordo, certo che se uno le cose non le vuole neanche provare... non c'è niente da fare. Comunque con i matematici di solito si riesce ad ottenere qualche risultato. Mi ricordo di aver fatto imparare le cose di base a colleghi che a malapena sapevano accendere il computer; ora si battono gli articoli da soli.... se lo conosci, lo usi (il latex) Ci sono colleghi di eccelso livello che non sanno scrivere gli articoli con il computer e questo non li sminuisce per nulla. Rende solo un po' più difficile collaborare con loro... poi ci sono anche gli ingenui... e gli impostori (quelli che gli americani chiamano mathematical cranks: http://en.wikipedia.org/wiki/Crank_(person)) La cosa importante è comunque una sola: se le dimostrazioni sono corrette o meno. Perché se sono giuste vanno bene anche scritte con la bic sulla carta del pane... Comunque tutto quanto sopra è OT. C'è solo un'altra cosa che mi preme sulla questione presentazioni: dato che in generale non è detto che ci si possa portare dietro o che si possa usare il proprio laptop, usare il pdf per la presentazione (mi pare che keynote abbia un suo formato proprietario, così come powerpoint) può semplificare di molto (se non eliminare del tutto) i problemi di compatibilità di formato, fonts ecc. ecc. E latex+beamer produce un pdf. ;-) Ciao.
  3. Sulle presentazioni: io faccio il matematico di professione e ti assicuro che quando sono ad un convegno e ho da presentare la mia ultima pubblicazione il punto fondamentale è il teorema che presento e non il tipo di impaginazione. Quindi, gesso e lavagna vanno benissimo, beamer anche, keynote pure. Basta che il contenuto della presentazione sia interessante.... Io preferisco usare Beamer perché il tempo che impiego a convertire una pubblicazione scientifica in una presentazione ad un convegno scientifico è minore. Inolte in molti convegni grossi si ha poco tempo per il proprio intervento (a volte solo 20 minuti) e l'uso di gesso e lavagna in questi casi è abbastanza limitante visto che ci si mette più tempo a scrivere alla lavagna che a passare le slides già pronte. Si arriva prima al punto topico, diciamo. Su quanto riguarda le lezioni: le lezioni non sono presentazioni, lo scopo è del tutto diverso dato che non si rivolgono ad un pubblico di esperti di livello pari a quello del relatore. Si rivolgono a studenti e per quanto mi riguarda il modo migliore di insegnare la matematica è sempre il gesso e la lavagna.
  4. Qualche precisazione, >Io ho usato per anni una distribuzione chiamata teTeX. Credo che però >adesso la distribuzione più in voga sia la TeX Live. teTeX non è più sviluppata da anni (mi pare dal 2005 ma non ho controllato). Sul mac si possono installare direttamente TeXLive oppure MacTeX che altro non è una versione di TeXLive adattata alle particolarità di MacOs X. MacTeX inoltre inserisce nella cartella Applicazioni una directory denominata TeX in cui inserisce una serie di varie utilità tra cui le principali sono un frontend integrato (TeXShop), un secondo editor "emergente" (TeXWorks), un frontend per il bibtex (BibDesk) ed una applicazione che permette di produrre dei piccoli files pdf contenenti una formula (o poco più) (latexit). Consiglio fortemente l'installazioen di MacTeX 2009. >Come editor, io utilizzo l'ottimo TextWrangler, che non è specifico per >LaTeX, ma che io uso per tutto. TextWrangler è un grande editore di testo, ma per il Latex su mac penso sia meglio usare TeXShop anche perché. per un neofita, semplifica l'approccio all'utilizzo della tipica routine di typeset del LaTeX/TeX. >Per le presentazioni e altre esigenze, utilizzo la comodissima utility LaTeXit!. Qui secondo me bisogna intendersi sul significato di presentazione ed in particolare se si ha un file con "poche" formule o con "tante". Nel primo caso l'accoppiata latexit+keynote è ottima. Se invece si hanno la parte matematica è preponderante, consiglio di utilizzare un particolare stile del LaTeX che si chiama beamer semplicemente perché si impiega meno tempo a produrre la presentazione. Il pdf ottenuto lo si presenta poi con Acrobat reader o con preview. >Per i grafici, Gnuplot. Gnuplot é ottimo. Segnalo anche che i comandi di Gnuplot possono essere integrati nel LateX via il package Tikz e che l'ultima versione di TeXLive (la 2009) e quindi anche di MacTeX, contiene anche la possibilitò di inserire i comandi di asymptote (un sw libero che permette di plottare funzioni e molto altro) Per quanto riguarda imparare a usare il LaTeX/TeX: raccomando fortemente di iniziare leggendo una guida (quelle suggerite da DARWINE vanno benissimo) per capire qual è la sua filosofia di utilizzo. E' importante sapere un po' come funziona il LaTeX perchè il suo modo di funzionare non è quella di un editore di tipo "Office" ma è molto più vicino alla filosofia di uso di un linguaggio di scripting o di programmazione (testo sorgente -> routine di typesetting -> testo visualizzabile).
  5. turing

    pdf

    Acrobat Professional
  6. Nel trasferire i dati mediante usb pen (da 1Gb) ho avuto lo stesso problema. Era una chiavetta formattata FAT. Il problema e' scomparso dopo che l'ho formattata come mac.
  7. Curiosita' personale e puramente oziosa: qual e' il "programma particolare che non c'era per Mac" a cui ti riferisci? thks!
  8. turing

    TeXShop e wmf

    credo che Graphic Converter lo faccia (ma non l'ho mai provato con un file wmf)
  9. turing

    TeXShop e wmf

    direttamente non puoi,mi pare. Le devi convertire in immagini in pdf (o in ps/eps), salvare la conversione in un formato leggibile (pdf, per esempio) ed andare avanti.
  10. ah, scusa non avevo visto che non fosse piu' scaricabile; tra l'altro non ho tenuto copia (che scemo). Le uniche cose che ho trovato e che fanno qualcosa di simile sono due widget harmonic http://mindquirk.com/apps/harmonic/ iLyrics http://www.creativecrap.com/ilyrics-widget-itunes
  11. un programma che fa questo e' PearLyrics ma non so se sia ancora sviluppato; comunque su versiontracker si puo' ancora scaricare (e su Leopard funziona)
  12. dipende da cosa devi farci, ma se sono cose limitate a inversione, eliminazione di gauss e determinante c'e' anche il (bellissimo) Magic Number Machine http://magicnumbermachine.googlepages.com/ Per calcoli seri, oltre ai softwares gia' segnalati, puoi anche provare Pari/GP http://pari.math.u-bordeaux.fr/
  13. non lo ha. Se vuoi puoi aggiungere un modem apple usb esterno che trovi sullo store apple: http://store.apple.com/it/product/MA034Z/A?mco=MTIxODk3Mw
  14. errore di battitura: questa frase .... (e quella del mail ridotta nel dock). va letta come: .... (e quella del main ridotta nel dock).
  15. Con "previewer interno di texshop" intendo dire che TeXShop e' un front-end che integra un editor ed un previewer. Quindi utilizzando TeXShop "di fabbrica" (ossia il previewer "interno") io non ho il fenomeno che descrivi. Comincio a sospettare che tu abbia una versione vecchia di TeXShop. Lo sospetto anche perche' sotto parli di pdfsync che e' un package obsoleto. Il nuovo metodo di syncing (che e' incluso in TeXLive 2008 e quindi non e' solo per il mac) si chiama SyncTeX ed e' supportato dall'ultima release di TeXShop. Quindi ti consiglio di andare qui: http://www.tug.org/mactex/ di scaricarti il file MacTeX.mpkg.zip (occhio che e' 1.15 GB) e di installartelo per avere l'ultima distribuzione di TeXLive e le ultime versioni delle applicazioni per mac (TeXShop, Bibdesk etc. etc.) Poi leggi qui per vedere come si usa SyncTeX: http://www.uoregon.edu/~koch/texshop/changes_218.html Leggi sopra. Questo sembra essere un baco (gia' segnalato) di TeXShop. Per ovviare a questo con progetti multi-file come il tuo, definisco un project-root (menu File/Set Project root) del file che sto usando (supponiamo si chiami capitolo.tex) indicando il file che lo richiama come file principale. Questo consente di Typesettare (mela+t) tutto il progetto avendo solo la finestra relativa al file capitolo.tex aperta (e quella del mail ridotta nel dock). Visto l'errore dalla console, uso il comando "line number" (mela+l) per raggiungere la linea del file capitolo.tex dove e' stato indicato l'errore. Qui c'e' un po' di confusione: la procedura di Typesetting (mela+T) PRODUCE il file pdf; mela+1 invece ti fa solo saltare dalla finestra dell'editor (che ti fa vedere il file .tex) a quella del previewer (che ti fa vedere il .pdf). Quindi il file pdf e' lo stesso in entrambi i casi (e mela+1 nonproduce niente, ti fa solo vedere quanto hai prodotto con mela+T) Mela+1 e' utile se hai uno schermo piccolo o usi l'editor a tutto schemo perche' ti consente di vedere velocemente il risultato finale.
  16. I subnotebook (come si chiamavano una volta) o netbook che dir si voglia sono prodotti privi di lettore DVD. Per questo motivo hanno dimensioni, costi e peso nettamente piu' contenuti rispetto ai laptops veri e propri quale e' un ibook. Sono macchine che hanno scopi distinti; non mi pare corretto confrontarli. Io prenderei un subnotebook solo come secondo laptop (non ho un pc fisso da anni oramai, dato che compro solo laptops) L'ibook g4 e' di certo una buona macchina, ma se, come dici, usi photoshop ogni giorno, credo che non sia la scelta giusta. Io comprerei un Macbook.
  17. Non so risponderti sul secondo punto dato che ho sempre comprato in negozio. La risposta al primo punto e' si; l'airport e' integrato. La risposta al terzo punto e': pare (cioe' esistono insistenti voci riportate dai siti di "rumors") che la gamma verra' rinnovata a meta' ottobre circa. In questo rinnovamento dovrebbe rientrare anche il Mac mini. pero' sono solo indiscrezioni, quindi non si puo' sapere se le cose andranno cosi' o no. Posso anche dirti che sono un felice possessore di un mac mini core duo da un paio d'anni circa e va benissimo se lo usi, come faccio io, per applicazioni da small office e poco altro.
  18. non e' che hai il 10.4 (Tiger)? La pagina del download di filezilla specifica che serve il 10.5 (Leopard).
  19. 1) prova ad usare il preview interno di TeXShop. Io uso quello e non fa il fenomeno che descrivi.
  20. 1) uhm, non ho il problema che descrivi. Riesco a usare questa caratteristica piu' di una volta senza dover ricompilare. Hai l'ultima versione (2.14) di TeXShop? Tieni anche presente che e' una caratteristica implementata non perfettamente (nel senso che non e' detto che cliccando sul pdf ti porti precisamente sul punto del file tex corrispondente; guarda l'help di texshop che te lo spiega: voce "Pdfsync") e che nelle prossime release verra' sostituita da un metodo diverso (insomma aggiorna all'ultima versione e .... tieni pazienza....) 2) l'utilita' e' quella di poter scrivere in un punto del file dovendo far riferimento a del materiale presente in un altro punto del file stesso; ad esempio quando devi fare riferimento con un comando \eqref{} ad un'equazione identificata da un \label{pincopallino} e non ti ricordi che hai identificato quell'equazione con la label pincopallino. 3) la barra degli strumenti di TeXShop si puo' personalizzare solo con quanto ti viene presentato.... e quindi ne' con pannello latex ne con pannello matrici 4) il $$ e i comando \[ \] significano equazione centrata non numerata; \begin{equation} \end{equation} significano equazione centrata numerata. Ma queste cose le trovi in un qualunque manuale del LaTEX; leggilo !
  21. Ho gia' scritto varie volte su questo forum riguardo a questo argomento, quindi se fai un "cerca" troverai altre informazioni. In breve: i files grafici supportati dipendono dalla versione del typesetter che stai usando: se usi latex sono suppostati i files .eps (e non i pdf); se usi pdflatex sono supportati i files pdf. In pratica: Se usi TeXShop e vuoi includere files .eps seleziona dal menu "typeset" la voce "tex and ghostscript"; se invece vuoi usare files pdf nello stesso menu seleziona la voce "pdflatex". Una lunga e buona descrizione di quali formati grafici si possono includere nei due casi la trovi nell'help di TeXshop alla voce "Including Graphics". Nella stessa voce e' descritto anche come inserire dei comandi opportuni per ottenere una "traduzione al volo" dal formato eps a quello pdf. Questi comandi e packages sono del LaTeX e quindi indipendenti dal sistema operativo usato. Per quanto riguarda il posizionamento di una figura all'interno di una pagina: tieni presente che il LaTeX ottimizza gli spazi in dipendenza dal testo, dai fattori di spaziatura, dal tipo di class (article, book, report...) stai utilizzando. Quindi non c'e' molto da fare se non specificare [h] nel comando figure. Qui trovi altri consigli: http://web.mit.edu/answers/latex/figures/latex_figures.fix.html