Xiaolin

Members
  • Content Count

    211
  • Joined

  • Last visited

About Xiaolin

  • Rank
    Assiduo

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Stefano
  • Mac che possiedo
    MacBookPro
  1. Ho un problema con Lion e la codifica WPA2. Questa è la mia configurazione: - iMac Giugno 2011 - Lion 10.7.3 - AVM Fritz!Box Fon WLAN 7240 Mi collego a questo router anche con altri notebook con scheda WiFi di tipo "N". Se utilizzo la codifica WPA, questi si connettono al massimo a 54 Mbit/s (G). Per poter sfruttare la tecnologia N, da specifiche del 7240, devo impostare la codifica WPA2. Non mi spiego intanto il nesso tra la velocità e la crittografia che uso ... Comunque, questa è un'altra storia. Tornando al problema WPA2, impostando questa opzione scopro che mentre tutti gli altri dispositivi si connettono e funzionano secondo le attese ben oltre i 54 Mbit/S (dipende dalla scheda o dal driver, diciamo mediamente intorno ai 130/180 Mbit/s), l'iMac, solo lui, no. O meglio, si connette, ma al massimo a 117 Mbit/s e soprattutto dopo uno-due minuti inizia la perdita di pacchetti, fino a bloccare completamente il traffico dati. L'Airport resta comunque connesso alla rete WiFi, ma ho continui messaggi di icmp timeout. E' un problema specifico sull'utilizzo della WPA2 che avevo notato già col vecchio iMac 20" e che ho visto essere più diffuso di quanto pensavo, anche con altri modelli di router. Sembrerebbe proprio un problema legato all'iMac, al chipset/scheda WiFi (o come vedremo fra poco, al suo driver) che utilizza. Ad avvalorare questa teoria è il fatto che ho provato, senza alcun problema, sia con un MacBook che con un Mini Mac (quest'ultimo va tranquillamente a 300Mbit/s fissi !) Ho fatto diversi test, come cambiare canale o resettare il router. Ho provato anche ad eliminare completamente il sistema di crittografia, pensando di usare solo il MAC Address come livello di sicurezza. Ma l'unico modo per connetermi stabilmente con la WiFi è in WEP o WPA. In questo modo peròperdo per tutti gli apparati i benefici della banda fino a 300 Mbit/s e della copertuta maggiore che avrei in modalità "N". Ho pensato quindi ad un'incompatibilità hardware tra il router e la scheda WiFi dell'iMac, anche se parliamo di un protocollo (WPA2) standard e certificato da Apple stessa, non di una scheda o una chiavetta "terze parti". Allora ho riavviato in Win7 via Bootcamp e ... tutto ok. Il driver (che tra l'altro mi da Apple stassa) per Win7 gestisce perfettamente la connessione WiFi: mi collego a 300 Mbit/s fisso anche dall'iMac e il ping non perde un solo pacchetto/millisecondo. Stabile, veloce ed affidabile. Da qui è immediato escludere qualsiasi problematica hardware e mi pare piuttosto palese che si tratta del driver che gestisce la WiFi in Lion. Ma come, sviluppate un driver perfetto per Win7 e non per OSX ..? Mah ... Ho chiamato 3 volte la Apple, ma non vi dico che cosa (non) hanno saputo dire... Non si può dire che manchino di fantasia ! Sono purtroppo molto deluso dell'attuale livello qualitativo di chi è messo suo malgrado lì per applicare questa o quella procedura, senza capire o conoscere le problematiche e fornire un valore aggiunto (180€ di Apple Care...) Dovrebbero quantomeno capire cosa gli si sta dicendo e se non ne sanno nulla passare la chiamata al secondo livello! Comunque, non so se qualcun altro di voi ha avuto questo tipo di problemi con la WPA2 e se ha risolto in qualche modo. Attendo le vostre considerazioni e/o esperienze in merito.
  2. Per tornare alle "origini" di questo post, è stato molto interessante e sono comparsi oggetti che sicuramente potranno sfruttare al meglio la connessione Thunderbolt. Potranno.... chissà quando ... Avevo iniziato la discussione chiedendomi che cosa ci stesse a fare una porta di questo tipo, OGGI. Per sfruttarla dovrei acquistare oggetti piuttosto costosi e di nicchia, il che non giustifica l'acquisto, ad esempio, di un iMac; se ho esigenze di un certo tipo avrò anche un altro budget e mi oriento già per un Mac Pro. Non parliamo della connessione di più video, poiché l'argomento verte sullo sfruttamento del canale e della banda disponibile. Resto convinto che si è voluta fare una semplice operazione di marketing. Forse per riempire di numeri sensazionali le brochures e i siti commerciali o per non farsi battere sul tempo da qualcun altro: "intanto la mettiamo sui nuovi Mac, diamo l'evidenza di essere avanti, poi fra 2/3 anni potremo vantarci di averci pensato già dal 2011". Potrebbe essere una chiave di lettura, se l'evoluzione del mercato hw/sw non facesse in modo da rendere obsoleta una macchina dopo un paio di anni; ma ad OGGI, e torno a "bomba sui primi messaggi del post, a che mi serve ??? La stessa Ma usb3 (molta gente acquista dischi usb3 per poi connetterli ad una usb2 con qualche adattatore o simili) non è ancora così diffusa sui nuovi portatili per via di Intel, ed a riguardo riporto un articolo di "sem" ad inizio post: Fino ad oggi, nonostante USB 3.0 sia stato approvato dagli organismi che si occupano di standardizzazione, non sono moltissimi i produttori che hanno abbracciato lo standard poiché Intel ha progressivamente spostato in là nel tempo il supporto nativo nei suoi chipset più diffusi. Il risultato è che i produttori di hardware che hanno voluto introdurre schede madri con connettori USB 3.0 hanno potuto farlo ma usando chip specifici come quelli di Renesas, complicando il design e aumentando i costi. Nel momento in cui la piattaforma Ivy Bridge di Intel arriverà sul mercato, diventerà molto più economico e semplice offrire porte USB 3.0 e conseguentemente anche i produttori saranno maggiormente incentivati a lanciare computer e periferiche compatibili con questa tecnologia. Figuriamoci thunderbolt ....
  3. Facendo un backup da un altro iMac con un HD diverso (perché non posso dargli un altro nome?!) mi sarei aspettato che sotto backups.backupdb ci fosse stato un altro ../nomemac/databackup/nomedisco. Invece, TM ha rinominato nomemac con i nuovi nomi, tenendo sotto questo path anche il backup del vecchio iMac. Per capirsi, se lancio TM, questo semplicemente "vede" solo i dati del backup fatto dal nuovo iMac, non quelli del precedente. Oltre a fare confusione ed a non tener separati i vecchi dati come avrei preferito, questo comportamento non consente di fare un restore di dati di un precedente backup da TM. Devo andare a mano a cercare quello che voglio recuperare dal vecchio bk, a meno di usare prima l'assistente migrazione, in fase di re-installazione (forse...). L'applicazione che utilizzo è perfettamente compatibile, fatta eccezione per il riconoscimento di alcune fotocamere Nikon. Io però carico files dalla memory card ed il problema non si pone. Anche io ho fatto sempre passaggi da sistemi/versioni/macchine ecc.. e a parte qualche errore di gioventù, nella stragrande maggioranza delle situazioni ho trovato sempre vantaggiosi e praticabili gli altri aggiornamenti. Ho detto però che con Lion (ora mi spiego i soli 23 euro...) per la prima volta non è così. E ci sono tantissimi problemi riscontrati a tutti i livelli, anche da gente molto più navigata di me ed abituata a questi passaggi, che si è trovata a dover risolvere parecchi problemi. A cominciare dal lentissimo processo di installazione. Mai vista una cosa simile per i Mac! E nessuna spiegazione dal supporto ! Comunque, pur essendo per me una semplice passione, non sono lo smanettone alle prime armi che posso aver dato l'impressione di essere. Sono molto attento a tutte le indicazioni e quando ho un sistema nuovo per le mani voglio metterlo un po' alla prova, capirne i limiti e cercare di sfruttarne i vantaggi. Voglio usarlo nelle sue potenzialità , ma se devo attenermi ad una serie di vincoli ed avere problemi dove non ne ho mai avuti, dove stanno il miglioramento, la facilità d'uso, ecc... Se poi mi metto nei panni di chi invece ci lavora con dati e macchine con le quali fare molta attenzione, tutto questo parlare di semplicità , robustezza ecc... mi fa un po' riflettere, soprattutto perché lo stesso supporto è veramente approssimativo nell'approccio e nelle risposte. E prima non era così. Lo dico da qualche tempo e lo ripeto: la quantità sulla qualità ha portato Apple ad abbassare i livelli un po' su tutto, come avviene quando ... si fanno i soldoni...! O no ?
  4. Dall'uscita di Lion, vedo molti post con problemi di tutti i tipi. Io stesso ne ho avuti con diversi tentativi fatti per capire quale strada potesse essere la migliore per l'installazione. Scartato l'upgrade (sistema lentissimo a fine aggiornamento da 10.6.8), ho fatto l'installazione pulita, che già questo va decisamente in controtendenza con i discorsi sulla facilità d'uso ecc... . Praticamente ho dovuto reinstallare tutto da capo! Molti i problemi di lentezza mai visti prima con TM e per la gestione del vecchio backup; se cambio nome al disco rispetto a quello da cui avevo fatto il backup di snowleo, non posso fare un ripristino da dentro TM del precedente vecchio salvataggio, ma solo tirarmi dentro i dati "a manella" dalla cartella backups.backupdb->nomemac->nomedisco. Sob !!! Ho contattato Apple chiedendo spiegazioni, ma anche loro mi dicono che sono subissati da questo tipo di segnalazioni e che a breve usciranno degli aggiornamenti. Frasi di circostanza, ma a me pare che (e l'ho detto anche a loro) siamo davanti ad una versione "beta" ben lontana da una stabile e consolidata, da far testare ai clienti per raccogliere feedback. Prova ne sia (e finalmente arrivo all'oggetto del post) che ho dovuto assistere per ben 3 volte ad un hung del sistema!!! Schermata fissa e tutto fermo, con conseguente inevitabile riavvio da tasto on/off, alla windoz. Stavo lavorando con software di post fotografica (già spesso usato col precedente imac del 2009 con 2 Gb ram 800Mhx e il cor due duo 2.6). Ora ho un iMac ultimo modello, quello uscito a maggio, quad core 2.5 e 4Gb ram 1033, e credo proprio che non sia l'hw il problema.... Sono un utilizzatore Apple ormai da alcuni anni, ma devo purtroppo constatare che siamo di fronte ad un s.o. che sarà pure bello ed innovativo per molti aspetti, ma che porta con se molti, moltissimi problemi ...
  5. Provato di nuovo, installazione con seconda partizione inizializzata: a momenti va un pochino meglio per poi rallentare in maniera mai vista (a volte 1Mb ogni 2-3 secondi !!!). Per salvare 5,31 Gb c'ha messo più di 20 minuti !!!! Provando a rifare da capo un backup da TM della partizione con snow, ha comunque qualche rallentamento, ma mediamente va bene (oltre 1Gb/min di media). Ho provato a contattare il supporto, ma benché avessi acquistato l'estensione di garanzia APP, questa è attiva solo lu-ve. Prenotando la chiamata del supporto, devo aspettare minimo fino a martedì. Beh, ad Agosto sono molto occupati .... Praticamente se ho un problema sa do e festivi me lo tengo! E alla faccia del supporto telefonico, dei 3 anni uno è fasullo; se levo sabati e domeniche, ogni anno non posso usarlo 2x52=104 gg, che per tre anni fa 312gg, più i festivi immagino. Quindi, uno mi spetta (il primo), uno è fasullo e a tutti gli effetti pago TRE anni per usufruire solo di uno. Non c'è niente da fare, anche Apple ha "fatto i i soldi" , diventando un prodotto di massa e la quantità ha preso purtroppo piede alla faccia della qualità di una volta...! Almeno per il supporto telefonico (anche se a voce sembrava sempre disponibile, quando devi acquistare...). Scusate, sono andato forse un po' OT, ma questa cosa di non poter parlare con nessuno fino a lunedi/martedi per un problema che poteva anche essere serio, mi ha fatto un tantinello avvelenare !!!
  6. Ho appena acquistato, scaricato, creato il DVD ed installato Lion sul mio iMac. L'operazione è stata lunghissima, sia per scaricare il sw che soprattutto per l'installazione. Ma che fa tutto quel tempo? Volevo preservare l'installazione snow e avevo una seconda partizione su cui installare da zero Lion e fare tutte le mie prove, così l'ho utilizzata come destinazione. Difatti ho sentito diversi amici che hanno fatto upgrade da snow a lion e riscontrato forti rallentamenti rispetto a prima: hanno poi cancellato e reinstallato da zero, con grande soddisfazione sulla velocità del sistema (meno per tutto il lavoro di re-installazione applicazioni....). Il mio obbiettivo quindi era provare questo tipo di installazione da subito, senza fare upgrade sulla partizione snow e senza alterarla. Detto della fase di installazione particolarmente lenta (mai successo!), faccio come detto e ottengo un'installazione Lion su una partizione a parte, pulita e pronta all'uso. A questo punto ho lanciato TM, ma sono rimasto molto deluso per la lentezza assurda. Per un backup di circa 5Gb c'è voluta una buona mezz'ora !!! Non capisco!! Ho un disco per i backup che va su firewire 800 e che ha sempre consentito ottime prestazioni. E' un problema noto? Ho sbagliato qualcosa? PS. Tutto questo "giro" mi serviva poiché volevo provare una per una sotto lion installato da zero le applicazioni che ho su snow, per poi consolidare quello che sarebbe stato il mio input per installare definitivamente l'iMac, ripristinandolo da TM.
  7. D'accordo per l'inutilità del faretto, che si riduce spesso ad un led che illumina (si fa per dire) con uno spot limitato e insufficiente. Un punto importante invece penso sia l'acquisizione. Nelle recensioni mettono spesso la compatibilità con il sistema operativo. OSX viene citato pochissimo, forse più spesso sui modelli Canon. Sul supporto ufficiale Apple sono piuttosto scarse le informazioni, ma effettivamente Sony sembrerebbe la più presente, anche con modelli più accessibili. Si veda QUI . Samsung sembra assolutamente assente, ed io che mi ero orientato proprio su queste per via delle ottiche Schneider e per l'incremento della qualità dei suoi prodotti in questi ultimi anni... Ma sarà poi vero questo discorso di compatibilità ? Che problemi si possono avere? Forse è più un discorso legato al formato di registrazione che altro. Il mio pre-requisito a questo punto, a parte le caratteristiche più comuni (full hd, minimo 3 mpx, stabilizzatore ecc..) è nelle ottiche di qualità e nella compatibilità con osx. Come budget sono intorno ai 400€. Vorrei un consiglio pratico, da chi ha acquistato ed utilizzato una videocamera di queste caratteristiche. PS Meglio sarebbe un modello con MiniDV, per poter rileggere le tante cassette che ho registrato con la vecchia ed videocamera ormai fuori uso; un lettore miniDV infatti costa molto e conviene acquistare un camcorder... Inoltre, sarò un inguaribile conservatore in questo, ma sono più tranquillo riguardo l'affidabilità e durata delle care vecchie cassette rispetto ai supporti flash/hdd/sd/dvd ecc... Grazie.
  8. Appunto, si cerca di spingere, di "imporre" una volontà . Una scommessa che mi auguro per tutti i vantaggi che ne potranno derivare di veder vinta. Ma non credo sia facile visti comunque i costi ed i margini che al momento potrà avere un costruttore rispetto ad una usb3. D'accordo, vecchia ecc... ma per il cliente medio (la maggioranza) più pratica, immediata ed economica. Non mi si fraintenda di nuovo, parlo dell'oggi e per tornare al discorso iniziale, di cosa posso farci nell'immediato con una tb ed a che prezzo. Per ora vedo solo cavi, adattatori, soluzioni un po' forzate. A parte il non trovarli ed il prezzo (l'ultimo è un oggettino da quasi 390€!), onestamente non mi sembra molto pratico. Interessante anche questa prova sulla parte relativa a Thunderbolt. E' del 30 Maggio 2011. Addirittura, fintanto che ne aspetto l'uscita, con la mancanza di cavi adeguati perdo qualcosa rispetto al modello 2010...
  9. Nessun pregiudizio ti assicuro. Sono un "utilizzatore" di prodotti Apple da anni, sarebbe quantomeno poco coerente. Forse mi sono espresso male, ma intendevo dire che storicamente Apple ha intrapreso delle strade che hanno fatto si, tra l'altro, che i suoi prodotti restassero orientati e confinati ad un certo tipo di utenza. Tutto è cambiato quando invece ha capito che se voleva fare il grande salto nel mercato a largo consumo doveva essere lei a scendere, per così dire, a compromessi. E l'ha fatto in maniera clamorosa, abbandonando anni di Power per Intel. Dopo ciò, ha potuto ridurre sensibilmente certi costi al pubblico ed ha iniziato a conoscere quell'espansione che oggi l'ha portata ad essere in zona podio come vendite a livello mondiale. Parli di lustri passati e qui trapela semmai da parte tua un piccolo pregiudizio/nostalgia, da "purista" del recente passato. Apple è diventato un prodotto più commerciale, e questo è un dato di fatto. Mantiene un livello qualitativo ed una sinergia che nessun altro propone, ma ora è rivolto "anche" alla massa. E la massa vuole capire come spende i propri soldi. E si pone delle domande. E' finito il tempo in cui se Apple decideva di adottare una tecnologia, aveva sempre e comunque l'appoggio del "suo" mondo. Ora questo è cambiato: sono cambiate le strategie e deve confrontarsi col mercato. Quindi, se oggi proponi l'idea più avveneristica del mondo, questa resta fine a se stessa se non fai in modo di renderla vendibile prima che valida. E allora, magari prima del lancio, fai in maniera che si inizi a parlare ed a vedere qualcosa di abbordabile dal pubblico, che quando andrà a scegliere sul banco del centro commerciale lo farà ragionando sui vantaggi reali ed immediati, in termini pratici ed economici. Ti assicuro che ora per tb questo non avviene e non può avvenire e la gente che vede un disco con la usb3 cerca un pc con la usb3 (o viceversa), e compra questi. Ripeto, purtroppo! L'informatica è fatta di tecnologie e idee anni luce più avanti di altre che però non hanno centrato l'obbiettivo di diffondersi rapidamente e far guadagnare a tutti. usb è un esempio, non di tecnologia, ma di penetrazione nel mercato, della vittoria del profitto sulle idee e sull'innovazione. Purtroppo.
  10. Non é del tutto vero: Lacie é uno pei pochi che anche sui quadra, prodotto a largo consumo, mette fw 400/800 ed eSata, oltre alla usb2. Ed ora hanno un modello con tb, ma non compare il prezzo sul sito. Per la usb, é avvenuto un accordo globale, mentre Apple cerca sempre di forzare la mano con scelte sí all'avanguardia, ma a volte del tutto unilaterali. Hai ragione, in questa fase é meramenre un messaggio commerciale. Vediamo se il mercato, che invece (purtroppo) bada al profitto immediato, coglerá questa opportunitá. Per ora si punta su usb3, basta guardarsi in giro...
  11. Apprezzo ancora la tua precisione e credo che tutti i riferimenti che sono stati inseriti nel post possano essere comunque molto preziosi per cultura personale. Ma anche io evidentemente ho difficoltà nel farmi capire ... Sono tutte info che già sappiamo e considerazioni già fatte, che portano ad una sola unica domanda (anzi, tre): 1) dove sono questi case e/o quando usciranno ? 2) Quanto costeranno, considerato che ciò che pagherò sarà praticamente solo l'interfaccia ? 3) Con le dovute differenze di versatilità già da te sottolineate, perché dovrebbe succedere con tb e non è successo per la eSata, che trovo molto raramente sia su pc anche di media qualità che su periferiche tipo hdd ? Infine, si parla di futuro, di "un paio d'anni": due anni sono un'era per queste tecnologie. Ritorno a bomba... ma adesso, intendo domani quando di arriva l'iMac, a che mi serve e come la posso sfruttare la mia tb?
  12. Al momento non ho un Mac (venduto un paio di mesi fa) ma sono in attesa di consegna del nuovo iMac. E quindi mi auguro che tu abbia ragione e io possa utilizzare anche la mia thunderbolt, presto o tardi. Tengo assolutamente presenti le prestazioni del disco ed è proprio di questo che abbiamo diffusamente parlato fino ad ora. Se è già un collo di bottiglia per la firewire, allora confermi proprio la mia tesi che qualcosa che è circa 12 volte ancora più veloce della 800 è perfettamente inutile in questo momento. A meno che, come detto diffusamente, non si spende una fortuna per dello storage esterno tipo dischi allo stato solido. Non so se hai letto i post precedenti, ma è proprio questo il punto. Ancora sulla firewire, non è solo una questione di prestazioni (che comunque ci sono), ma anche di stabilità del canale, che lo rende molto indicato per fare acquisizione video o anche backup di grossi files. Ed in questo senso ne giustifico la presenza, confermata da una certa diffusione che comunque ha avuto.
  13. Bellissimo, leggerissimo, ...issimo (tutto quello che vuoi), ma l'utenza media non la vedo molto orientata, almeno qui da noi, a spendere una cifra così importante in rapporto a un oggetto come il MacBook Air. Di base, 1000 € per un 11" è un piccolo lusso che non tutti sono disposti a concedersi; con un terzo della spesa l'utenza media acquista un NetBook di buona fattura, considerato l'uso che se ne fa di questi piccolini. Ma questo è un altro discorso ...Ti ripeto, sono d'accordissimo su tutto riguardo al futuro, alla tecnologia, al fascino, allo stile nel precorrere i tempi ecc.., ma a volte Apple vuole prendere la sua strada con un po' di spavalderia e non sempre questo ripaga. Comunque, abbiamo messo insieme un bel po' di notizie ed opinion sull'argomento, più di quando se ne sappia in giro. Io resto un po' scettico sui tempi e su certe scelte che ho già detto (non sul contenuto tecnologico del progetto); vediamo se anche questo ennesimo "azzardo" pagherà e soprattutto se lo farà in tempi accettabili. Del resto, se case molto famose che hanno nella loro offerta anche prodotti di alta commercializzazione si stanno muovendo in questa direzione, vorrà dire qualcosa.
  14. Siamo sempre lì: guarda a cosa sono destinati (storage esterni in raid o roba di un certo livello/costo). Ammesso di divertirmi a fare collezione di (presumo costosucci) adattatori, ha un senso se tutta la catena è poi in grado di sfruttare l'enorme banda disponibile; altrimenti se devo farle fare il lavoro, ad esempio, di una firewall, uso direttamente quella.... Non so, mi ripeto, ma non capisco il senso pratico nell' immediato e la sua presenza in macchine di fascia a largo consumo... Visto quello che si trova sul mercato oggi, è più facile che vedremo prima la usb3 certificata o comunque implementabile in larga scala sui pc che la diffusione di questa porta. Molti acquistano già , ad esempio, dischi con usb3, fiduciosi che avranno molto presto l'opportunità di rivalutare il proprio acquisto con una porta usb3 sul proprio prossimo pc.