bengi

Members
  • Posts

    31
  • Joined

  • Last visited

core_pfieldgroups_99

  • Città
    , ,

Contact Methods

  • Website URL
    0=homepage.mac.com%2fbengi;0=Medico+Veterinario;0=Perugia;0=PG;0=Italia;0=ubi+fides+ibi+cuncta;0=;0=

bengi's Achievements

Member

Member (2/3)

10

Reputation

  1. non credo si riesca ad arrivare alla libertà totale globale, peró mi domando: nell'articolo c'é scritto: "forse perchè esistono sistemi assai più sofisticati che non la fotocopia di una carta d'identità per identificare chi usa un hotspot per perseguire scopi puniti dalla legge". quali sono? Ben
  2. nonostante abiti all'ultimo piano vedo una dozzina di network (ma non era che il segnale va parallelo?). e ho il sospetto che il figlio di quello del piano sotto, uno studente di fisica, ogni tanto provi a entrare nel mio network. oltre ad utility airport per vedere i MAC address di chi si è agganciato, che altro strumento c'è? ho provato kismac per rendergli pan per focaccia, ma non riesco a scricare nessun pacchetto: nemmeno se faccio le prove col mio network, dritte? Ben
  3. è incollato tutto intorno. per aprirlo devi lavorare di cutter e farew attenzione a non andare in profondità e soprattutto a non ferirti. lavora sempre col la lama verso l'esterno e non verso di te ;-) oppure col Dremel. questo qui ha fatto così: http://www.flickr.com/photos/theducks/sets/72157601205519260/ Ben
  4. sie sicuro che sia in blocco e non sia un problema del monitor (magari è un apple da 20"?)- Fai questa prova quando è in blocco col monitor spento. Premi sulla tastiera il control + pulsante espulsione CD e poi "invio". (con la combinazione control + tasto CD si invoca la finestra per sengimento, stop riavvio etc, che per default ha il pulsante smetti selezionato. se il mac si spegne vuol dire che non è bloccato, ma che ti si è spento il monitor. Fai questa prova poi ci risentiamo. Ben
  5. Se hai una FE2 suppongo tu abbia anche un un po' di obiettivi AI e AIs e gli autofocus con presa di forza. Se la risposta è sì, io aspetterei un po' di mesi quando la D700 solo corpo si prenderà con 1500. Ora sta sui 2000. La D700 ha un sensore 24x36, contro il mezzo formato delle Dxx e D300, e 12 megapixel, giusto compromesso. Gli obiettivi AI funzionano alla perfezione dalla D200 in su. Gli autofocus con presa di forza dalla D50 in su, credo esclusa la D60 (verificare). Ben
  6. Il protezionismo è un'altra cosa: si avvicina più all'idea socialista di barak che non a quella del WSJ.Ma lasciamo stare perchè qui si entra nel campo minato della politica! Inoltre diciamocelo, AMD ha perso quote mica per la condotta sleale (che nelle 900 pagine non è dimostrata affatto...) ma perchè intel ha prodotti superiori. Se non altro perchbé stanno dentro i nostri mac!
  7. ===================================== The Wall Street Journal Target: Intel, and Competition Team Obama adopts the European model on antitrust. The world is returning to the 1970s on most economic policies, so why not antitrust too? Judging by events this week, antitrust enforcement in the U.S. and Europe is in for a major comeback, whether or not consumers benefit. Yesterday in Brussels, the European Commission imposed a record antitrust fine of $1.45 billion on Intel for the heinous crime of discounting computer chips in its fierce and long-running competition with AMD. Meanwhile on Monday, President Obama's new antitrust chief, Christine Varney, issued a radical revision of the Department of Justice's own antitrust enforcement standards. Ms. Varney's ambition seems to be nothing less than bringing Europe's corporatist approach to competition policy to the U.S. To succeed, she will have to flout or overturn decades of Supreme Court precedent on the limits of U.S. antitrust law. But Ms. Varney can be sure of a friendly ear in Brussels, which has never let go of the idea that competition is best when there isn't much of it. The Commission's attitude is on full display in the fining of Intel for allegedly abusing its dominant position in the market for computer processors. For years, Intel and AMD have been essentially the only game in town for computer CPUs. The Commission's complaint amounts to little more than a whinge that Intel won more of this business than the Commission would prefer. This is couched in dark-sounding talk about Intel paying computer makers not to buy AMD chips. But remember there is only so much demand and there are only two major market players. So any order won by Intel by offering a discount or a rebate is, by definition, an order lost by AMD. And yet the Commission bizarrely claims that "millions of Europeans" have been harmed by this price war. Intel has been able to sell enough chips cheaply enough to maintain an overall market share that has hovered between 75% and 80% for years. And those lower prices help drive down the price of a computer, which is good for consumers. A less competitive market for chips, or one in which Intel is barred from offering discounts to its biggest customers, would mean higher consumer prices. The Commission also suggests that Intel may have sold some chips below its cost, but Intel denies this and claims it can prove it if the Commission would deign to consider its evidence. The Commission is, as ever, more focused on preserving competitor welfare above consumer welfare, and Ms. Varney at Justice seems to be promoting a similar approach. The American left likes to advertise itself as pro-consumer. But the curious reality about the left's view of antitrust in both Europe and America is that it is often used to assist big business by dampening competition. This corporatist notion seems to be that companies should compete, so long as no one really loses. Ms. Varney paid lip service to the dangers of protecting competitors when she criticized the National Industrial Recovery Act, ushered in by FDR during the Great Depression. That odious piece of industrial policy blessed price collusion between big firms in exchange for a commitment to keep people employed and share some of the collusive profits with labor. But in her speech, Ms. Varney tries to cast this anticompetitive act as a form of deregulation. In fact, the NIRA was regulation of the worst sort, protecting competitors from competitive harm in the name of some greater good. True deregulation aims at greater competition, while European (and Rooseveltian) corporatism dampens it. This historical obfuscation allows Ms. Varney to argue that it would be good for competition to adopt something like Europe's "abuse of dominant position" standard in place of the consumer-harm test that currently prevails in the U.S. Europe's Intel case makes the importance of these different tests very clear. By any reasonable application of a consumer-harm test, the antitrust claim that Intel is driving down prices -- and so making computers less expensive -- would be laughed out of U.S. court. The only harm here is to a competitor that can't match Intel's prices. And even at that, AMD isn't exactly going out of business. At times its market share for consumer desktop CPUs has been as high as 50%, and at its most successful the upper bound has been determined as much by AMD's own manufacturing capacity as by Intel's behavior. When she announced the judgment against Intel Wednesday, European Competition Commissioner Neelie Kroes praised Ms. Varney's new approach to antitrust. And no wonder. Regulators love company, and European regulators in particular love it when their American counterparts help them hamstring the most efficient U.S. companies. Why President Obama should want to punish U.S. multinationals is harder to figure since his political success hangs on economic recovery and a revival in business profits and hiring. But perhaps we should conclude that this is merely one more example of the ways in which this Administration is seeking to remake American capitalism in the image of Continental Europe.
  8. ;-) ma loro non bussano, né si puliscono le scarpe: lasciano solo sul pianerottolo un rotolo di banconote. e ripassano il giorno dopo per vedere se abbiamo cambiato idea! se il rotolo è ancora al suo posto ne aggiungono un altro, e così via per un po' di giorni: poi quando si stufano tirano due cannonate. Il vero problema è in "CIndia" dove hanno imparato che si fa così... e ora sono [email protected]@i nostri!
  9. Purtroppo non è tutto bianco o nero come lo vedi tu. Anche l'UE ha giocato sporco e alla fine si sono messi d'accordo: http://www.fwi.co.uk/Articles/2009/05/14/115625/eu-and-usa-settle-hormone-beef-dispute.html Per la faccenda di Intel è più o meno simile: c'è una "etichetta" da seguire per fare affari con Bruxelles. Ben
  10. >oi alla fine quella carne costerà la stessa cifra per il consumatore finale. >Perché mai dovrebbe anche solo rischiare la salute, per garantire maggiori profitti del produttore (e soprattutto >dei laboratori di ricerca americani...). Su questo siamo tutti d'accordo. Il fatto è che gli ormoni sono usati, illegalmente, anche da noi e ci sono dati che provano che il consumatore italiano ingerisce più ormoni di quello americano. Inoltre, per precisione, va detto che gli ormoni sono vietati solo in Europa: in USA, canada, Australia, nuova zelanda, sud africa, messico, cile, giappone, per citare i paesi maggiori produttori sono consentiti. Ben
  11. Avevo fatto una ricerca veloc con google e copiato-incollato il primo url con una sola foto di Gwyneth, ora linko solo la foto a scanso di equivoci: non che sia importante, né funzionale alla comprensione del topic, ma solo per chiarire che non avrei mai postato un link da bannare. http://homepage.mac.com/bengi/files/gwyneth.jpg Grazie per avermi dato la possibilità di replica. Ben
  12. <Link eliminato da Pietro, > <Non sono ammesse immagini porno nel Forum.> Pietro, prego rettificare **immediatamente** il link non portava ad alcuna immagine non ammessa!!! Era una foto di Gwynet Paltrow che **non ha mai posato per foto porno**. Grazie
  13. Gli scienziati americani dicono: "In america sono consentiti pochi ormoni sessuali che sono specie-specifici e gli eventuali residui nelle carni all'uomo non fanno nulla. Gli effetti degli ormoni naturali sui tessuti degli animali sono ben noti ed è facilissimo (basta un esame istologico la cui lettura è alla portata di un borsista) scoprire se un animale è stato trattato o meno. In europa gli ormoni naturali sono vietati e così l'ingegno umano ha portato all'uso fraudolento di molecole, usate da sole o in associazione, che non determionano effetti facilmente evidenziabili nell'animale e così tutti voi in europa ingerite moolti più ormoni e schifezze di noi americani." Gli scienziati europei dicono: "non ci sono prove dell'innocuità degli ormoni e noi li vietiamo". Se vi interessa la mia posizione come veterinario, come ricercatore, come consumatore e come padre di due bambini posso dire di più. Ben P:S. le tette grosse non mi piacciono: questo è il mio standard: ;-) <Link eliminato da Pietro, > <Non sono ammesse immagini porno nel Forum.>
  14. quindi i cattivi sono quelli della commissione europea? ;-)
  15. La solita lotta contro ai mulini a vento dell'UE? Come il caso degli ormoni agli animali da reddito (vietati qui e consentiti in USA). Vado spesso a Bruxelles come esperto della commissione (nel mio settore di igiene degli alimenti e veterinaria) e mi sono fatto una certa idea di come vanno le cose... Insomma il cattivo è davvero Intel? Ben