WoodyWoodpecker

Members
  • Content Count

    82
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by WoodyWoodpecker

  1. Data Rescue II fa al caso tuo; l'unica cosa, è che si tratta di un software commerciale; ma non costa tantissimo e a me ha salvato dati ben più importanti di qualche decina di euro.
  2. Se Stuffit non te lo decomprime, vuol proprio dire quello che temi: è corrotto. L'unica è farselo ridare. Stuffit può tranquillamente aprire i .rar, così come tanti altri formati compressi.
  3. ......................................................................... (O mi hanno preso per un troll e non intendono rispondermi, oppure il mio problema è proprio marziano)
  4. (Probabilmente questo problema è venuto fuori a qualcun altro. Ho provato a cercare sul forum, ma non ho trovato nulla; il motore di ricerca interno del forum spesso mi fa cilecca, forse perché non trovo le frasi giuste da dargli in pasto...) Mi succede da un po' di tempo in qua qualcosa di bizzarro. Ogni volta che lancio un'applicazione nativa per PowerPC, che sui Mac Intel come il mio girano sotto Rognetta [ahem] Rosetta, mi appare il messaggio “Stai lanciando l'applicazione xxxxx per la prima voltaâ€. Sono applicazioni che ho lanciato migliaia di volte senza mai veder comparire quel messaggio; ora, mi appare tutte le volte e, francamente, mi sta facendo girare i [bIIIIP]. Premetto che: a) lavoro con un utente amministratore di sistema (per quanto i “puristi†storceranno il naso a questa rivelazione; ma la macchina è mia, non so se mi spiego); b) la Panacea Universale Contro Tutti I Mali Del Mac, la tanto decantata riparazione dei permessi, mi ha trovato dei permessi fuori posto, sì, ma non ci ha nemmeno provato a risolvere il problema - insomma, non è una questione di permessi; c) ho seguito pure il consiglio di ranzare via le applicazioni e tutte le loro preferenze nonché cartelle nei vari Application Support, per poi reinstallarle da capo; nisba, solita solfa; d) non ho nessunissima intenzione di reinstallarmi Leopard da capo e rifarmi pure tutta la trafila degli aggiornamenti di sistema; se il problema è risolvibile bene, altrimenti pace, e mi terrò quell'accidente di messaggio tutte le volte che apro un'applicazione non-Intel.
  5. Purtroppo BootCamp richiede un hard disk con GUID e partizione unica per funzionare; e - lo so perché ci ho già provato - non è possibile creare manualmente una mappa di partizioni e installare Win a forza bruta su una di esse: il disco di avvio del Mac non può essere partizionato con MBR. A questo punto l'unica è comprarsi un hard disk esterno per i dati e lasciar fare a BootCamp il suo sporco lavoro con due partizioni sull'hard disk interno.
  6. Se Snow Leopard segue l'andazzo di tutti i Mac OS X fino ad ora - con forti ritardi sull'uscita programmata - penso proprio che ti convenga installare Leopard e applicargli tutti gli aggiornamenti. In ogni caso SL è previsto per il 2009, no? Leopard ha qualche piccolo difetto, rispetto a Tiger, ma anche tanti pregi, compreso il fatto che è molto più veloce.
  7. Sbagliato qualcosa con l'installazione di Winzozz, probabilmente; BootCamp di per sé è innocuo.
  8. Strano: col 10.5.3 ho lo stesso identico effetto che avevo col 10.5.1: il pulsante selezionato - qualunque sia - è sempre grigio scuro.
  9. Io sono del partito di quelli che non hanno avuto problemi con l'aggiornamento; anzi, vedo con piacere che mi ha risolto alcune magagne. Non tutte; ma finalmente non mi spariscono più i volumi non di avvio, costringendomi ad andarli a riattivare con Utility disco, per dirne una. Ovviamente, spostare cartelle di sistema senza sapere quello che si sta facendo vuol dire cercarsi rogne; a me stanno bene dove stanno e il mio Mac, aggiornamento dopo aggiornamento, è sempre in perfetta salute. N. B.: non ho MAI dovuto riparare i permessi dopo un aggiornamento.
  10. Sicuro che il tuo collega abbia aggiornato Leopard? Sicuro che fosse l'aggiornamento alla 10.5.3? Anche scaricandolo a mano dal sito Apple si scopre che è di 420 mega e non di 198.
  11. Browser come Firefox permettono di scaricare da siti che usano asp. Safari è un po' limitato da quel punto di vista - ma non sei obbligato ad avere un solo browser sul Mac, no?
  12. L'icona è quella di una mappatura di qualche sito Internet (normalmente qualche risorsa ftp) come unità virtuale. Quando accedi a ftp o protocolli simili usando Safari, ti crea queste mappature. Selezionalo e dagli un Cmd+E; lo "espellerai" come fosse un disco. Se non ne hai bisogno, puoi smontarlo senza problemi.
  13. Metti il DVD nel drive, riavvia la macchina e subito dopo il suono di avvio tieni premuto C finché non si è avviato dal DVD.
  14. Metti il DVD nel drive, riavvia la macchina e subito dopo il suono di avvio tieni premuto C finché non si è avviato dal DVD.
  15. Apri le informazioni di un file di testo di quelli che si aprono di default con Text Edit (Cmd+I oppure clic col tasto destro sul file e selezioni Ottieni informazioni). Circa a metà di quella finestra trovi un Apri con; dal piccolo menu lì sotto selezioni l'applicazione con cui vuoi aprirlo (potresti dover scegliere Altro e andare a cercare l'applicazione voluta); appena sotto c'è un tasto Modifica tutto; cliccalo e ti aprirà tutti i file di quel tipo con l'applicazione selezionata.
  16. Teoricamente bootloader che sfruttano EFI potrebbero usarla come partizione di boot, una specie di sostituto dell'MBR che il Mac non utilizza nel processo di avvio. Si può farne a meno; se il tuo sistema si avvia correttamente, non crea nessun problema zapparla via.
  17. Lancia direttamente Leopard dal suo DVD, digli di inizializzare il disco in fase di installazione (non mi ricordo l'esatta dicitura, ma è nelle opzioni iniziali dell'installer; altre due voci servono per aggiornare e per effettuare il famoso "archivia e installa"; ma se devi piallare l'hard disk ti serve la prima e non queste due) e lascialo che si installi. Non è assolutamente necessario installare Tiger prima.
  18. Permetti a uno del "ristrettissimo club di fortunati" di dissentire. Io possiedo Mac dal '94 (pressappoco dal Paleolitico, insomma); ho cominciato con un 68040, mi sono percorso la schiera dei PowerPC e adesso ho un Mac Pro Two col suo bel doppio Xeon Quad Core. Il 68040 girava col System 7; li ho visti tutti fino al 9.2.2 su un G4. Con quella serie ebbi 2 bombe, 2 di numero, e ti assicuro che non giravano solo quelle 2 o 3 applicazioni di base sui miei Mac. Quanto a Mac OS X, è un sistema Unix, e la stabilità dei sistemi Unix è ormai proverbiale; ma (adesso tutti quelli che leggono mi rideranno dietro...) ho avuto problemi di kernel panic con un paio di aggiornamenti “maledetti†di Tiger che, evidentemente, andavano in conflitto con qualche software installato sulla mia macchina (mai scoperto quale; col 10.4.11 tutto è andato a posto e Leopard non sa cosa siano i kernel panic). Anche con la “vecchia†serie dei sistemi operativi per Mac, fino al 9.2.2, potevo permettermi di guardare dall'alto al basso i Windowsisti sfegatati che non facevano altro che esaltare le virtù del loro sistema operativo e che si trovavano a dover pigiare il famigerato tasto di reset 3 o 4 volte all'ora...
  19. Hanno commesso un errore, evidentemente, o non hanno tenuto conto del fatto che non tutti hanno la tastiera americana. La combinazione che ho trovato io è Mela+Alt+\ sulla tastiera italiana - N. B.: se batti Alt+\ in un testo ottieni proprio quell'apice inverso.
  20. Yup! Non trovo questa opzione nelle opzioni vista; dove la vado a cercare? EDIT: in Leopard c'è, al posto di quella spunta, un pulsante "Utilizza come default"; dato che ho solo aperto le opzioni vista senza modificare nulla, non l'avevo notato particolarmente. Figura da cioccolat[completare a piacere]...
  21. Sotto il menu Vista, trovi "Mostra opzioni vista"; nella finestrella che si apre, togli la spunta a "Mostra anteprima". Il brutto è che non so se c'è un modo per dargli quell'opzione globalmente; a me è toccato farlo per il desktop e tutte le finestre dove l'anteprima mi dava fastidio. C'è anche da dire, però, che in alcune cartelle - dove ho delle foto, per esempio - l'anteprima mi torna comoda.