avefabius

Members
  • Content Count

    15
  • Joined

  • Last visited

About avefabius

  • Rank
    Fabio

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Fabio
  • Città
    Roma
  • Mac che possiedo
    iMac 24 2.8
    PowerBook 15" 1,67
  1. Scusa, andavo di fretta e non ho letto le tue limitazioni riguardo all'utilizzo obbligato di IE. Spurl.net è un sito/repository di collegamenti preferiti da cui puoi accedere da qualunque postazione. "Spurl.net is a free on-line bookmarking service and search engine. It allows you to store and quickly access again all the interesting pages you find on the web from any Internet connected computer." Mi sembra che si basi su un'estensione che funziona sia su IE che FF, ma non ne sono certo. Un altro servizio di "hosting" dei tuoi favoriti te lo da anche: UpSave. Sinceramente non ne ho provato neanche uno ma ti dirò... mi stavo ponendo anche io la stessa domanda con FF e Safari. Più che altro perché non vorrei installare FF sul Mac. Su winzozz preferisco decisamente la volpe di fuoco ma su Mac con Safari mi trovo bene. Vedremo un pò.
  2. Ciao, con FireFox hai un fantastico addon che si chiama Google Browser Sync. Se hai un account Gmail puoi utilizzare il tuo indirizzo per avere sempre sincronizzati, su qualunque postazione, indifferentemente dalla piattaforma, la lista dei preferiti senza doverti portare dietro cartelle o files di export. Se non dovessi avere un account Gmail te ne puoi creare uno per questo scopo, oramai non c'è più bisogno degli inviti.
  3. <object width="425" height="350"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/watch?v=EHjqnHVm8LU"></param><param name="wmode" value="transparent"></param><embed src="http://www.youtube.com/watch?v=EHjqnHVm8LU" type="application/x-shockwave-flash" wmode="transparent" width="425" height="350"></embed></object> <object width="425" height="350"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/watch?v=vniMR6Ez9cE"></param><param name="wmode" value="transparent"></param><embed src="http://www.youtube.com/watch?v=vniMR6Ez9cE" type="application/x-shockwave-flash" wmode="transparent" width="425" height="350"></embed></object> I filmati sono vecchiotti, si rifanno ai giorni del lancio dell'iPhone, ma sempre divertenti
  4. Purtroppo dopo l'abbandono, per motivi tecnici ed esigenze lavorative, del mio primo Mac (un bel Performa 6200) ho dovuto aspettare l'acquisto dell'iPod 3G nel 2003 perché ha trainato poco dopo anche l'acquisto di un sempreverde e bellissimo iMac G4 1.25 17" LCD (lo tratto come un bambino). Nel 2005 ho avuto un PowerBook 15" 1.67 che però ho rivenduto, con sincero rimpianto, un anno dopo ad una persona fidata causa inutilizzo. Da pochi giorni sono decisamente passato alla Mela con il nuovo iMac 24" 2.8 ordinato poco dopo il keynote! Erano due generazioni che aspettavo il grande salto: consolidamento della piattaforma Intel ed il nuovo design. Ora ho un Pentium 4 3.2 da vendere...
  5. 1) Ad agosto, con l'uscita dei nuovi iMac 2) Penium 4 3.2 su cui giravano XP e Ubuntu. Dopo aver deciso di sposare come unica piattaforma ludica la PS3 lo utilizzavo solamente per navigare e progettazione/sviluppo siti web 3) Un bellissimo, per il tempo, Performa 6200! 4) Comprato per studio quando mi sono imbarcato nel mondo della grafica è stato amore a prima vista. Poi è stato un altalenare tra necessità e disponibilità liquida a relegarmi a windows. 5) Sono gioielli dal punto di vista estetico ed ingegneristico, semplicità , stabilità ed affidabilità , completezza e qualità delle applicazioni sin dal primo avvio. HD e SW studiato e sfruttano al 100% l'uno rispetto all'altro. 6) I sistemi che avevo a casa li uso in ufficio. Comunque nulla, e personalmente ce l'ho con il gigante (troppo) di Redmond. 7) Bisogna provarli per apprezzarne la bontà e se ci dovessero essere ancora dubbi sul prezzo percepito troppo alto: a) non è più così vero; b) ogni computer della Mela vale comunque tutti i soldi spesi e poi... è decisamente fuori dal coro!
  6. Spesso, purtroppo, con pc dall'ufficio con Firefox. Ma da casa con il PowerBook 15" 1,67 e con un Safari più veloce dopo l'installazione di Tiger.
  7. dipende, il pacchetto ilife lo puoi comprare da solo o trovarlo in bundle nei dischi di ripristino quando compri una nuova macchina.
  8. ciao, sono in ufficio e non ho il pupetto sotto mano, vado a memoria. a seconda della macchina che hai potresti avere 1 o più dischi di ripristino. nel caso di un solo disco (in formato dvd) dovrebbe esserci un ulteriore link, a volte nella parte nascosta della finestra principale, basta scorrere con la barra per visualizzarlo, per installare il solo materiale aggiuntivo: "installazione mac os x", "installazione applicazioni". usando quest'ultimo è possibile ripristinare tutte o parte delle applicazioni che vengono generalmente date in bundle con il mac (iapps, trials, etc.) nel caso tu abbia più dischi, si parla allora di cd, dovrebbe essercene uno, o più di uno, etichettato proprio applicazioni ed il link sarà unico. attenzione che ogni disco potrebbe avere l'installazione per differenti applicazioni. nel caso dovresti spulciarteli uno ad uno. spero di averci azzeccato! la vecchiaia vale per tutti, sigh
  9. salve a tutti, da ieri sono felice possessore del nuovo sistema tiger. se prima il powerbook con panther correva ora vola. peccato che una volta installato (con una completa inizializzazione del disco) mi sono accorto di un piccolo problemino che in pather non ho mai avuto. non so se sia una cosa prettamente relativa a tiger o meno ma io l'ho riscontrata una volta aggiornato il sistema operativo. praticamente dopo aver ridotto un qualsiasi documento o finestra nel dock ripassandoci sopra con il cursore del mouse si vede l'icona dell'applicazione (più piccola in basso a destra del documento/finestra ridotta), legata a quell'elemento stesso, in bassa risoluzione tutta pixeloni! non è un vero problema, anche perché si vede solamente durante la "zummatina" del passaggio del mouse sulle finestre ridotte. ma nel complesso una volta abituati alla quasi perfezione, con la quale mamma apple si è sempre proposta, appare come un pugno in un occhio. qualcuno di voi ha già riscontrato un problema simile?
  10. arieccomi, allora proprio ora ho aggiunto il powerbook alla rete wireless usando il valore della prima chiave. praticamente nel momento in cui tentavo il passaggio alla rete mi chiedeva una password wep (prima voce nelle opzioni di cifratura) rimandandomi immancabilmente ad una finestra di errore di autenticazione. la password (la 1° chiave) è stata accettata solo cambiando il tipo di autenticazione in wep 128 hex. solo allora l'autenticazione ha avuto successo consentendomi l'accesso alla rete via wifi. ora naviga che una meraviglia senza vincoli alcuni. solo nel caso mi dovessi trovare in camera mia allora passo alla connessione più veloce dettata dal collegamento diretto al router via rj45 ora mi manca solo la connessione allo zire72 via bluetooth (quella al telefono è già up and running) ma credo che il il palmare abbia un problemino proprio sul bt dato che non parla più neanche con il cell (se t610). e pensare che erano ottimi amici, mai un litigio! niente! :'( al momento mi accontento del cavetto usb palm-powerbook grazie di nuovo
  11. questa sera avrò modo di provare, vi farò sapere grazie e buona giornata
  12. salve a tutti, giovedì con grande gioia e gaudio, dopo una lunghissima attesa, mi è arrivato il nuovo powerbook 15" 1,67. bellissimo e pronto per qualsiasi tipo di connessione senza fili: leggasi bluetooth e airport. a casa ho una piccola rete wifi ibrida gestita da un modem router adsl che funza anche da access point: nel particolare si tratta di un netgear dg834g con un paio di bridges a cui sono collegati un imac, un pc ed una xbox. la rete è protetta dal protocollo wep 64. un minimo di sicurezza ci vuole e comunque provo a prevenire le connessioni a internet a mio carico (contratto flat 24 ore su 24). tutto molto bello se non quando ho acceso il powerbook. come da aspettative ha riconosciuto la rete immediatamente ma quando ho tentato di aggiungerlo alla stessa il sistema mi ha chiesto una password. e qui sono caduto dalle nuvole. è giusto che ne chieda una, altrimenti che protezione ci sarebbe, ma a quale password si riferisce? ho provato quella utilizzata per creare le chiavi del protocollo wep ma senza esito, ho provato ogni singola chiave: idem con patate. non ricordo di aver visto sul setup del router pagine con impostazioni di password che non fossero quelle per l'accesso alla configurazione o per la creazione delle chiavi di encyption. ovviamente se tolgo l'encryption il powerbook si connette senza alcun problema. qualcuno ha già configurato una rete wifi criptata e che mi sa dire dove reperire e/o impostare codesta password? grazie
  13. 1) 1996, il mese non lo ricordo 2) il sistema winzoz, come lo chiama qulacuno, x politiche aziendali (in ufficio) ed esigenze ludiche non l'ho mai abbandonato. comunque al tempo era un 386 con 8 mega di memoria e 40 mega di hd 3) il performa 6200cd è stata la mia prima macchina apple (powerpc 603, 32 ram, 800hd, os 7.5) 4) passai a mac in occasione di un corso triennale di grafica pubblicitaria 5) semplicità , flessibilità =libertà , stabilità , robustezza, sicurezza... potrei continuare sino a domani, ma soprattutto un'inetrfaccia grafica a finestre anni luce da windows (al tempo 3.11). non che ora la storia sia cambiata! 6) cosa rimpiango? del 386, se non lo considero come un mio pezzo di storia, nulla. windows ce l'ho in ufficio e con quello a casa ci gioco solamente. per il resto c'è il fido imac, il 17" semi-palla con iLife. cosa c'è da rimpiangere? 7) le stesse motivazioni che hanno portato me, al di fuori del corso, a scegliere e poi amare la piattaforma mac. per quanto ultimamente ho convinto 4 amici a prenderne uno ma soprattutto ad apprezzarlo. nell'ordine: 2 ibook 14", un ibook 12" ed in ultimo un mac mini che ancora stiamo apsettando!