jackoilrain

Members
  • Posts

    319
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by jackoilrain

  1. Ok, allora mi stai dicendo che siccome sei uno scrittore che ipotizza "complotti" contro l'umanità condotti dai cattivoni delle case farmaceutiche ed hai un tuo background, sarei interessato a conoscere le tue fonti che mi facciano vedere come le case farmaceutiche diffondano virus nel mondo per poi vendere gl'antidoti.

    hai mai,e dico MAI, per caso letto una mia AFFERMAZIONE in merito?

    Oppure, se leggi un poco, hai notato che insieme ad Okami abbiamo semplicemente convenuto che secondo noi POTREBBE essere che virus e gli antivirus li fanno le SWhouse e lo stesso vale per medicine e malattie dall'industria farmaceutica?

    Chiaro che so bene il software che sto sviluppando che funzioni ha. E ovviamente posso immaginare eventuali usi di questo genere di codice. Così come ogni "creatore" di un prodotto ingegnoso e "complesso" sa quali usi può essere destinato (invece chi assembla "meccanicamente" può ovviamente non conoscere l'uso...)

    Buon per te.Il mio era un esempio.Non so nemmeno (guara caso) a cosa stai lavorando.Magari sei uno sviluppatore di promemoria per desktop, che ne so io?Era del tutto ipotetico, per spiegare.

    Poi chiaro che so che i motori delle prime Vespa erano i "motorini" d'avviamento del nostro unico bombardiere pesante quadrimotore della Piaggio, per altro molto ammirato, durante la seconda guerra mondiale.

    A sì scusa se lo ho messo in dubbio...non volevo sfidare la tua cultura generale tirando fuori questa chicca, ma da casa mia non sivede la tu amaglietta con su scritto che sapevi di questa cosa...

    Certo, ed acquistando magari azioni della Apple potrei finanziare Bin Laden ... chi lo sa... Però se hai dubbi del genere la tua attività d'integrazione con il resto del mondo ne esce molto mutilata.

    E perchè mai?Ho mai parlato di prese di posizione inmerito?Altre farneticazioni vedo.Non preoccuparti,puoi unirti a mc100 e a guess,e a un ultimo che vi batte tutti.

    Mi ripeto, in progetti d'un certo tipo sai bene l'ambiente in cui va ad operare il tuo prodotto, quando sei ad un livello abbastanza "alto" della sua progettazione.

    D'altra parte neanche tu o Michelangelo o un qualsiasi altro pittore è responsabile se un folle prende una tela e la spacca in testa ad un altro ...

    e ti sembra che io non te lo abbia detto già?

    Ma vedo che ci sono interferenze nelle sinapsi.

    Andate in pace.

  2. non esattamente.

    la distinzione non è tra lavoro manuale/intellettuale ma riguarda la sua fungibilità;

    il lavoro di un minatore può farlo praticamente chiunque;

    il lavoro di un ingegnere informatico molti meno;

    il lavoro di uno sportivo (parliamo di un campionissimo beninteso) solo pochissimi.

    (prova del nove: un informatico ed un calciatore possono essere spediti in minera, ma un minatore non può essere messo alla tastiera o in sella ad una moto da GP)

    prima di ciarlare a bocca spalancata leggiti tutti i post e eviterai domande stupide a cui sono state datte tutte le risposte del caso con dovuta perizia di esempi, metafore e quant'altro.

  3. >jackoilrain: sono ben rassegnato dal cambiare il mondo.Poichè desidero invece che esso venga raso al suolo in modo che si cancelli la razza umana salvo,ovviamente, le persone "per bene".E ora ditemi pure che sono comunista se avete coraggio!

    non me ne frega nulla che tu sia comunista o meno.

    Certo, diventa difficile condurre una conversazione sensata con chi desidera che "il mondo venga raso al suolo" eccetto le persone che lui considera per bene.

    Hai di certo un alto concetto della tua capacita' di discernimento, che ti invidio. Io a malapena sono in grado di giudicare la mia di condotta.

  4. Che c'entra l'essere scrittore con l'essere a conoscenza di presunti complotti contro l'umanità da parte di qualche azienda farmaceutica? Se hai delle prove metticene al corrente.

    se sei scrittore, dipende di che genere, devi provvedere ad inventare modellis ociali, stilid i vita, background dei personaggi, ipotetici mezzi,veicoli,funzioni teconologiche verosimili, eventuali trame intricate o meno per dare vita a storie che siano sì frutto della creatività,ma che possano affascinare perchè il loro contenuto crei un impianto verosimile in cui il lettore vada a inserirsi come all'intenro di un film.Se 2001Odissea nello spazio non avesse avuto un background credibile non sarebbe mai stato riconosciuto come il il film di Fanta-Scienza per eccellenza.Al contrario unf ilm come Il Singore Degli Anelli non ha un background verosimili o credibile,seppure le interazioni tra i personaggi sono semplici e realistiche,anche parlando della dissociazione di identità di Gollum.

    Scusa, ma francamente Matrix credo sia un bel film, ma per quanto riguarda la realtà ... si, sono abbastanza sicuro che con il lavoro che faccio non ci vengano sparati missili su gente inerme.

    In effetti lo sai solo tu quale sw stai sviluppando, quindi io facevo una ipotesi del tutto utile come esempio per spiegare che, inconsapevolmente,chi lavora e produce una componente in uan azienda, potrebbe anche non sapere a cosa verrà destinata.

    Sapevi,per esempio,che le bobine della fiat vengono usate sulle moto ducati?E che il motore della vespa 50 era il motorino di avviamento di un aereo?

    Non commettere l'errore di considerare scienziati, tecnici (grandi e piccoli) burattini inconsapevoli ...

    non lo farei di nessuno,credimi.Lo dicevo,ripeto,come esempio.Io stesso,comperando le azioni di una casa farmaceutica, potrei invece stare a finanziare un virus senza saperlo!

    Von Brown (scrivo bene?) sapeva benissimo che i suoi studi sui razzi vettori venivano direttamente applicati alle V1 e V2 ... ha "solo" accettato il fatto che (secondo lui) ne valeva la pena.

    Ora non voglio discutere sulla consapevolezza dei vari lavoratori ... però permettimi di farti notare che un operaio siderurgico che forgia bulloni ha una consapevolezza minore di chi progetta una componente complessa.

    infatti non stiamo ricercando un "colpevole".La dinamite è stata creata per forare prima i passi montani,e non per far esplodere la gente.

    Quindi Gennà,non tipreoccupare!Se stai costruendo l'antivirus del sistema di guida per una nuova bomba h non ècolpa tua!:rolleyes:

  5. Se il foro d'uscita del dentifricio fosse quadrato il dentifricio avrebbe una forma che permette l'equilibrio stabile (piu' o meno) sul tuo spazzolino.

    applaudo alla geniale uscita della pasta quadra!Però ti dirò per cazhzehggiare: essendo però la pasta dentifricia un tubo molle e gelatinoso basterebbe stenderlo con poca più forza verso le setole per "incastrarlo" affinchè aderisca meglio alla superfice!!!!:D

    Il foro d'uscita del 99% dei dentifrici e' rotondo e la pasta che ne esce ha forma cilindrica e perciò raggiunge un equilbrio instabile sul tuo spazzolino.

    Nella maggior parte dei casi l'equilibrio instabile provoca la caduta della pasta nel lavandino costringendoti ad usare un surplus non necessario del prodotto.

    Verissimo!Ma questo se non si usa il sistema di cui sopra!

  6. Non voglio (e non posso) parlare a nome di Marco, ma credo che chi opera da anni nel settore sa come più o meno funzionano le cose.

    il "più o meno" esula dall'"esattamente", e quindi anche lo stesso Marco dal fare precisazioni e puntualizzazioni che non siano approssimative e derivate da rumors.Cosa che,tra l'altro,potrebbe fare qualcunque informatico o documentarista in manier apiù o meno approfondita.

    Ergo: non posso dire che bill gates è gay perch sentito dire, o se non ho prove concrete, ne tantomeno smentire chi lo afferma anteponendo una teoria e non una certezza matematica.

    (per quanto ambirei che bill gates facesse la fine di lapo!):D

  7. Jack ... è questione di buon senso. Ma pensi veramente che i virus "umani" siano diffusi dalle case farmaceutiche?

    assolutamente sì!Sarebbe ingenuo pensare il contrario!

    Nella rosa delle speculazioni metto anche questa!E come potrei non farlo giacchè,nel mio miserrimo,sono pure scrittore?

    No perché non è che in quelle aziende ci lavorano 10-20 persone capaci di tenere un segreto tanto osceno...

    Quale segreto?Sei sicuro di sapere s enon stai costruendo un plug in di un sw per localizzazione missilistica o per armamento di testate nucleari?

    Non esiste una anzienda che produce missili,esistono piccole filialic he costruiscono,separatamente, anche un bullone speciale,il tutto viene spedito a centralid i smistamento,e poi si assmbla il prodotto finale,con dentro anche un pò di suo papà: gennaro mac l'inconsapevole!:)

  8. con un paio di post mi sei scaduto di mille punti

    valutazione pesante per un gap culturale?Ne ho di peggiori,ma ti stupirei con altre "chicche" credimi!:D

    primo: memento non è solo un film, è il verbo latino che significa ricordare, ed è utilizzato in italiano e inglese come "ricordo" (oggetto con valore affettivo)

    io conoscevo solo il film,abbastanza figo tra l'altro,però un pò lambiccoso...preferisco lynch... spero di non essere dilaniato dall'egida del buon parlare per questo!:)

    secondo: michelangelo e leonardo dipendevano entrambi da un mecenate, eppure non mi sento di definire marchette le loro opere

    il mecenate (mecenatismo) era un semplice committente,spesso nobile, che ospitava l'artista a corte per ritrarre i suoi familiari, invece di recarsi a bottega a fare commissioni. Ma in diversi testi ne dicono di storie dove l'artista era anche frustrato o sottoposto a rischiose abitudini del mecenate,che a volte per capriccio era capace anche di mettere al abando l'artista.

    Tempi che vai,situazioni che trovi, ma le opere dei lor signori erano sì marchette, ma come dicevo prima,erano marchette con veicolod is tudio.

    Altre,invece,erano veri e propri dipinti pensati proprio per studiare qualcosa che loro stessi volevano ricercare.

  9. >jackoilrain: Lavorare stabilmente nell'informatica significa avere automaticamente accesso alla politica economica e alla contabilità di Adobe?Credo che nemmeno lavorandoci dentro,come sviluppatore, ne potrsti avere di notizie attendibili.

    la contabilita' industriale e la formazione strategica dei prezzi sono argomenti che si possono trattare indipendentemente dal conoscere i bilanci delle societa' (che peralto, essendo quotate in borsa, sono pubblici).

    Quindi asserisci che tu,e qualsiasi altro informatico che vada leggendo bilanci, può parlare di Adobe e delle sue scelte politiche ed economiche come fosse in azienda.

    In ogni caso, il succo del discorso era che ciascuno ha il diritto di scegliere il prezzo del suo lavoro, persino di regalarlo,

    Non ho mai sindacato sul regalarlo,e ho invece espresso il desiderio di un parametro perregolamentare il tetto massimo del prezzo delll'oggetto venduto.Che sia esso un cremino,che sia esso uno yacht.

    cosi' come ciascun compratore ha il diritto di scegliere di non comperare quel lavoro e di rivolgersi ad altri.

    p.s.: chiedo per curiosita' e senza mailizia, proprio come ho fatto con Lorenzo, tu rilasci lavori sotto gpl o sotto licenza analoga?

    Che singifica?Il gpl per me è un gas butano adoperato per alimentare automobili.:)

    Ma forse non chiedevi a me?

    Ad ogni modo io vendo i diritti per la prima stampa,se si tratta dis torie illustrate.Se si tratta di illustrazioni x giochi di ruolo cedo i diritti a vita e posso solo esporre le opere, dopo pubblicazione, marcandole sempre con il simbolo della casa produttrice e evidenziandone il copyright,sena poterle vendere ne in forma duplicata ne nella loro forma originale salvo a collezionisti privati.

    >jeby: D è una bellissima partizione vuota

    ma allora formattala da gui, usando l'apposita applet

  10. Ma perché affermi queste cose con tutta questa sicurezza, quando invece agli altri metti in dubbio le affermazioni perché non lavorano in Adobe? Forse sei tu un artista del calibro di Michelangelo?

    No, non mi sono mai calibrato nella mia arte. Ho studiato questi artisti solo tramite le documentazioni storiche pervenuteci.Quindi suscettibili di corruzione da parte di chi le ha riportate.

    Da tali studi risulta che gli artisti, in generale,e in special modo i geni in questione, si preoccupavano di FARE il loro lavoro, più che di accumulare denaro.La loro arte era la loro vita,e Leonardo decise anche di rimanere solo per inseguire la sua scenza.Diceva: "se sarò da solo avrò più tempo per me".La sua scienza era tutto,non il denaro.Il denaro,semmai,gli serviva per alimentarla,non per fuggirne.A michelangelo dovettero togliere i stivali a forza,e venne via pur ela carne delle gambe,tanto era che,scolpendo,non silavav ne spesso ne se li toglieva.

  11. >jackoilrain: Poichè il senso della vita è il FARE AL MEGLIO, e non il GUADAGNARE non FATICANDO.

    rispondo solo a questo punto, perche' è ovvio che tu parli di cambiare il mondo,

    un'ovvietà niente affatto scontata, infatti non è così: sono ben rassegnato dal cambiare il mondo.Poichè desidero invece che esso venga raso al suolo in modo che si cancelli la razza umana salvo,ovviamente, le persone "per bene".E ora ditemi pure che sono comunista se avete coraggio!:D

    che è una cosa bella e che pensavo anche io a 16 anni, e invece io parlavo semplicemente di legalita' nel mondo reale.

    Infatti io parlo,da circa 25 post,a te e a guass, dell'umano,non della legge dimercato atuale,che ritengo sbagliata.Però è bello vedere che,dopo tanti sforzi,si è arrivati sul binario giusto!

    Il fatto che qualcuno possa immaginare una societa' in cui in senso della vita sia determinato per legge

    Il senso della vita è individuale, non si determina per legge.O meglio: sempre che non si voglia decidere di determinarlo per legge, o sempre che non si voglia proprio decidere un bel nulla.

    Io sono per la libertà individuale, non anelo ad aver eun padre, un dio, o un capo sopr adi me, sono per l'anarchia,e mi assumo la responsabilità delle mie scelte, e voglio decidere per me.

    e certificato da un comitato è proprio il tipo di degenerazione che colpisce inevitabilmente tutte le utopie quando si trasformano in realta'.

    Non saprei, poichènon lo ho vissuto,e sono convinto che non si possa parlare di qualcosa che non si conosce.Se lo proverò lo potrò dire,e magari darti ragione.

    Se il mio scopo nella vita è accumulare vasche di denaro, devo poterlo fare, cosi' come devo avere il diritto di regalare il frutto del mio lavoro, proprio come dicevo nei miei primi post.

    Potresti accumulare vasche di denaro vendendo quello che vendi al prezzo che vale, non

    vendendo "sòle", oppure lavorando 20 ore invece che 8, del resto è la resa che conta quando sei inserito in un ambiente pubblico.Se poi nel privato,sei in grado di sostenere ritmi di lavoro elevati,senza perdere inq ualità del lavoro,allor aperchè non dovresti essere pagato di più?

    Molti scopi possono esssere raggiunti in maniere diverse.

    Se invece esiste un masochista che, al contrario di te,ama perderlo il denaro,potresti fartene dare un pò, oppure, al fine di non ledere la tua e la sua libertà,potresti vendere a lui il tuo oggetto dallo scarso valore,a un valore esagerato, purchè la trattativa rimanga tra di voi.

    Tuttavia, teoricamente, anche lo stato italiano avrebbe dovuto intervenire per la questione dell'aumento dei prezzi,poichè esiste una regolamentazione legislativa inmerito.Eppure questo non è avvenuto, proprio perchè alcune brave persone "i politci",non si sono mossi in merito.

  12. Non vorrei sbagliare ... ma ci sono stati fior d'artisti nel Rinascimento, che ci hanno lasciato opere d'arte fondamentali che non la pensavano propriamente così ...

    Gli artisti devono "campare", ma non lavorano per arricchirsi: il fulcro del loro lavoro è la ricerca

    perpetua.

    I buffoni inseguono prima il denaro come assoluto.

    Puoi invece unire l'utile al dilettevole, e cioè fare un'opera che nons ia propriamente in linea con la tua ricerca, ma allo stesso tempo strapagata.

    Questo ti permette di mettere d aparte i soldi per eventuali momenti bui o per alimentare la tua ricerca, o per provvedere a beni importanti che non potevi reperire seguendo i tuoi obbiettivi.

    Quando anteponi il soldo al risultato, otterrai qualcosa di arido e visibilmente costruito.

    Da noi si dice,in gergo, una "marchetta".:D

  13. >jackoilrain: scusate, voi che discutete in maniera accesa di adobe, e altri sw su argomenti tipo "se si può piratare" "costa poco o troppo" "le swHouse fanno questo perchè e per come".

    come sempre fatico a capire il tuo pensiero.

    Quello che alcuni di noi stanno sostenendo esula da adobe o microsoft. Stiamo parlando di economia, di legge e di contabilita' industriale.

    Non solo di questo, non mi riferisco solo al discorso con me te e guass.

    Guass ha un dibattito aperto anche con Okami.

    Poi, molti di noi lavorano stabilmente nell'informatica, quindi si arrogano il diritto di saperene un pochino.

    Lavorare stabilmente nell'informatica significa avere automaticamente accesso alla politica economica e alla contabilità di Adobe?Credo che nemmeno lavorandoci dentro,come sviluppatore, ne potrsti avere di notizie attendibili.

    >jackoilrain: ne si insulta la gente

    guarda che qui l'unico che ha insultato diverse categorie (commercianti, politici e dottori) sei tu.

    Errato!Ti ho bene specificato che ho insultato solo la categoria dei malviventi.Ch epoi questi siano dottori,politici o preti è solo una questione di abito!

  14. Come memento a chi esalta il mercato, e a chi dice che l' arte dev' essere scevra da guadagno:

    VAN GOGH

    Amante del popolo e della gente semplice, morto in miseria, i cui quadri valgono miliardi adesso.

    scusa non capisco che hai scritto.

    Che c'entra il film memento? :confused:

    Le opere di un artista deceduto sono valutate dal gallerista che vuole specularci sopra, non dal deceduto.Il morto nonpercepisce denari,semmai lo fanno i parentacci che lui, forse,odiava pure!:)

    Le opere di un artista sono imprese a rischio, possono piacere agli acquirenti o meno,e dare quindi all'artista un guadagno per il suo sostentamento oppure no.Fa parte delle imprese a rischio,altrimenti saremmo tutti cassamortari:D

  15. una classica leggenda metropolitana vuole che i virus siano diffusi dalle case antivirus

    come si contraddice una notiza del genere? non lo si fa, perchè la gente nella sua ingenuità vuole sperare che le istituzioni (e le software house nel bene e nel male hanno assunto ruoli istituzionali) si comportino in maniera corretta

    peccato che il profitto e la correttezza di solito non vadano di pari passo

    conoscete il rasoio di Ockham?

    è più verosimile che una software house multimilionaria rilasci sottobanco l'algoritmo che presiede alla generazione dei numeri di controllo OPPURE che un gruppo di hacker destinato a restare anonimo, e per di più senza fondi, riesca ad scoprire lo stesso algoritmo e rilasci un key generator?

    ho sempre pensato che i virus,sia dei computer che delle persone,siano stati creati dagli stessi creatori degli antivirus e dei medicinali.

  16. jackoilrain, sei una persona splendidamente utopica, dico davvero, ma la società da te prospettata mi terrorizza e - anche se come dici sarò completamente fuori strada - mi ricorda troppo da vicino il demenziale modello della Russia comunista!!!

    non sono esperto di politica, non mi interessa.Preferisco cercare di capirle le persone,ma non per fregarle, ammesso che,oggi,ci sia una politica che non freghi le persone.

    Un professorone che guadagna come uno che spacca pietre, solo perchè, secondo te, fanno la stessa fatica? Ma stiamo scherzando?

    niente affatto.Sei tu che come molti manchi di principi e forse non sai perchè fai quello che fai nella vita.

    Probabilmente sei uno di quelli che fa il suo mestiere con insoddisfazione,come fosse una condanna, e finchè gli ci scappano i soldi in più per evadere da questo è felice, ma al primo ingaggio merhdhoso che ti capita,ma più pagato,trasleresti via.(e ora sono io che me ne esco con teorie strampalate sul tuo modo di pensare!).

    Quanto ai prezzi, non puoi pretendere che il valore di un bene non venga influenzato in buona parte anche da quanto quel bene è richiesto

    assolutamente sì. Se vuoi comperare una maglietta che diventa alla moda, il suo prezzo salirà vertiginosamente,anche se molto richiesta e indossata da tutti.

    Se vuoi comperare una lente particolare per la perforazione laser, e se ne producono 7 in tutto il mondo pagerai lo stesso una cifra esagerata.

    Hai un esempio agli eccessi opposti: rarità contro massima divulgazione.

    La maglietta contro la lente, e alla fine quale è il prodotto il cui valore costruttivo e ingegneristico è maggiore?

    e dal livello di ingegno che ha richiesto la sua realizzazione.

    di questo ne avevo già parlato.Leggi i post che scrivo e ne troverai descrizione.

    Per il resto, ti ricordo che molti artisti (pittori, scultori, scrittori, musicisti, ecc.) lavoravano anche per il denaro (e forse qualcuno soprattutto per quello) e malgrado questo hanno prodotto opere meravigliose!!!

    Il denaro serve per vivere. Gli artisti illuminati non hanno nemmeno idea di cosa sia il denaro, gli altri,che lo antepongono alla ricerca della verità, non sono artisti,sono buffoni matricolati.

  17. scusate, voi che discutete in maniera accesa di adobe, e altri sw su argomenti tipo "se si può piratare" "costa poco o troppo" "le swHouse fanno questo perchè e per come".

    Ma che ne sapete?Perchè alcuni di voi si prendono il diritto di sindacare su cose di cui non sanno proprio nulla?Lavorate da Adobe?Siete una swHouse?Siete pirati informatici che sapete o meno come si debba crackare un sw(scusatemi,è ovvio che non lo venite a dire sul forum!:D)

    Se volete argomentare per teorie percarità,tutti benvenuti,sennò piantatela di fare i padreterni despoti con la disinformazione. Conoscete dei rumors,e con i rumors non si hanno diritti sugli altri,ne si insulta la gente che sta qui per discutere.

  18. "Mentre se vuoi aprire uno studio di grafica e ti servono 6 pacchetti di Pshop CS e non hai un capitale iniziale per acquistarlo non lo ppotrai fare mai,anche se si tratta di 6manuali e un cd di plastica."

    Cioe' mi vuoi dire che uno apre uno studio di grafica con 6 dipendenti non ha i soldi per comprare la licenza multipla di ADobe CS?

    ma dai... spero tu stia scherzando!

    un studio di grafica con 6 persone deve fatturare almeno 300 o 400 milioni all'anno solo solo per ripagare il personale e il costo di Photoshop sarebbe una spesa ridicola a confronto...

    A meno che le 6 persone non vengano piratate e quindi non pagate...

    voglio dire che per avviare un'impresa ci sono dei costi elevati,anche se inizi con degli amici,mettici pure quello del soft che impone determinate leggi di distribuzione per copia, e sei mezzo inmerdha.Tutto qui.Non volevo far ei conti in tasca di nessun grafico os tudio di grafica.Noto però che a ROma, molti studi sono in difficoltà e si arrangiano anche con sw piratati,e nonostante ciò diversi chiudono i battenti.

    Chiaro che questo dipende da tanti motivi,e che il sw abbia il suo diritto di essere pagato.Ma rimango dell'idea che ogni cosa dovrebbe avere il suo giusto prezzo.

    Soprattuto cagate tipo "il foulard di madonna" a 300 milioni.:D

  19. mc100, non so se lo hai capito, ma da ciò che scrive pare che il modello economico ideale di jackoilrain sia quello della Russia bolscevica... Con buona pace di come è finita nel mondo reale!!!

    Jackoilrain, secondo il tuo ragionamento, la Gioconda di Leonardo Da Vinci dovrebbe costare quanto la somma del prezzo della tela, della cornice e dei colori che sono serviti a dipingerla... più un [magro] ricarico come guadagno per chi detiene i diritti dell'opera. E così ovviamente qualsiasi altra opera dell'ingegno umano. Ecco, fantastico: dopo avere riesumato e riproposto un modello economico fortunatamente morto e sepolto da tempo, ora riduci le opere dell'ingegno al puro valore del supporto che le contiene... Come dici? Che Photoshop non si può certo paragonare alla Gioconda? E' vero, infatti non costa altrettanto, ma è comunque sempre opera dell'ingegno e della creatività dell'uomo e come tale il suo valore va ben oltre il prezzo del semplice supporto (e questo anche senza contare i costi di progettazione, ricerca e sviluppo che ha già ben sottolineato il pragmatico mc100).

    no.sei assolutamente fuori strada.

    C'è sempre qualcuno che vive e ciarla attribuendo teorie strampalate e mette in bocca ad altri le sue personali panzane: "Come dici? Che Photoshop non si può certo paragonare alla Gioconda?", potevi tenertela per te, ma credi di poter anticipare il pensiero altrui,sbagliando.

    Sarò più sintetico ancora facendoti uno schemino elementare:

    il prezzo del prodotto al pubblico sarà suddiviso secondo questo schema

    provvisiorio ed elementare dal puro scopo orientativo:

    1-qualità costruttiva e materiale del prodotto finale

    2-spesa dei materiali di costruzione impiegati

    3-impegno/difficoltà costruttiva

    4-impegno di progettazione

    5-valutazione dei tempi di studio e del livello intellettuale e ingegneristico impiegato

    x la realizzazione del prodotto finale.

    Ovviamente la Gioconda di Leonardo, dipinta in più riprese,e frutto dello studio di una vita

    non può costare come 600g di pomodori la cui creazione non necessita lo stesso impegno.

    Tuttavia il "genio" di un altro mondo, tutt'ora ineguagliato, non ha certo dipinto la Gioconda per arridere ad essere pagato oltre l'inverosimile,poichè proprio Leonardo,come Michelangelo e Caravaggio, ci insegnano che non era il denaro il motore principale delle loro ricerche.

    Ecco perchè loro si differenziavano dai poveri grassatori che producono allo scopo di guadagnare,e poi la loro creazione è quello che è.

  20. >Credo che il creatore dovrebbe decidere il prezzo,ma mai da solo,ma facendo una offerta che verrà poi valutata riferendo le ore di lavoro per la creazione ad un apposito team/comitato che si occupa del controllo qualità/funzionalità/ecc. che dovrebbe fare, a sua volta, una recensione (come fanno le riviste di auto,moto,computer,ecc.)con cui giustificano il tetto massimo del prezzo per quell'oggetto

    cioe', un comitato statale per la determinazione del prezzo? Bene, facciamo finta che non sia stata tentata questa via in alcune economie che hanno fallito alla grand.

    non mi interessa che sia stata tentata questa via, ma COME è stata tentata.

    E' ovvio che sia facile poi corropmpere una giuria che determina il costo di un prodotto.

    E' attuale che noi umani siamo facili al pugnale e all'adulterio, e che quindi ci saranno sempr ei disonesti e che quindi tutto è inutile.Quindi teniamoci pur eil bel "libero mercato", dove se vorrai trasferirti in centro per lavoro dovrai pagare mazzette di 40mila euro per acquistar euan casa o essere dissanguato a vita con un affitto miliardario.

    Mi interessa sapere le segenti cose (sono le prime che mi vengono in mente, ce ne sono a milioni):

    - viene dunque vietata la determinazione autonoma del prezzo. Su tutto ha al'ultima parola il fantomatico comitato.

    come succede in USA quando Bgates disonestamente cerca di fare il kulho a Apple e entra in gioco l'antitrust. Del resto è quelloc he f ala polizia quando cerchi di vendere "truffe" alle persone.La differenza è che tu, proprietario del locale X puoi vender ela tua birra a 20euro al bicchiere, e le persone sono libere di andare altrove. Mentre se vuoi aprire uno studio di grafica e ti servono 6 pacchetti di Pshop CS e non hai un capitale iniziale per acquistarlo non lo ppotrai fare mai,anche se si tratta di 6manuali e un cd di plastica.

    - come ti comporti con i prodotti provenienti da altre economie, che non ahanno accettato il tuo modello? Ne devi vietare l'importazione.

    Come da sempre ho detto,e ormai credo sia palese, il mio discorso è rivolto in maniera più specifica alla morale della persona al livello mondiale, e non alle attuali condizioni dell'economia e a una legge di mercato radicata nei secoli.

    Altrimenti che parlerei a fare proprio io che sopravvivo fregando un sw? Dovrei solo tacere.

    - come sono scelti i membri del comitato?

    Come ogni giuria che abbia un senso: chi ti giudica per un esame di matematica?Di certo non un insegnante di letteratura!

    - COME DECIDE IL COMITATO? per l'ennesima volta, voglio il modello matematico che determina la creazione del prezzo, e voglio sapere come questo ultimo sia poi in grado di sostenersi nella economia globalizzata.

    Ma non scherziamo!E' chiaro che ogni comitato che sottopone qualsiasi cosa/persona ad un esame, possiede dei parametri stabiliti che vengono aggiornati e modificati in base al progresso e alle diverse tipologie dei prodotti esaminati. Esattamente come accade per i test di qualsiasi cosa, da quelli della motorizzazione che giudica un'auto valida e sicura, a quelli dell'igene degli ambienti e dei prodotti alimentari, alle commissioni di esame dei concorsi pubblici o privati. Ogni esaminatore possiede dei criteri che vengono aggiornati in base alla evoluzione del nuovo oggetto esaminato.

    Se Photoshop 1 ha creato un comitato che lo esamina in base alle sue caratteristiche, tale comitato si aggiornerà col tempo per stare lapasso del prodotto, creando anche una forza lavoro adibita proprio allo scopo di formare giudici di commissione esame.Tutto ciò è sempre suscettibile di eventuali controlli di qualità del comitato, non a caso si deve ricordare sempre: "who watch the watchmen?".

    - come ovvi alla mancanza di stimolo su impresa e ricerca e sviluppo derivante dal crollo dei profitti?

    Sono contento che mi fai questa domanda,perchè il bello viene proprio qui:

    da una ridistribuzione del denaro in maniera equa (ovvero senza statali pagati per fare nulla, senza appalti miliardari per strutture pubbliche inesistenti, senza politici divoratori di miliardi di fondi e tasse e yacht e immobili "aggratis", ecc ecc),avremmo i soldi per le strutture pubbliche, per la ricerca medica, e ogni cittadino può usufruire di servizi pubblici adeguati ed efficenti, e dedicarsi al lavoro che MEGLIO GLI RIESCE invece che cercare di fare, anche su raccomandazione,quello dove fatica meno e guadagna di più.

    Poichè il senso della vita è il FARE AL MEGLIO, e non il GUADAGNARE non FATICANDO.

    L'autostima del sè nasce dal fare il meglio di sè, non dal guadagnare di più,magari rubando o imbrogliando. Chi ha lavorato sodo,anche se non è un genio, ha diritto che gli venga retribuito il costo del suo lavoro.Ciò non significa che se siamo 100analfabeti contro un solo professore, e questi fa microcirurgia e noi spacchiamo pietre,a parità di fatica,dobbiamo essere meno pagati perchè siamo "meno rari".

    LO STIMOLO deve nascere dall'INTERESSE e dalla POSSIBILITA' di CRESCITA nella propria professione, non dal cachè. Ognuno dovrebbe confrontarsi con le proprie capacità,non fare dellAGONISMO professionale.L'agonismo può servire come riferimento e stimolo per chi vuole inseguire un limite per lui elevato.

    Con un sistema simile il cittadino potrebbe vivere senza temere che il medico della sua struttura sanitaria sia un cialtrone che opera solo perchè sa di guadagnare molto, ne deve temere che il politico non faccia il politico perchè mira ad arricchirsi, ne che il discografico produca solo immondizia paracula perchè antepone il guadagno alla qualità, ne che la borsa di gucci sia più costosa perchè è firmata,e magari è fatta peggio di altre , ne che esistano le classi "nobili" a darsi aria per "nulla", ne che il figlio del notaio sarà l'unico erede di quel lavoro che fa per eredità,e non per meriti, e soprattutto non si dovrebbe più temere che il lavoro "brutto" venga pure sottopagato perchè se uno non è nato ricco o geniale e non ha capacità di laurearsi ma si spezza la schiena tutti i dì, deve essere comunque considerato inferiore.

    Sfido ognuno di voi, che lavorate con macintosh, a venirmi a dire che fate il lavoro che fate, solo perchè guadagnate di più.Se così fosse sono certo che il frutto del vostro lavoro, dove il motore principale è il guadagno e non il risultato, sarà sicuramente privo di entusiasmo, creatività, e di tutto quanto di meglio voi,singoli e irripetibili, possiate dare.

    - come ovvi alla fuga dei venture capital, che in massa migrano verso altre economie?

    scusami,ma io sono idealista ma ignorante, e guardo le cose più dal punto di vista umano che dalla profondità del sistema economico radicato nella nostra società.NON so cosa siano le venture capital,ma credo che ogni economia che si basi sull'accaparramento di una esclusiva, o ogni professionista che pensi solo al guadagno siano più un danno che un beneficio nella società. Sonoper questo grato all'open source.

    Posso comprendere la classica "fuga di cervelli", ma la giustifico solo quando le strutture e le remunerazioni dei professionisti non coprono il loro bisogno di ricerca e un compenso adeguato al loro sforzo e impegno.

    posso andare avanti per ore, tu intanto rispondi a queste domande.

    potrei risponderti epr ore, raccontando sempre questo pensiero che è alla base del mio discorso.

    >su un bene di prima necessità come le case in affitto

    a parte che non stiamo parlando di beni di prima necessita', e lo ho specificato nel mio primo o secondo post. Comunque vorrei farti notare che l'equo canone non ha prodotto risultati encomiabili...

    Io parlo,in generale, di tutti i beni.Anche l'inventore dei pokèmon, è secondo me importante quanto chi fa ilpane.Un mondo senza la creatività è un mondo senza il divertimento, quindi mi sento di dare importanza al creatore di Photoshop come a quello dei pokèmon comne a quello del gioco del calcio (poichè non ci sono state medicine e scienze in grado di risvegliare persone in coma come una canzone della squadra del cuore, bisogna ammetterlo...).

    >ha reso noto a tutti che i commercianti sono degli sciacalli criminali che andrebbero messi al muro per come hanno gestito il cambio euro

    noto che sei un campione di moderazione e democrazia. NB non sono un commerciante, sono uno stipendiato.

    Sì,non sono moderato, poichè si tratta di vero sciacallaggio, quindi uso i temrini adeguati al mio sfogo per cotale atto di criminalità,del resto è tutto collegato,ma è un discorso lungo e ancora più OT.

    >se acquistiamo un CDrom il cui costo di produzione è ridicolo,e lo sipaga all'eccesso, è una truffa

    se comperi un cdrom vergine, il costo è basso.

    Se comperi un cdrom con un sw dentro, dubito che tu sia anche solo in grado di elencare i costi.

    Tu sei in grado invece?Potrei comprendere di essere criticato da un produttore, ma non da chi ne sa come o poco più di me.

    Vedo che fai continuamente paragoni con beni materiali, come la moto. Credo sia ovvio a tutti che il costo della BOM (bill of material) è solo una delle innumerevoli voci che concorrono alla formazione del costo. E andando altre, il costo di produzione è solo una delle innumerevoli voci che concorrono a determinare il prezzo al pubblico

    E' chiaro.Anche dietro una moto c'è un grosso studio di ingegneria,e diversi parametri di costo.Ti ho fatto un esempio relativo a ciò che MATERIALMENTE hai in mano quando acquisti un prodotto.Facendo un calcolo grezzo il vero costo del sw è il manuale,non il cdROM.

    >se un politico venisse pagato

    >...

    >Anche i chirurghi, professionisti strapagati all'eccesso

    allora: le sw house sono ladre, i commercianti sono ***** ("da mettere al muro"), i politici sono tutti *****, i chirurghi sono ***** assassini... hai altre categorie da insultare oggi?

    Ti rendi conto che la tua visione dell'umanita' è, come dire, un pochino particolare?

    La mia visione punta il dito sui personaggi che danneggiano le società.Rubbia e la Montalcini sono, ovviamente esclusi dalla lista(per fare un esempio)come siete esclusi tutti voi,gente comune,che non comparite in prima pagina nella cronaca nera.Il mondo è costituito perlopiù di persone miti, ma il vero rumore lo fanno i criminali e gli encomiabili.Nessuni parla di me e di te,perchè siamo silenziose presenze che però determiano sottovoce l'anmdamento del mondo,perchè siamo la maggioranza.Io ho puntato il dito contro il peggio di alcuen categorie,non contro la maggioranza.Posso farti decine di esempi di brave persone in ogni settore, ma condanno la tendenza ad approfittare della propria posizione per farsi i ctsy propri,e lòe professioni citate d ame sono un esempio più vivido del calzolaio che lesina sulla gomma per fare tacchi delle scarpe.

    >Per fortuna che negli USA, almeno, c'è l'antitrust che ha permesso ad Apple di campare, nonostante bgates.

    falso storico, L'antitrust non c'entra una fava con la sopravvivenza di apple. Mi cadi anche su questo!

    Questo è quello che ufficialmente ho saputo.Che poi sia per altri motivi non saprei.

    Discernere nell'informazione è un grave compito, che nessuno può assolvere a perfezione.

    Del resto mi interessa anche relativamente, e non devo "cadere",come credi di poter dire tu di me, su un qualcosa del genere che poco mi interessa.Cerco solo di fare esempi comprensibili,se poi capisci bene.

    >Mai vista una scuola con sw originale

    e ti sembra una cosa seria?

    no,mi sembra un dato di fatto.

    >Creare una scuola diverrebbe appannaggio dei soli ricchi,quando invece cisono dei poracci in gamba che potrebbero pagare una cifra modica e imparare il sw necessario a fare bene quel lavoro.

    non ho capito il rgionamento, comunque lo sai vero che le aziende di sw fanno plitiche di prezzi assai vantaggiosi per il mercato education?

    certo che lo so.Stavo appunto aprendo un corso di grafica nel mio istituto.

  21. non capisco se queste affermazioni sono frutto di ingenuità o ipocrisia

    le stesse software house "spingono" per diffondere il proprio software piratato

    perchè? non per una particolare logica perversa, ma semplicemente perchè lo studentello o il ragazzino (che non hanno nessun motivo reale di usare photoshop - o illustrator) si FORMA su un programma, e in questo modo acquisisce una competenza specifica che ha due effetti

    1. facilità l'ingresso nel mondo del lavoro: dopotutto si tende ad assumere chi sappia USARE un programma piuttosto che perdere tempo ad insegnarglielo

    2. aumenta il fatturo della software house. se 100 impiegati sanno già usare OFFICE, perchè installare openoffice (rischiando la necessità di perdere tempo e denaro in formazione)?

    ricordate che le ditte, specialmente con le nuove leggi sul software, non hanno convenienza a rischiare di essere beccate con software pirata

    e il piccolo grafico che usa la suite copiata sicuramente non danneggia Adobe: quello in ogni caso non l'avrebbe potuta acquistare

    esistono programmi assolutamente non piratabili: paradossalmente un esempio è proprio un programma per scaricare dalla rete, acquisition. provate a craccarlo, non c'è verso

    perchè una software house ignota deve riuscire a proteggere il proprio software e chi ha miliardi da spendere non lo fa?

    è lo stesso discorso dei videogiochi: sony e microsoft vendono perchè le loro console fanno girare software copiato

    apple è relegata al 3% del mercato perchè inizialmente non c'era software pirata (e le macchine costavano il doppio rispetto ai PC)

    =================================================

    tornando al topic, la gente capisce solo dopo anni di uso del PC che WIN fa schifo, ma a quel punto è irrimediabilmente compromessa: il figlio vuole giocare a quake 4 e su mac non c'è, e poi il commesso di mediworld (il peggiore consigliere possibile) ti dice che l'imac è bello ma non fa girare windows...

    GRAZIE, è proprio il motivo per cui lo compro!!!!!

    menomale che qualcuno, ogni tanto, fa un quadro realistico di come si comportano le swHouse e della situazione generale.Altro che santi del katz!

    Concordo al 100% su tutto, specie sull'ultimo punto(essendo poi io un utente mac da principio, e winzozz nel mezzo, e poi finalment edi nuovo mac!)

  22. Lorenzo, quindi tu stai dicendo che per diventare un grafico professionista devi prima di tutto imparare a usare Photoshop... giusto? Un po' come dire che per diventare un pilota di F1 devi prima di tutto avere la possibilità di guidare una Ferrari da gara... Uhm, anch'io non so nulla dell'ambiente dei grafici, ma voglio sperare che non sia davvero così. Altrimenti, qualunque idiota privo di talento che ha la possibilità a 15 anni di farsi comprare Photoshop dal papi potrebbe diventare un grafico. Beh, permettimi di dubitarne. Se uno ha il talento e le doti, sono convinto possa benissimo studiare il lato "tecnico" del mestiere e farsi le ossa con software come Elements o The Gimp o simili... Quando poi arriverà il momento di "fare sul serio" e di intraprendere la professione, avrà sicuramente la possibilità di imparare l'uso di Photoshop legalmente nel primo studio che lo prenderà a lavorare. Ripeto, non so come funzioni nella realtà, ma mi pare che dovrebbe essere questo il normale iter!!!

    provate a diventare grafici 3d con Maya senza avere tutti i plug in e i pacchetti relativi alle differenti funzioni che il programma di base non offre.

    Lo dico senza sapere cosa è il 3d,ma perchè ho convissuto con un amico che lo fa di mestiere,e che senza i soft piratati non sarebbe arrivato nemmeno a lavorarci col 3d.Adesso uno dei più richiesti in italia.

  23. nel senso che agevolazioni non ce ne sono...

    è ovvio che non puoi imparare a usare photoshop in una trial.

    è ovvio che se vuoi imparare devi o pagare e il costo è alto o pirati (il 95% pirata, non raccontiamoci *****).

    è ovvio che una volta professionista il sw photoshop lo compri. ma ci devi arrivare.

    le scuole che conosco io, costano quella decina di milioni l'anno e sono distributrici automatiche di sw pirata più o meno consapevolmente.

    il 95% della gente pirata il programma migliore. Quindi ne diventa "dipendente",impara e studia quel programma, e l'azienda produttrice si espande "aggratis" anche senza dover "esportare" la sua merce in maniera pesante, ma si limita ad aumentare il prezzo perchè sa che le aziende che vivono con il loro sw sono sottoposte a controlli della finanza,e quindi debbono avere per forza una o più copie originali.Se il prezzo fosse stato onesto fin da subito tutti avrebbero ambito avere la copia originale in casa: più bella, funzioannte al 100%, con al dovuta assistenza, e con il manuale d'uso.

    Invece lo si scarica il programmino, al buio, senza manuale, nella lingua in cui si trova, ma comunque il produttore ne guadagna alla grande, perchè il suo programma diventa lo standard

    anche in ambito professionale.

    PS.: è vero, gli istituti vivono e guadagnano proprio perchè hanno tutti pacchetti soft piratati.Mai vista una scuola con sw originale. Eppure esistono pacchetti student che possono essere installati su più pc, ma i costi di avviamento sono comunque elevati, considerando gli affitti dei locali, l'acquisto dell'hardware, le messe in rete+adsl, e il costo dei soft.Creare una scuola diverrebbe appannaggio dei soli ricchi,quando invece cisono dei poracci in gamba che potrebbero pagare una cifra modica e imparare il sw necessario a fare bene quel lavoro.

  24. € 899+IVA, che sono il minimo per un professionista che ci guadagna da quel software; diverso se ad acquistarlo è uno studente o uno squattrinato; ma c'è Elements, Gimp, Graphic Converter ecc. :rolleyes: Non si diventa professionisti imparando Elements.

    Oggi chiedono autenticazioni online, oggi... quando hanno ormai il 95% del mercato... quando Photoshop è conosciuto dalla stragrande maggioranza degli utenti ed è ormai lo standard per qualunque grafico o fotografo...

    Non si tratta di valutare quale sia il giusto prezzo per un software, ma di constatare quali siano le strategie di queste grosse aziende, che vedono l'utente soltanto come pollo da spennare.

    Si sono inventati la Home Edition e con Vista altre cinque o sei tipologie diverse... sono solo modi per rastrellare più soldi; ovvio, sono SpA, non enti benefici, e si muovono come meglio ritengono opportuno, ma non difendiamo le loro strategie vampiresche :o

    Io amo Apple e quasi tutto ciò che produce, ho apprezzato molto le estensioni di garanzia a causa di malfunzionamenti o i rimborsi per ribasso del listino; sono attenzioni che gratificano l'utente, ciò non toglie che se fanno una mezza ciofeca o qualcosa che non vale il suo prezzo (da quel che leggo, è il caso del nuovo mouse) non mi astengo dalla critica soltanto perché ha il marchio Apple.

    P.S. Bisogna vedere l'uso che ne si fa di XP; se si usano poche applicazioni, magari una alla volta, può anche non dare mai problemi; per un uso intensivo con interazione tra più applicativi pesanti, beh, è un altro paio di maniche :D

    concordo pienamente, e differisco sul pensiero della strategia delle aziende,che comunque gli permette,appunto,di "inkiappettare" l'acquirente.

    Se ci fosse un tetto massimo qualità/prezzo sarebbero costretti a barcamenarsi senza per forza fare delle sòle.

    Per fortuna che negli USA, almeno, c'è l'antitrust che ha permesso ad Apple di campare, nonostante bgates.