BVZM

Members
  • Content Count

    14
  • Joined

  • Last visited

About BVZM

  • Rank
    Egidio Calloni

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Cantarutti
  • Città
    Verdeggiante entroterra veneziano.
  • Interessi
    Esegesi, ermeneutica, gnocca.
  • Lavoro
    Trafficante di Orzoro.
  • Mac che possiedo
    iMac G3 sec. XX (fine '900)

Contact Methods

  • MSN
  • Website URL
    http://www.myspace.com/bvzm
  • ICQ
    344184912
  • Yahoo
    mirkoapple
  1. Ciao amici, chi vi parla è il vostro irrefrenabile domatore di sopracciglia BVZM. Questa volta non sono alle prese con una minaccia incombente sul pianeta, come chi segue il mio blog probabilmente avrà pensato, ma sto, pensate, LAVORANDO! (che storia lavorare!!!). Mi serve da voi, simpatici amici sempre attenti al mondo della grafica, un sito (o più siti), ove trovare delle pubblicità o delle grafiche anni '60. Non mi interessa la definizione, non devo stampare né copiare; mi serve solo dare un'occhiata alle tendenze grafiche dell'epoca. Oddio, un'idea ce l'ho eh? (sono del '66, io) però vorrei fare un piccolo approfondimento. Evitatemi l'ennesimo acquisto di catalogo della ICON (che tanto prima o poi ci ricasco, lo so, appena metto piede da Feltrinelli sono certo mi toccherà comprarne uno, è più forte di me), mi sto svenando. Vi ringrazio preventivamente dei meravigliosi link dei quali sicuramente saprete farmi omaggio. Il vostro scoppiettante BVZM.
  2. "Vecio" si usa praticamente in tutto il triveneto. Nel veneziano si usa pure "amore" spesso contratto in 'more. Può capitare di arrivare al Tronchetto, il porto commerciale di Venezia, per ritirare del materiale e sentire uno scaricatore, mai visto in vita tua, che ti dice: 'more, ti pol spostar un fia' quea machina che gavemo da manovrar co ea gru?" (Amore, puoi spostare un po' quella macchina che dobbiamo manovrare con la gru?). E non solo, fra venezianacci non è raro sentirlo usare anche durante una contumelia. Siamo gente affettuosa.
  3. Io, al posto tuo, avrei semplicemente sorvolato, se la cosa mi infastidiva tanto.In una presentazione, a mio avviso, ci stanno dei riferimenti che parlino di colui che si presenta. Invece se esordisci dicendo: "un altro che viene qui a fare... bla bla bla" e concludi con "bah", magari l'atmosfera che si crea non è idilliaca. Tutto qua. Comunque chiedo scusa per l'involontaria polemica; cercherò di usare questo forum in maniera meramente tecnica usando la mia talvolta straripante logorrea e le mie dissertazioni col contagocce. Paese che vai, usanza che trovi.
  4. Io sono un Mac user dal 1995, di mestiere faccio grafica e illustrazioni - settore t-shirts e abbigliamento, ma non solo.Non sono un grande esperto di system, ma credo di potermela cavare con alcuni programmi; specie Illustrator. Mi piace l'idea di una comunità che parla la mia lingua e non credo sia così inaccettabile se vengo qui, usando il denominatore comune del Mac come veicolo, per fare un discorso anche più ampio a livello umano e culturale. Se questo è considerato inaccettabile, basta dirlo e mi saprò regolare. Non sbatterò nessuna porta, come pronosticavate quasi speranzosi, ma mi limiterò ad aprire un topic quando ho un problema tecnico o mi serve un font del quale non so il nome. Se è questa l'indicazione che mi stai dando, prendo atto.
  5. Ma la grammatica non può essere l'unico metro, v'è anche la logica.Aprire una conoscenza con ipotesi nefaste - ancorché solo ipotesi - senza aver avuto nemmeno il tempo di prendere le misure all'interlocutore, non è, a mio avviso, il modo migliore per condurre un dialogo. Esordire con dei sospetti (di cosa, poi?) non solo non è un gesto amichevole, ma addirittura sembra quasi una spinta all'innesco di polemiche (e, fidati, spesso lo è). In più mi si dice che, oltre ad essere qui per esibire le mie pagine internet, vengo a "chiacchierare". Ora, a cosa serve un forum se non, fondamentalmente, anche a chiacchierare? Questo sospetto, quindi, oltre ad essere blandamente scortese è anche un po' mal formulato in quanto pone come negativa quella che, invece, è una delle forme fondamentali della comunicazione. Se permettete, sono un po' perplesso; a volte un semplice "condizionale" non basta come garanzia di non belligeranza. Ah, rimanendo in tema grammaticale: lungi da me voler fare l'erudito, non ne ho i titoli né i mezzi, ma "un'altro" scritto con l'apostrofo è una cosa che stride, tipo, hai presente le unghie sulla lavagna? Ecco, così; anche perché un sacco di volte lo sbaglio anch'io e, ti dirò di più, è un lapsus molto frequente anche a livelli più alti di scrittura. Certo non sono immune da pecche grammaticali; tutt'altro. Anzi, se me le farete notare ne sarò lieto. Non si finisce mai d'imparare. Pax vobiscum.
  6. Un altro (che tra l'altro si scrive senza apostrofo), che interviene in una presentazione solo per far polemica.Oltretutto sei distratto, in quanto ti saresti dovuto accorgere che ho appena chiesto al simpatico amico xtradar dove siano le sezioni più vivaci del forum; evidentemente non sono qua solo per dar vita a interventi solipsistici. Bah. Vedo che siamo portati per l'ottimismo ed il dialogo pacifico eh.Sei sempre mosso da così rosee ed amichevoli prospettive o qualche volta, prima di formulare ipotesi, aspetti di conoscere un po' meglio le persone? Quando vuoi hai una Kankara pagata.Rivolgiti al banco e chiedi del Buon Vecchio Zio Mirko, sicuramente sapranno darti tutte le coordinate per rintracciarmi; tu usale come pretesto, beviti una kankara (loro ti spiegheranno cos'è) e mettila sul mio conto.
  7. Prendo nota. Tu, nel frattempo, indicami le sezioni più "vivaci" di questo forum; dove ci sia un certo movimento di chiacchiere, e non solo.
  8. Per arricchire la mia presentazione (liberamente tratto dal mio blog www.myspace.com/bvzm) I miei più attenti osservatori avranno notato una certa mia assenza, ultimamente. Ah, se sapeste: in pratica me ne son successe di tutti i colori. Come ben sapete io, oltre a fare l'illustratore, a tempo perso veglio sull'umanità , sulla giustizia e sul bene, un po' come gli Stati Uniti, per dire, solo che io sono più in piccolo. Me ne stavo, giorni fa, comodamente spaparanzato nella mia base segretissima in via Bruno Giordano (calciatore) 18, 50034 - Rimasuglio sul Brenta prov. di VE, quando suona l'allarme rosso di sistema solare in pericolo. katzo, è la quarta volta 'sta settimana - mi dico - e, inforcata la mia Aston Martin Mystère mi dirigo verso il nemico. Nulla di speciale, la solita flotta aliena non autorizzata, insomma: una ragazzata da parte di certuni extraterrestri un po' facinorosi che ogni tanto s'inventano di conquistare qualche sistema solare perché da loro non c'è la Champion's League e questi si annoiano da morire. Dopo averli allontanati con severità intimandoli di tornare accompagnati dai genitori, non mi ti vado ad imbattere in una piega spazio-temporale? Pazienza per la piega, ma il fatto era che questa si trovava esattamente fra gli inguini di una mia amica, presentava appena un accenno di impercettibile peluria ed emetteva un liquidino niente male. Insomma, quando son così le piaghe spazio tempo, te le raccomando. Superato anche questo ostacolo, rientrando alla mia base segreta, non ti vado a sbagliare le coordinate e finisco con un atterraggio di fortuna nel parco della Casa Bianca, a Washington? Per carità , cose che capitano, simpatici gli Americani, ma quando gli atterri in casa con un oggetto volante non identificato tendono a fare un sacco di domande e a menartela con un sacco di storie. Così, una notte, mentre sto in una cella di sicurezza in attesa di esecuzione preliminare, mi viene a svegliare una guardiana, molto carina e, dopo avermi chiesto di fare l'amore fin quando fa male fin quando ce n'è (gli americani non hanno il senso della misura, basta guardare i loro hamburger), decide di farmi scappare, non prima, però, d' avermi chiesto 500€ giusto per coprire le spese. Così le firmo un pagherò, raccolgo le mie cose (come "che schifo???", ma cos'avete capito?), raggiungo la mia astronave, rimuovo i sigilli della Guardia di Finanza Americana e me ne torno verso casa. Mentre sfreccio leggiadro e rinfrancato attraverso il pianeta, all'altezza della Francia vedo un tizio che fa l'autostop. Mi fermo perché, dà i, lo lasci lì in piena notte un ragazzo? Indovinate chi era: Jim Morrison. 'zzo fai qui? -gli chiedo- son quasi 40 anni che ti cercano, ti hanno dato per morto. Lui mi fa: ancora 'sta storia? Che palle, avrò avuto i cazzi miei per sparire, no? Vabbe' portami da Elvis - mi fa-. E andiamo da Elvis, che vuoi che ti dica Jim? Arriviamo a casa del Re del Rock'n'Roll, ad Atlantide, tutta circondata di Cavalieri Templari e piramidi, ove c'erano anche gli alieni buoni, quelli della Cintura di Orione. Insomma, bevi e fuma, fuma e bevi... katzo, dico, oh ragazzi, non per essere scortese, ma io manco da casa da diversi giorni. Ho bisogno di una doccia, quantomeno. Così, salutata quella allegra compagnia, riesco a tornare a casa. Ed eccomi qui. Potere riprendere a scrivermi, come prima... anzi no; molto di più, direi. Vi aspetto.
  9. Ecco fatto. Ora l'ordine newtoniano dei post è ristabilito. Dall'alto al basso, secondo la legge di gravità naturale.
  10. Mmm, volevo dire: io i post più recenti li vedo in alto, verso il top della pagina quindi "sopra" il post precedente.Diversamente, in tutti i forum, sono abituato a vederli sotto "a scendere" per l'appunto. E' il forum strutturato così oppure c'è una particolare preferenza?
  11. No, sono astemio di cannabinoidi; in compenso i miei amici ci andavano col carrello della spesa.Ma questo forum non aggiunge i post "a scendere" come tutti gli altri del mondo oppure ho innescato io qualche preferenza "tutta matta"?
  12. Salve, ovviamente non sono Egidio Calloni, era un simpatico scherzetto. Mi manda l'agenzia I.D.I.O.T.A. (Istituto Di Inserimento e Orientamento Troll e Affini). Dicevano che qui c'era un po' troppa calma, sarà la sonnolenza di primavera, e c'era bisogno di un Troll-Intellettual-Demenzial-Letterario. Ora, siccome giù all'istituto tutti i troll più fighi erano in ferie, la scelta è ricaduta su di me in quanto ero in "reperibilità trollesca". Dunque amici ma soprattutto, mi si passi la scontatezza, simpatiche amiche. Premetto che, nonostante questo forum sia di orientamento giovanile, io sono un MATUSA e, visto che questo forum è maccity.it e non matusa.it, mi assumo tutte le resposabilità giuridiche, penali e soprattutto morali, per aver avuto la sfrontatezza di presentarmi qui. A questo punto voi, miei piccoli amici, sempre attenti, mi direte “ ma allora 'cchio vuoi qui?â€, be' posso capirvi, ma non è colpa mia se nonostante sia un over 39 (e un under 42) mi sento ancora un tenero adolescente. Per vivere faccio il grafico illustratore (di livello indiscutibilmente scadente, magari poi vi appiccico un po' di miei disegni), in pratica lavoro per un'azienda che produce abbigliamento personalizzato e che mi paga profumatamente per il mio apporto artistico totalmente millantato. Quando dico profumatamente, intendo che mi regalano dei campioncini di Davidoff e Versace Uomo, giusto per tenermi buono. Ma la fama non sempre porta alla ricchezza, ed essendo io discretamente famoso, almeno nella mia via, ma anche due o tre vie più in là , per vivere dignitosamente sono costretto ad arrotondare facendo il trafficante di Orzoro la notte, ed il domatore di capezzoli nei weekend. Se non altro conosco un sacco di gente simpatica. La mia età si aggira, secolo più, secolo meno, a quella di Highlander, e questo fa sì che le giovinette subiscano il fascino dell'attempato artista, ma, non appena vedono il mio estratto conto, si tuffano subito: o sul figlio di papà ventenne ed un po' tamarro, ma che un giorno erediterà una discreta azienda o, meglio ancora, direttamente sul padre di questo che in genere si dimostra molto più generoso e così io, povero artista squattrinato, mi ritrovo solo dentro una stanza con tutto il mondo fuori (dove caspio l'ho già sentita questa?). Il trucco sta tutto, quindi, nel mostrare il mio estratto conto alle giovinette il più tardi possibile. Ma, simpatici amici, non sono qui per sbandierare né i miei sommovimenti ormonali, né tantomeno le mie disavventure economico-sentimentali, bensi per presentarmi a questo prestigioso pubblico così giovane e alla moda. Ebbene, simpatici amici ex-coetanei, eccomi. Mi chiamo Mirko e sono della provincia di Venezia, come i più attenti di voi avranno notato spulciando il mio ricchissimo profilo in MySpace (non ricordo se l'ho già linkato, però) Per saperne di più su di me, è inutile che smanettate con Wikipedia o Google, non troverete nulla, basta invece che chiediate o mi contattiate in MSN. L'indirizzo è "sempre lì dove sai tu", per citare una vecchia canzone. Sono un Mac User, mi piacciono l'illustrazione e la grafica, così smanettando svogliatamente in questa serata d'Aprile nel web, siete saltati fuori voi. Sarete contenti no? Bene, ora vado. E' arrivata l'infermiera con la punturina che mi fa fare tanta nanna, e domani non so se potrò scrivervi, perché di solito al mattino, i matti di "maestri" di questo strano collegio dove abito, mi fanno dei simpatici scherzetti facendomi indossare delle camicie con le maniche cucite fra loro. Fa un casino di "da ridere", ma mi riesce difficile digitare con le gengive, per cui vediamo se al pomeriggio, mentre la suora si distare, riesco a raggiungere un computer e scrivervi un sacco di altre cose tutte matte. Nel frattempo pensatemi amorevolmente. Ah... dimenticavo. I disegni: Domatori di Capezzoli Una pubblicità per un cyber-cafe: Nexus L'ennesima locandina per la mitica, annuale: Vigilia in Kankara Donnina pennellosa: Codini e pennelli. ... e altro: varie ed eventuali sempre a cura del vostro ineffabile BVZM