valterb

Members
  • Content Count

    139
  • Joined

  • Last visited

About valterb

  • Rank
    Assiduo

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Valter Ballantini

Contact Methods

  • AIM
    valterballantini
  • Skype
    valterballantini
  1. Si, mi funziona, ma come detto va impostato.Scarica il file di configurazione direttamente dall'iPhone andando su help.benm.at A me ha funzionato alla prima.
  2. Ha scaricato ed hai riavviato? Così, per curiosità , perché non capisco perché il file di configurazione non dovrebbe funzionare su un EDGE. Ma è probabile che sia solo ignorante della materia non avendo voluto avere a che fare con sblocchi...
  3. Credo che rimanga la solita limitazione del BT su iPhone, nel senso che puoi collegare solo per i servizi decisi da Apple. Ho infatti configurato l'iPhone per il tethering, cioè per usarlo come modem BT per poter navigare con il MacBook quando sono fuori. Bene, il tutto funziona egregiamente. Basta andare nel menù del BT, cliccare su iPhone e poi scegliere Collegati al network. Ma se su iPhone vado a Impostazioni, Generali, BT e cerco di connetter il MacBook non c'è verso, non si connette...
  4. Da Safari su iPhone aggiornato alla versione 3.0 vai su help.benm.at Scorri la pagina verso Tethering & Internet Settings Pigia Mobileconfigs, poi su Italy A questo punto scegli il tuo operatore e scarica il profilo contenente tuti i settaggi necessari Riavvia l'iPhone e tutto funzionerà (anche gli MMS)
  5. Confermo che funziona. Provato con sms, note ed email.
  6. Io ho trovato una cosa che il nuovo firmware fa per noi (almeno italiani): impara le cose che scriviamo e smette di proporre quelle strane cose che faceva fino ad ora: bastano quattro rifiuti della parola proposta per far imparare al nostro iPhone che "sto" si scrive senza accento"ma" è una comune congiunzione avversativa ed non l'inizio di un improbabile "m'a"è più facile che voglia scrivere la congiunzione che introduce proposizioni completive oggettive, soggettive, e proposizioni dichiarative, con il verbo all’indicativo o al congiuntivo "che" piuttosto che la congiunzione che introduce proposizioni interrogative, causali o finali "chè"non tutte le parole che finiscono in "o" sono passati remoti che finiscono in ""ò"ecc., ecc.Qualche giorno fa avevo fatto una segnalazione del problema sull'Apple discussion forum alla quale mi era stato risposto garbatamente via email di fare la segnalazione all'Apple feedback (ed il messaggio sul discussion forum era stato eliminato dopo meno di 5 minuti da quando l'avevo postato).
  7. Il pacchetto per installare NeoOffice 2.2.3 sovrascrive la versione di NeoOffice precedentemente installata. Se la versione precedente era stata installata con il pacchetto in italiano le cartelle con la lingua italiana non vengono toccate e quindi avrete menù ed help in italiano. Deve tuttavia essere messo in evidenza che se dall'ultima installazione del pacchetto in italiano qualcosa nei file dell'help o nel dizionario fosse stato cambiato, se non si installa il nuovo pacchetto, quei cambiamenti non saranno disponibili. Comunque, visto che NeoOffice 2.2.3 è basata, come NeoOffice 2.2.2, sul codice rilasciato con OpenOffice.org 2.2.1 (scusate il gioco dei numeri di versione) non credo che ci siano cambiamenti tra il pacchetto linguistico 2.2.2 e 2.2.3. Valter
  8. Non è che ti sembrano troppi vero? Quanto spazio vuoi che occupi una suite Office. Non ho MSOffice ma penso che lo spazio richiesto sia di quell'ordine di grandezza. Per i programmi della Apple Pages richiede 266 MB, Numbers 136 MB, Keynote 283 MB ...
  9. L'unica cosa ch puoi fare è aprire impress direttamentew in modalità slide-show. Per sapere come guarda l'articolo del wiki http://neowiki.neooffice.org/index.php/It:Aprire_una_Presentazione_direttamente_in_modalità _Presentazione
  10. Purtroppo visto che in OpenOffice.org (qualsiasi piattaforma) questa cosa della modifica di un documento visualizzato come due pagine affiancate non c'è, allora non c'è neppure in NeoOffice. C'è un piccolo trucco nel wiki di NeoOffice che spiega come si può raggiungere un risulatato simile ma non completamente soddisfacente. Guarda qua.
  11. Salve a tutti. Forse saprete che la nuova versione di NeoOffice, la 2.2.3 prevista per la prima metà di marzo, ha una serie di nuove caratteristiche, tra le quali il supporto dei video QuickTime e l'importazione delle immagini da scanner e fotocamere digitali. Se qualcuno fosse interessato a provare quest'ultima caratteristica, la si può testare scaricando la patch 11. A causa dell'impostazione di base che deriva da OpenOffice.org, questa cosa è stata per ora aggiunta come estensione, per cui per mettere direttamente un'immagine scannerizzata in un documento di NeoOffice occorre andare su Strumenti -> Add-on -> PasteI mage from Camera or Scanner Funzionano gli scanner che vengono riconosciuti nell'utility Acquisizione Immagini del MacOsX. Valter
  12. Ho capito che in molti sapete l'itagliano:p , ora se qualcuno conosce un po' (guarda te cosa mi tocca scrivere) d'inglese e va su hackint0sh.org nella sezione iPhone - Supersim trova le istruzioni date dal nostro amico (?) outro qualche messaggio fa... P.S.: io non so se funziona: non ho neppure l'iPhone (se ci siamo capiti...)
  13. A partire da oggi 23 luglio 2007 è disponibile la nuova versione di NeoOffice 2.2.1 attraverso il programma Early Access Program. Il progetto NeoOffice viene finanziato interamente attraverso le donazioni che riceviamo dai nostri utenti. Dal momento che circa metà delle donazioni provengono da un piccolo numeri di utenti, abbiamo pensato al NeoOffice Early Access Program come modo per ringraziare i nostri utenti più generosi permettendo loro di scaricare l'ultima versione di NeoOffice prima della data dell'effettivo rilascio. Caratteristiche in NeoOffice 2.1 NeoOffice 2.1 è basato sul codice di OpenOffice.org 2.1. Come risultato, se c'è un problema in OpenOffice.org 2.1, è quasi garantito che lo stesso problema sia presente anche in NeoOffice. Perciò quali caratteristiche possiede NeoOffice che non siano già presenti in OpenOffice.org 2.1? Ecco la lista: Usa la Rubrica Indirizzi presente nel Mac OS X: NeoOffice ha la capacità di usare la Rubrica Indirizzi del Mac OS X come sorgente di dati. Questa caratteristica, che è stata sviluppata da OpenOffice.org, sarà probabilmente inclusa in OpenOffice.org a partire dalla versione 2.3. Usa il correttore ortografico integrato nel Mac OS X: Diversamente da OpenOffice.org, NeoOffice ha un correttore ortografico migliorato che usa il dizionario presente nel Mac OS X. Con questo correttore ortografico migliorato, se nel Mac OS X è già presente il dizionario per la propria lingua, gli utilizzatori di NeoOffice non hanno più bisogno di scaricare ed installare a parte i dizionari. Gestisce i File di Microsoft Office 2007 Word NeoOffice include ODF Add-in for Microsoft Word. L'ODF Add-in è un progetto open source che rende possibile a NeoOffice l'apertura, la modifica ed il salvataggio di file nel formato di MS Office 2007 Word. Questa caratteristica non è attualmente disponibile nella versione attuale per Mac di Microsoft Office e non lo sarà fino a che non verrà reso disponibile Office 2008 per Mac. Gestisce le Macro nei file di Excel: NeoOffice include il supporto per le macro di Excel sviluppato dal progetto ooo-build di NOvell. Il progetto ooo-build è un progetto open-source che aggiunge continuamente nuove caratteristiche che servono a migliorare OpenOffice.org. Aqua: A differenza di quello che succede con OpenOffice.org, NeoOffice ha menù Aqua nativi, finestre di dialogo per i comandi Apri, Salva e Stampa, i bottoni, le barre di scorrimento e molte altre cose nello stile nativo dell'interfaccia utente Aqua. Nessun software X11 software richiesto: NeoOffice usa la tecnologia Java presente in Mac OS X. Usando Java, non c'è bisogno di scaricare ed installare il software X11 che invece OpenOffice.org richiede. Integrato con Finder e Mail: Il Finder di Mac OS X lancerà automaticamente NeoOffice e aprirà i documenti OpenOffice.org e Microsoft Office sui quali si faccia un doppio clic. Anche l'applicazione Mail di Mac OS X aprirà gli allegati OpenOffice.org e Microsoft Office in NeoOffice. Usa i font di Mac OS X: Diversamente da OpenOffice.org, NeoOffice usa gli stessi font che usano tutte le altre applicazioni per Mac OS X. Ciò significa che NeoOffice gestisce la lettura e scrittura di caratteri dell'Europa dell'Ovest (i.e. caratteri accentati, con dieresi, accento circonflesso, cedilla, ecc.) ed alcuni font gestiscono persino gli ideogrammi giapponesi, cinesi e coreani. Inoltre, NeoOffice è capace di usare qualsiasi font che sia stato installato usando l'applicazione Libro Font. Gestisce tastiere internazionali: Diversamente da OpenOffice.org, NeoOffice userà il layout di tastiera correntemente utilizzato. Fra l'altro, passando ad un layout della tastiera diverso mentre NeoOffice è in esecuzione, NeoOffice si modificherà automaticamente in modo coerente. Supporto nativo per la stampa: NeoOffice supporta la stampa usando la funzionalità di stampa nativa di Mac OS X. Come altre applicazioni Mac OS X, puoi usare NeoOffice per stampare un documento, vederne un'anteprima, o salvarlo in un file in formato PDF. Supporto copia e incolla nativo: NeoOffice supporta il copia e incolla tramite gli appunti nativi di Mac OS X per cui puoi effettuare copia e incolla di testo e immagini fra NeoOffice e le altre applicazioni Mac OS X. Supporto drag-and-drop nativo: NeoOffice supporta il drag-and-drop nativo per cui puoi effettuare il drag-and-drop di testo e immagini fra NeoOffice ed altre applicazioni Mac OS X.
  14. Ne hai scritti quattro Certo che si! Il modo più semplice è cliccare col tasto destro del mouse ( o ctrl+click se hai il mouse ad un solo tasto) in un punto libero del desktop. Scegli "Mostra opzioni vista" e deseleziona "Allinea alla griglia" Lascio la palla ad altri Se sai un po' di inglese (o francese, tedesco o spagnolo) puoi provare a leggere questa pagina del wiki che , purtroppo, non ho ancra avuto il modo di tradurre. Valter
  15. Siccome la versione del formato di file rtf presente in MS Office è fortemente personalizzata da Microsoft, anche in questo caso parte della formattazione si può perdere; in questo caso conviene comunque salvare i dati in formato doc. Valter