newsletter

Members
  • Content Count

    17
  • Joined

  • Last visited

    Never

About newsletter

  • Rank
    Novizio

core_pfieldgroups_99

  • Città
    , ,

Contact Methods

  • Website URL
    0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=;0=
  1. newsletter

    Sondaggi

    iMac LCD con il nuovo 20" ultimo arrivato finora, il display da 20 pollici sopra la piccola semisfera dell'iMac appare gigantesco e finalmente risponde alle vostre necessità facendovi evitare l'acquisto di un secondo monitor che vi era prima necessario per alcune funzioni. Un giudizio da estendere a tutta la serie iMac? Esprimete solo su questo primo messaggio il vostro apprezzamento positivo con un VOTO. 4 e 5 stellette giudizio positivo 3 stellette giudizio neutrale 1 e 2 stellette giudizio negativo. La media finale e i vostri commenti ci diranno se il prodotto è da considerarsi tra gli IN o gli OUT.
  2. newsletter

    Hardware Apple

    Giuseppe... non vorrei essere pedante ma in questo caso ci sono dei punti fermi e ti invito a non ricominciare da capo tutta la questione come se non ne avessimo discusso. - la legge riguarda il rapporto tra venditore e utente finale e non riguarda il produttore - il produttore non ha alcun obbligo di fornire una garanzia di 2 anni direttamente all'utente finale, tant'e' che pochissimi la offrono e quelli che offrono garanzia di durata inferiore non sono punibili. - i mesi che devono essere indicati lo devono essere nel contratto tra venditore e utente finale (che acquista senza fattura). Il produttore non c'entra nulla. - nessuno ha dichiarato dopo un anno e mezzo "non prendiamo posizione": l'articolo citato e' di inizio gennaio 2003 prima dell'entrata in vigore della legge che e' di marzo 2003 (data di entrata in vigore della legge). Visto che sull'articolo non c'e' alcuna data diversa e nessuno ha affermato che le dichiarazioni di Gennaio 2003 sono ancora valide non capisco come tu possa ritenere attuali le dichiarazioni di "non presa di posizione" e oltre a questo datarle ad un anno e mezzo fa. La data sugli articoli avra' pure un senso... o no? Noi non abbiamo nessuno obbligo a mettere le condizioni attuali di garanzia e le posizioni di Apple minuto per minuto. - se hai acquistato il tuo computer con fattura e smette di funzionare 1 minuto dopo la scadenza della garanzia non c'e' alcuna legge umana e divina che ti fa riparare il computer gratis. Questo e' successo al tuo amico con Apple, e' successo a me con Compaq succede a tutti gli sfigati come noi sia con portatili da 6 milioni, con automobili da 40 milioni sia con una lavatrice da 600 mila lire. Contro la sfiga congenita non c'e' garanzia che tenga. Casomai ci sono le estensioni di garanzia, i contratti AppleCare o simili, le assicurazioni. Al di la' di questo non puoi pretendere nulla. In base a che titolo pretendi servizi che non ti spettano? Se sei un utente finale che non fattura ora hai diritto di pretendere dal VENDITORE entro i 24 mesi (o se vuoi 26 mesi- ma su questo ho forti dubbi: che sia il periodo di contestazione e non il periodo di manifestazione del difetto) che si accerti che il difetto sia "congenito" e che il computer sia sostituito o riparato secondo i termini della garanzia europea. - Computer dal balcone: Dell lo fa sui latitude se fai una copertura assicurativa o altri lo fanno una estensione di garanzia che alla fine e' una copertura assicurativa (e infatti è un altro discorso visto che anche in quel caso ci sono regole e opzioni diverse). P.S. a me piacerebbe una garanzia di due anni da Apple, per utenti finali e acquirenti con fattura... ma non per questo mi sento preso per i fondelli o posso dire che attualmente Apple sia fuori legge. Conosco le condizioni di garanzia, il costo delle estensioni, quello di eventuali assicurazioni e decido liberamente facendomi i miei conti. Per Apple, Acer, Dell, il televisore e pure la lavatrice. Se sono un privato ho una tutela in piu', nei confronti del VENDITORE, non del produttore.
  3. newsletter

    Hardware Apple

    http://www.hpstore.it/HP_NR_beta/scheda/index.asp?C=DG706A&F=HP_D1NX700 Portatile Compaq-HP 2900 Euro e oltre + IVA Garanzia 1 anno
  4. newsletter

    Hardware Apple

    prezzo preso dal listino Acer disponibile come pdf da www.acer.it aggiornato a Novembre. Attenzione alle offerte civetta sui siti internet: gli stessi modelli di Apple che citi a 3000 euro vengono venduti a molto meno e poi non li consegnano. in ogni caso...
  5. newsletter

    Hardware Apple

    "cmq non siamo qua a parlare della garanzia di altre marche, ma del pietoso comportamento di apple, che è l'unica che vende un portatile da 3 mila e passa euro dando un solo anno di garanzia, rinnovo i complimenti." una piccola nota... dopo una velocissima ricerca: Acer TM803LMi costa piu' di 3.000 euro e ha la garanzia di un anno. Ricordo che Acer è l'azienda al primo posto per le vendite di portatili in Italia.
  6. newsletter

    Hardware Apple

    io avevo un Compaq Presario e dopo un anno e 10 giorni gli e' partito il monitor. Costo della riparazione 1100 Euro - la garanzia era scaduta da 10 giorni. Costo di un Toshiba di prestazioni superiori 1150 euro. Secondo te cosa ho fatto? Anche compaq ha le sue gioiellerie, e pure Acer e Toshiba a quanto mi risulta. I portatili non di marca non te li riparano neppure visto che le aziende nascono e muoiono come funghi e non stanno certo a tenere magazzino. Morale della storia... fatti una bella estensione di garanzia con Acer, HP, Apple e chi vuoi tu e maledici il destino cinico e baro, oppure prendi la garanzia standard di un anno e prega il dio dei portatili (di tutti i portatili) che te la mandi buona.
  7. newsletter

    Hardware Apple

    Catalogo cartaceo Acer SMB - Novembre 2003 TravelMate 370 = Garanzia di un anno estendibile (a pagamento) TravelMate 290 = Garanzia di un anno estendibile (a pagamento con Acer Advantage) TravelMate 291 LCi= Garanzia di un anno estendibile (a pagamento con Acer Advantage) TravelMate C300 Tablet PC= Garanzia di un anno estendibile (a pagamento con Acer Advantage) Telefonando ad Acer si scopre che: dal 1° Ottobre 2003 tutti i prodotti Acer hanno 1 anno di garanzia. Se sei un privato Acer lascia la garanzia di un anno ma se puoi dimostrare il difetto (di conformità n.d.r.) entro il secondo anno Acer terra' conto di questa cosa quando il venditore su cui ti rivali lo farà notare. Quindi --> garanzia di un anno = Corretta interpretazione della legge che non riguarda la garanzia del produttore ma il rapporto prima tra privato e rivenditore e poi tra rivenditore e produttore.
  8. newsletter

    Hardware Apple

    "il riferimento che mi manca è: come hanno fatto a contattare Apple?" Essendo giornalisti (o nel caso praticanti) hanno fatto quello che fanno i giornalisti, hanno parlato con il responsabile delle Pubbliche Relazioni dell'azienda. (c'e' scritto) "come hanno parlato con quella persona? dove la trovo(perchè, a quanto pare, è l'unica in tutta l'azienda apple che sa qualcosa)? " Hanno telefonato e chiesto della persona in merito. "questo perchè stamattina ho provato per diverso tempo a contattare apple, a ottenere uno straccio di risposta, e le uniche cose che sono riuscito ad avere sono: - tempi di attesa biblici." non scusabili in generale "- persone che non sanno nulla. " probabile, visto che il tema non e' cosi' dibattutto e soprattutto certo "- persone che mi dicono "non lo so" e che quando gli chiedo "e chi lo sa?" mi rispondono "non lo so" " probabile, vedi sopra "- persone che mi rispondono "si lo sappiamo che la garanzia è due anni ma ce ne freghiamo e diamo un solo anno" " maleducate e sbrigative ma pratiche "queste sono le risposte che si ottengono contattando apple italia, cose che non vengono minimamente citate nell'articolo, cose che vengono dette alle persone normali. " Veramente sono le stesse cose dette nell'articolo. Cioe' che la garanzia europea della legge e' di due anni (nel rapporto tra venditore e utente per i difetti di conformita') ma che il produttore non e' tenuto a offrire una garanzia di 2 anni. "evidentemente gli autori dell'articolo godono di privilegi particolari e conoscono persone ignote ai poveri comuni mortali....... " Gli autori dell'articolo a quel tempo erano semplicemente praticanti giornalisti e conoscevano le normali vie che hanno i giornalisti per contattare le aziende. Scrivendo poi per una testata online che e' la piu' letta nel mondo Mac hanno pensato che forse questo loro domandare all'uno e all'altro personaggio di Apple e chiedere ad un avvocato esperto del settore fosse utile a capire quanto era spiegato e che ho ripetuto sopra. I produttori non sono obbligati a fornire all'utente finale nessuna garanzia di 2 anni. La garanzia di 2 anni riguarda utente finale privato e rivenditore. (vedi anche post di Rafal) "comunque ci tengo ancora a ribadire il mio grazie nei tuoi confronti per i chiarimenti, la disponibilità, e l'impegno di cui ti fai carico," Lo ritengo un dovere morale. " e rimango in stand-by in attesa di altri sviluppi (anche se a dire il vero vedo più probabile un'altra apparizione a fatima piuttosto che una risposta seria definitiva e precisa da parte di apple)." Temo che la risposta non possa essere diversa da quella che ti hanno dato seppure con ritardo e in malo modo al telefono. In ogni caso ho contattato l'attuale PR e ti faro' sapere.
  9. newsletter

    Hardware Apple

    Giuseppe Quali riferimenti ti mancano dall'articolo? Guarda che ne abbiamo parlato piu' volte in quel periodo e la legge era conosciutissima (ma non per questo facile da interpretare - neanche dagli avvocati e nondimeno dagli utenti e forse neanche da Apple stessa). Se ti mancano i riferimenti alle persone: leggi attentamente e ci sono nomi e cognomi. Se ti mancano riferimenti alla legge: c'e' pure il nome e cognome della legge Ovviamente delle risposte di Apple che non ti piacciono l'articolista ben difficilmente ha responsabilità. Se nessuno ci ha scritto nel frattempo o ha sollevato la cosa significa che forse non e' cosi' importante. Almeno non per me e per tutti quelli che, acquistando con fattura non hanno diritto ad alcun vantaggio dalla legge di cui si discute. O forse gli altri, per scienza infusa o per conoscenza migliore del problema hanno un quadro della situazione più chiaro. L'articolo e' andato online nei giorni dell'attivazione della legge e quelle erano le interpretazioni degli avvocati al tempo che a quanto mi risulta non sono cambiate. E che risolvono la cosa come ti ho esemplificato sopra. Visto che tu hai sollevato la questione a distanza di tempo significa che e' importante per te. Ne prendo atto e mi do da fare per chiarire un problema che puo' interessare altre persone come il post di Roberto ha mostrato. Non penso che sia corretto offendere chi si mette a tua disposizione. E ripeto... guardati i contratti AppleCare, guardati bene la legge, guardati bene le garanzie aggiuntive dei retail sono cose molto diverse tra loro, riguardano oggetti, soggetti beneficianti, modalità di erogazione di protezione del cliente e servizi con valori assolutamente diversi.
  10. newsletter

    Hardware Apple

    Non ci sono notizie di esplosioni di computer Apple dal 1976, quando l'Apple 0,5 fu sacrificato da Steve Jobs per i botti di fine anno. A parte gli scherzi ... verifica attentamente cosa c'e' scritto nella garanzia di Unieuro e nel servizio AppleCare... sono cose molto diverse e coprono in maniera molta differente le eventuali rotture e riparazioni delle diverse componenti di un computer e hanno diverse modalità di riparazione. Senza un confronto diretto, passo passo delle due garanzie aggiuntive è impossibile fare un confronto.
  11. newsletter

    Hardware Apple

    Giuseppe ti prego di moderare i termini. Definire "farsa" un articolo che riporta i pareri di avvocati e ti offre il punto di vista di diverse parti in causa mi sembra quantomeno offensivo. Quello che traggo io dall'articolo segnalato e': - se ad un iBook nei 12 mesi di garanzia standard si fonde la piastra madre per difetto di conformità e se sei un privato è un difetto di conformita' e ti puoi rivalere sul rivenditore che a sua volte si rivale su Apple a termini di garanzia standard. - se ad un iBook il giorno dopo la garanzia standard si fonde la piastra madre per difetto di conformità e se sei un privato è un difetto di conformita' e ti puoi rivalere sul rivenditore che a sua volte si rivale su Apple a termini della legge citata. - se ad un iBook con garanzia AppleCare si fonde la piastra madre dopo i primi 12 mesi e prima della fine dei 24 mesi per difetto di conformità e se sei un privato (ma anche una società) è un difetto di conformita' e ti puoi rivalere su Apple secondo i termini di AppleCare. - se ad un iBook con garanzia AppleCare si fonde la piastra madre dopo i primi 24 mesi per difetto di conformità e se sei un privato o una società è un difetto di conformita' e ti puoi rivalere su Apple attraverso AppleCare Ma questo è il mio punto di vista che non sono avvocato. Penso possa valere quanto quello di altri non avvocati. E in ogni caso ci attiveremo per avere ulteriori chiarimenti. Il Forum e MacityNet stanno qui per questo.
  12. newsletter

    Hardware Apple

    Ripeto... non e' un rapporto tra Apple e l'utente ma tra il venditore e l'utente. Apple NON risponde COMUNQUE a te che sei un PRIVATO dopo 12 Mesi, risponde al rivenditore che vuol rivalersi su di lei. Nel caso di Apple Store penso che la cosa sia la stessa. L'elenco di Apple che tu chiedi non lo conosco... tu conosci analoghi elenchi di altri produttori? Sarebbero interessanti da consultare... Giuseppe ti invito a rileggere attentamente l'articolo citato... http://www.macitynet.it/macity/aA12835/index.shtml è tutto spiegato molto chiaramente... Per tua comodità e per leggere nomi e cognomi di chi ha risposto te lo incollo qui sotto. ----- "Facciamo chiarezza per quanto possibile" dovrebbe essere l'esatto titolo di questo articolo che cerca di districarsi tra le interpretazioni di norme non esattamente chiare. MacityNet ha indagato sulla posizione ufficiale di Apple, sulle richieste delle leggi più recenti per trovare una risposta definitiva ad un quesito molto dibattuto tra i consumatori. Ecco le risposte grazie anche ad una consulenza legale. di Rudy Belcastro ( 24-01-2003 ) In seguito ad un decreto legislativo del 2002, nell'ambito delle garanzie a tutela del consumatore portate avanti da una direttiva europea, tutti i beni di consumo acquistati in Italia dopo il 23 marzo 2002 sono coperti per legge da un periodo di garanzia di 2 anni dalla data di acquisto. Al contrario come indicato nell'articolo 10 dei Termini e Condizioni di vendita Apple Computer Inc: la garanzia sui prodotti di Cupertino è espressamente indicata in un periodo di un solo anno. La notizia e l'apparente controsenso tra le disposizioni di legge e le condizioni di Apple ha creato scompiglio rendendo l'argomento poco chiaro e spesso contraddittorio. Abbiamo voluto quindi vederci chiaro interpellando direttamente Apple Italia ed un avvocato che ci ha aiutati a capire il testo della legge stessa: Il decreto legislativo numero 24 del 2/2/2002, che dà attuazione alla direttiva europea 44/99, entrato in vigore il 23 marzo 2002 stabilisce che tutti i beni acquistati in Italia e nell'Unione Europea hanno una garanzia minima di due anni. Ne deriva che tutti i consumatori che hanno acquistato un prodotto Apple dopo il 23 marzo 2002, data di entrata di vigore del decreto, hanno per legge diritto a 2 anni di garanzia. Ma bisogna stare attenti nel giungere a conclusioni affrettate. La garanzia prevista dal decreto legislativo riguarda esclusivamente un rapporto tra il rivenditore ed il consumatore (esclusi quindi i prodotti fatturati) ed esclusivamente in caso di qualsiasi difetto di conformità esistente al momento della consegna del bene. In caso di difetto di conformità, il consumatore ha diritto al ripristino, senza spese, della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione. A sua volta il venditore finale, quando e' responsabile nei confronti del consumatore a causa di un difetto di conformità imputabile ad un'azione o ad un'omissione del produttore ha diritto rifarsi nei confronti del produttore ( salvo patto contrario o rinuncia). Da ciò si deduce che dopo l'acquisto del prodotto Apple, o di qualsiasi altro bene di consumo in Italia, il consumatore ha diritto per legge a due anni di garanzia a patto che il prodotto presenti un difetto di conformita' al momento dell'acquisto. Detto ciò è facile intuire quanto possa essere soggetto ad interpretazioni in caso si contenziosi giudiziari il concetto di "conformità al momento della consegna del prodotto". Dopo aver chiesto chiarimenti ad Apple Italia, il dottor Premazzi responsabile delle PR di Cologno Monzese, ci ha confermato quanto sospettavamo. Apple Europa ha deciso di non prendere posizione in merito alla questione e di conseguenza anche Apple Italia. La garanzia di Apple Europa è fissata in un periodo di un anno a decorrere dalla data di acquisto, senza fare accenno alle specifiche legislazioni e direttive normative dei paesi membri della Unione Europea. l sito di Apple Italia del resto dichiara espressamente in un disclaimer alla fine della pagina delle condizioni di vendita: "SE SIETE UN CONSUMATORE QUESTA GARANZIA SI AGGIUNGE A QUELLA DI LEGGE E NON INFICIA IN ALCUN MODO I DIRITTI A VOI SPETTANTI IN BASE ALLA LEGGE." Ovviamente come ogni contratto di vendita, quello tra Apple ed i suoi clienti segue le norme della Legge Italiana e di conseguenza, anche se non espressamente indicato, la garanzia è estesa ai due anni previsti per legge, ma esclusivamente nei casi previsti dalla legge (rapporto tra consumatore e rivenditore, difetto di conformità e per i prodotti acquistati dopo il 23 marzo 2002). Inutile sottolineare gli effetti dirompenti che un simile decreto possa aver avuto nei rapporti tra produttori, rivenditori e consumatori. Non a caso gran parte dei produttori ha esteso la propria garanzia ufficiale a due anni (Sony Vaio addirittura tre anni). Rimane tuttavia l'impressione di una normativa eccessivamente soggetta ad interpretazioni e spesso anche in contraddizione con le altre normative europee. Lo stesso Enzo Biagini, durante la presentazione dei nuovi Powerbooks G4 a Milano, ha ammesso ad un nostro redattore che il concetto stesso di "garanzia" ha molte sfaccettature e che Apple Europa valuterà la situazione in caso di normative specifiche e obblighino il produttore a fornire garanzie superiori ad un anno ai propri clienti (e come abbiamo appena scoperto, non è il caso Italiano). Per concludere possiamo allora individuare due distinte "garanzie" sui prodotti Apple: quella derivante dal decreto legge 24 del 2/2/2002 esclusivamente nei casi previsti dalla legge valida per i beni di consumo acquistati dopo il 23 marzo 2002 per difetti di conformità (salvo interpretazione diversa della legge da parte del giudice in caso di azione giudiziaria); quella proposta da Apple di un anno che prevede 90 giorni di assistenza telefonica e 12 mesi di garanzia del prodotto acquistato. Facendo degli esempi concreti ci rendiamo conto quanto in realtà sia aleatoria la garanzia obbligatoria per legge. Se a giugno 2003 al vostro iBook acquistato nel marzo 2002 e la cui garanzia Apple è scaduta, si dovesse collassare la batteria qualsiasi giudice potrebbe dire che la batteria possedeva "conformità" al momento dell'acquisto e che l'uso ne ha cagionato il deperimento. Un altro giudice potrebbe invece sentenziare la cosa opposta ritenendo che una batteria dovrebbe avere una vita media superiore ai 16 mesi trascorsi . Apple invece la sostituirebbe senza pensarci a patto che il problema occorra entro i 12 previsti dalla garanzia o entro i tre anni in caso di sottoscrizione di Apple Protection Plan. Le grane comunque verranno fuori a partire dal 22 marzo 2003, data in cui scadranno le garanzie Apple dei prodotti acquistati dopo la data di entrata in vigore della legge. I rivenditori Apple italiani potranno vedersi protagonisti di una richiesta risarcitoria da parte di un cliente e rifarsi ad Apple, produttore del bene di consumo stesso. In tal senso è auspicabile che l'argomento venga affrontato in maniera più consapevole ed organica in un tavolo nei quali si incontrino associazioni consumatori, legislatori e produttori in modo da trovare di concerto soluzioni chiare ed inequivocabili che diano maggiori certezze a tutte le parti coinvolte ed evitino ricorsi ad un già sovraffollato e labirintico sistema giudiziario italiano Si ringrazia per la consulenza il dottor Milazzo dello Studio Legale Tributario "Accursio Gallo" di Palermo." In ogni caso un esempi di difetto di conformità riconosciut ci sono gia' stati e sono la verniciatura dei primi Titanium e le ventole dei penultimi G4. In quel caso Apple ha operato gratuitamente la sostituzione dei case (una operazione da 300 Euro circa) e la spedizione di ventole sostitutive (qui la cosa costava meno) ma non solo ai privati, anche a chi aveva acquistato con fattura. Sarebbe interessante sapere quanti privati si sono rivalsi sui rivenditori passati i 12 mesi dall'acquisto dei suddetti prodotti per avere la riparazione in garanzia.
  13. newsletter

    Hardware Apple

    Giuseppe... occhio alla legge http://www.parlamento.it/parlam/leggi/deleghe/02024dl.htm "1519-sexies (Termini). - Il venditore e' responsabile, a norma dell'articolo 1519-quater, quando il difetto di conformita' si manifesta entro il termine di due anni dalla consegna del bene. Il consumatore decade dai diritti previsti dall'articolo 1519-quater, comma secondo, se non denuncia al venditore il difetto di conformita' entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto. La denuncia non e' necessaria se il venditore ha riconosciuto l'esistenza del difetto o l'ha occultato. Salvo prova contraria, si presume che i difetti di conformita' che si manifestano entro sei mesi dalla consegna del bene esistessero gia' a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del bene o con la natura del difetto di conformita'. L'azione diretta a far valere i difetti non dolosamente occultati dal venditore si prescrive, in ogni caso, nel termine di ventisei mesi dalla consegna del bene; il consumatore, che sia convenuto per l'esecuzione del contratto, puo' tuttavia far valere sempre i diritti di cui all'articolo 1519-quater, comma secondo, purche' il difetto di conformita' sia stato denunciato entro due mesi dalla scoperta e prima della scadenza del termine di cui al periodo precedente. " NOTA: Quindi se sei un privato, ti si fonde il portatile perchè Apple lo ha progettato male e - il venditore lo ha occultato entro i 24 mesi dall'acquisto puoi rifarti - sul venditore - che a sua volta si rifa su Apple. - Tutto cio' non si applica se sei un'azienda - non si applica se ti si fonde per colpa tua - non si applica se non e' dimostrabile che il computer si e' fuso per colpa di Apple La legge riguarda il rapporto tra VENDITORE e UTENTE FINALE (privato). Non riguarda il rapporto tra Produttore e Utente Finale. Quindi tu hai una garanzia obbligatoria di due anni sui difetti di conformità e puoi rivalertene nei confronti del rivenditore che a sua volta puo' rivalersi, se ne ha la possibilita', nei confronti del produttore. Il problema si pone, e qui siamo rimasti nella scorsa tornata di discussioni, quando Apple è il venditore stesso con AppleStore, ovviamente dovrà rifarsi su se stessa.
  14. http://www.macitynet.it/macity/aA15863/index.shtml Aspettiamo i vostri commenti!