maister

Members
  • Posts

    39
  • Joined

  • Last visited

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Ennio Martignago
  • Città
    Torino
  • Mac che possiedo
    iMac 24" white, PM G4 450, PB G4 1,5, PB 1400c

Contact Methods

  • Website URL
    http://vademacum.blogspot.com/

maister's Achievements

Member

Member (2/3)

10

Reputation

  1. Grazie, ma più che la riapertura dei documenti all'avvio delle applicazioni, quello che volevo evitare è il riavvio delle applicazioni alla partenza del computer. So che quando chiudi c'è la possibilità di togliere la spunta nella casella del messaggio di chiusura, ma vorrei che questa diventasse la condizione di default. Ciao
  2. Per caso, qualcuno sa se in Lion sia possibile escludere la ricerca e il riavvio degli ultimi programmi usati (in un modo semi-definitivo e non con la spunta di fine sessione)?
  3. Intanto infinite grazie per l'aiuto (With a little Help from my friends). Siete stati favolosamente rapidi e competentemente gentili. Credo anch'io che con Onyx sia come raccogliere il mare col cucchiaino e che l'unica speranza sia la reinstallazione (non so solo se devo rinunciare anche alla library dell'account?). In merito confido sul vostro ottimismo. Ho capito anche che basta sostituire un banco di RAM con uno da due, ma non se quelle che chiamano fully buffered sull'iMac 2006 mi darebbero vantaggi o se sarebbero il doppio della spesa buttato via. Ancora mille grazie a tutti.
  4. Non mi sono ancora rassegnato al degrado dei miei Mac (iMac late 2006 e MacBook Pro 13" 2009) in seguito all'upgrade a Lion. Due macchine che con Snow Leopard erano uno splendore e che ora sono morte (programmi che richiedono dai 2 ai 5 minuti per partire). In particolare ovviamente l'iMac. Ritengo che il peso maggiore sia il limite dei 2GB. Quel modello subiva una delle tante cxxxate di Apple: il limite insuperabile dei 3 GB. Ora pensavo di sostituire i miei 2 banchi da 1GB con 2 da 2GB, anche se uno andrà sprecato, per mantenere il parallelismo. Stavo valutando due banchi full buffered, ma non so se poi la motherboard li sfrutterà o se sarà un ulteriore spreco (costano il doppio di quelle normali). Cari amici, datemi lumi, o anche solo opinioni. Grazie
  5. Claudio si sta sfracellando i maroni su un monitor guasto... Claudio ha finito di raddrizzare un MacBook Pro piegato a banana... Claudio Sta eseguendo una autopsia su un portatile guasto recente... Claudio ha cercato tutte le amiche possibili su facebook .... e non ha trovato una mazza... Claudio sta preparando un iMac nuovo di pacca che ha venduto ad un suo cliente... Claudio si gode un iMac 20" Intel a cui ha riparato la scheda logica.... Claudio sta cercando di capire il perchè ha una lista lunga così di gente che fa amicizia... Ecco alcuni degli "stati" che Claudio ha postato su Facebook. Ci era entrato giusto una settimana prima e tutti volevano contattarlo. Sembrava infaticabile nel rispondere a tutti, nell'aiutare tutti, mentre i monitor si accumulavano uno sull'altro, al contempo principale fonte di sopravvivenza e interminabile incubo. Ci siamo conosciuti attraverso ZnortLink, mitica BBS torinese, nei messaggi e poi alle pizzate. Smettere di fumare, mettersi a dieta, la sua gatta nera, compagna di vita nel suo bunker con la mitica carputer fuori e dentro i fumetti mischiati ai numeri di Applicando & c. Era, come molti di noi, uno che si era ritagliato un mondo a partire da una passione. Uno che, pur senza esimersi da criticare gli errori di mamma Apple non l'ha mai tradita e non ha mai detto di no agli amici. La sua generosità non accettava la stanchezza. Forse l'ascoltava troppo poco. Nonostante lo conoscessi da quindici anni, non ho mai saputo di altre vite oltre quella dedicata al Mac, all'auto e indubbiamente alla figlia e alla moglie. Ci sarà indubbio stata, eppure ogni volta che lo sentivo era sempre all'opera. Per molti di noi Claz era una specie di alchimista dei circuiti, sapiente conoscitore di trucchi e misteri inaccessibili ai più. Ora, però, a me non torna in mente quel Claudio, quanto piuttosto quello che non risparmiava mai una risata, anche quando diceva di essere incazzato o assediato. Mi torna in mente il cuore di Claudio. Il suo sorriso sornione, da gatto inafferrabile ma sempre presente, che nessuno dei suoi amici potrà mai dimenticare. 6 aprile 1961-1 novembre 2008
  6. Mi sento di fare delle distinzioni. Secondo me, Time Machine non è un vero e proprio programma di Backup. È del tutto valido il principio di Felix per un backup vero e proprio e in questo caso userei Carbon Copy Cloner oppure SuperDuper! per clonare il disco ogni quando. Time Machine è qualcosa di diverso: tiene una cronologia fedele del disco in tutte le sue principali variazioni giornaliere in modo da ritrovare essenzialmente i materiali vivi (documenti, librerie musicali, fotografiche, filmiche, postali ecc… - pensa a iTunes, Mail, iPhoto…) in modo da ritrovarli quando serve. Già sulle applicazioni avrei molte riserve, ma bisogna stare attenti al fenomeno Internet che fa la differenza. Qualcuno infatti dice che TM ha un'evoluzione geometrico-esponenziale e questo è vero, ma dipende soprattutto da quanto si naviga: la cache prodotta in un giorno (si pensi solo ad esempio a youtube) non è cosa da poco e per uno come me che scarica di tutto fra cartella Download e Desktop e poi magari butta via tutto mezz'ora dopo, si fa in fretta a riempire il disco e altrettanto in fretta a rendere inutilizzabile un HD esterno di terabyte. Allora bisogna escludere tutto l'escludibile, ovvero quello che non vuoi riservare allo storico (mentre puoi salvarlo in altri momenti). Tra l'altro, essendo nascosta, uno spera che almeno la cartella di trash non venga esplorata da TM.
  7. Certamente che c'era, come puoi vedere da quella del mio PowerBook che fortunatamente non ho upgradato. Naturalmente qui il tastirerino non si vede, essendo un PB12 la cui tastiera non ce l'ha. Mi consola che anche il tuo visore non è a posto anche se almeno tu i windings li vedi. Io non so come inserirli diversamente che con il visore e quello non mi funziona più. :(:(
  8. Ti ringrazio, ma, come puoi vedere dall'immagine, anche avendo solo TextEdit e il Visore non esiste la tendina dei font. Per la precisione, di quando in quando, all'avvio compare il riquadro della tendina vuoto, che dopo 3-4 secondo scompare per non riapparire neppure ai prossimi riavvii del programma. Ho anche cancellato le preferenze del pannello di controllo comunque senza esiti.
  9. Sempre per sapere, ma solo io non riesco ad andare su www.mac.com? (N.B.: con nessun altro sito ho problemi)
  10. Giusto per sapere, qualcuno ha provato il visore tastiera su Leopard? I font li vedete o avete il mio stesso problema? Grazie
  11. Come ti capisco. Secondo me il segreto sta a conoscere meglio dove hai la roba che ti serve. Se, ad esempio, come molti tu hai la maggior parte delle cose su Desktop, Documenti e Library:Mail, prova a rimuovere il backup attuale e ad escludere tutte le altre cartelle che non siano queste. In futuro deciderai se sia il caso di includerne altre, stando attento a non portare troppe cose pesanti sulla scrivania, che è la cartella più a rischio, altrimenti se non sei capace escludi anche il desktop. Ciao
  12. Avendo scoperto che Time Machine mi salvava tutto, anche quello che non mi interessava, e che l'incremento medio era di circa 10 GB al giorno (anche perché si salvava tutti i salvataggi di passaggio della giornata, ho deciso di spostare tutto lo spostabile (e quindi anche la cartella di download) su un disco esterno, ho disabilitato Time Machine. Adesso però scopro che, diversamente dalla prima volta che l'avevo studiato, è possibile escludere le cartelle. C'era anche prima e mi era scappato (mi sembra impossibile!) oppure lo hanno aggiunto con la 10.5.1?
  13. Ho comprato questo programma perché preferisco sincronizzare iCal con Google Calendar che è più universale di .mac e non mi comporta nessun abbonamento. Seppure mi funziona alla perfezione sul PBook con Tiger, sotto Leopard arriva a segnalarmi i conflitti di appuntamenti fra iCal e Google Calendar. Dopo avergli detto che cosa fare dice che la sincronizzazione è andata a buon fine, quando apro iCal scopro che non ha registrato nessuna variazione. A dire il vero lo stesso accade quando cerco di sincronizzare il mio Nokia. Secondo quelli di Spanning Sync, che nel frattempo mi hanno fatto cancellare la cache di iCal e poi anche tutti i files di preferenze, dovrebbe essere un'incompatibilità del nuovo iCal di Leopard. Qualcuno ha riscontri su questo problema?
  14. Un'altra chicca di Leopard scoperta anche questa da poco è il visore tastiera che compare quando si clicca la bandierina delle preferenze internazionali. Per un attimo mi compare il menu a comparsa dei caratteri - ma solo la prima volta e poi più niente - e subito dopo scompare per non riapparire mai più. Ho provato allora ad aprire il pannello internazionale, ma ogni volta che ci provo mi chiude le preferenze di sistema. Forse dovrei cancellare il file di preferenze, ma non so come si chiami. P.S.: tra l'altro ho verificato su tutti gli account
  15. Una cosa positiva di Leopard è che mi ha fatto sparire la voce ".mac" dall'iSync. In compenso le incompatibilità sono molte. Journler è uno dei programmi che sta pensando ad adeguarsi al nuovo OS. Ha rilasciato una beta per Leopard, ma gli aggiornamenti a questa beta puntano all'homepage su .mac dello sviluppatore. Dopo diversi inutili tentativi di aggiornarla ho provato prima ad inserire l'indirizzo .mac sul browser senza risultato, quindi a cercare di aprire www.mac.com da browser (oltre a Safari, Camino, Shiira, FIrefox e Opera). Il fatto è che non ci va proprio. Il ping funziona ma il resto delle statistiche dell'Utility Network non funzionano e spesso puntano su un indirizzo locale. Idee? P.S.: tra l'altro ho verificato su tutti gli account