MacPiket

Members
  • Posts

    32
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by MacPiket

  1. Ho un Mac 8600/250 con OS 9.1. Vorrei collegarlo alla rete wifi creata con airport extreme. Pensavo ad una chiave usb. Si può fare?
  2. Mi riferisco all'unibody da 13 non pro. http://www.abcinformatica.com/vetrina-promozioni.html
  3. Notevole sforzo di smussamento, ma la realtà è che oggi lo stesso prodotto (e parliamo di Apple) è venduto a 1.000 euro.
  4. D'accordo, ma converrai con me che più che un aggiornamento questo è uno stravolgimento. Ho l'unibody da 15" e non mi lamento. Ma sul 13" hanno veramente esagerato, è un altro notebook.
  5. Certo che mia moglie ha fatto proprio un affare.... ha comprato l'unibody da 13" due settimane fa, ed ora, con50 euro in meno, avrebbe un modello nettamente superiore sia per prestazioni che per dotazione. Trattasi di fregatura vera e propria e francamente non me l'aspettavo da apple
  6. Quindi, se volessi utilizzare come modem uno zyxel prestige 650H, devo necessariamente disattivare la funzione router oppure posso collegarlo alla porta WAN della TC semplicemente con il cavo di rete?
  7. Da qualche giorno iCal non si carica. Si avvia e dà per qualche istante la schermata dei calendari, ma poi torna in home. Ho ripristinato senza successo. Che succede?
  8. Non c'entra con questo ma per non aprire un nuovo topic mi accodo visto che riguarda il calendario. Da qualche giorno ical non si carica. Si avvia e dà per qualche istante la schermata dei calendari, ma poi torna in home. Che succede?
  9. Le licenze OEM si installano ovunque, basta attivarle. Quanto a Parallels / Fusion, basta il SP2.
  10. Mi riferisco alla foto che ci scatta (se si vuole) al momento in cui si crea l'account utente quando si fa il primo avvio. Oggi l'ho inavvertitamente sostituita con un'altra usando Photo Booth e non riesco a ripristinarla perché non so dove sia. Non è una gran foto ma è l'esatta testimonianza di me al momento in cui ho iniziato ad usare questo mac, mi spiacerebbe perderla
  11. In realtà la OEM viene venduta anche agli assemblatori di pc. Divieto di vendita e divieto di acquisto non sono sempre due facce della stessa medaglia. Esempio: se il barista somministra alcolici dopo una certa ora a chi guida commette un illecito ma non per questo vengono sanzionati i clienti. Il problema qui comunque è diverso perché riguarda rapporti di tipo privatistico. Il diivieto di MS è rivolto al produttore / assemblatore non all'acquirente: che senso avrebbe farlo posto che con la oem non si contrae con MS come invece succede con la retail? In pratica, MS dice ai produttori / assemblatori: vi permetto di vendere i vostri hw con il mio sistema operativo installato di modo che questo sia parte di quello. Ma che succede se i produttori / assemblatori non rispettano questo vincolo? Violerebbero l'accordo con MS. Ma chi acquista commette un illecito? Direi di no. Tant'è che l'art. 171 bis l. n. 633/1941 dispone: " Chiunque abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per elaboratore o ai medesimi fini importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale o imprenditoriale o concede in locazione programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla Società italiana degli autori ed editori (SIAE), è soggetto alla pena della reclusione da sei mesi a tre anni e della multa da lire cinque milioni a lire trenta milioni (...)". Duplicare non significa utilizzare bensì fare una copia del programma. Anche se parte della dottrina ritiene che per duplicazione di deve intendere pure l'installazione, va ricordato che nel diritto penale vige il divieto di analogia in malam partem, quindi o la condotta è espressamente prevista oppure si è fuori dalla previsione normativa. E credo che neppure con uno sforzo interpretativo di tipo estensivo si possa giungere ad affermare che utilizzare un sw originale (perché tale è) costituisca attività di duplicazione. Il mio ragionamento tiene conto della finalità dell'oem ossia che la licenza non transiti di hw in hw come la retail. E questo scopo, una volta bypassato il problema della vendita / acquisto per i motivi suddetti, è rispettato nella misura in cui l'utente compie quell'operazione di integrazione tra hw e sw che avrebbe dovuto compiere il produttore / assemblatore e che invece non ha fatto.
  12. Questo è un punto interessante: che differenza passa tra il commerciante che acquista la licenza oem (a che titolo e da chi?) e la rivende fatturandola con un mac dove la installa, e il privato che ugualmente acquista la licenza e la installa con tanto di coa sul proprio mac? Io dico nessuna perché lo scopo della licenza è quella di stare su una macchina senza possibilità di passaggio ad altra e ciò viene rispettato sia che l'abbinamento lo faccia il venditore sia che lo faccia l'utente. E' vero che sulla oem c'è scritto che la vendita è abbinabile unicamente ad un pc ma tale prescrizione riguarda chi vende non chi compra: non c'è scritto "vietato l'acquisto" ma "vietata la vendita". Quindi, la domanda è: siamo certi che il privato che acquista la licenza oem per abbinarla ad un pc (sia esso materiale o virtuale) abusa della licenza?
  13. Quelle che riferisci riguardo alle eula di vista può confermare la mia interpretazione: ci vuole un'espressa previsione contrattuale per escludere l'utilizzo della oem su macchina virtuale. Non è un argomento decisivo ma aiuta ad inquadrare il problema. Quanto a boot camp, sebbene le mie conoscenze tecniche siano a zero, credo non se ne esca: il mac emula il pc ma non è un pc, quindi il sw va su una macchina virtuale.
  14. Vero, in teoria e originariamente era così. Poi MS ha iniziato a concedere le oem anche agli assemblatori e non solo ai produttori. Il concetto di pc è diventato meno rigido per ridursi a parte essenziale del sistema (poteva essere la mb o anche solo la tastiera). Questo spiega perché le licenze si trovino ancora nei negozi e non siano invece confezionate nei pc, come sarebbe nel caso in cui fossero vincolate ad una specifica macchina. Su questo s'è formata la convinzione che per essere in regola basta che sulla stessa fattura vi sia la licenza e un pezzo d'hw. In pratica il negozio diventava assemblatore nel momento in cui vendeva la licenza con hw. Qualcuno ha protestato dicendo che se poteva farlo il negozio poteva farlo anche lui e, da quanto ho recepito in rete, per alcuni è stato detto che sì, potevano acquistare la licenza senza hw sempre che poi questo venisse acquistato in un secondo momento; altri invece hanno avuto risposte evasive. S'è creata una prassi con eccessi che hanno indotto MS a dire che se si cambia la mb bisogna rinnovare la licenza. Succedeva infatti che alcuni portavano la licenza qua e là dicendo che il pc era sempre lo stesso e che solo la mb era stata sostituita - guarda caso quella su cui veniva registrata la licenza - causa rottura. Ovvio che a MS questo non poteva andare bene. Le macchine virtuali hanno ulteriormente complicato la situazione e non c'è da meravigliarsi se la posizione di MS è quella di richiedere la licenza più costosa. Quello che io osservo è che, al di là delle posizioni più o meno esplicitate (non ho trovato nulla di ufficiale), il vincolo contrattuale è determinato dall'e.u.l.a. e da questa ricavo che la finalità della licenza oem è solo quella di non poter essere trasferita da un pc ad un altro. Il fatto che sia venduta senza l'hw non può minare la sua validità anche perché non vedo alcun interesse meritevole di tutela da parte di MS a che il sw giri su un processore x piuttosto che y. Il tutto con la precisazione che ho già fatto nel finale del precedente post
  15. Ho letto le e.u.l.a. delle due licenze (oem e retail). La prima è un contratto tra utente e produttore dell'hw, la seconda tra utente e Microsoft. Questa è la ragione per cui la prima si accompagna alla vendita dell'hw, la seconda no. Messa così, non c'è spazio per chi deve utilizzare la licenza con una macchina virtuale e la soluzione è solo la retail. Tuttavia, al di là delle definizioni, leggendo i termini dell'accordo - che va interpretato e applicato nel suo complesso e non solo nelle singole parti - si comprende che lo scopo delle oem non è tanto di vincolare la licenza ad uno specifico hw (quello indicato nella fattura per es.) quanto ad un UNICO hw. Da ciò l'obbligo di applicare la c.o.a. sul case della macchina. La retail, invece, permette di trasferire la licenza su altro hw (non contemporaneamente). Quindi, l'obbligo di vendita abbinata ad un pc non incide - a mio avviso - sulla validità della licenza ma, eventualmente, può integrare un illecito contrattuale del produttore verso Microsoft (non avrebbe potuto venderla singolarmente e invece l'ha fatto). La licenza d'uso è invece rispettata nel momento in cui viene abbinata - di fatto anche dall'utente - ad un unico hw o, applicando la ratio della previsione, ad un unico sistema virtuale. Sia chiaro, questa è solo la mia interpretazione. Microsoft, interpellata telefonicamente, afferma che è invece necessaria la licenza retail. Quindi, ognuno valuti la questione e agisca assumendosi le proprie responsabilità .
  16. Problema: rete LAN win, stampante multifunzione Panasonic Workio DP 3510 http://www.panasonic.com/office/spec...s/DP3510SS.pdf Per farla funzionare col Mac mi dicono che server PostScript3, costo piuttosto elevato (8-900 euro + IVA). Ho letto da qualche parte (mannaggia a me che non ho salvato la discussione) che utilizzando i drivers della HP (ma il problema è sapere quali!) si riesce a bypassare il problema. Vi risulta qualcosa al riguardo? Suggerimenti? thx
  17. Anch'io ero indeciso. Credo dovresti considerare il valore in base alle tue esigenze e non per il loro costo. Ad esempio, per me la firewire vale parecchio per scaricare i dati dalla videocamera. Considera anche altri device tipo HD esterni. Se ne fai uso con molti dati può valere il costo rispetto alla sola USB . Lo schermo da 13" è ottimo per la portabilità ma passarci parecchio ore sopra potrebbe sottoporre ad un eccessivo sforzo visivo (anche se non te ne accorgi). Inoltre un 15" è più versatile per giocare, ascoltare musica, guardare video ecc. Se non sono un gran problema, 300 euro in più vale la pena spenderli (e così ho fatto).
  18. Salve a tutti i colleghi. A giorni mi verrà consegnato il MB Pro dove vorrei installare Fusion o Parallels per far girare alcuni programmi in ambiente XP (gestionale di studio e banche dati). Ho aperto questa discussione http://www.macitynet.it/forum/showthread.php?t=85668 e mi piacerebbe avere la vostra opinione in merito.
  19. Cioè? Nella stessa fattura risultano i due prodotti oppure Parallels contiene anche XP?
  20. Ho appena parlato col service di Microsoft. Ovviamente mi dicono che nel mio caso occorre una licenza retail. Tuttavia, quando ho chiesto che tipo di licenza dovrei acquistare se mi costruissi un pc in casa (compro case, mb, hd ecc.), mi è stato detto OEM purché risulti dalla fattura di acquisto degli altri componenti. Sul sito pare invece che si debba essere assemblatori professionali. Non riesco a capire questa discriminazione né da un punto di vista tecnico (cosa cambia se abbino una licenza OEM ad un Mac già bello e pronto rispetto ad un compatibile che ho assemblato? La finalità della licenza - la sua intrasferibilità - sarebbe comunque garantita); né da un punto di vista commerciale (MS ha solo da guadagnare a vendere le sue licenze anche a chi è passato a Mac!) Ad ogni modo, il problema c'è e non è di poco conto perché, anche volendo acquistarla, una licenza reatil è difficile da trovare. Mah, vedo se riesco a trovare qualche scappatoia legale altrimenti mi sa che il Mac girerà senza VM.
  21. Vi ringrazio per gli interventi. Preciso che quando dico che in giro si trovano licenze OEM non mi riferisco al mercato nero bensì a negozi di tutto rispetto (le più famose catene di distribuzione). Per non parlare di quanto si trova online. Sulla confezione delle licenze OEM c'è scritto che sono vendibili unicamente assieme all'HW a cui sono abbinate. In sostanza, è una licenza che nasce e muore col pc, non è trasferibile. Tutti i rivenditori finora interpellati mi dicono che non necessariamente mi devono vendere HW assieme alla licenza, l'importante è che io l'abbini ad una sola macchina. Microsoft non richiede che gli assemblatori (per i quali la OEM è stata creata) siano professionisti (almeno questo è quanto ho letto in un altro forum dove è stata postata la risposta ufficiale ad una domanda di un utente) sicché anch'io, qualora decidessi di costruirmi un pc, potrei acquistarla e installarla in modo assolutamente legittimo (sul fatto che funzioni non c'è alcun dubbio, è solo un problema di legalità dell'installazione). Ma se così è, e qui per me sta il punto, allora anch'io quando creo una macchina virtuale sul mac è come se assemblassi una pc e, quindi, quantomeno per analogia, dovrei essere nel lecito con una licenza OEM sapende che potrà essere utilizzata solo per la macchina virtuale su quel mac. In sostanza la finalità della licenza viene rispetta (paghi quasi un quarto del costo delle licenza FPP ma la puoi utilizzare solo su una macchina) senza alcun danno o frode al licenziante. Però, trattandosi solo di mie interpretazioni, mi chiedevo se qualcuno di voi avesse avuto qualche esperienza in merito.