spyrux

Members
  • Content Count

    799
  • Joined

  • Last visited

About spyrux

  • Rank
    Avanzato

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Mauro
  1. L'unico bug che mi dava davvero rabbia era il trasferimento di file grossi (o anche streaming) da volumi SMB: per intendersi il collegamento a dischi condivisi di windows usando la rete wifi. Il bug: il trasferimento è instabilissimo, picchi di velocità intervallati da tempi lunghi di velocità di qualche KB, andando avanti così fino a fine trasferimento. Situazione: RISOLTA!! Ora posso trasferire grossi file alla massima velocità della rete, e posso anche fare streaming di dati, prima impossibile! Meno male che ci hanno messo la pezza.
  2. @Macteo Grazie della dritta! @Luca Ovvio che non sia la scatolina a far cambiare il prezzo Mi lascia comunque perplesso, perchè sono davvero un sacco di soldi di differenza.. In ogni caso ora mi metto alla ricerca, il mio anno dalla data di acquisto sta scadendo..
  3. Direi che questa è la dimostrazione che non ci sono spese di magazzino (e varie) che tengano. Tra l'altro, perchè mai l'apple care per il macbook pro in america costa 349$, mentre in italia io dovrò pagare 439€??? Considerando che è semplicemente una scatola di carta con dentro un libricino e un dvd... Aggiungendo il 20 % di tasse, e portando in euro, l'applecare del MBP costa 288€. C'è un divario di 150€ !!!
  4. Salentino, non crederci, io vivo felice lo stesso Se pensi che la differenza tra Windows e Mac Os sia solo la grafica, fai benissimo a passare a windows, perchè secondo me non hai imparato molto a usare MacOs. Basta vedere la differenza nel salvare un qualsiasi documento in pdf, usando windows e MacOs. In ogni caso, come detto da Macteo, se non ti piace, vendilo. Mica tutti comprano Fiat o BMW. EDIT Porti a tuo favore il cd delle pagine bianche....primo, non è un programma microsoft, secondo fosse almeno completo: io mi creo un account oggi con TIM e domani ti chiamo...scommettiamo che non sai chi sono? E' per quello che ormai tutti usano internet. Inoltre, se io non do il consenso, di sicuro non trovi i miei contatti in internet.. Peace
  5. @Salentino Mica vero. Io da quando sono passato a mac, cioè da gennaio, non ho più avuto bisogno di windows. Infatti ho cancellato la partizione di parallels, dato che occupava spazio e stava lì per niente. Dipende da quello che una persona fa con il computer. Se in ambito aziendale ci sono alcuni software che mancano (vedi ingegneria o altro), in ambito home si può tranquillamente farne a meno. E comunque i software basta cercarli.
  6. Ciao chiara, la scelta del televisore dipende da cosa ci devi fare. Se, come scritto nel primo messaggio, si tratta unicamente di tv (quindi non sky, ma solo segnale "terrestre") e dvd, il plasma è un'ottima scelta; i pioneer poi sono tra i migliori quando si parla di plasma. Se invece vuoi collegarci anche un computer, allora è meglio propendere per un lcd, in quando ha una risoluzione maggiore (solitamente) e non ha problemi con immagini statiche. Di contro l'LCD non ha una resa cromatica come quella del plasma. Ah dimenticavo, il plasma c'è solo in dimensioni "large", quindi da 40 in su.
  7. Alex, evidentemente io e te parliamo lingue diverse. Inoltre, ti ricordo che stiamo sostenendo la stessa cosa, perchè hai scritto cose identiche alle mie. L'alcool, la sera nei locali, fa male @Luca Eh si, è lo stesso motivo per cui una ducati, in america, costa 14995$. In Italia costa 17995€. Riportando il prezzo americano in euro e aggiungendoci il 20%, si arriva a 12853€. Una differenza di 5142€. Dunque, ricapitoliamo: le aziende extra-europa, per venire in europa, hanno sdoganamento, tasse e poi, come da voi aggiunto, logistica, internazionalizzazione, sede in più... I prodotti italiani invece, per andare in america, non hanno niente di tutto ciò ma anzi, gli regalano i soldi per vendere a meno!! Chiaramente scherzo, ma sto cercando di dire che non possiamo continuare a dire "il mercato...i costi...lo sdoganamento". Lo so che ci sono i giapponesi che in america hanno prezzi inferiori e quindi la ducati deve tenerli bassi, non è questo che dicendo. Gli europei cosa sono? Le galline da spennare?? E' questo che sto cercando di dire, non "Apple mangia bambini". NON è lo sdoganamento o i costi di chissà che cosa a far lievitare il prezzo. Inoltre a questo dobbiamo considerare che in USA il costo della vita è inferiore che da noi, mediamente gli stipendi sono più alti (e non di poco). E si conclude la scenetta con i prezzi ribassati quasi per ogni cosa. Allarghiamo un attimo la visuale dal semplice "Apple". Quindi ripeto: non c'è qualcosa che gira male??
  8. Il problema, se leggi nei post precedenti, non è Apple, sono quasi TUTTI i produttori extra-europa. Vedi la tecnologia tutta, auto, ecc.. E quindi cosa fai? Smetti di comprare tutto? L'idea sarebbe corretta, ma abbastanza impraticabile, perchè tali prodotti mancano a noi.
  9. Siamo acidelli eh Non voglio fare il saccente, anche perchè ho già scritto la mia esperienza. Però se preferite seguire altre campane, questo è un altro discorso. Io non ho la verità in mano, e nemmeno voi. Sono sicuro che sarebbe da pazzi appoggiarsi al cambio moentario per recuperare i costi fissi (anche perchè, per quel che ne so, non si fa). Voi avete idee diverse. E fin qui nulla di male. Ho fatto poi una battuta, con sorrisino annesso. E non ho fatto del male a nessuno. Però mi sembra inutile continuare a fare "muro contro muro", no? Tutto qui. Non ho fatto economia all'università (al di fuori di due esami), quindi non posso aggiungere altro, se non la mia esperienza. Ma quando il discorso non progredisce, si finisce unicamente per insultarsi/incaz.zarsi. Quindi preferisco chiuderla qui, in attesa di un mega esperto che chiarisca la situazione
  10. Siamo ai limiti del comico. Ragazzi, non apritevi una società , altrimenti finite male.. Io la finisco qui perchè mi sembra abbastanza inutile discutere: si ripetono, ormai da 5 pagine, le STESSE COSE. Voi continuate a dire che ci sono i costi, ecc.. Sono convinto che ci siano prezzi aggiuntivi, ma non tali da incidere SEMPRE, anche se il dollaro si deprezza come da 6 ANNI a questa parte.. Che strane leggi dell'economia.. Spero che un giorno avrete l'occasione di vedere un VERO schema del prezzo, così vi renderete conto di come si tiene conto dei costi. Nel frattempo, vi saluto, ma vi consiglio di non andare in giro a dire certe cose.
  11. Mo', non esageriamo con i prezzi diversi.. Mac ->dollaro -> euro Mac mini --> 599 --> 599 Macbook --> 1099 --> 1049 MBP --> 1999 --> 1899 Mac Pro --> 2499 --> 2519 iMac --> 1199 --> 1199 aTV --> 299 --> 299 A me sembrano praticamente identici, a parte MBP e macbook un pelo. Ma il Mac Pro, che costa di più e dovrebbe essere, in proporzione, più basso di un bel po', costa addirittura di più. Forse pesa di più, e ai trasportatori che lo portano in spalla dalla cina fin sotto casa nostra si stancano
  12. Continuo a non capire perchè si continua su questo discorso del "prezzo dei magazzini". Cosa dovrebbero dire gli svariati negozi apple in america? I costi fissi sono calcolati all'interno del prodotto! Se ho 10000 negozi che spendono un milione di dollari, questo milione viene spalmato sui prodotti. Le filiali sopravvivono grazie all'aumento ESPONENZIALE di vendite che queste provocano grazie alla loro presenza. Altrimenti, come già detto prima, se dollaro/euro=1, Apple europa deve chiudere. Ergo, c'è qualcosa che non va. Ma mentre in passato, con un lieve vantaggio, si potevano cercare "scuse", ora con l'euro superiore del 40% è palese che c'è di mezzo qualcosa.
  13. Ma scusate, se vendete 100 macchine e avete una spesa di 40, guadagnate 60. Se vendete 10000 macchine, avete una spesa di 4000, guadagnate 6000. Ecco dove tirano fuori i soldi per aprire più società . E' il numero di vendite di un paese che tiene "in vita" la filiale, NON il costo del denaro. Altrimenti se il dollaro pareggia, apple europa dovrebbe chiudere. E' assurdo. Ripeto, i costi fissi sono ammortati all'interno del prezzo del singolo prodotto. E comunque, macteo, di equazione si tratta, perchè nulla è lasciato al caso, ma tutto viene calcolato fino al millesimo. Lo so che "è il mercato...", ma questa motivazione ultimamente inizia a starmi un po' stretto..e non solo per Apple, ma per tutto ciò che è extra-europa.
  14. Certo, ma forse ciò che voglio dire non si è capito. Nella mia città , un noto pizzaiolo, data la sua bravura, ha aperto una seconda pizzeria, sempre nella stessa città . Come riesce a mandare avanti due magazzini, due sedi, il doppio dei dipendenti? Semplice, vendendo più pizze. Qui è lo stesso discorso, considerando che Apple (come tutte le altre società ) non deve raddoppiare la ricerca, ma solo la vendita.
  15. Perdonami macteo, ma non mi sono più chiare alcune cose. Non so se qualcuno tra di voi ha mai fatto lo schema del prezzo di un prodotto da mandare in commercio. All'interno di ciò sono già incluse TUTTE le spese, quindi anche lo stipendio del custode a guardia del palazzo di cupertino o dell'agenzia delle pulizie. Il tutto spalmato su un numero target di prodotti che si presume di vendere. In più, all'interno di ciò, viene calcolato anche il margine di guadagno che si vuole ottenere. Sommando tutto ciò si ha il prezzo finale. Quindi i costi di logistica spariscono dall'equazione. Rimangono i costi di localizzazione. Questi, con ogni probabilità , sono gestiti da Apple_stato_in_cui_si_trova. Ci sono infine da considerare le tasse, cioè il 20% di IVA, e lo sdoganamento (ma qui chiedo ai più esperti, perchè non si tratta di un privato che sdogana un prodotto, ma di una società che ha la produzione delocalizzata in cina e che "re-importa" in patria il prodotto; è Apple Italia che importa, non Apple america). Ora, seguendo questo ordine di cose, e constatando come l'euro da 6 anni stia stabilmente aumentando, il dubbio che si mantenga l'8% (seguendo il tuo discorso), ma che ora appare tranquillamente come un 15%, di "margine" per le variazioni, a me sembra un po' troppo "tutelativo", no? Ripeto, non parlo solo di Apple, parlo di TUTTE le società extraeuropa, purtroppo. Perchè io, come molti di voi, ricordo i prezzi allucinanti quando la lira era debole......