chest

Members
  • Posts

    8,349
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by chest

  1. Nunzio, sei sulla strada sbagliata. Se hai controllo sul lato server, attiva il protocollo webdav (quello delle "cartelle web" e di "iDisk") e lascia perdere l'ftp via java (sic). Poi, oh, fai te.
  2. New York per scherzo o per davvero? Se vuoi ti contatto in privato. Mi interessa la tua esperienza.
  3. Gennaro, ma Win2k mica è stato rilasciato bel 2000! Le prime versioni sono, mi pare, del 98-99. E' insomma un prodotto vecchio. Comunque io credo che se 5 anni erano il vecchio periodo di obsolescenza per le macchine casalinghe e 7 per quelle dei processi aziendali (mi riferisco all'hardware, chiaramente - col software che in pratica segue sempre), per Vista io prevedo 7 e 10. Guarda che i costi di rinnovo e rianalisi dei processi sono aumentati a dismisura, in azienda, e per quanto riguarda le case, un computer che faccia sostanzialmente da navigatore Internet è ormai sostanzialmente "eterno". Aggiuncici un pizzino di crisi economica, una saturazione da nausea (cone gente che ormai ha 4 pc) e il decollo di Xbox e ti renderai conto di come prima di liberarsi di XP sui computer, passerà una vita.
  4. Sarà il 100% delle vendite Microsoft a partire da Gennaio 2007 (perchè, te che ti aspetti???). Si potebbe discutere semmai su quanti vecchi possessori di PC faranno l'upgrade (non so, non credo molti) o su quanto velocemente il parco hardware mondiale sarà rinnovato (3, 5, 7 anni), quindi in quanto tempo Vista diverrà l'unico cane del cortile. Io credo accadrà con tempi stasticamente più lunghi che in passato, per ragioni economiche e perchè Microsoft non riesce a controllare più di tanto Internet (che è un mondo i cui "Requisiti di sistema" hanno tempi diversi). Ma sono variazioni su un tema scontato: il monopolista rilascia una nuova versione centralizzata del proprio prodotto, che va sostituire tutte le altre.
  5. Marco Marco Marco... L'ottimismo è proprio il profumo della vita, eh? E io posso anche condividerlo, un certo ottimismo, ma non dimenticare che "aderire ad UB" doveva semplicemente significare portare la propria applicazione a girare in 2 modi. E se consideri che è quasi un anno che la notizia è ufficiale, mi pare evidente che è esattamente il contrario (purtroppo) di quello che dici te: Adobe e Microsoft NON portano alcuna vecchia applicazione in UB, bensì stanno considerando di riscrivere le nuove da capo per renderle UB. Perchè vedi, si dà purtroppo il caso che ad Apple stia fortemente mancando quello che per Microsoft è Visual studio, cioè un ambiente di sviluppo degno di questo nome. Codewarrior è morto assieme ai PPC, ed è attorno a quel codice e a quel sistema che sono cresciute le applicazioni più importanti. A quanto dicono i big, l'ambiente Xcode non sarebbe abbastanza complesso. E mettiamo anche sia una balla, è certamente verità che per i progetti vecchi (e quelli di Microsoft e Adobe sono davvero vecchi) il lavoro da fare è ampio e sistematico. Insomma Marco, vista dal punto di vista degli sviluppatori, questa transizione UB è molto complicata, specie per progetti complessi.
  6. Esatto, esatto. Questo è possibile. Ma almeno ci sarebbe la consolazione che Apple non è diventata a sua volta un dinosauro estintosi assieme a noi.
  7. Scusa, ma te come lo definisci "professionale"? Io da questo settore escludo gli iMac ed anche i portatili (okkei, questa può essere una ipotesi forte). Con questa definizione Apple sta sotto l'1%, perchè i Power Mac praticamente non vendono più. Il 2006 per la linea professionale dei desktop sarà un bagno di sangue senza precedenti, di questo passo.
  8. Intanto però Photoshop Universal Binary non esiste, e Adobe non sembra farsi commuovere troppo dalle sorti di Mac OSX. Apple fa bene a non rischiare troppo ed è giusto che si apra alternative anche drastiche. Quando si tratta di sopravvivere è bene non guardare in faccia a nessuno. Ripeto: Boot Camp non è la panacea, ma una banale mossa difensiva di una azienda che in ambito professionale rappresenta sì e no un 1%.
  9. A mio modesto modo di vedere la situazione, sul lungo periodo, rientra nei classici canoni di imprevedibilità . Boot Camp (ma soprattutto la coesistenza semplificata con Windows introdotta dai processori Intel) porta con se' chiari profitti e chiare perdite, ma azzardarsi in previsioni stavolta è quanto mai complicato. Credo però che si debba doverosamente ricordare la realtà : il Macintosh - da anni - non è più uno standard professionale di alto livello, salvo che in pochissime nicchie legate al video, ove comunque esistono validissime alternative. La percezione urbi et orbi dei Mac è che siano "giocattoli" di lusso con alcune features eccellenti (esempio: la sicurezza), ma con lacune pazzesche in termini di parco software. Ciò, persino prima della transizione verso Universal Binary. Figuratevi adesso! Quello che voglio dire è che l'ecosistema Mac è in crisi già da anni, e che lo swtich verso UB potrebbe essere quello mortale (vi sorprenderà , ma i produttori di software odiano riscrivere i programmi). Per cui in definitiva Boot Camp è almeno una ancora di salvezza per l'hardware, un modo di continuare a vivere, di prendere tempo, di aspettare momenti migliori. Tutto sommato io credo che una vera compatibilità con Windows non scoraggerà poi troppo gli sviluppatori, o quantomeno non quelli che si sono già abbondamente scoraggiati finora.
  10. Stavo a scherza' un poco sull'urtime diatribe.
  11. E' la classica situazione prevista dalla teoria del caos: una goccia d'acqua sul dorso di una mano, in che direzione cadrà ? E lo stesso qui: l'innegabile aumento di vendite di Macintosh compatibili anche con Windows, invoglierà oppure no a fare software NATIVO per Macintosh? Io non so rispondere, ma penso che su lungo periodo sarà Apple a guadagnarci e Microsoft a perderci (donde la mia profezia sui chip di boot - da non confondere con quelli i Palladium).
  12. Sì, ma non attirare l'attenzione della Morte Nera su questo forum.
  13. Alt alt alt. Io non sto parlando dei Fritz chip [quelli per intendersi di "Palladium" o del TC]. Solo di chip che consentono l'avvio e l'identificazione del computer. Con rigoroso Copyright Microsoft. La ragazza si è fatta le ossa con la Xbox, e ricordati che sta diventando uno dei primi venditori di hardware al mondo. Non le mancano risorse e motivazioni, e un chip del genere non sarebbe affatto illegale.
  14. Per tacer poi, Guass, del fatto che da oggi la pirateria rema a favore di Apple, permettendole di vendere anche nei paesi asiatici (sì, io lo so che è brutto: m è gates, mica io, che ha costruito una fortuna dosando sapientemente la pirateria del software). Ecco, forse sarà proprio con la scusa della pirateria e dei DRM che alla Microsoft metteranno quel benedetto chip di controllo.
  15. Non ho la verità in tasca, ma io vedo la situazione in questo modo: ad oggi Microsoft ha il 95%, e sulle macchine su cui gira windows gira sostanzialmente solo windows (tranne pochi spicci di Linux, per utenti in media avanzati). Da domani, invece, apple entra in questo mercato, nel senso che potenzialmente (dico potenzialmente, è ovvio), tutto quell'intero 95% di machine potrebbe benissimo essere sostituito da macchine Apple con dual boot incorporato. A quel punto come si dovrebbe misurare la quota di Windows? 100%? Oppure 50% O un valore incognito x%? Io credo che a quel punto per Microsoft la frittata sia fatta, semplicemente perchè quel miliardo di persone che prima non aveva alternativa, neppure potenziale, da domani deciderà quanto tempo passare sotto X e quanto sotto Windows. Se tu immagini che anche fosse solo il 10% (che so, magari per navigare sicuri dai virus, o anche solo per montare i filimini o banalmente guardarsi un dvd col telecomando) di queste persone, ecco che otterresti il 9.5% del marcato, cioè 3 volte la intera quota odierna di Apple. Capisci, Guass? LA realtà è che Apple è talmetne indietro nelle vednite da microsoft che qualunque gioco la renda "equivalente" o quantomeno "considerabile" agli occhi delle moltitudini potrebbe far dilagare anche le quote di OSX! A quel punto tutta una serie di dimostrati effetti monopolisitici di Microsoft (in genere legati sul precludere fisicamente ogni alternativa tecnologica), cadrebbe, e con essi filierie da fantastilioni di dollari. Ergo, ciò che io banalmente penso già da un po', è che in tutti gli accordi per Windows Vista sarà precisata l'esigenza (credo per la prima volta nella storia) di montare un chip di controllo. Con questo chip di controllo otterremo 2 cose 1) il controllo di Microsoft quanto meno sui produttori maggiori 2) la fine della informatica degli anni '80 in cui il software si adattava all'hardware Si intende che Apple non sarà azienda gradita, e non avrà il permesso di montare quei chip. Personalmetne dubito che la cosa sia fattibile con Windows XP (perchè è impensabile patchare una filiera produttiva di massa a questo stadio), per cui credo che Apple abbia di fronte a se' quasi un anno per aggredire il mercato come mai finora, ma sono abbastanza sicuro che Microsoft - da Vista in poi - non permetterà più una installazione del proprio software su hardware non controllato. Staremo a vedere.
  16. Concordo sull'ottimismo. Indubbiamente qualche rischio c'è, ma si dovrebbe sempre tenere conto del fatto che tantissime software house hanno abbandonato, già da anni, l'hardware Apple al proprio destino. L'operazione fatta non le stimola di sicuro a scrivere per OSX, ma altrettanto di sicuro difende l'investimento fatto dai propri (di Apple) clienti.
  17. Notizia interessante. Sono costretto a scorrere velocissimamente il forum, i commenti ed il web per impegni pregressi, ma di primo acchito mi sembra una cosa interessante. In dettaglio le mie prime stime 1) al 90% migliorerà le vendite dell'hardware Apple 2) ma al 60% peggiorerà quelle del software, almeno fino a Leopard 3) tuttavia è un fatto certo che tutto questo sarà superato in Leopard, in cui XP potrà girare dentro un box, rendendo ancora più semplice la coesistenza, e soprattutto dando più valore all'OS (OS X, beninteso) attorno al box 4) al 99% Microsoft prenderà contromisure drastiche per impedire che una cosa analoga possa accadere con Windows Vista (quando uscirà ), perchè da questo giochino vince solo Apple. Sono davvero curioso di vedere cosa inventerÃ
  18. Mi pare che tutto quel sito di statistiche (mi riferisco a ostats.com, il padrone della immagine) abbia dei bug pazzeschi. Dalle loro statistiche risulterebbe che Windows98 è al 50% degli accessi, e che il restante 50% è di windows2000. Notevole. Anche nei browoser è notevole: 0%firefox, 0% safari, 0% opera. Mizzega. Che sia Berlusconi il proprietario?
  19. E' possibile elaborare il seguente flusso di lavoro per la scrittura di un libro in pdf? Processo 1 1) elaborazione capitoli distinti in word 2) elaborazione, da parte di word stesso, di un "libro virtuale" costituito dai capitoli precedenti, di cui 1 sarà un indice e il tutto sarà con pagine numerate da 1 fino alla fine 3) passaggio a pdf di questo file "virtuale" Parlo di "virtuale" perchè io ho bisogno che N persone lavorino ad N capitoli enon voglio assolutamente un file word unico. Si può fare? Qualcuno sa come? Oppure, processo 2 1) elaborazione dei singoli capitoli, senza numerazio pagine, in pdf 2) creazione automatica del pdf intero, con aggiunta dinamica delle pagine Anche in questo caso farei creare gli N pdf distinte ad N persone. Però non ho idea come si possa effettuare questo "incolla" automatico del pdf finale
  20. E' possibile che esistano virus che improvvisamente infettano un corpo sano entrando da tutti i buchi disponibili esattametne come una alluvione dilaga attraverso le maglie di una rete fognaria apparentemente stagna? E' bene che in Apple se lo chiedano, perchè si sta ripetendo quanto avvenne negli anni '80 e '90 coi computer. Apple crede di essere, fa credere di essere, e si comporta come se fosse, al 90% di quota in un mercato, quando invece il mercato è talmetne più grande che al 90% ci sono altri. D'improvviso poi il mercato stesso ne "prende coscienza" ed i nemici dilagano anche nella fortezza centrale, il mercato statunitense. Mi riferisco naturalmente al mercato dei riproduttori musicali, ed il nemico è - indovinate un po' - sempre Microsoft. Articoli come questo http://www.thestreet.com/_googlen/tech/gamesandgadgets/10272359.html mostrano chiaramente che il mondo va in 2 direzioni molto diverse: in USA prevalgono i brand, e su tutti Apple. Nel mondo prevalgono le miriadi di soluzioni "spicciole", che apparentemente non hanno nulla in comune, ma in realtà hanno tutte in comune la tecnologia Microsoft. Se ne evince che in USA Microsoft è circa al 30% ed Apple al 70%. Nel mondo invece Microsoft è al 70% e Apple al 30%. Ci vuole quindi molta attenzione e cautela. A vantaggio di Microsoft ci sono già adesso i trend, esattamente come fu per i computer, che seguirono lo stesso trend. A suo svantaggio, va detto, c'è una ancora eccessiva proliferazione di standard (dire "Microsoft" è per fortuna dire un po' tutto), ed una maggiore consapevolezza di Apple di questo tipo di problemi sul lungo periodo. Un fatto però è certo, e ci scommetterei: con il debutto di windows Vista tutti gli standard di Microsoft convergeranno, come un pugno devastante, probabilmente anche "sotto la cintura" (cioè attraverso la sostituzione di Apple nei contratti di vendita con le major). Per quel giorno Apple dovrà avere non dico pronta, ma addirittura dovrà avere in vendita una politica di sub-licenza di tutte le proprie tecnologie ad altri grandi produttori (Sony, Samsung), o nel giro di un paio d'anni l'iPod sarà tornato ad essere, come ai primi del 2000, un prodotto per il 3% della popolazione mondiale. L'esperienza del Macintosh insegna che quella è la via dell'estinzione.
  21. Benvenuto tra noi. Il ritardo è certamente dovuto alla customizzazione.
  22. Non posso neppure usare pop-up. Ho finito per usare dei box che si riposizionano [via javascript] fai conto ogni 200 millisecondi. Certo, con l'hack di Squarz potrei abolire quelle orride chiamate temporizzate. Ho proprio un esempio sotto mano da implementare adesso subito. Magari vi posto le mie impressioni.
  23. Per via dei bug, non perchè manchi la necessità . Vedi, Alex: i programmatori di applicazioni fanno da anni uso di box fissi e box a scorrimento, nella stessa finestra dello stesso programma. Gli usi non sono infiniti, di più. Non lo si fa su web solo perchè Gates ha scommesso con sua nonna che avrebbe (per puro sadismo) impedito questa cosa fino al 2007. E ha vinto lui...