evgalois

Members
  • Posts

    224
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by evgalois

  1. Concordo sul fatto che versioni troppo ravvicinate creano problemi agli utenti, perchè i vari vendor poi non aggiornano gli oggetti all'ultima versione. Per il resto trovo che un OS del tutto indipendente dai vendor sia ottimo, va a tutto vantaggio del consumatore (basta pensare al monopolio wintel). Google-Win dubito faranno mai un accordo, MS ha appena sfornato WindowsPhone7 ed è agli antipodi di Android come filosofia.
  2. Però WindowsCe non è mai stato "Windows ricompilato per ARM" (per usare l'espressione molto azzeccata di gennaro). Solo il vetusto NT ha avuto come vero e proprio target alternativo i processori DEC Alpha. WindowsCE è stato riscritto da zero ed è WindowsPhone7, che non ha NIENTE a che vedere con il codebase di Windows.
  3. Windows per ARM, secondo me, è completamente fuori luogo, oltre ad essere un doppione di WindowsPhone7 (esattamente come ChromeOS sarà presto abbandonato perchè si sovrappone troppo con Android). Per rendere il paragone, è come se Apple facesse un MacOsX per ARM, in diretta competizione con iOS.
  4. This !!! Io personalmente accedo solamente dalla lista "post forum recenti", e quando c'è lo spam delle news chiudo direttamente il forum. Quantomeno nella sezione nuovi messaggi non ci dovrebbero finire i post del "sistema".
  5. Ma infatti, non è assolutamente la fine del PC. Il fatto è che finalmente si useranno altri dispositivi per fare quello che prima era fattibile solo con un PC.
  6. Io sono d'accordo con te e non cedo a bumper e cover varie. Quando e se il cellulare (qualsiasi marca e modello sia) si dovesse rovinare, lo cambio. C'è anche un piccolo problema con cover&co, spesso è problematico se non impossibile inserire il telefono in supporti con connettori annessi.
  7. Marioz, una piccola speranza c'è: qualche mese fa hanno scoperto (e reso pubblica) la master key per tutte le possibili criptature HDCP, prossimo passo è che qualche hw-vendor rompa lo schieramento e venda un recorder con HDMI input.
  8. Io ti sconsiglierei di smontare e rimontare l'iPhone. Ricordo un utente di questo forum che pur seguendo ed eseguendo alla perfezione i passi della guida iFixit, alla fine non riusciva a prendere più di una tacca di campo, laddove era al massimo.
  9. Non posso che congratularmi se tu passi tutto al validatore e togli tutti gli errori, ne ho visti davvero pochi di siti che lo passano. Quello che volevo dire è che, se anche metti il DTD XHTML, se poi non passi il validatore di fatto non stai usando XHTML. Macity non è XHTML. Il DTD è una tua promessa, i browser di fatto si fidano pochissimo delle promesse dei realizzatori di siti, difatti se togli del tutto il DTD, praticamente rimane tutto in piedi esattamente come prima (a parte alcuni casi). Anzi, i browser sono realizzati per accettare le più turpi schifezze di markup. E' per questo che gran parte degli sviluppatori fa la promessa, ma non la valida.
  10. Certo, ma infatti se passi ad esempio questa pagina al W3C validator (The W3C Markup Validation Service) ti segnala 39 errori e 23 warnings. Qualche sito perfettamente conformi a XHTML1 transitional si trova. Conformi a XHTML1 strict sono quasi esercizi di stile.
  11. Come risposta ti porto ad esempio la "storia" di HTML5. Dopo HTML4 il W3C si era buttato nella definizione di un nuovo standard, XHTML (nelle due versioni 1.0 e 1.1). Purtroppo era un po' troppo ambizioso e idealistico, praticamente nessun sito esistente era conforme a XHTML e per renderlo spesso doveva essere o pesantemente riscritto o pesantemente limitato. Passarono svariati anni in cui la specifica XHTML era presente, ma ancora in "lavorazione", quasi per niente adottata dai realizzatori di siti e parecchio osteggiata dalle corporation del settore. Siccome passavano gli anni, un consorzio di grandi corporation che non amava XHTML, decise di prendere la palla al balzo e cominciare a definire HTML5, come estensione di HTML4, con tantissime novità , però anche con tanti accorgimenti ripresi da XHTML. Lo scopo era fare qualcosa di più facilmente raggiungibile e usabile da chi finora aveva impiegato HTML4. Il W3C ha riconosciuto il successo che stava avendo HTML5 sin dagli inizi, e alla fine le due entità (gruppo di lavoro del W3C e di HTML5) si sono fuse per continuare a lavorare su HTML5 e abbandonare definitivamente XHTML. Il potere al W3C lo danno le grandi corporation stesse, che lo hanno intitolato come organismo super partes. Se vai a vedere chi sono i partecipanti veri e propri dei vari working group, vedrai che ci sono emissari di MS, Apple, Nokia, IBM, Mozilla, etc. Questo ovviamente ha anche delle controindicazioni... vedi lo stesso HTML5, che nella famosissima sezione dei codec video di fatto NON ha ancora definito uno standard. Parte delle corporation vorrebbero uno standard completamente aperto e libero da patents, un'altra parte non è d'accordo, risultato ciascuno fa come vuole.
  12. In realtà hanno fatto un po' di mezzi passi indietro. Le SD esterne si possono montare, ma appena montate sono formattate "secure" (la S di SD) per cui non sono più leggibili (per ora) da altri dispositivi se non quello che le ha formattate. Inizialmente MS voleva controllo totale sugli aggiornamenti, poi hanno dovuto correggere il tiro dicendo che il Vendor avrà comunque l'ultima parola dato che deve testare se l'aggiornamento funziona correttamente sul device e non compromette la user experience, in ogni caso se un vendor salta un aggiornamento, non può applicare i successivi. Android è effettivamente frammentato per quanto riguarda gli aggiornamenti, tutti sotto il completo controllo del vendor, il che è veramente fastidioso. Per le applicazioni la situazione è molto più rosea di come viene dipinta, i casi di incompatibilità delle applicazioni "serie" sono pochissimi, del tutto paragonabili ai problemi che ci sono anche sulla piattaforma Apple tra 3G, 3GS, 4, iPad.
  13. E' vero che adesso l'implemenrtazione di Flash su "mobile" lascia abbastanza a desiderare, in buona parte anche per la limitatezza delle CPU, ma se con il tempo affinano l'implementazione e crescono le CPU, chi ci ha creduto capitalizza e chi no dovrà fare marcia indietro. Vedremo chi avrà avuto ragione.
  14. Da sviluppatore sono rimasto clamorosamente deluso dal fatto che si programma in SilverLight e non c'è nessun supporto per C++ (quest'ultima critica è stata addirittura twittata da Carmack).
  15. Quasi la totalità del parco installato di IE6 sta nell'ambito "enterprise", dove tutt'oggi le "nuove macchine" arrivano con licenza Seven downgradata a XP.
  16. Si, io l'ho capita così: tool gratis, ma pubblica GameSalad, di fatto uno store nello store, cioè due grattugiate al guadagno, la prima di Apple la seconda di GameSalad.
  17. C'è anche da dire che la dichiarazione non poteva essere che questa, anche se in realtà avessero la casa piena di prodotti Apple. Ci sono implicazioni che travalicano la nostra comprensione, dal rapporto con gli azionisti al mercato finanziario in toto.
  18. Farla sviluppare a Sun/Oracle sarebbe effettivamente la via migliore e anche quella più corretta, va però un po' in controtendenza con la volontà di Apple di controllare tutti i componenti del software che offre.
  19. Da come la dipingi, sembra che una azienda scelga quasi a caso i suoi dipendenti e si affidi alla loro buona volontà per la formazione. In realtà immagino che per essere assunti (anche in prova) si debba superare una certa selezione, dimostrando una certa competenza tecnica e umana, e trattandosi di Apple mi stupirebbe se questo aspetto non fosse curatissimo come tutto il resto.
  20. Esatto! E aggiungo che questo modo di fare ha anche l'effetto collaterale di motivare chi rimane a dare ancora di più.
  21. Io mi domando come possano concedere una "patent" per una frase... sta diventando un fenomeno grottesco.
  22. ...notare che le app si programmano in un derivato di Silverlight.
  23. Permettetemi di dissentire (in senso buono ovviamente), a meno di non avere esigenze particolarissime, molto meglio una macchina da 1600€ che ricompri ogni due anni che una da 2500€ da ricomprare ogni tre anni. E' vero che nei primi due anni la macchina da 2500€ va un po' meglio di quella da 1600€, ma nel terzo anno una la rimpiazzi e surclassi l'altra. Dipende tutto da quanto hai bisogno di "spingere al limite" la macchina e quindi da quanto veramente ti fa la differenza una macchina rispetto all'altra. E questo discorso puoi scalarlo su qualsiasi tua disponibilità economica, tranne che nel caso in cui sia infinita. Riguardo i benefici dell'SSD, beh, certo che rispetto ad un HDD va meglio, ma i vantaggi potrebbero essere più un vezzo che una reale necessità . Comunque intendiamoci, io compro quasi tutto per vezzo.
  24. Provo a darti una risposta alternativa. Metti di avere due processori, il primo ha un solo core di potenza 20 (numero generico, solo per confronto), il secondo ha due core ciascuno di potenza 10. In generale il primo sarà sempre largamente preferibile al secondo, perchè nel migliore dei casi il software riuscirà a sfruttarli entrambi e raggiungere una resa di diciamo 19 (1 viene perso per coordinarli e distribuire il carico). Nel peggiore dei casi il software ne userà solo uno e avrai una resa di 10. Al salire del numero di core, cresce sia l'onere necessario per coordinarli che la complessità del software che dovrebbe sfruttarli. Non è affatto raro trovare software che scalano bene sino a 4/8 core, ma poi ulteriori core non hanno vantaggi. La mia risposta alla tua domanda è nel contenuto quasi uguale a quella di Lord_Mac, nel senso che se non ti si è mai posto il problema di aumentare i core (esempio perchè usi un software molto specifico che tu sai già che scala ottimamente con i core e hai effettivamente necessità di tagliare quei tempi), allora vai tranquillo che potrai anche notare la differenza tra un quad e un normale, ma non ti è necessaria.
  25. Io avevo precisato di riferirmi ai soli beni voluttuari e non a quelli che sei obbligato a comprare, ma tutto sommato funziona benone anche per l'utilizzo business. Puoi dargli l'aspetto e la giustifazione che preferisci, mai stai dicendo esattamente quello che intendevo dire io: quando costava 300€ lo hai comprato perchè lo consideravi un prezzo equo, mentre non consideravi equo 3000€ e per assurdo nemmeno 29€. Pensaci bene, un utente può dire che è lecito comprare un iDevice a prezzo superiore perchè mettendo sulla bilancia tutto ciò che ottiene, alla fine il prezzo è "equo" per lui. Per un altro utente può non esserlo. Non c'è una formula magica che ti permette di calcolare il prezzo "equo" universale per tutti, ma è diverso per ciascuno e alla fine è esattamente quello che sei disposto a spendere per l'oggetto.