u.Go

Members
  • Content Count

    1,123
  • Joined

  • Last visited

About u.Go

  • Rank
    Master Bomber

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Ugo Fantozzi
  • Città
    Outside
  1. Lo slider del preamplificatore arriva fino a +12db, cosa che equivale a quadruplicare il volume: Ogni 6 il volume raddoppia. Al di la del nome dato agli slider bisogna vedere se il preamlificatore funziona effettivamente da preamplificatore e non invece da potenziometro; cioè se amplifichi l'intensità del segnale d'origine oppure limiti il freno al circuito di amplificazione. Se l'elettronica è di buona qualità la seconda ipotesi è preferibile ma è sempre meglio usare un DAC esterno, anche per via del reclock che elimina completamente il jittering: l'errore temporale che si verifica quando un insieme di dati viene decodificato in anticipo od in ritardo. Puoi spendere poco, oppure molto. Dipende da te. Considera anche soluzioni più complete, che però non sono portatili, come il Dac Magic di Cambrige Audio. Ciao
  2. Io Photoline che ho scelto quando una serie di ragioni mi hanno fatto ritenere inutile il costo di aggiornamento a Photoshop; non ultima il suo gigantismo. GIMP fa tutto e bene ma ha un'interfaccia molto scomoda, disintegrata. Hanno fatto Gimpshop ma fino a quando ho cercato di usarlo era troppo poco stabile. Meno male che usando il tasto destro del mouse sull'immagine accedi a più o meno tutte le funzioni. Salvo recenti modifiche, GIMP, è poi limitato ad 8 bit per canale. Niente 16 e niente virgola mobile con gamma lineare; cioè niente immagini HDR.
  3. Qualcuno ce l'ha con te e si diverte. A me non perdonano l'uso di Torrent e questa notte mentre scaricavo "À nous la liberté" una pellicola del 1931, mi hanno messo fuori uso una macchina per la terza volta in due anni. Le applicazioni, tutte - anche quelle del sistema operativo, all'improvviso falliscono l'accesso alla memoria e si piantano; nel secondo caso piantano anche il computer. Diventa impossibile persino re-istallare il sistema operativo a causa di analoghi problemi di accesso al disco... La macchina è sempre la stessa (di quattro che ne ho) e per questo la tengo scollegata dalla rete; ma, quando mi dimentico o penso sia finita e la collego, loro sono sempre li che aspettano. L'ultima volta ho dovuto cambiare i banchi di RAM ed il disco di boot. L'ho detto per consolarti:-)
  4. Photoline ha una funzione di maschera veloce simile e più flessibile di quella in photoshop. Inizi con qualunque strumento, l'attivi e la rifinisci con l'apposito pennello. Dal momento che la maschera è un'immagine in bianco e nero dove il bianco lascia vedere, il nero nasconde ed il grigio interagisce in funzione della sua densità , puoi anche esportarla e trattarla come immagine separata. Poi la reimporti oppure la copi ed incolli: a scelta come canale Alpha o come maschera di livello. Un modo efficace per fare una maschera a soggetti complessi è di dupplicarla, trasformarla in scala di grigi e collassare i livelli portando i triangolini agli estremi dell'istogramma verso il centro, in modo da trovare il giusto contrasto per la separazione. C'è una mezza dozzina di applicazioni dedicate ma impararle bene richiede più tempo di quanto si è portati a credere. La funzione "Extract" di Photoshop (credo ci sia qualcosa di simile anche per GIMP) è equiparabile ad una di queste ma è molto più facile ed immediata da usare. Ricordo il tempo speso (oltre ai soldi) con Ultimatte KnokOut, 12 anni fa, mi mi porto le mani alla testa.
  5. A parte che i link a RAI International danno 404, i file .wvx sono normali XML che ridirigono Windows Media Player verso i contenuti. <ASX version = "3.0"> <Title>videos</Title> <Entry> <Ref href="http://www.example.com/media1.wmv"/> </Entry> <Entry> <Ref href="http://www.example.com/media2.wmv"/> </Entry> </ASX> Scaricando ed aprendo il file .wvx in qualunque editor di testo puoi leggere l'indirizzo esatto dei video collegati.
  6. Se la sorgente è di qualità , cioè se (per usare una metafora semplice) la tela del quadro di 1920 x 1080 è realmente piena di informazioni (che non ce ne starebbero in una più piccola) non hai scelta, ma l'AVC è molto più efficiente dell'MJPEG ed è bene preferirlo ogni volta che ci sia un limite del datarate non superabile qualunque codec si scelga. Per convertire c'è sempre tempo.
  7. Se la TV fosse 4:3 potrebbe essere attivato il pan&scan invece del letterbox, ma dubito che una LED, quindi dell'ultima generazione, lo sia.
  8. Questo problema si verificava con le TV a tubo per via dell'overscanning: del leggero ingrandimento che taglia i bordi del quadro. Strano che ti succeda con un pannello LCD, comunque tutti i software di editing che conosco possono visualizzare le cornici che delimitano le aree cd. Title-safe ed Action-safe. iMovie ed iDVD non li ho mai (si può dire?) cacati. Qualcun altro ti dirà come attivarle.
  9. L'angolo di campo in un teatro certificato THX va da 70° per la fila più vicina allo schermo a 38° (non uno di meno) per quella più lontana. In genere si consiglia un angolo (FOV=Field Of View) di 50° e ciò significa che uno schermo 1080i/p da 60 pollici andrebbe visto da una distanza di 94 pollici (238.76cm) mentre si raggiungono i 70° avvicinandosi a 38. (96.52cm). Uno schermo 720p da 60 pollici (ammesso che esista) non avrebbe una risoluzione sufficiente per essere invece guardato da meno di un metro. E' possibile che questi siano anche i numeri usati dal software di controllo dei tuoi occhiali stereo. Ciao.
  10. Per difendere un sistema lo devi conoscere e non c'è modo migliore di farlo che attaccandolo. La differenza non è attitudinale ma generazionale. Da giovane non ti interessa il denaro, ingaggi le sfide per il gusto di vincerle, per provare a te stesso che sei bravo. Non guadagni semplicemente perché sei fuori dal sistema che un giorno ti pagherà per difenderlo. Chi agisce per il piacere di fare si arricchisce di conseguenza. E' chi punta subito al denaro che corre il rischio di diventare delinquente. — Questo in generale. Va da sé che chi diffonde virus deve rispondere delle proprie azioni davanti alla legge.
  11. Quoto PiccoloRe E' possibile, non è sicuro ma pare che l'aspirazione e la spinta siano lo stesso fenomeno osservato dai due lati contrapposti della ventola. Dipende dal progetto.
  12. La prima cosa da fare per contenere la perdita di qualità è non dover deinterallacciare. L'ideale sarebbe una fonte progressiva ma anche una telecinemata si presta bene perché consente il perfetto riallineamento dei semicampi; dal momento che sono stati generati artificialmente da un fotogramma intero non c'è scarto temporale fra le coppie. Purtroppo conosco un solo riallineatore ed è un plugin di Avisynth, Decomb di Donald A. Graft, ma Avisynth è per Windows. Telecide (order=1, guide=2) per il PAL. L'NTSC da 29.976 può essere riportato a 24 (23.967) aggiungendo la stringa Decimate() e cambiando il valore del parametro "guide" in 1. 3 se l'originale non è un film 24fps ma un file digitale progressivo PAL, perché il pull down in questo caso non segue il pattern 3:2 ma 3:2:3:2:2. Non disponendo di un semplice riallineatore la seconda scelta è cercare il miglior deinterlacer. In teoria sono quelli che si basano sulla individuazione dei vettori di moto, cioè che dividono il fotogramma in una griglia e poi seguono gli spostamenti dei singoli blocchi di fotogramma in fotogramma. Il principio di base, cd. Motion Detection, è lo stesso usato per i sistemi di riduzione del rumore, nei vari codec di compressione ed altro. Più piccolo il blocco, maggiore la precisione e più lento il processo di calcolo. I software commerciali raramente usano i deinterlacer migliori e costano cari. Avisynth invece è stato il banco di prova per generazioni di studenti di informatica che hanno messo a disposizione della comunità quanto di meglio riuscivano ad ingenierizzare. Sono nati così TDeint, MSU Denterlacer dell'università di Mosca, Kernel Deint ed un'infinità di altre funzioni. Non tutto è perduto, comunque, perché alcuni programmi per Mac sono interfacce di Mplayer/Mcoder, programma sviluppato per Linux che contiene ottimi algoritmi di deinterallacciamento così come Avidemux per Mac che ha TDeint (per me il migliore) Kernel Deint e Yadif; quest'ultimo non è il massimo ma viaggia alla velocità della luce ed infatti è usato da VLC per il rendering in tempo reale. La seconda cosa è il datarare ma c'è il limite dell'utilità ; a dire che se la riduzione del file non è almeno 1/3 od 1/4 perde di senso farla e senza i tool dell'mp4 simple advanced (B-frmes, Quarter Pixel e GMC) è dura scendere sotto 1.5GB senza perdere visibilmente qualità . Ogni film merita però un discorso a se, in funzione della quantità di movimento, della presenza o meno di sfumature o supefici con colori omogenei (in ordine le prime e le seconde a mostrare i limiti della quantizzazione) o della struttura della grana: L'ostacolo principale di ogni encoder a causa del suo continuo movimento. Le variabili da considerare sono tante ed ogniuna si riflette nelle impostazioni, sopratutto nei threshod (soglie) di intervento delle varie routines implementate nei programmi di compressione. Esempio: Una pellicola anni settanta richiede una soglia di individuazione del moto ben più alta di una di oggi, questo per evitare di considerare movimento il tipico effetto della grana... Non c'è una medicina per tutte le malattie ma se i film che vuoi convertire sono recenti con un codec moderno poco più di un MBit/s dovrebbe essere abbastanza. Scala a 720 x 400 con 1 Mbit/s con l'AVC Main Profile oppure 1.5 con lMPEG-4 Simple profile tipo XviD. Un buon compromesso potrebbe essere demoltiplicare le tracce con un programma come Mpeg Streamclip e poi deinterallacciare, scalare e comprimere l'mpeg-2 (e l'AC3) con Avidemux. Ciao.
  13. I programmi semplici e quelli chiusi fanno ciò che possono: Poco. Le tracce audio 5+1 (ed oltre) non possono essere rimappate in 2Ch senza intervenire a cuore aperto e sopratutto hanno un volume molto basso per accomodare la dinamca degli effetti; volume che non può aumentarsi e dinamica che non può comprimersi senza vedere la forma d'onda. Stesso discorso per i pre-processi che a volte vanno applicati al video e richiedono un passaggio preventivo di analisi dei vettori che solo alcuni programmi professionali o, notoriamete, i plugin di Avisynth per Windows possono tracciare. Occorre sensibilità e molta esperienza; la compressione, la codifica è un'arte. Non è solo questione di raggiungere il migliore equilibrio fra qualità e datarate ma di determinazione della qualità in se. Se però il tuo obietivo è di fare file di buona qualità che siano compatibili con i lettori standalone, ti basta ti basta scegliere il preset giusto. Ogni programma ne ha da vendere. In genere i lettori da tavolo riproducono l'mpeg-4 (part-2) Simple Profile, cioè senza B-frames, Quarter Pixel e Global Motion Compensation. La decodifica tramite GPU, necessaria per visualizzare l'alta definizione con i Netbook dotati di processori insufficienti, richiede invece la compabilità con DXVA che attualmente accelera l'AVC ed il VC-1 Advanced Profile. Poi è necessario uno splitter adeguato come Haali Media splitter od un player che incorpori le routines necessarie, tipo Media Player Classic (solo AVC). Sui Netbook gira Windows... Sto divagando e poi questo è un forum di Mac User :-) ma se ti interessa dimmelo che lo continuo volentieri.
  14. mmx, guarda che bel fotomontaggio. Sono pure due sorelle...