u.Go

Members
  • Content Count

    1,123
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by u.Go

  1. Nessuno se prima non comperi un D/A esterno: almeno un M-Audio Transit.
  2. A me piacciono tutti i computer e tutti i sistemi operativi; non vedo perché uno dovrebbe scegliere o scegliere definitivamente una piattaforma a scapito delle altre. Però più dei sistemi operativi io mi innamoro dei programmi scegliendo il sistema operativo di conseguenza. Poi dopo un po' mi stufo, li pianto e cambio. Come avrei voluto fare con le donne.
  3. Hai mai sentito parlare di immagini del sistema? Con Acronis, Ghost Image, ora anche direttamente con il Pannello di Controllo di W7? Io ho sempre tenuto i dati in un disco diverso da quello di sistema ed ogni 5, 6 mesi - anche senza che ce ne fosse bisogno ma seguendo un orologio basato sul numero di abusi perpetrati alla macchina, ripristinato l'immagine disco in 5 minuti.
  4. Non c'è una esportazione di qualità per YouTube perché questo ricodifica comunque tutto il materiale che riceve in più versioni; conserva l'originale e ad ogni aggiornamento tecnologico lo codifica di nuovo. Ci sono codec che si prestano meglio alla ricodifica come quelli basati solo sulla compressione spaziale ma non sono specifici di YouTube.
  5. Dalla sua ha che costa meno di uno shareware, anche se questo è il controvalore del controllo orwelliano che Apple si riserva nella distribuzione. Ricordando un sogno della sinistra italiana in campo fiscale potremmo dire che Apple prova a far pagare meno sperando di riuscire a far pagare tutti. Al momento non posso testarlo ma la lentezza difficilmente è dovuta al codice 32 bit; piuttosto alla sua scarsa qualità e/o al mancato utilizzo della scheda grafica. Bisogna però vedere i parametri di default del programma e dei codec perché questi determinano differenze anche di 10 X. Certo la velocità cui codifica MainConcept Reference fa impressione ma per chi ha bisogno di pubblicare sistematicamente sul Web od altri dispositivi che richiedano la compressione del materiale le alternative non mancano ed il prezzo è giustificato. Vedi Sorenson Squeeze, Telestream Episode, lo stesso Main Concept Reference oppure Innobits Bitvice per il solo mpeg-2.
  6. Non ho letto il manuale; lo farò ma ad occhio non credo perché BluStreak Tracer può riprogrammare i comandi del Blue Ray ma non mi sembra possa aggiungere risorse come i menu a comparsa o le tracce audio, ne spostare queste fuori dal multiplexing. I menù a comparsa multinodo (con più opzioni per ogni voce) sono poi completamente diversi da quelli DVD like. Un caso rarissimo in cui, invece di scapparmi, la lettera ce l'ho aggiunta Buona notte.
  7. Si sposto il discorso sul sistema operativo perché usare Windows sul Mac (ho scritto Mac) mi sembra un po' un workaround. Allora comprati un PC. Poi non capisco cosa tu intenda per "finitamente professionale". Nelle specifiche che hai linkato non c'è traccia di Sottofigure ed audio out of stream. Cosa che permette di chiamare i menù durante la riproduzione del film o di fare uno slideshow senza che l'audio si interrompa saltando la sequenza prestabilita delle fotografie. Non si parla nemmeno di sottofigure a 24 bit, di interazione Java con il web, di menù con sottocategorie navigabili. Questo per citare le differenza principali del Blue Ray rispetto al DVD. A parte, ovviamente, i codec e la risoluzione del video.
  8. @faxus. Unity. Io non mi lamento mai, mi diverto. E appena posso l'Apple lo ricompro. Ciauu.
  9. E curioso come tutti gli utenti Apple snobbino Premiere. Io stesso, che pure non uso Apple da anni (e che aspettavo invano un Final Cut Studio Miracle per tornare) se posso lo evito; lo relego in fondo alla lista delle opzioni. Questo è vero da sempre, dai tempi di Media 100 - facciamo una quindicina d'anni fa, ma è strano perché Premiere è oggi un software eccellente per caratteristiche, operabilità e prestazioni. Strano anche che nessuno consideri più Media 100. Quanto agli standard io personalmente me ne frego; so bene che si può convertire tutto e mi innamoro sempre delle cose diverse, delle scelte meno praticate. Non fosse che per questo. Ciao. Ps: Taylor Camp è un documentario del 2009 montato con Media 100 che parla di un gruppo di ragazzi incarcerati per vagabondaggio nell'isola di Kauai (hawaii) i quali fondano una comunità Hippie sul terreno e con l'aiuto del fratello di Elizabeth Taylor. Howard Taylor l'aveva comperato per farci una villa ma la zona stava diventando il parco nazionale di Haʻena e non potendo ottenere il permesso di costruirci lo utilizzò per questo progetto.
  10. Con Apple, la parola Mac è destinata a scomparire, non puoi fare Blue Ray di tipo professionale mentre su Windows le soluzioni proliferano con il passare dei giorni. A parte i soliti Scenarist BD e Sony Blu-print oppure DoStudio, ora ci sono anche BDSharp e EasyBD Suite. Di Windows vorrei dire che ho un Dell Precision Station con XP Pro sp3 dal 2007 che si è bloccato la prima volta alla fine del 2010 per un banco di DDR corrotto. Poi un Thinkpad con Windows 7 Pro dal marzo dell'anno scorso che non si è ancora fermato e questo nonostante le mie ordinarie sevizie. Windows 7 Pro lo trovo anche carino. @faxus. Ti piace Unity?
  11. Intanto è uscito sul Web il primo lavoro tagliato con FCX. E' sul calcio storico fiorentino (...) e lo potete vedere qui. Il sito dell'autore. Fatto con RED e Canon 5D.
  12. Era una battuta per giustapposizone. Tipo: "A Teramo è stato appena trovato il Dino Sauro meglio conservato della storia ma è Genova che si conserva quello più antico: il Nazario Sauro". Ciao.
  13. Ora che hai risolto il problema con Joomla guarda com'erano i siti di una volta. Questo è dell'Isola di Sark che nel 2008 è passata da un sistema di governo feudale ad uno ottocentesco-dittatoriale ma si è dimenticata il sito. Buon lavoro!
  14. Dopo aver osservato due giorni di lutto completo, stando in silenzio per la disperazione che sembra aver avvolto lo già stremato popolo di Final Cut, noto che oltre a molte funzioni professionali è sparito anche Pode. Che qualcuno controlli se si è impiccato...
  15. Non mi sembra. Il sample size (Bit Depth) nel file sorgente è pari a 16bit mentre in quello di destinazione non è specificato. Il sampling rate è in entrambi i casi di 48KHz. File sorgente: Audio Codecs Used.................................AC3 [...] Audio Stream Length...............................46s 80ms Audio Stream BitRate..............................256 Kbps Audio Stream BitRate Mode.........................CBR Number of Audio Channels..........................2 Audio Channel's Positions.........................Front: L R Sampling Rate.....................................48.0 KHz Bit Depth.........................................16 bits Audio Stream Delay................................123ms Audio Stream Size.................................1.41 MiB (3%) File risultante: Audio Codecs Used.................................AAC LC [...] Audio Stream Length...............................46s 16ms Audio Stream BitRate..............................128 Kbps Audio Stream BitRate Mode.........................VBR Number of Audio Channels..........................2 Audio Channel's Positions.........................Front: L R Sampling Rate.....................................48.0 KHz Audio Stream Size.................................719 KiB (3%) Audio Stream Language.............................English Ciao.
  16. Se ricordo bene i file delle Handycam sono mpeg-2 a risoluzione standard scritti su miniDVD ed hanno l'estensione .mod che puoi cambiare in .mpg. Quelli delle NEX sono invece AVCHD e cioè ad alta definizione ma già .mp4. I dati che hai incollato immagino si riferiscano a materiale della Handycam, infatti il file di partenza è un normale DVD Pal. Quello di destinazione è invece un mp4 baseline; semplice, senza b-frame, cabac e con dct a blocchi solo di 8x8. Normale che, nonostante la quantizzazione vbr piuttosto elevata (da 10 a 50) abbia un datarate pari a più della metà dell'mpeg-2 originale. L'audio passa da ac3 ad aac 128Kb/s senza ridurre il campionamento di 48K. Neppure il file di destinazione è HD. In ogni caso, azzardo, potrebbe risultarti schiacciato lungo l'asse orizzontale perché il 720x576 è un formaro anamorfico. Ciò tanto con i video 4:3 che con i 16:9. Per sicurezza, non tutti i player leggono correttamente i metadati - quindi il PAR, imposta come risoluzione finale 768x576 con i 4:3 oppure 1024x576 con 16/9. Ciao. @sem, l'A/D delle videocamere assai raramente va oltre i 10, 12 bit e la codifica oltre i 10. Il workflow a 10 bit, talvolta a 16 RGB e talaltra anche lineare (floating point con gamma = 1.0) serve per avere la retromarcia nelle correzioni che involgono il gamma o, nel caso dei 16 bit RGB, in quelle del colore che nell' RGB è descritto insieme al livello di luminosità .
  17. Mi sembra che Handbrake utilizzi x264. Se così, per ottenere un mp4 avc, anche detto H264, lossless è sufficiente impostare il parametro quantizer = 0. Cioè: --qp 0 La codifica di soli fotogrammi interi, cioè senza p (predictive) e B (bidirectional) la ottieni specificando un rapporto fra I frame e P frame = a 1 e così pure quello fra P e B. Ovvero: --ipratio 1.0 --pbratio 1.0. Ciao.
  18. Mi vengono in mente le promozioni sui canali radiofonici che potrebbero andare in onda solo con l'autorizzazione del ministero ma che da sempre lo fanno senza aspettarla. La famosa: "Autorizzazione ministeriale richiesta". Però così è una buffonata.
  19. L'handicap di DW è di essere un prodotto vecchio anche se si è adattato all'evoluzione delle tecniche applicate. E' nato prima dei CSS e lo dimostra supportandoli in modo molto meno diretto e sistematico di Expression Web che, a mio avviso, è oggi il miglior tool di sviluppo orientato al designer in circolazione, specialmente con il supporto di Visual Studio (e di un coder). I CSS sono comunque destinati a lasciare il posto all' HTML5. Il bisogno di separare la presentazione dal contenuto è nato infatti per la sopravvenuta inadeguatezza dell'HTML4 a gestire i contenuti multimediali una volta diventati parte fondamentale del Web. Ci sono poi i CMS ed anche a questo riguardo devo continuare l'apologia di Microsoft che mette a disposizione due strumenti gratuiti eccellenti, uno per la gestione on-line - Live Writer (della Suite "Live") ed un altro per la creazione di siti in locale da installare presso qualsivoglia Web Hosting: Web Matrix. Il secondo permette l'utilizzo trasparente di tutti i CMS esistenti e delle loro estensioni, ha un server incorporato ed un FTP. Sono strumenti che nel mondo Apple mancano e farebbero molto comodo. Un'ultima cosa: esistono diversi, ottimi negozi on-line open source. Per esempio nopCommerce, Kartris, mojoPortal. Oppure il giapponese EC-CUBE. Ciao.
  20. Scrivener non mi sembra un diretto concorrente di Storymill; è più articolato ed allo stesso tempo più generico di un software dedicato alla scrittura di soggetti strutturati come i romanzi o le sceneggiature. Oltretutto Storymill è limitato al romanzo perché manca delle funzioni che assecondano le procedure tipiche della preproduzione cinematografica. Da quest'ultimo punto di vista il più rinomato è sempre stato Final Draft che dovrebbe avere un dizionario italiano ma nessuna localizzazione. A prezzo molto inferiore c'è Celtx da un po' di anni che è molto community oriented. Di software simili ne trovi comunque una dozzina, basta fare un ricerca su Google, ma sono dell'idea che un template fatto bene basti ed avanzi. La BBC ne mette a disposizione per Word, qui ne trovi invece uno per Open Office. Ciao.
  21. Ti vedo negli occhi delle persone che hai fotografato. E' la vita.
  22. Io sono sempre stato un sostenitore dei template CSS, liberi o a pagamento poco importa. Ne prendi uno, lo dupplichi per ogni pagina che ti serve e lo riempi dei contenuti. Niente Editor visuale, BBEdit va benissimo e la preview la fai nel browser; certo devi conoscere un po' il codice e personalizzare-aggiornare i link a mano ma con la funzione Search&Replace si fa presto. Con un po di pazienza il layout CSS lo puoi fare da solo. Concordo però sulla comodità dei CMS citati da faxus. Anche il vecchio blogger conoscendo i CSS poteva già essere personalizzato a sufficienza e poi c'era l'audioblog che metteva (mette ancora) a disposizione un numero di telefono per lasciare audiomessaggi con il cellulare: L'antisegnano rimasto vieppiù incompreso di Youtube. Wordpress è meglio, Joomla ancora di più. Drupa che è: la moglie di ? Wordpress va già benissimo sul loro network e non vedo perché un utente normale dovrebbe installarlo altrove, ne dimenticherei di valutare TypePad. The Theme Foundry ha bellissimi temi per Wordpress. Ciao.
  23. Un artista non ha tariffe. Ci sono due mercati: quelli di chi è noto per i lavori che ha fatto e quello di chi ancora non lo è (e magari non lo sarà mai) ma ha comunque uno studio; ha investito, paga le imposte e si presume sia competente. I professionisti appartenenti alla seconda categoria intercettano clienti occasionali, potremmo dire di passaggio: gli unici con i quali ha senso una tariffa ed è giusto e sacrosanto che ci sia. Tutti gli altri "operatori" sono semplicemente fuori dal mercato. Forse un giorno ne faranno parte ma al momento non ci sono ed i professionisti farebbero bene - anche per la loro salute, a non considerarli affatto. Altrimenti più che al mangiare, come dice pode, sono alla frutta.
  24. I dipendenti di Aruba vanno a...ruba. Nondimeno vi consiglio di laciarli perdere e di considerare solo provider affidabili (...) come STRATO. Il codice di Rapidweaver, poi, sembra essere normale HTML+CSS. All the code generated by RapidWeaver adheres to published web standards, ensuring that sites look great in all popular browsers - and RapidWeaver themes are built using CSS, making it easy for code-savvy users to completely customise their sites. Ciao.
  25. Apri l'audio in un editor tipo Audacity (free) e vedi se la forma d'onda è bassa. Se si hai tre strade in ordine di complicazione ma amche di qualità crescente: (1) aumenti il volume, prova con +6db che vuol dire il doppio (2) normalizza al 100% (3) usa un compressore di dinamica per aumentare il volume evitando la saturazione.