Mikko75

Members
  • Posts

    16
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by Mikko75

  1. Ho notato che sul forum molti utenti chiedono informazioni sulla possibilità che un mac con installato osx possa essere vittima di virus (teniamo buona questa definizione anche per classificare malware in generale).

    In una rassegna del 2003 che potete trovare qui, vengono fornite cifre per un raffronto attuale:

    -eranpo noti 71.000 virus

    -di questi 579 erano in grado di infettare un mac (sistema pre MAC OSX) vuol dire meno dell'1% del totale

    - di questi 553 colpivano solo le versioni mac di office attraverso macro

    -disinstallando office restano solo 36 virus.

    Il primo virus in grado di colpire un sistema con osx fu scoperto nel 2006. OoompaLoompa si chiamava si trasmetteva attraverso ichat ma era un pò macchinosa la procedura per cadere nella trappola:

    1) l'utente riceveva da uno dei suoi contatti iChat un file compresso che si chiamava latestpics.tgz e che prometteva di essere una screenshot dell'anteprima di Leopard

    2) doveva accettare il file

    3) una volta scompattato l'archivio, si trovava di fronte l'icona di una .jpeg

    4) facendo doppio clic per aprirla, gli veniva chiesta la password di amministratore

    5) immetteva la password (N.B. per aprire una .jpeg!) ed autorizzava così l'esecuzione dello script mimetizzato da immagine. Infatti, anziché Anteprima gli si apriva una finestra del Terminale

    Insomma per far entrare il virus si doveva essere prorpio distratti.

    Era molto simile poi lo schema di un'altro virus OSX.RSPlug.A per installare il quale occorreva visitare certi siti pornografici, fare clic sul link di un presunto video, leggere che Quicktime non poteva aprire il video e fare clic su un link che prometteva la "nuova versione del codec". Veniva scaricata una .dmg e, alla fine, occorreva inserire la password di amministratore per installare un .pkg dal nome veramente fantasioso di install.pkg... E l'utente si ritrovava con i server DNS cambiati e le connessioni reindirizzate a siti di phishing.

    Riassumendo, è essenziale che l'utente segua alcune semplici regole:

    1) installare esclusivamente software ottenuto da fonti ufficiali

    2) mantenere sempre aggiornati il sistema operativo e le applicazioni

    3) porre attenzione agli avvisi di sicurezza che compaiono (ad es., se il file che si sta scaricando da Internet contiene un'applicazione)

    4) chiedersi sempre se la richiesta di inserimento della password di amministratore è motivata.

    C'è un'eccezione, se si virtualizza windows, ovviamente, il sistema virtualizzato sarà esposto a virus e quindi è necessario immunizzarlo con un software antivirus.

  2. sui sistemi unix-based non serve l'antivirus come detto sopra

    ma spesso si sente dire che serve se devi poi passare i file su un pc win (ma win solitamente non ha gia il suo AV?)

    forse allora si potrebbe dire che servirebbe per passare file su un pc win non protetto? boh

    comunque se ti vuoi togliere lo sfizio per un po' di tempo, puoi provare ClamXav, con funzionalità complete se scaricato dal produttore, con funzionalità ridotte da App Store

    quello completo ha la protezione "real time" attraverso Sentinel, da disabilitare prima di passare alla disintallazione con tool apposito

    Non servono antivirus per il momento non ci sono virus per sistemi unix-based come dicevi tu. Non serve nemmeno per passare file da windows a mac, sono 2 sistemi totalmente differenti. Si potrebbe affermare che OSX è immune dai virus Windows. Vai tranquillo.
  3. Sono d'accordo anch'io... Quello che volevo dire io è che per un utilizzo quotidiano, domestico o SOHO, ormai i tre principali sistemi operativi (WIndows, Linux, MacOS X) si sono molto avvicinati e possono fare più o meno le stesse cose, anche se ci arrivano in modi diversi. Ma è altresì vero che per un utilizzo professionale e specifico, soprattutto in certi settori, un sistema operativo può ancora risultare più adatto di un altro.

    Perfetto

  4. E' possibile che sia un problema di surriscaldamento. Il computer ti và in protezione e per evitare danni al sistema si spegne. Dovresti però dare più dettagli del tipo:

    -modello

    -anno di acquisto

    -se il monitor emette qualche flash prima di spegnersi.

    Ciao e speriamo non sia surriscaldamento altrimenti assistenza assicurata.

  5. Io sono in parte d'accordo con Faxus ma solo in parte... e rimango sempre per la linea morbida. Ci sono dei regolamenti nel forum e se non vengono rispettati si prendono i giusti provvedimenti. Ma tra i divieti non è prevista la sottile provocazione di chi dichiara semplicemente di volere dare un parere diverso da quello di noialtri. E finché non esagerano, bannare questi fastidiosi utenti passeggeri sarebbe segno di intolleranza da parte nostra. IMHO. La prima cosa da fare secondo me è evitare di rispondergli, come ben sapete i thread rimangono vivi quando ci nasce un botta e risposta, se qualcuno si parla addosso da solo in un thread, o questo muore da solo nel giro di poco oppure il provocatore, nel suo cercare la provocazione, finisce per eccedere dandoci un motivo VALIDO per bannarlo. Se vogliamo la democrazia, dobbiamo anche accettare che qualche imbecille la utilizzi per cercare la rissa e per infastidire la comunità. In questi casi, vale sempre il buon vecchio "non ragioniam di lor ma guarda e passa".

    Quanto all'idea dei faxus della denuncia-querela... e per quale reato? Per avere scritto sciocchezze in un forum? Per avere cercato la provocazione parlando male del Mac ma senza offendere ne insultare nessuno? Per essere entrati in Macity senza essere utenti di un prodotto Apple? Non avrebbe senso!

    Poi, ripeto, quando è il caso di bannarli mi sembra che lo facciamo sempre, ma credo che ignorarli da parte degli altri utenti e tenerli sotto controllo da parte di noi moderatori sia ancora la via più corretta.

    Io sono del forum da poco. Ho cercato di leggere il più possibile anche perché molti 3D mi interessavano ma ovviamente il tempo è limitato e quindi non ho presente lo stato reale del "trollaggio". Ma per quello che ho letto mi trovo pienamente daccordo con guass su ogni punto. E volevo cogliere l'occasione per fare i complimenti a guass per i suoi ottimi post e risposte sia in ambito tecnico che "morale". Leggendo qua e là i tuoi post mi trovavo ad annuire daccordo col tuo pensiero.

  6. Ma che strano.

    E pensare che sono professionisti da una parte e addetti ai lavori dall'altra.

    Bisognerebbe dirglielo che stanno sbagliando.

    Io pure persisto nell'errore da 28 anni.

    Ma non basta, ho generato un circuito vizioso perverso.

    Trascinando nell'errore decine e decine di giovani creativi, di un paio di generazioni.

    Ne porterò il peso sulla coscienza, spero in modo dignitoso.

    La colpa però è di voi tecnici, ce ne fosse stato uno che mi avesse consigliato di meglio

    Questa è un'altra sorpresa, non mi ero mai reso conto che OS X non può eseguire diagnosi di nessun tipo.

    Resto basito, ancor di più perché non mi rendevo conto di questa esigenza.

    Me ne sarei dovuto accorgere, però, non ho mai sentito dire ad uno col Mac: "Ci faccio le diagnosi"

    Forse hai letto poco attentamente. L'affidabilità Apple è ancora oggi ineguagliata (lo dico anche come tecnico/programmatore) le super blindature del sistema da un lato garantiscono pochissimi problemi nell'uso "professionale" dall'altro non permettono una configurazione ottimale del sistema in modo da eseguire diagnosi ad altre macchine. Le evidenti limitazione del file system della casa di cupertino non permettono una piena integrazione tra sistemi. In poche parole resta limitato nel suo ambito professionale puro dove l'uso quotidiano del terminale, l'efficenza e affidabilità contano più della sua interoperabilità tra sistemi diversi. Cose che ho risolto utilizzando l'ottima e robusta macchina apple con all'interno linux. E anche io ne faccio un uso professionale quasi quotidiano. Il mio intervento è solo per evidenziare che non esistono macchine perfette che fanno tutto in modo ottimale, è ovvio che le esigenze personali e professionali portano all'acquisto della macchina che più si avvicina al nostro target. Io me la sono costruita altri non avendo le competenze necessarie si accontentano di avvicinarsi.

    P.S.: Ecco ora faxus l'hai sentito dire "io con il mac ci faccio le diagnosi" e aggiungo "ad altri computer con sistemi operativi diversi ma senza OSX". Il software che abbiamo sviluppato è anche registrato e non è in licenza gpl.

  7. sul Corriere del Veneto, un ragazzo di Vicenza è riuscito a vincere una causa contro Apple per via della garanzia limitata ad un anno.

    La legge Italiana prevede che sui prodotti elettronici la garanzia è di due anni, il primo anno fornito dal produttore e il secondo anno dal venditore. Nel caso in cui si acquista direttamente da Apple, la figura di produttore e venditore si riuniscono in capo ad un soggetto unico e quindi in questo caso Apple è tenuta a dare due anni di garanzia, cosa mai avvenuta se non acquistando l’Apple Care.

    Nils Calasanzio, questo il 22enne di Arzignano, nel 2007 si appoggiò all’Adusbef di Vicenza per poter far valere i suoi diritti di consumatore.

    dopo 4 anni ha ottenuto un risarcimento di € 5.800,00.

    credo non siano necessari altri commenti tranne un... FINALMENTE!!!!...

    Questo è interessante, questo precedente apre molte porte anche ai rivrnditori ottimo direi, non avevo letto la notizia grazie.
  8. Secondo me sei ancora legato a una visione antiquata dell'informatica... senza offesa! La web agency/grafica pubblicitaria potrebbe benissimo lavorare con Windows 7 e forse persino con una distro user-friendly (penso per esempio a Ubuntu) di Linux. E credo che MacOS X potrebbe tranquillamente eseguire diagnosi sui sistemi operativi con cui ti interfacci, basterebbe avere i software giusti, magari sotto Terminale. Che poi Per la web agency OS X possa essere meglio e per connettersi a diversi sistemi operativi Linux sia più funzionale, è sicuramente vero, ma questo è legato molto anche alle nostre abitudini ormai radicate da anni e anni di informatica pensata in un certo modo.

    Non sono legato a nessuna visione dell'informatica. Sono un tecnico che svolge corsi di aggiornamento semestrali. Mi baso solo a fatti oggettivi. Chi usa il computer per grafica professionale vuole affidabilità e potenza e ancora oggi (a torto o a ragione) i miei clienti chiedono ed esigono Apple (forse pensando che pagando di più siano migliori). Pensa che gli stessi fornitori del software consigliano mac. Per quanto riguarda il lato server non c'è storia Apple non esiste. I server sono tutti gestiti da Linux o Windows. I costi di gestione e licenza di apple sono esagerati e le aziende vogliono risparmio (anche da nostro listino un server con lion costa mooolto di più la gestione), affidabilità e sicurezza (sono in ordine di importanza :)).

    Mac OSX non può eseguire diagnosi di nessun tipo (di software di questo tipo per mac non esistono di seri, e quelli che ci sono sono blande imitazioni di windows) si potrebbe andare in emulazione windows ma con forti rallentamenti e problemi di compatibilità non facilmente superabili. Preferisco di gran lunga una distro linux così da poterla controllare totalmente e modificare a mio piacimento. Ci ho perso la testa diverse notti sul mac ma non c'è verso è troppo blindato, per un power user, come sono io, è come stare in una piccola cella al buio.

  9. Se fosse come dici ci sarebbe solo una tipologia di automobili e un solo S.O. Solo di Linux esistono più di 300 distribuzioni distinte (DistroWatch)... segno tangibile che le esigenze NON sono le stesse per tutti e questa stessa discussione iniziata da iFono ne è la riprova: lui mira alle prestazioni altri utenti alla facilità d'uso.

    Una provocazione: vuoi farmi credere che l'acquirente di una Smart e quello di un Hammer hanno entrambi la stessa esigenza di andare dal punto A al punto B soltanto?

    Io la vedo esattamente come Gandalfrank. Sono possessore (per motivi di lavoro) di computer con windows, osx e linux. Uso prevalentemente il portatile con linux (una distro modificata da me, derivata da suse), in quanto mi permette di operare e interfacciarsi con qualsiasi sistema operativo compreso osx, eseguendo diagnosi. Non posso fare nulla del genere col mac con osx, e mi risulta difficile con windows. Giusto la settimana prossima dobbiamo impostare un server per una nota azienda del settore orafo veneta, non ci sogniamo nemmeno di montare lion server o windows server, avrà rigorosamente linux. Invece al contrario una nuova azienda (web agency/grafica pubblicitaria) installiamo mac.

  10. Salve a tutti mi presento,

    mi chiamo Mirco lavoro in un laboratorio informatico nel veneto (tranquilli non faccio sponsorizzazione), e sono capitato in questo forum per puro caso. Spulciandolo mi sono reso conto della serietà e competenza.

    Spero di essere di aiuto come sono sicuro sarete di aiuto voi.

  11. Ubuntu è un ottimo sistema operativo che però richiede un certo livello di esperienza per essere configurato e ottimizzato a dovere, non tutti hanno esperienza e flessibilità mentale per utilizzarlo. Io stesso utilizzo ubuntu da diversi anni ottimizzandolo su un mac book pro ho una ditta di assistenza informatica e ho configurato il software per interfacciarsi ad altre macchine ed eseguire diagnosi. Se dovessi solo usare il sistema operativo per un uso casalingo e non ne sapessi molto sicuramente opterei per osx più semplice chiuso e blindato cosi da non combinare casini e semplice. Certo che il file system di osx fà piangere rispetto a NTFS o ext4. Il sistema operativo poi è un'altra cosa. Come diceva Linux Torvald "l'unico problema di un mac è il suo file system, vecchio come me!" Probabilmente la causa dei rallentamenti. Per lavoro uso tutti e tre i sistemi operativi e sinceramente ognuno ha i suoi pregi e i suoi difetti, semplicemente si deve acquistare un pc in base all'utilizzo e alle proprie disponibilità economiche. Windows non verrà certo soppiantato da ubuntu o osx resta ancora il sistema più usato seppur con i suoi problemi, semplicemente c'è nelle macchine "normali" e fà il suo lavoro. Le macchine Apple sono costruite meglio con materiali migliori, prima erano macchine per professionisti, ora sono macchine status grazie al lavoro geniale di Steve Jobs. Tutto qui usate a casa tutte fanno lo stesso lavoro!

    La cosa che mi lascia un attimo perplesso, è l'accanimento verso un iscritto che ha postato un semplice test di prestazioni tra i diversi sistemi operativi a confronto. Che vi cambia che ubuntu ci metta 4 sec in meno ad eseguire una certa operazione? Ognuno ha le sue convinzioni e opinioni che può manifestare liberamente, non ho letto frasi offensive da parte di ifone da giustificare un attacco così unanime. Nel mio lavoro noto le espressioni dei miei clienti: quando un utilizzatore di windows ha un problema ha la faccia rassegnata e sa che dovrà sborsare, quando un utilizzatore di mac ha un (rarissimo) problema è arrabbiatissimo e subito incolpa qualcuno o qualcosa ma mai il prorpio mac. Questo non lo capirò mai.