Dolfo91

Members
  • Content Count

    33
  • Joined

  • Last visited

About Dolfo91

  • Rank
    Novizio

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Rodolfo Cangiotti
  • Città
    Pesaro
  1. Ciao a tutti, sto tentanto di configurare un Macbook aggiornato a Yosemite 10.10.5 e un PC fisso con Windows XP al fine di condividere varie cartelle sulla rete domestica. Per quanto detto, riassumendo brevemente, ho impostato a entrambi i device un IP fisso, attraverso il quale si connettono al router domestico. Le cartelle condivise sono state impostate rispettivamente su Mac tramite Preferenze > Condivisione e su Windows, Proprietà > Condivisione > Condivisione Avanzata. Il tutto funziona correttamente se da Mac richiedo una connessione al PC (mi connetto tramite Finder > Connessione al Server utilizzando smb://ip_del_pc e inserendo le credenziali dell'utente di Windows che condivide la cartella); al contrario, effettuando l'operazione inversa, ovvero richiedendola da PC a Mac, la procedura in sè non va a buon fine (da Start > Esegui, inserisco il comando \\ip_del_mac ma nonostante le credenziali siano corrette la connessione non avviene). La cosa un po' mi stupisce perchè con Mavericks 10.9 questa configurazione funzionava correttamente e quindi suppongo che ciò sia dovuto a qualche modifica introdotta da Yosemite. Sapreste suggerirmi quali altri parametri controllare e/o modificare per permettere la riuscita di quanto detto? Grazie in anticipo.
  2. Ho già avuto modo di provare IceFloor (ieri, in attesa di una vostra risposta) ma nonostante abbia creato una serie di regole base tramite il wizard e abbia aggiunto un'eccezione per una porta definita, ad esempio porta 1000, effettuando l'analisi da Utility Network nessuna porta risulta aperta. Simile risultato (ovvero, in questo caso, solo la porta 1000) effettuando il test su canyouseeme.org. Ad ogni modo, immagino che le stesse operazioni effettuabili tramite IceFloor siano eseguibili direttamente da Terminale, o sbaglio? Eventualmente, da Terminale tale problema sarebbe risolvibile? EDIT: Ho appena testato anche PFLists, versione semplificata di IceFloor, ma anche con esso, nonostante abbia aperto la porta 1000, essa non risulta aperta all'analisi tramite Utility Network.
  3. Salve a tutti, possiedo un MacBook con installata l'ultima versione di Mac OS X. Dovrei aprire il Firewall di sistema solamente su una porta definita, sia in ingresso sia in uscita. Ho appena notato che ciò non è ottenibile dall'applicazione Preferenze di Sistema > Sicurezza e Privacy poichè da essa è solo possibile definire applicazioni in grado di sorvolare il Firewall. Inoltre leggendo qualche tutorial sul web ho notato che l'operazione fino a qualche anno fa era possibile tramite l'utilizzo del comando ipfw da terminale ma attualmente è deprecato. Quindi vorrei chiedervi, attualmente, come è possibile aprire una semplice porta TCP/UDP su Mac OS X? Attendo risposta.
  4. Per essere più preciso, i file che ho perso erano i pacchetti contenuti nella cartella "/Libreria/Printers/PPDs", cartella tra l'altro modificabile solo con privilegi di root. In questo momento nella stessa cartella ci sono altri file, con identico nome ed estensione e la stampante che ho attualmente installato sembra funzionare correttamente anche con tali pacchetti. Il mio è puro scrupolo ma se mi dite che è praticamente impossibile recuperare i suddetti file senza corromperli allora niente.
  5. Ho provato la versione trial di Wondershare Data Recovery ma a quanto pare non rileva i file che volevo recuperare. Forse perchè adesso nello stesso percorso ci sono altri file con lo stesso nome?
  6. Salve a tutti, ieri sera ho erroneamente svuotato il Cestino, dove avevo precedentemente spostato alcuni file della Libreria. Sono quasi sicuro che non siano file necessari al corretto funzionamento del sistema - sennò non li avrei spostati nel Cestino - però, per sicurezza, sarebbe possibile recuperarli per eventualmente ripristinarli in un secondo momento? Attendo vostri consigli.
  7. Ma quindi mi pare di capire che il comando "xargs" prende, come input - se così si può definire - per il comando "rmdir", l'output dell' "lsbom"? Sarebbe come una sorta di ciclo "for" nel Batch Scripting? Come già detto, avendo lavorato solo con Windows, i comandi Unix purtroppo non mi sono familiarissimi.
  8. Capisco. Ad ogni modo ho chiesto ciò perchè su Windows lavoro con un linguaggio di sintesi sonora - Csound - e siccome sarebbe mia intenzione installare le varie librerie necessarie per lavorare con il suddetto linguaggio anche su Mac, la comunità metterebbe a disposizione un .pkg in grado di installare tutte le librerie necessarie nella cartella "usr/local". Ma per rimuoverle non hanno sviluppato alcuna utilità quindi qualora volessi, non vedo altra alternativa se non utilizzare il comando "lsbom" (come già detto non è un'applicazione quindi non credo che AppCleaner riesca nel mio intento). Ad ogni modo ho letto sul alcuni siti che da Snow Leopard in poi i file Receipts .bom non sono più contenuti nella cartella "/Libreria/Receipts" ma in "/private/var/db/receipts" quindi aprendo i file lì contenuti con il comando "lsbom" dovrei ottenere la lista e il percorso dei files installati dal .pkg. Naturalmente, essendo alle prime armi, correggetemi se sbaglio.
  9. Teoricamente - premetto che non ho mai eseguito alcun ripristino di backup effettuato tramite Time Machine - se l'operazione di backup è stata fatta utilizzando un supporto esterno, credo che sia possibile effettuare un ripristino alla fase "Assistente di Migrazione" durante l'installazione di Mac OS X o comunque in un secondo momento, a installazione conclusa. Se invece il backup è stato effettuato sullo stesso supporto - insomma l'HD del Mac - inizializzando la partizione naturalmente perderesti anche i file di backup; ma sinceramente non mi risulta che Time Machine permetta di effettuare il backup sullo stesso supporto quindi penso che il recupero sia possibile.
  10. PS: Qualora invece voglia disinstallare il pacchetto .pkg manualmente dalla cartella "./Libreria/Receipts" come devo agire? Ho letto in rete che si dovrebbe utilizzare il comando "lsbom" sul file "Archive.bom" contenuto all'interno del .pgk da terminale, ma nè tramite quest'ultimo nè tramite il Finder riesco ad entrare "materialmente" nel file .pkg. Consigli? Grazie in anticipo.
  11. Risposta chiara e coincisa. Altre opinioni? Colgo inoltre l'occasione - visto che lo stesso software è stato citato sia nella già linkata "lista ufficiale", sia nel tutorial che ho menzionato nel primo post - per chiedervi chiarimenti riguardo a come Pacifist riesca ad identificare i file e il percorso dove essi verranno installati in un pacchetto .pkg. Inoltre scaduto il periodo di prova è necessario comprare una licenza?
  12. Salve a tutti, dopo aver letto questo utilissimo tutorial, mi pare chiarissimo che con Mac OS X, per disinstallare un'applicazione - salvo diversa indicazione - è sufficiente spostare il suo pacchetto .app nel cestino. Rimangono però a volte dei file esterni - preferenze ecc. - che andrebbero rimossi manualmente qualora l'utente lo volesse, nonostante il fatto che questi suddetti file non influenzino in alcun modo l'efficienza del sistema operativo. E quindi qui vorrei chiedervi come mai applicazioni esterne come AppCleaner, AppDelete etc. non sono sempre consigliate all'utenza, nonostante non facciano altro che automatizzare i procedimenti sopra citati? Forse perchè erroneamente possono cancellare files che non dipendono dall'applicazione che si sta disinstallando?
  13. L'acquisto è avvenuto presso un venditore non-Apple (nel mio caso Media World) ed il fatto che sia stato in esposizione è provato dal fatto che ha ricevuto già una 20ina di cicli di ricarica (argomento accennato nei primi post); la data della creazione delle cartelle utente è un'ulteriore prova che il computer è stato configurato (e quindi - si suppone - anche utilizzato) prima della vendita. Ad ogni modo, ammetto che è stato un errore da parte mia poichè ho male interpretato ciò che mi disse il dipendente al momento della vendita.
  14. Guarda grazie mille per i consigli ma mi è sufficiente sapere che il sistema operativo è stato configurato prima della vendita; e penso sia sufficiente guardare la data di creazione delle cartelle di sistema e dell'utente (se sbaglio correggetemi). Questo perché il Mac da cui vi scrivo mi è stato venduto come nuovo (nel primo post ho omesso questo particolare) e quindi domani penso di tornare dal titolare del negozio e farci due chiacchiere.
  15. Eh ma a dire il vero non credo sia stato reinstallato il sistema operativo prima che mi venisse consegnato il Mac perchè solitamente al primo avvio Mac OS mostra alcune schermate di configurazione (ad es. dove inserire il nome utente, l'Apple ID); e ciò non è successo sul Mac in questione.