albemarti

Members
  • Content Count

    93
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by albemarti


  1. La risposta è semplice: essendo la Svizzera fuori dalla Comunità Europea, acquistare qualcosa lassù equivale a comperarla a New York...

    Non sei informato e la risposta non è affatto semplice come dici tu.

    Acquistare in Svizzera può comportare dei costi doganali completamente diversi da quelli applicati a merci provenienti dagli Stati Uniti.

    Per farvi un esempio, ad un maglione acquistato dagli USA viene applicato un dazio del 27%.

    Il dazio previsto per la svizzera è del 10.5%. Questa maggiorazione è la conseguenza di una inosservanza da parte degli USA di un Trattato ma vale solo per alcuni prodotti.

    L'IVA ovviamente è una imposta italiana stabilita in misura fissa: 20%.

    Quindi, sempre sulla base dell'esempio che vi ho fatto, se acquistate un maglione dagli USA a 100€ dovete pagare 27 € di dazi. Per un totale di 127€. Poi aggiungete l'IVA del 20%. Totale 152€. Praticamente più del 50% di tasse.

    Per la Svizzera stesso procedimento però le aliquote sono diverse e vanno cercate di volta in volta presso l'agenzia delle dogane.


  2. Lo sconto studenti è solo sull'Apple Store online, purtroppo.

    E li non puoi sfruttare [email protected] o contributi governativi vari.

    (un caaaasino)

    Non è del tutto vero... Al MediaWorld non si può di certo usufruire dei sconti educational dato che devono essere espressamente offerti dai rivenditori convenzionati. Cosa che Mediaworld non è. Per sapere se un negozio è convenzionato oppure no non devi fare altro che verificare se è un rivenditore Apple Educational. Poi per ottenere lo sconto devi presentare un certificato che attesti la tua iscrizione ad un istituito scolastico o ad una università. Se invece decidi di acquistare su Applestore online, basta che vai nella sezione educational ed inserisci il nome dell'istituto e la città in cui si trova.

    Per quanto riguarda i contributi governativi (es. [email protected]) li puoi ottenere se decidi di acquistare un computer (anche MAC) presso i negozi che aderiscono a questa iniziativa.


  3. Qui nessuno se la tira e se non hai capito perché i siti di rumours sono deleteri per Apple, rileggiti con più calma e più attenzione il mio precedente post. Non preoccuparti, non c'è fretta, prenditi pure tutto il tempo che ti occorre per ragionarci sopra. Non è invece affatto vietato che gli utenti fantastichino e facciano previsioni, anzi, tutt'altro... E' però "vietato" che quegli stessi utenti si sentano poi delusi e accusino Apple se i loro voli pindarici non diventano realtà. Io posso anche dire che mi aspetto per giugno la presentazione di un portatile di fascia consumer indistruttibile, con cpu da almeno 3 Ghz, con 3 GB di memoria di serie, con masterizzatore dvd 32x, con hdd da 250 gb, con un autonomia di 12 ore e che costerà intorno ai 900 euro. Non posso però poi, se questo desiderio non si realizza, prendermela con Apple e dire che l'azienda di Cupertino mi ha deluso... Costruire sogni impossibili e pretendere che Apple li realizzi sul serio è del tutto assurdo!!!

    Guass, io sinceramente non ho capito perchè devi rompere i maroni alle persone. Se vuoi dimostrare al forum che hai un forte spirito critico e che riesci a riflettere sulle cose per poi elaborare un tuo pensiero dovresti farlo in modo più naturale e senza sforzarti di criticare delle frasi o delle supposizioni degli utenti che, per quanto possano essere distorti o privi di senso, non meritano critiche e comunque non vi è utilità alcuna nel criticarli.

    Siamo nella sezione Futurscopio. La gente qui fa delle previsioni. Alcune sono fondate altre invece sono solo il frutto della fantasia degli utenti. Gli utenti più fantasiosi penso siano a conoscenza che i loro prodotti immaginari difficilmente li troveranno negli scaffali. Quelli più concreti possono legittimamente rimanere delusi se Apple non offre un prodotto che, in base allo sviluppo della tecnocologia e ai loro stessi bisogni e/o aspettative, poteva benissimo essere offerto. E fin qui non ho fatto altro che riassumere ciò che credo sia l'essenza di una sezione di un forum dedicato alla Apple battezzata come "Futurscopio".

    Ma il punto che mi interessa non è questo ma un'altro: sono curioso di approfondire, se ti va, la tua teoria che collega le congetture degli uenti, seguite da un sentimento di delusione, con un qualche effetto negativo (di qui faccio fatica a capire la natura) che si ripercuote su Apple. Se anche non ne ho capito il nesso di causalità ti suggerisco un nome per questa teoria: Teoria delle esternalità negative sulla produzione di prodotti non prodotti.

    Mi diverte un pochino farti notare che a sostenere questa teoria non è Apple ma sei tu. Se la memoria non mi tradisce, Apple ha esercitato delle azioni legali contro un sito che dava informazioni ai consumatori su prodotti che non erano ancora stati presentati, in quanto lesive per gli interessi dell'azienda. Nel caso di specie Apple ha ritenuto che le informazioni lesive e contrarie alla politiche di marketing adottate, siano quelle veritiere. Quindi dall'inerzia legale di Apple per tutte le altre informazioni o fantasticherie ideate dai siti di rumors, deduco che Apple stessa non ritenga lesivo per i suoi interessi quello che tu reputi come tale.

    Amen.


  4. Ovviamente sono anch'io PRO-ebay...

    I negozianti devono capire che il mercato ormai grazie ad Internet sà come muoversi...Sà come risparmiare...

    Esempio ultimamente sto cercando di vincere delle aste per le scarpe Pirelli

    Lavoro in un outlet vendo un'altro marchio rinomato...e nonostante il prezzo di favore che potrei avere non arrivo a risparmiare quanto su ebay...

    Parlando in money

    La Pirelli di cui parlo in Boutique costa 159 euri, all'outlet 111, a me 100 su ebay 65/75 (dipende da come và l'asta) percui cari negozianti...cerchiamo di essere meno truffaldini..

    Lavorate sui quantitativi e non sulle singole vendite...Per i CD/DVD provate a fare dei confronti...

    Riuscite altrove a trovare Verbatim da 700Mb a 0,15 eurocents?

    Che dire...Carpe Diem...

    Peo ti dico per esperienza che trovare abbigliamento originale su ebay è una utopia. Anche il marocchino in spiaggia voleva vendermi il portamonete di gucci per 80 euro (in negozio costava 130). Se il marocchino fosse stato furbo lo avrebbe venduto su ebay così nessun turista scassamaroni avrebbe tirato il prezzo. I cinesi invece sono poco furbi per due motivi: fanno partire il prodotto dalla cina; il prezzo è talmente basso che chiunque dubita dell'originalità.

    Se combini i punti di forza del marocchino ( prezzo che deve comportare un risparmio rispetto al negozio ma non mettere in dubbio l'originalità del prodotto) con quelli del cinese (vendita su internet) ecco che ne esce un venditore-tipo di ebay (per quanto riguarda l'abbigliamento).


  5. 3-400 euro? ma come, a me hanno preventivato, per aprire l'ibook e sostituire il masterizzatore interno, 60 euro! con lo stesso prezzo, mi cambierebbero, volendo, anche l'hd. Un disco rigido nuovo lo trovi anche sui 120 euro (guarda questo):

    http://www.shopinabox.it/stores/pcfacos/Browse_Item_Details.asp?Item_ID=40386&fm=pg

    Sinceramente avevo sparato un pò a caso il preventivo però alla fine non è molto più economico il prezzo che dovrò pagare per la sostituzione:

    HD 100 giga 5400 g/m: 144 euro

    Lavoro: 80 euro

    Il tutto iva esclusa.

    Poi ho fatto mettere 1 giga di ram (80 euro) ma questo non c'entra.

    In alternativa potevo far mettere l'HD da 120 giga (7200 g/m) ma costava un botto: 214 euro (sempre iva esclusa).

    Comunque mi hanno garantito che in una settimana me lo fanno.


  6. a me viene una domanda ...

    come si fa il backup?

    Scusate la banalità.

    Ciao

    Pinox

    Io il backup lo faccio copiando tutti i file che mi interessano (video, libreria di iphoto, caselle email, preferiti di safari etc) nell'ipod. Però puoi fare lo stesso copiando questi file in un HD removibile o masterizzandoli su DVD.

    Oppure li copi su un'altra partizione che, sencondo me, è sicuro fino ad un certo punto.

    Nel mio caso (HD che sta passando a miglior vita) il backup su un'altra partizione (quindi sempre situata sullo stesso HD) sarebbe stata inutile! Nel caso appunto che il disco fisso parta (cosa che mi può succedere da un momento all'altro) perderei tutti i dati contenuti in tutte le partizioni.

    In ogni caso mercoledì porto il powerbook in un centro assistenza e mi faccio cambiare l'HD con uno da 120 Giga (ovviamente se è possibile) e dato che ci sono ci faccio mettere pure un giga di RAM.

    Comunque grazie a tutti per l'assistenza!


  7. Non tutti gli HD supportano la tecnologia S.M.A.R.T.

    Se il tuo disco sta tirando gli ultimi, non c'è niente da fare, se non un veloce backup

    Se invece fosse un problema software potresti risolverlo con DiskWarrior

    Quindi vorresti dire che il mio HD (Toshiba da 80 giga) potrebbe non supportare la tecnologia SMART. E che se così fosse il fatto che il System Profiler mi indichi che lo Stato Smart "Non funziona" sarebbe normale e quindi il problema potrebbe non essere l'HD.

    Giusto?

    Scusa se sono puntiglioso ma vorrei essere informato il più possibile dato che ormai la garanzia è scaduta e la probabile riparazione è a carico mio. E poi se è un problema di HD ne approfitto per metterne uno più capiente.


  8. Grazie Franz per il consiglio.

    Ho guardato su system profiler e accanto all voce "Stato SMART" c'è scritto "NON FUNZIONA". Quindi?!?

    Pensare che avevo idea di ordinare l'iMac Intel da 20" questi giorni ma mi sa che dopo aver sistemato il powerbook avere l'iMac nel 2006 sarà un'utopia...


  9. Vi tengo aggiornati:

    per prima cosa ho fatto la riparazione del disco fisso attraverso l'avvio del computer con il cd di installazione e questo è il messaggio che ne è uscito al termine di tale procedura:

    REPAIR ATTEMPTED ON 2 VOLUMES

    1 HFS VOLUME REPAIRED

    1 VOLUME COULD NOT BE REPAIRED

    Ora ho provato a fare il test esteso dell'hardware con APPLE HARDWARE TEST e qui risulta tutto funzionante.

    Non mi resta che fare questo controllo SMART ma dovete spiegarmi come si fa dato che non l'ho mai sentito!

    P.S. Da ieri sera il powerbook non si accende più nel senso che dopo la schermata bianca di avvio (quella con la mela) compare quella celeste (che in situazioni normali la si vede per circa 2 secondi) e da li si blocca. Oggi invece è partito... boh....


  10. Salve forum, circa tre giorni fa ho notato che il mio powerbook ha iniziato a dare segni di cedimento: avvio lentissimo, le applicazioni rispondevano lentamente e ho pure notato un rumore strano prima mai sentito. Sul subito ho pensato che la soluzione migliore fosse quella di reinstallare MacOSX (Tiger) formattando il disco fisso. Così ho fatto ma le cose non sono cambiate: 3 minuti per accendersi, più di 10 ore per trasferire 20 giga di dati dall'ipod (collegato via firewire), impossibilità di tenere aperte più di due applizazioni contemporaneamente. Insomma, il mio powerbook, ora come ora, è inutilizzabile.

    Mi affido alle vostre conoscenze e/o esperienze dato che ormai la garanzia è scaduta e prima di mandarlo in riparazione voglio accertarmi di non pagare cifre astronomiche.

    Se vi può essere utile ecco le caratteristiche del mio PB:

    Alluminium G4 1,5 Ghz

    512 ram (di serie, non acquistata da terze parti)

    MacOSX Tiger

    Intanto grazie!


  11. devi partire dal fatto che "le multinazionali" (usi questo termine un pò troppo generico...)sono dove sono per la qualità dei loro prodotti...se non avesserro azzeccato le scelte sarebbero ancora degli sconosciuti, i vari bill gates...e il merito del loro successo è il consumatore. Ancora una volta, sento nel discorso dei prezzi alti una scusa per rubare...la società si lamenta dei prezzi alti delle medicine, delle zucchine, del biglietto dei mezzi pubblici...tuttavia per prenotare una vacanza devi andare in agenzia almeno 2 mesi prima se no non si trova nulla, i cellulari da 500 euro si vendono come il pane, centri come euronics o mediaworld vanno alla grande...sarà mica che il consumatore è drogato di consumismo?

    e posso anche essere d'accordo sul fatto che i prodotti di queste grandi aziende siano indispensabili per non rimanere indietro, ma questo non da il diritto di rubarli! è sempre il solito discorso, il bisogno non giustifica l'azione...che poi, giustifico un poveraccio che ruba un pezzo di pane, ma non uno che si scarica un bel programma apple da 1000 euro...che bisogno reale ha? per lavoro? beh, anche il dentista ha bisogno dell'attrezzatura, ma mica se la va a fregare...

    insomma, fate come vi pare, ma non venitelo a dire in un forum pubblico, perchè penso che sappiate tutti cosa realmente state facendo, scuse a parte...

    p.s. hitler non c'azzecca veramente una fava con le multinazionali...

    Io non ho mai detto che la soluzione sia rubare le canzoni o i software! Sono il primo che si oppone al download illegale! Il discorso dei prezzi alti non l'ho mai tirato fuori. Le zucchine, medicine, biglietti? Non hanno attinenza alcuna al discorso che abbiamo fatto.

    Le multinazionali sono dove sono per la qualità dei loro prodotti: è ovvio che stai scherzando! Le multinazionali non sono dove sono per la qualità dei prodotti ma per altri motivi: buoni investimenti, pubblicità ossessiva, elusione delle leggi. Anticipo già alcune risposte: Non è possibile eludere le leggi! Se non le rispettano vengono sanzionate! E' vero ma il discorso non è completo. Poniamo il caso che le esternalità negative (inquinamento) siano sanzionate, come è sanzionato il fatto che i i cittadini si prendano un tumore per l'inquinamento. Fidatevi che in questo caso l'azienda fa due calcoli: se il costo della sanzione è minore rispetto agli utili che si potranno incassare allora la legge non va applicata. Quello che vi voglio dire è che il rispetto dei diritti dell'uomo non si concilia con gli interessi perseguiti da molte multinazionali.

    E comunque qui non si tratta di politica ma soltanto di aprire gli occhi e prendere atto di come stanno le cose. Io sono di destra, ma gli occhi li ho aperti lo stesso.


  12. Io ho sempre pensato che persone come Hitler, Stalin, Mussolini, Charles Manson, Bin Laden e movimenti come il nazifascismo, lo stalinismo, le "Bestie di Satana", Al Qaaeda fossero le forze del male. Le majors, così come la tanto odiata Microsoft, sono solo aziende che sfruttano la loro posizione dominante per "fare le regole"... Ingiusto, certo... Discutibile, ovviamente... Criticabile, senza dubbio... Ma di qui a chiamarli "forze del male" mi pare che ne corra. Se non ci piace la loro politica (e NON CI PIACE!!!), allora - come dice paloma84 - non compriamo i loro prodotti, però non dobbiamo nemmeno rubarli (con i P2P o altri metodi), se non vogliamo passare dalla parte del torto... Certo, è un sacrificio, ma nessuna battaglia può essere fatta senza sacrifici.

    Guass sono perfettamente d'accordo con te in merito alla distinzione tra le forze del male della storia e quel che potrebbe sembrare soltanto un normale rispetto delle regole di mercato (intese come regole del più forte). Tuttavia se vogliamo proprio trovare delle analogie tra quasi tutte le forze del male che tu hai elencato e quella che potrebbe essere una multinazionale vedrai che alla fine, la logica è la stessa:

    1) entrambe sono alimentate dal desiderio del potere;

    2) la società (intesa sia come sudditi sia come consumatori) rappresentano un mezzo;

    3) per raggiungere i loro fini sono disposti a sacrificare i diritti della società;

    A titolo esemplificativo: Hitler uccide gli ebrei con le docce a gas la Corporation X uccide i cittadini con l'inquinamento. I soldati abbindolati da Hitler portano gli ebrei nei campi di concetramento, l'IBM abbindolata dal denaro fornisce ai soldati tedeschi sistemi gestionali per schedare gli ebrei.

    Purtroppo la soluzione al problema non è come dici te "non comprare i loro prodotti" perchè di fatto non è possibile o almeno non lo è per la maggioranza delle persone che vivino in una società impestata di mezzi di comunicazione di massa.

    Quello che ho detto non c'entra un càzzo con le softwarehouse e con le case discografiche ma appena sento parlare di regole di mercato in senso buono non resisto: le multinazionali non seguono quelle regole, ne seguono altre, anzi una soltanto e molto semplice: incrementare i profitti.


  13. A parte il fatto che non sappiamo se effettivamente sarà possibile installare un Mac OS X su qualsiasi PC, ma ammesso che ciò sia possibile, non vedo dove stia il problema.

    Apple attualmente detiene il 3% del mercato dei computer: pressochè una miseria. Tuttavia a differenza di Microsoft, Dell, Sony etc Apple ha una peculiarità: detiene il 3% del mercato hardware e 3% del mercato sotware. Se va a putains uno va a putains anche l'altro. Svincolare i due settori trovo sia stata una ottima scelta commerciale:

    1) la vendita dei sistemi operativi crescerà in maniera esponenziale;

    2) la vendita hardware rimarrà più o meno immutata.

    Alcuni di voi hanno scritto che i Mac users comprano Apple per la qualità hardware che solo essa sa offrire. Anch'io la penso così e la conclusione può essere solo che una: questi Mac user (me compreso) continueranno a comprare Apple indipendentemente dal fatto che il Mac OS x potrà essere installato sul più lurido dei PC.


  14. Integro significa che non lo devi manomettere. Deluso le tue aspettative ? Non credo sia una buona ragione.

    Si, è una buonissima ragione invece e, contrattualmente parlando, assume il nome di "Diritto di recesso". Il Diritto di recesso è contemplato nel contratto che stipulate con Apple. Tuttavia le spese della spedizione del prodotto "insoddisfacente" sono a carico dell'acquirente e il diritto decade se non esercitato entro il termine di 10 giorni.