marco cappagli

Members
  • Content Count

    118
  • Joined

  • Last visited

About marco cappagli

  • Rank
    Assiduo

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    dominique
  1. Mah. Posso fare una domanda e rispondermi da solo? Perché Apple che ha bellissimi negozi nel centro delle più belle ed importanti città del mondo qua da noi apre ben 5 Store in SQUALLIDI centri commerciali? Beh, mi rispondo che in Italia è ormai lì che si spendono i soldi e più precisamente si spendono in squallidi weekend passati dentro questi pacchiani scatoloni in mezzo a squallidi non-luoghi. New York, Parigi, Londra, Tokio hanno i loro Store nei quartieri più importanti dove forse non si fa tanto shopping ma dove è questione di immagine e prestigio essere. Da noi Apple apre punti vendita come e dove possono fare Obi, Mediaword o Intimissimi e questo mi suscita pensieri che si concentrano non tanto sull'idea che ho io di Apple quanto su quella che ha Apple di noi...
  2. Il "dietro" graffia a guardarlo. Le possibilità sono due: 1. orribile custodia integrale o pellicole protettive; 2. arrendersi. Personalmente uso il bumper che non protegge più di tanto dai graffi ma probabilmente attutisce l'impatto in causa di caduta ( sono molte le testimonianze di persone che si sono ritrovate il vetro in frantumi e credo che il motivo per il quale Apple l'abbia progettato sia questo piuttosto che per nascondere fantomatici e misteriosamente estinti problemi di antenna).
  3. "Si tratta di una lettura originale per scoprire usi e costumi di un periodo storico che, nel bene e nel male, ha segnato il nostro paese..." Nel MALE. E' bene ricordarlo, sempre.
  4. non occorre chiudere manualmente le applicazioni che rimangono li come storico delle ultime app utilizzate.
  5. non confondiamo i prezzi dei dispositivi con quelli dei dispositivi con vincolo di contratto. Detto questo i prezzi sono alti ed il fatto che lo siano più che in altri paesi (dove gli stipendi medi lo sono altrettanto) rende la cosa ancora più frustrante. Detto questo ritengo di procedere all'acquisto, pur impegnandomi non poco economicamente, perché nei due anni appena trascorsi ho avuto modo di sfruttare il mio 3g, di renderlo uno strumento utile nel quotidiano sotto tanti tanti punti di vista al punto di considerare ammortizzabile una cifra che comunque risulta, per un italiano medio, decisamente alta, sia questa pagata mediante acquisto del dispositivo, sia dilazionata con contratti che forse qualcuno troverà pure convenienti ma a me continuano a risultare semplicemente assurdi: se usciamo dall'ambito professionale (che infatti spesso ha contratti a sé) e dal primo mese di fidanzamento, conosco poche persone che telefonano tanto da giustificare quelle cifre.
  6. Chissà se ci sarà la possibilità di fare un pre-order o se dal 30 luglio potrà essere acquistato online con consegna chissà quando....
  7. mah, con le tv HD READY da 720p il mercato non si è fatto tanti scrupoli...
  8. Sinceramente non ho visto nel bluray quella componente di innovazione che vi fu col passaggio da floppy/vhs a DVD. Appare ormai evidente che anche la risoluzione di 1080p sarà presto superata per la tendenza del mercato ad offrire sempre di più usufruendo tra l'altro di supporti diversi (stato solido) o non-supporti (cloud). Insomma, mi sembra un supporto nato già vecchio, che intendiamoci, male non fa visto la capacità di leggere anche i normali dvd ma non lo reputo indispensabile. Inoltre, ma qui probabilmente sbaglio io, ho sempre considerato "fragile" il lettore ottico degli imac ed ho sempre percepito un veloce deteriorarsi di tali strumenti in genere che tendono a non leggere tutti i dischi ed emettere rumori poco rassicuranti. Insomma, se ne ho bisogno, mi sentirei comunque più a mio agio con un lettore esterno.
  9. In effetti la cosa mi fece tremare. Fu come la dimostrazione simbolica della fine di quella Apple diversa da tutti gli altri. Credo che oggi abbia la possibilità di rimarcare la propria connotazione di produttore di beni di lusso uscendo dalla questione "antenna" in maniera elegantemente energica, quella che oggi si presenterà come una grossa spesa garantirà i maggiori proventi di domani. Perchè spesso è già difficile giustificare il prezzo dei suoi prodotti quando questi si rivelano perfetti...
  10. Pur continuando a pensare che vi sia una componente di isteria, uno strano reverbero mediatico che dovrebbe destare l'interesse di chi si occupa di informazione nel tempo del villaggio globale, beh, fatte queste considerazioni va detto che Apple ormai da tempo sta risentendo del grosso balzo in avanti fatto in termini di diffusione e vendite dei propri prodotti. Apple sta perdendo quella specificità tipica dell'azienda che produce costosi articoli di nicchia, qualcosa tipo "poco ma buono". Inondare il mercato di nuovi articoli prodotti in quantità solo poche stagioni fa inimmaginabili rischia di peggiorare la qualità generale degli stessi, e, anche se probabilmente non è il caso di iPhone4, i problemi più grossi si avrenno a livello di produzione più che di progettazione.
  11. Boh, la questione mette in evidenza come pur potendo potenzialmente disporre di una straordinaria quantità e varietà di informazioni, non si riesca a capire se di fatto questo nuovo iPhone soffra di un difetto che ne pregiudichi REALMENTE l'utilizzo. Da un lato abbiamo persone che continuano ad ingrossare le fila davanti ai negozi o disposte a spendere cifre esorbitanti, dall'altra persone che lamentano cadute di segnale. Sembra che in entrambi i casi a gravare sull'analisi del prodotto sia l'assenza d'obbiettività , vuoi perchè qualcuno reagisce col bisogno di confermare d'aver speso bene i propri (tanti) soldi, vuoi perchè qualcun'altro soffre di quell'approccio ultracritico che si ha nei confronti di qualcosa che ci è costato (tanti) soldi.
  12. si può essere ma va valutato quanto il difetto sia incidente col nuovo hardware e la sua peculiarità di avere le antenne scoperte; sono mancino ed uso il telefono proprio come non dovrebbe essere usato OT. arrivati al 25 giugno senza novità ufficiali in merito ad un uscita di iPhone4 nei paesi di serie B, c'è davvero la possibilità di vederlo negli store nostrani entro luglio?
  13. Non credo sià più così, se non altro per poter, un domani fare un clean install senza dover reinstallare il sistema operativo precedente. L'acquisto non a caso è vincolato dal fornire la prova di acquisto di un Mac da giugno ad oggi. Credo che, se no altro per semplicità produttive, Snow Leopard sia la build 10432 stampata su un dvd DL.
  14. Il disco di Snow Leopard è uno. Up-to-date, Up grade da 29 euro e Family Pack: sempre dello stesso disco si parla. E' il cliente (so che in Italia è un concetto incomprensibile) che si autoregola. C'è anche da considerare la realtà di fatto: quanti hanno ancora Tiger? Quanti in percentuale rispetto all'enorme impennata di vendite nel periodo Leopard? Ma non solo: Per continuare a garantire ai suoi utenti un'esperienza semplice, piacevole e funzionale Apple non ha certo interesse ad avere una clientela che abbia in uso ben tre sistemi operativi. Apple non è Microsoft, non diventi cliente Apple comprandoti Snow Leopard, se miri ad averlo vuol dire che un bel pò di soldi ad Apple glieli hai già dati...
  15. Mah, al di là di quello che poi con gli opportuni stratagemmi si può comunque fare...se il periodo di prova è finito uno non può mica scaricarli di nuovo ed allungare il trial, altrimenti potresti andare avanti ad oltranza in questo modo. 30 giorni non sono pochi per una prova.