LL

Members
  • Content Count

    41
  • Joined

  • Last visited

About LL

  • Rank
    Novizio

core_pfieldgroups_99

  • Nome
    Emanuele Gonano
  • Città
    Parigi
  • Interessi
    musica, foto, informatica
  • Lavoro
    ingegnere del suono
  • Mac che possiedo
    MacBook Intel 2Ghz
  1. Saluti a tutti, mi ricollego a questo lungo 3d per una curiosità : Venerdi scorso mi si è crashato l'HD esterno. Stavo tranquillamente lavorando con ProTools quando questi mi ha detto che aveva dei problemi con file troppo frammentati; allora ho tentato di riavviare ProTools e anche di attaccare il disco alla scheda audio (come consignliano a ProTools) e non l'inverso come ho sempre fatto io. A questo punto il mac mi ha detto che il disco era illeggibile. Aprendo Utility disco lo vedevo ma non potevo "mountarlo". L'ho portato da un riparatore per recuperare il recuperabile e il risultato è
  2. Gli IP li ho assegnati entrambi via DHCP, infatti riesco ad averli tutti e due connessi insieme. È solo che per ottenere 'sto bel risultato devo perdere 10 minuti buoni per tutte le macumbe di cui sotto...
  3. Buongiorno a tutti, Non so se sto "postando" nel forum giusto ma non so dove altro mettere questa mia domanda: in casa mia c'è un modem ADSL collegato via ethernet ad un router Netgear RP614v3 al quale sono collegati, sempre in ethernet, due Mac: un MacBook et un iBook G3. Il mio problema è che, mentre il MacBook si collega ad internet normalmente grazie al collegamento ethernet (ovvero anche dopo un avvio trova da solo la connessione e dopo pochi secondi posso aprire Safari e navigare normalmente), l'iBook invece fa sempre bizze, ovvero se, per qualsiasi motivo (spegnimento, scollegameto
  4. Ok, risolto... Dopo lunghe ricerche su internet ho trovato la soluzione (bastava pensarci, ovvro avere un p' più di esperienza): ho buttato le preferenze del finder (user>mionome>library>preferences>com.apple.finder.plist). Non mi ricordo bene, però forse non ho dovuto neanche riavviare Saluti, LL
  5. Mi do da solo un inizio di risposta: Se ho ben capito, attualmente i dischi si dividono in due grandi famiglie: serialATA e parallelATA. I primi vengono anche chiamati SATA (facile) e i secondi raggruppano una pletora di interfacce che, a questo punto, immagino siano tutte compatibili. Genericamente i secondi vengono chiamati IDE, ma possono anche essere chiamati P-ATA (per parallel ATA), U-ATA (per ultra-ATA), UDMA (per nonsocosa), E-IDE... In teoria i P-ATA possono avere velocità di trasferimento molto diverse tra loro, dai 16 MB/sec ai 133 MB/sec, eppure quando sono andato dal negoziant
  6. È veramente strano: la scrivania esiste come cartella e posso salvarci dentro dei documenti, però è come se non fosse visibile come sfondo. Mi spiego meglio: di solito se sto lavorando su un'applicazione, ad esempio Safari, e clicco fuori dalla finestra di questa applicazione, dovrei selezionare la scrivania e quindi passare sull'applicazione "Finder" (infatti dovrebbe cambiare la barra dei menu). Nel mio caso invece non succede nulla e rimango sull'applicazione "safari"... Per fare una prova ho cambiato sfondo della scrivania, ma in questo caso l'immagine è cambiata normalmente.
  7. Mannaggia a mio padre, quel casinista!... e mannaggia a me che non mi so spiegare come si deve!... Morale: essendo connesso sulla LAN, ho buttato via la scrivania del mio MacBook da un iBook G4. Subito dopo, temendo di fare altri casini, mi sono sconnesso dal MacBook. Adesso questa benedetta scrivania non si trova più in nessun cestino e non riesco più a ricrearla. Dunque: -ho abilitato la visione dei files nascosti con Tinker Tool: la cartella "scrivania" è ben presente nella mia cartella "user" con i suoi bravi file .DS_Store e .Localized -tramite le preferenze del finder rie
  8. Un saluto a tutto il forum. Ho un HD esterno Formac Energy da 160 GB (in realtà si tratta di un disco Maxtor in un case Energy e, se ho capito bene, la Energy è una linea di prodotti Formac). Essendo che le due porte FW del disco non funzionano più, avrei deciso di cambiare case. Il mio primo problema é stato quindi di scoprire che tipo di connessione usa il mio disco. Ho cercato il modello su internet e, anche se non ne sono sicuro al 200%, sembrerebbe che il suddetto disco usi un'interfaccia Ultra ATA/133. Fin qui dovrebbe andare tutto bene (se qualcuno conosce un metodo più
  9. Allora: La scheda audio serve essenzialmente a due cose: 1 - convertire un segnale analogico in digitale 2 - può servire come preamp microfono (questo perché i microfoni forniscono un segnale debole che ha bisogno di essere amplificato per essere utilizzabile. È la differeznza tra entrata microfonica e entrata "line"). Il tuo mixer Alesis può adempiere alla seconda funzione (mic nel mixer>uscita del mixer verso l'entrata della scheda). Le schede generalmente hanno due o quattro entrate analogiche (oppure anche di più ma usciamo decisamente dal budget), schede a tre entrate, purtrop
  10. Saluti a tutto il forum ! Mi rendo conto che sono iscritto da più di un anno e non mi sono ancora presentato. Scusatemi, ma la netichetta non è il mio forte ! ;-) Il primo Mac che ho avuto per le mani era il primo Classic arrivato in Italia! Mio padre era giornalista e glielo avevano dato in prova... però io di anni ne avevo pochini e l'unica cosa che ci facevo (con gran godimento, a dire la verità ) erano i disegni con MacDraw e l'opzione "assi di simmetria": quandi avevi fatto un bel rosone pieno di ghirigori potevi divertirti a riempire gli spazi con le varie campiture di cui dis
  11. Tra quelle che proponi noto che la Audiophile non ha preamp microfonici. Vuol dire che dovrai per forza passare dall'Alesis. Ciò detto non ha neanche un entrata in linea nel formato jack, ha solo il formato RCA (è decisamente pensata per digitalizzare fonti analogiche come cassette o vinili) il che TEORICAMENTE non è il massimo per registrare musica. La FW Solo ha il vantaggio delle uscite numerose. Esempio classico: se per caso usi il computer in concerto e devi mandare un click a qualcuno (batterista, bassista o che so io) è indispensabile avere più di due uscite. La Edirol invece ha
  12. Secondo me quello che ti serve è soltanto un SW che faccia da registratore/estrattore di file audio, e se ne è parlato qui: http://www.macitynet.it/forum/showthread.php?t=34086 ... però non so esattamente che tipo di codec usino le DCC; spero che non ci siano problemi di decodificazione (su questo argomento non ne so molto)
  13. Secondo me con un MacBook biancho col CoreDuo a 2 Ghz, per poco che ci monti un po' di RAM (ma in realtà non credo neanche che sia necessario strafare) vai liscio come l'olio. Io ho proprio un MacBook a 2 Ghz e ho montato una barretta da 1 GB di Ram (in totale ho 1,25 GB di Ram) e faccio tranquillamente girare Logic Express o ProTools insieme a Reason o Live.
  14. 'Azz Yanluk, in effetti non mi era manco passato per l'anticamera del cervello che potesse funzionare! Mi sento un po' scemo, comunque grazie mille per la risposta.
  15. Ragazzi!!!.... Ho scoperto questo 3d solo oggi e me lo sono pappato in un solo boccone!!!! Veramente esaltante, mi ha dato voglia di comprarmi un saldatore. Avevo già sentito parlare del T-Amp circa un anno fa, ma poi avevo lasciato perdere, e poi non sapevo che il mostro avesse eccitato a tal punto l'inventiva di audiofili e bricolatori! Complimenti a tutti. Mi rimane un'ultima domanda: qualcuno sa se si può ancora trovare il T-Amp con anche i suoi altoparlanti di cartone? Non avendo io (ancora) un buon saldatore, quelle mi sono sembrate l'oggetto più curioso e divertente... Un s