Geral

Members
  • Posts

    1,685
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Geral

  1. Concordo con te e ti ringrazio per la risposta. In effetti ora mi segna 100% a 5500 mAh... Va beh, meglio così, e comunque sto usando il criterio del carica e scarica integrali e ho fatto la prima calibrazione della batteria entro la prima settimana, quindi va bene così. Aggiungo che questo macbook bianco non sembra affatto un entry level :-))) Consigliatissimo!
  2. Ho acquistato il nuovo macbook bianco unibody da meno di una settimana e scopro ora che la batteria, attraverso coconut battery, mi indica che dopo solo 11 cariche è al 96% delle sue capacità , cioè da 5450 mAh a 5245. Il bello è che solo ieri mi segnava 5475 mAh e ho pure pensato "Che fortuna, mi è capitata una batteria potenziata, anche se di poco". Lasciando perdere questo, è normale che dopo solo 11 cariche ci sia un calo del 4% ??? Mi pare molto esagerato... Voi che esperienze avete, del presente come del passato? Io in precedenza avevo un ibook G4 12", ma ricordo che il calo dal 100% al 98% avvenne dopo almeno una quarantina di ricariche. Bah...
  3. È da un bel po' che non scrivo su questo forum :-) Comunque sto ancora scrivendo sul mio vecchio e caro, anche se un po' fuso, ibook G4 mentre si sta caricando il mio nuovissimo Macbook (comprato con upgrade della RAM e con sconto del 10% per un'offertona di un negozio a Milano). Dato che non abbisogno di grossi calibri per calcoli o grafica, l'entry level è sempre stato il mio punto di riferimento. Sicuramente è molto bello, fin troppo lucido, sicuramente 100% policarbonato (anche io dubito fortemente che ci sia alluminio sotto, ma chissà ... nel negozio dicevano di sì, poi non mi metto certo a segarlo per vedere chi ha ragione), monitor stupendo e anche il touchpad di grande usabilità (ho provato quello in negozio, tra qualche ora attivo il mio). È vero che gli manca la firewire (che io non ho mai usato), l'infrarosso (ovvio con un cellulare bluetooth e software apposito per il telecomando), il lettore SD (lettore esterno a 4 euro se ne trovano anche nei fustini del DASH), e la tastiera retroilluminata (questa è l'unica mancanza che... mi manca!). Per il resto però per 890 euro che ho speso penso di aver avuto il massimo rapporto qualità /prezzo per il budget che mi ero imposto. Precisazione: alle ore 11:00 ho preso l'ultimo Macbook disponibile nel negozio (e che apriva alle 10:00). Fate vobis...
  4. Scarica il programma gratuito Mercury (se non erro l'ultima versione è la 1.9). E' un buon sostituto di messenger e consente di avere una videochat abbastanza buona.
  5. Sinceramente, che io sappia, gli hub combinati, usb e firewire, richiedono entrambe le porte sul computer, cioè hanno due cavi, uno usb e uno firewire. Ad esempio io ho l'hub della macally, il modello USF-2, e se collego solo il cavo usb non riconosce periferiche firewire (devo necessariamente collegare una delle tre porte firewire a quella dell'iBook). Mi spiace
  6. Dato che mi trovo a dover inserire numerosi dati numerici in fogli excel con il mio iBook G4, stavo pensando di acquistare un tastierino numerico esterno. Ho già cercato nel forum e anche su tutto il web ma pare che il tastierino numerico esterno non sia molto diffuso fra gli utenti mac, o magari semplicemente se ne parla poco. Qualcuno che magari usa già un modello e si trova bene, specie con fogli excel, nonché neooffice/openoffice e magari anche numbers, mi potrebbe dire quale usa? Grazie anticipatamente a chiunque vorrà consigliarmi.
  7. La cosa preoccupante è se TIM (messo che sia l'operatore scelto da Apple per l'Italia) abbinerà l'iPhone ai suoi piani TUTTO COMPRESO che a differenza di AT&T non propongono un traffico mail/web illimitato ma limitato a 600 MB o 900 MB (rispettivamente a 60€ e 90€ al mese). Altrimenti l'iPhone TIM nascerebbe zoppo, molto zoppo...
  8. Sui portatili la combinazione per il canc è: tasto fn contemporaneamente al tasto backspace (quello per cancellare il carattere alla sinistra del cursore). In alternativa puoi impostare delle combinazioni diverse di tasti installando il programma freeware DoubleCommand che puoi scaricare qui: http://doublecommand.sourceforge.net/
  9. A me funzionano per funzionare, solo che la loro gestione può provocare una vera lussazione delle articolazioni (quindi li ho disattivati e chi si è visto si è visto). Disattivata anche la clitopalla come terzo pulsante (stavo per avere una vera crisi di nervi dopo il secondo uso). E' vero che il design e l'idea di una rotella multiscroll sono vincenti. Devono solo lavorare sulla solidità e in parte sull'ergonomia (e torniamo quindi ai tasti laterali: ELIMINATELI!!!!).
  10. E fotografa il contenuto ovviamente... Comunque tutta questa bile per un mouse decisamente bello ma mediocre nell'uso e nella resistenza? Relax, please!
  11. A parte il caso poco corretto di "fregare la rete ai vicini", può capitare di trovarsi in un locale o una zona della città in cui c'è il WiFi gratuito. Col Mac in genere è tutto molto semplice, ma per rendere tutto ancora più agevole basta fare un paio di passaggi e installare un programmino. Il programmino che consiglio è CoconutWifi che una volta lanciato crea una piccola sfera sulla barra superiore. Se la sfera è rossa, nessuna rete in vista; arancio, ci sono reti ma serve la password del proprietario della rete; verde, reti libere e/o gratuite. CoconutWifi si attiva nel momento in cui è attivo Airport sul Mac (andare nelle preferenze di sistema e attivare anche l'icona sulla barra superiore in modo da poterlo attivare e disattivare comodamente). Una volta trovata una rete verde su CoconutWifi si clicca è si apre la schermata di airport che cerca di collegarsi è qui in effetti conta quanto lontana è la centralina di trasmisssione (sull'icona di airport vedrai delle tacchette nere, mi pare fino a sette: più ci sono, più il segnale è forte). Tutto questo verificato e usato con un iBook G4 che all'epoca era in versione Tiger 10.4.2 Non so se tutto questo valga anche per le precedenti versioni di MacOSX.
  12. Per cercare (vanamente) di farmi perdonare, ecco uno dei tanti filmati su come estrarre la SIM dall'iPhone:
  13. Mi pareva fosse più complicato. Ma forse ho mischiato con il discorso sulla batteria, che è fissa proprio per ridurre lo spessore evitando gli agganci e le eventuali slitte di inserimento. Chiedo venia
  14. Tra l'altro un SIM free dovrebbe anche essere, forse, un poco più grande, in spessore almeno, dell'iPhone attualmente esistente (pare che raggiungere il vano della SIM sia tutt'altro che agevole). Comunque il mondo della telefonia è piuttosto diverso da quello dei computer. Che sia un Powermac o un vecchio ibook, a un computer si chiede di fare un notevole numero di cose (le limitazioni quindi non sono sul Sistema operativo ma semmai sulla velocità di processore, ram e hard-disk). Nella telefonia invece ci sono i telefoni ultrasemplici (si vedano alcuni della ITT che fanno solo chiamate), a dei veri pc portatili (si veda il Nokia e90 o i vari RIM). Dunque per la telefonia mobile parlerei di una molteplicità di nicchie di mercato e i grossi produttori (NOKIA, Samsung, Motorola, Sony-Ericcson) sono i più forti perché riescono a coprire più tipi (se non tutti i tipi) di richieste di mercato. L'iPhone attuale ha puntato, e viste le vendite ha centrato, un certo target piuttosto numeroso negli USA. Vedremo se Jobs vorrà attaccare o meno altri target!
  15. Più o meno: tu inserisci il nome e il numero di tutti quelli che conosci e lui li mischia allegramente. Puoi stabilire la percentuale di successo nello scegliere un nome e che poi sia collegato il numero giusto. Se non ami il brivido dell'imprevisto poni 100%, però poi non apprezzi le sue caratteristiche da "shuffle"...
  16. La storia dell'iPhone Shuffle quale assorbente interno mi ha fatto venire in mente una vecchia barzelletta, che poi oggi con le tecnologie attuali appare meno fantascientifica... Si trovano insieme un americano, un giapponese e un napoletano (e ti pareva!). A un certo punto l'americano mette la sua mano a mo' di cornetta, con il pollice verso l'orecchio e il mignolo verso la bocca e inizia a parlare. Il napoletano gli chiede che stia facendo: "Semplicemente sto parlando con la mia azienda a New York. Vedi, nei miei polpastrelli dell'indice e del mignolo sono iseriti dei microcip con funzioni telefoniche molto avanzate". Poi il giapponese inizia a parlare da solo. Poi il napoletano gli chiede che stia facendo. "Ma niente, parlo con il mio ufficio a Tokyo: nel mio orecchio c'è impiantato il mio mini-telefono e posso chiamare ovunque nel mondo semplicemente con comandi vocali". Il napoletano a quel punto fa una scorreggia non indifferente. Scandalizzati l'americano e il giapponese chiedono cosa succeda, e il napoletano: "Ma nulla, inviavo un fax con il mio iPhone Shuffle....".
  17. Se la recente storia dei fake su iPhone mi insegna qualcosa, sarà difficile indovinare cosa frulla nella testa di Jobs, sebbene mi pare che qualcuno si avvicinò abbastanza (se non nel design preciso, almeno nell'idea di fondo: nessun tasto e schermo sensibile). Comunque su macity è apparsa la smentita su iPhone Nano, almeno per i prossimi sei/dodici mesi.
  18. Concordo, anche se forse non era un fake, ma una specie di prototipo per un'interfaccia che poi fu effettivamente usata da Nokia (ci fu un modello fashion che la usò, e che aveva la forma di un rossetto...). Io però sospetto che un iPhone Nano basato sul design dell'iPod nano potrebbe anche esserci ma mettendo al posto della click-wheel una sezione sensibile al tocco, come sempre, ma più flessibile, tipo un quadrato che permetta di volta in volta di digitare lettere o numeri, gestire l'ipod con una wheel virtuale e cose del genere. Ricordo che proprio su Macity avevo letto di questo nuovo tipo di interfaccia che poi non è altro che un'evoluzione degli schermi sensibili al tocco. Vedremo....
  19. Giusto un link per farvi vedere di cosa si sarebbe dovuto trattare: http://www.engadget.com/2004/11/22/the-nokia-neo/
  20. Che cosa curiosa. Anni fa girarono delle foto, immagino fake, su un Nokia Neo che era praticamente un modello Nokia di fascia media ma con interfaccia tipo iPod più quattro tasti. Faccio poi presente che proprio Nokia ha messo tempo fa sul mercato alcuni modelli privi di tastiera ma appunto con una click-wheel. Non hanno avuto molto successo, ma chissà oggi... un iPod nano telefonico? Beh, dovrebbero davvero individuare un sistema di scrittura davvero moooolto efficiente...
  21. Hai provato a mandare un messaggio privato all'Amministratore? Penso che tramite lui puoi sapere come fare. A proposito, COMPLIMENTI!
  22. Non sono sicuro di aver capito, ma io col mio vecchio ma sempre solidale iBook quando lo mando in Stop (che credo sia lo stesso che dire Sleep) semplicemente abbasso lo schermo e chiudo il portatile, e non impiego più di un secondo a vedere accendersi la lucina intermittente di avvenuto stop...
  23. E' vero, è una mancanza, però ormai io vado in automatico con FN + Backspace. A volte è solo un po' di abitudine.
  24. Esistono vari set di icone da cui poter prendere. Un bel link è il seguente: http://interfacelift.com/icons-mac/index.php?sort=date Ci sono due metodi per cambiare le icone di Tiger: Primo metodo: Si seleziona l'icona scaricata, si preme MELA + I (informazioni), sulla finestra di dialogo selezioni l'icona piccolina in alto a sinistra e fai MELA + C (copia); poi selezioni l'icona che vuoi cambiare, premi anche qui MELA + I, selezioni l'icona piccolina in alto a sinistra nella finestra di dialogo e fai MELA + V (incolla), e il gioco è fatto. Secondo metodo: Devi acquistare un programma che si chiama CandyBar (mi sembra costi meno di venti euro). Permette di cambiare anche icone di sistema. Mi spiego meglio: se devi cambiare un singolo programma o cartella, il primo metodo è più che sufficiente. Tuttavia se vuoi che ogni nuova cartella abbia una forma diversa, allora devi dire al sistema che deve modificare sempre quell'icona, e per questo ti serve CandyBar. Inoltre alcune icone, come il cestino, sono modificabili solo attraverso CandyBar. Se non sono stato chiaro, chiedi pure delucidazioni
  25. Non ti preoccupare: il tempo di apprendimento del sito è veloce come il Mac Usa il pulsante CERCA per vedere se esistono già discussioni su un argomento che ti interessa, ma non ti preoccupare di fare anche domande che ti sembrano banali